Cattivissimo Me

Cattivissimo Me

di ,

Qualche difetto c’è, ma Cattivissimo Me porta una ventata di entusiasmo nell’animazione made in USA. Divertente, tenero, tecnicamente perfetto, addirittura cinico e a momenti irriverente. Prodotto dalla Illumination Entertainment e distribuito dalla Universal Pictures.

Cattivissimo dal cuore d’oro

In un delizioso quartiere fuori città, tra rose e staccionate bianche, abita in una casa nera, su un prato desolato, il malvagio e oscuro super criminale Gru, intento a progettare, con l’aiuto di un piccolo esercito di schiavi, i Minion, il più grande colpo della storia del mondo: rubare la Luna! Armato di un arsenale di razzi che restringono o congelano le cose e di veicoli in grado di combattere via terra e via aria, Gru travolge e conquista tutto ciò che trova sulla sua strada. Ma tutto questo cambia il giorno in cui s’imbatte nella forte determinazione delle sue vicine, tre adorabili ragazzine orfane – Margo, Edith e Agnes – che gli daranno filo da torcere e che vedranno in lui qualcosa che nessun altro aveva mai visto prima, ovvero un potenziale papà… [sinossi]

Tra i due litiganti il terzo gode. Abbiamo visto e apprezzato Shrek For Ever After (ne avrete notizie nelle prossime settimane, l’uscita è prevista per il 25 agosto) abbiamo trattenuto il fiato per i novanta minuti dell’amato Toy Story 3 (commovente e maturo), ma tra la Dreamworks e la Pixar spunta a sorpresa la Universal che presenta al 40° Festival di Giffoni il suo primo lungometraggio d’animazione e supera le aspettative, fa centro, stupisce, sbanca. Infatti Cattivissimo Me (Despicable Me in uscita a ottobre) l’abbiamo letteralmente adorato. Non è soltanto per l’interesse suscitato da un nuovo titolo, quando a farla da padrone sono i sequel o i remake, ma soprattutto perchè un film per bambini, quindi portatore sano di facile morale, finalmente si propone in maniera brillante come non succedeva dal primo, mai abbastanza rimpianto, episodio di Shrek (correva l’anno 2001).

Mr. Gru è un uomo malvagio, un ladro cattivissimo che però negli ultimi tempi ha perso colpi. Per rilanciarsi e difendersi dagli attacchi dell’astro nascente dei villain, Vector, decide di rubare la luna. Deve quindi impossessarsi del “rimpicciolitore” un’arma che gli permetterà di ridurre il satellite alle dimensioni di una palla da biliardo, ma lo strumento è nelle mani proprio di Vector. Per rubarglielo Gru userà, a loro insaputa, tre bambine che ha adottato apposta per questa missione, ma che in realtà poi gli cambieranno la vita. Schema classico con protagonista malvagio che grazie all’innocenza e alla semplicità di una controparte positiva, riflette sul suo passato e sulla sua vita e si redime sconfiggendo un cattivo ancora più perfido di lui. Ma i registi Pierre Coffin e Chris Renaud con l’aiuto degli sceneggiatori Ken Daurio e Paul Cinco tirano fuori una serie di gag irresistibili e di trovate geniali per non appiattire la storia e realizzano un piccolo capolavoro. Su tutto spiccano i Minion, aiutanti di Gru che vivono in una grotta stile bat-caverna nel sottosuolo della casa del “cattivissimo”. Pupazzi gialli che ricordano vagamente per aspetto Sponge Bob e che  lavorano come gli Umpa Lumpa de La fabbrica di cioccolato. Sono l’elemento slapstick del film, alcuni con un occhio solo altri con due occhi, stralunati e pasticcioni, con una mimica esilarante, a loro sono affidate le scene più comiche e di sicuro saranno loro il soggetto della maggior parte dei gadget che accompagneranno l’uscita della pellicola. Alle tre bambine invece (Margo, Edith e Agnes) il compito di fare da coscienza a Gru, e di far riaffiorare la parte buona dell’uomo cattivo. Alla disperata ricerca di amore le tre si rendono protagoniste della redenzione del ladro, linea narrativa principale e (necessariamente) prevedibile e tuttavia non delineata banalmente (la scena del luna park in cui Gru vince l’unicorno merita una menzione speciale).

Qualche difetto c’è, forse proprio nella caratterizzazione dei personaggi principali, un po’ troppo stereotipati, ma comunque sia Cattivissimo Me porta una ventata di entusiasmo nell’animazione made in USA. Divertente, tenero, tecnicamente perfetto, addirittura cinico e a momenti irriverente: che Gru debba andare a chiedere un finanziamento a una banca per realizzare il suo piano criminale è già di per sé un’idea che supera la comica e sfiora la satira, ma che la banca stessa si chiami “Bank of Evil – Già Lemhan Brothers” dà al film quel tocco di ironia sofisticata che ne accresce ancora il valore e lo rende apprezzabile anche da un pubblico più adulto (così come la citazione da Il Padrino). Un’ora e mezza di ottimo intrattenimento, una storia che si conclude e che non lascia spazio a eventuali “seconde puntate”. Visto l’andazzo attuale è un valore aggiunto.

Info
Cattivissimo Mesu facebook.
Il trailer italiano di Cattivissimo Me.
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-01.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-02.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-03.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-04.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-05.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-06.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-07.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-08.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-09.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-10.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-11.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-12.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-13.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-14.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-15.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-16.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-17.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-18.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-19.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-20.jpg
  • Cattivissimo-Me-2010-Despicable-Me-21.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    MinionsMinions

    di , Con questo Minions, la Illumination Entertainment dedica uno spin-off agli acclamati aiutanti del cattivissimo Gru: le premesse non erano poi delle peggiori, ma il risultato, nel suo complesso, soffre di convenzionalità.
  • Animazione

    Planes 2 - Missione antincendio (USA 2014) Recensione | Quinlan.itPlanes 2 – Missione antincendio

    di Pronto a sbancare il botteghino, Planes 2 è la conferma di un universo narrativo stantio, di un prodotto che un tempo si sarebbe smarrito tra le pieghe del mercato home video.
  • Animazione

    Cattivissimo Me 2 (2013) di Renaud e Coffin - Recensione | Quinlan.itCattivissimo Me 2

    di , L'ex-supercattivo Gru, attorniato dalle tre figlie e dalla solita fiumana di buffi e pasticcioni minion, dovrà rimettersi in azione per sventare un piano criminale (supercriminale!) e salvare il pianeta. Ma l'impresa più ardua sembra essere quella paterna. E materna...
  • Animazione

    Megamind (Stati Uniti 2010) di Tom McGrath - Recensione | Quinlan.itMegamind

    di Megamind ha un progetto piuttosto ambizioso, quello di conquistare il mondo, e finora il suo avversario Metro Man, supereroe mascherato, è sempre riuscito a contrastarlo...
  • Animazione

    Lorax - Il guardiano della foresta (2012) Recensione | Quinlan.itLorax – Il guardiano della foresta

    di , Ted, un ragazzo che ama in segreto la bella Audrey, è alla ricerca di quanto possa tornargli utile a conquistare il cuore dell’amata quando s’imbatte in un Lorax, una piccola creatura, burbera e affascinante...
  • Animazione

    Il gatto con gli stivali (2011) C. Miller - Recensione | Quinlan.itIl gatto con gli stivali

    di Spolpato fino all'osso l'orco verde, che già al secondo episodio mostrava la corda, alla DreamWorks non restavano che due strade: imbarcarsi in uno stiracchiato spin-off o imbastire una nuova storia e dei nuovi personaggi. Il gatto con gli stivali è la scelta facile, la via più breve...
  • Animazione

    sing-2016-garth-jennings-cov932Sing

    di Sing parte dal proliferare mondiale di contest per aspiranti cantanti e arriva a comporre una polifonia di voci divertenti, per un film d'animazione basilare, ma grazioso.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento