Il cinema di Peter Greenaway

Il cinema di Peter Greenaway

Alphaville Cineclub presenta, dal 23 al 27 marzo 2011 nella sua sede di Via del Pigneto 283, Sarcastico e perverso, il cinema di Peter Greenaway, selezione monografica dedicata al grande regista gallese anche artista pittorico che da sempre propone una visione filmica del tutto originale e significativa tra gli autori di cinema contemporanei.

Il cinema è troppo importante
per lasciarlo fare ai narratori di storie.
Peter Greenaway

La pittura è sempre stata il primo amore del regista; amante di Tiepolo, Veronese e Bronzino e in generale di tutto il barocco e il manierismo che considera molto affini alla nostra epoca, Peter Greenaway ritiene il presente un periodo vuoto di ideali propri, ma in grado però di rielaborare, con gusto  questo sì eccessivo e barocco, le conquiste raggiunte nei secoli precedenti. Il cinema per Greenaway è un’arte figurativa a tutti gli effetti, motivo questo che lo conduce, nella ricerca delle proprie tradizioni culturali, alla pittura e in generale a tutta la storia dell’iconografia. Suo obiettivo non è quello di impressionare o emozionare lo spettatore con l’intreccio narrativo o con la spettacolarità dei suoi film, quanto quello di privilegiarne l’impatto visivo provando a immergere colui che guarda dentro il suo universo simbolico di forme, invadendolo con una serie infinita di dettagli e indizi disseminati lungo tutte le sue inquadrature, di modo che da ogni particolare sia possibile derivare comunque nuove aperture e suggestioni personali. Greenaway insiste da sempre sul concetto di sperimentazione in campo cinematografico e sul tentativo di superare quelli che sono i principali limiti del cinema tradizionale, e cioè la trama narrativa, gli attori, la cornice e la macchina da presa. Il ricorso alla tecnologia digitale, anche derivata da altri media, è vista dal regista come una grande opportunità per approdare a un genere di opera cinematografica non vincolata a un solo punto di vista, ma fruibile in maniera multidimensionale. La costruzione delle sue immagini diventa dunque lo studio di un campo delimitato, chiuso, analizzato nei particolari e messo in scena solo quando trova la sua dimensione espressiva già in maniera statica.

 

Programma
a cura di P.Salvatori

Le proiezioni saranno precedute da sequenze tratte da Le valigie di Tulse Luper.

Mercoledì 23 marzo 2011
ore 21.00
I misteri del giardino di Compton House
GB, 1982, 103 minuti
________

Giovedì 24 marzo 2011
ore 21.00
Il ventre dell’architetto
GB/It, 1987, 118 minuti
________

Venerdì 25 marzo 2011
ore 21.00
Giochi nell’acqua
GB, 1988, 118 minuti
________

Sabato 26 marzo 2011
ore 21.00
Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante
GB/Fr, 1989, 124 minuti
________

Domenica 27 marzo 2011
ore 21.00
Otto donne e mezzo
Ol/GB/Luss/Germ, 1999, 121 minuti

INFO
Alphaville Cineclub
Via del Pigneto, 283 – Roma
Entrata con tessera e sottoscrizione
alphaville2001@libero.it
www.cineclubalphaville.it
  • peter-greenaway-film-video-installazioni-01.jpg
  • peter-greenaway-film-video-installazioni-02.jpg
  • peter-greenaway-film-video-installazioni-03.jpg
  • peter-greenaway-film-video-installazioni-04.jpg
  • peter-greenaway-film-video-installazioni-05.jpg
  • peter-greenaway-film-video-installazioni-06.jpg
  • peter-greenaway-film-video-installazioni-07.jpg
  • peter-greenaway-film-video-installazioni-08.jpg
  • peter-greenaway-film-video-installazioni-09.jpg
  • peter-greenaway-film-video-installazioni-10.jpg

Articoli correlati

  • In Sala

    Goltzius and the Pelican Company - Recensione | Quinlan.itGoltzius and the Pelican Company

    di La ricerca linguistica di Greenaway e l’interesse per le nuove tecnologie raggiungono con Goltzius and the Pelican Company il punto più elevato della sua carriera.
  • Libri

    Peter Greenaway. Film, Video, Installazioni | Quinlan.itPeter Greenaway. Film, Video, Installazioni

    De Gaetano analizza con estrema cura tutti i lavori di Peter Greenaway, dando importanza a tutte le parti che lo compongono, compreso il retroterra culturale, ma anche l’elemento musicale, quello pittorico, scenografico...
  • Documentari

    Rembrandt's J'accuse di Greenaway - Recensione | Quinlan.itRembrandt’s J’accuse

    di Greenaway disseziona letteralmente La ronda di notte di Rembrandt, mettendone in luce i punti che ritiene fondamentali per riuscire a dipanare la complessa matassa del mistero che si agita alle spalle di questo capolavoro della pittura mondiale...
  • In Sala

    Eisenstein in Guanajuato (2015) Recensione | Quinlan.itEisenstein in Messico

    di In concorso alla Berlinale e ora in sala, Eisenstein in Messico è l’ultima fatica di Peter Greenaway, che racconta, con il suo stile visionario ed eccentrico, il soggiorno messicano dell’autore de La corazzata Potëmkin.
  • Biografilm 2017

    intervista-peter-greenawayIntervista a Peter Greenaway

    Peter Greenaway mette in discussione da tempo, con la sua attività e con le sue posizioni teoriche, la concezione stessa di cinema. Lo abbiamo incontrato al Biografilm.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento