Hara-kiri: Death of a Samurai

Hara-kiri: Death of a Samurai

di

Con Hara-kiri: Death of a Samurai Takashi Miike firma il remake del capolavoro di Masaki Kobayashi, tragica riflessione sull’iniquità della società feudale giapponese. In concorso a Cannes 2011.

Uomini d’onore

Desiderando una morte onorevole, un samurai ridotto in povertà, Hanshiro, richiede il permesso di suicidarsi nella residenza del clan Ii, comandato da Kageyu. Nel tentativo di scoraggiare Hanshiro, Kageyu gli racconta la tragica storia di un giovane ronin, Motome, recatosi recentemente al suo cospetto con la stessa medesima richiesta… [sinossi]

Quanti sono, all’interno del panorama cinematografico contemporaneo, i registi in grado di dimostrare lo stesso coraggio e la voglia di mettersi continuamente in discussione che anima le opere di Takashi Miike? Da questo interrogativo si deve partire per cercare di comprendere fino in fondo non solo la scelta di un’operazione produttiva come quella di Hara-kiri: Death of a Samurai (il titolo originale è Ichimei), ma anche la grandezza del film stesso, uno dei migliori visti nel concorso ufficiale della sessantaquattresima edizione del Festival di Cannes. In realtà una parte non indifferente di accreditati stampa si è avvicinata al film solo perché pubblicizzato dal festival strombazzandone il ruolo (del tutto casuale) di primo film in 3D presentato in concorso a Cannes: un peccato, perché in realtà mai come in questo caso la tecnica stereoscopica appare come qualcosa di poco più del classico specchietto per allodole. Oltre a non utilizzare la tridimensionalità per l’intera durata del film, limitandola a determinate sequenze – pur composte con una certa cura – Miike fa del 3D un’arma di provocazione, perseguendo comunque una messa in scena razionale, geometrica, rigorosa come pretenderebbe il genere.

Perché Hara-kiri: Death of a Samurai è un classico jidai-geki, un racconto di epoche passate, remake del capolavoro di Masaki Kobayashi che se ne tornò in Giappone dalla Croisette portando con sé il Premio Speciale della Giuria. Altra scelta, questa, che denota un coraggio fuori dal comune: chi, a parte Miike, avrebbe avuto l’ardire di assumersi le responsabilità di un rifacimento così rischioso nel paragone? Se il regista di 13 Assassins – che dopo la scandalosa esclusione dai premi all’ultima Mostra di Venezia, uscirà finalmente nelle sale italiane il prossimo giugno – esce dalla contesa incolume e vittorioso, è perché non accetta in maniera prona di riprodurre sullo schermo la poesia visiva di Kobayashi, riuscendo allo stesso tempo a mantenere uno stretto legame con il film di quasi cinquant’anni fa. Se la trama è pressoché identica (fanno eccezione alcuni piccoli dettagli, in ogni caso non particolarmente rilevanti ai fini della narrazione e del risultato artistico), ciò che davvero coglie la comunione d’intenti ideale tra Kobayashi e Miike è la volontà di lavorare sul jidai-geki come se si stesse in realtà mettendo in scena un gendai-geki, una storia ambientata nella contemporaneità: l’atto di profonda e incorruttibile accusa contro la vacuità del codice di vita samurai, visto come ipocrita dimostrazione di potere priva di alcuna umanità e comprensione, colpisce al cuore di una parte della popolazione giapponese oggi come cinquant’anni fa. Se il samurai rimane il simbolo stesso dell’eroismo e della nettezza etica della terra di Yamato – e non è certo un caso che da quando ha iniziato a ottenere apprezzamento e vittorie la nazionale di calcio sia stata ribattezzata Samurai Blue – e l’atto della morte rituale viene tuttora rispettato da buona parte della nazione, metterne in scena una così completa distruzione non può che apparire come una scelta dirompente, quasi eretica.

Al di là della confusione tutta occidentale tra i termini hara-kiri e seppuku (entrambi i rituali contemplano lo sventramento, ma solo il secondo prevede la presenza anche di un kaishakunin, vale a dire colui che provvede alla decapitazione del suicida dopo che questi si è inferto il colpo all’addome, in modo da evitare che il dolore finisca per sfigurargli il volto), figlia di un’ignoranza verso la cultura orientale che nasce da radici antiche, il film di Miike si iscrive a tutti gli effetti tra le tragedie ambientate nell’epoca Tokugawa più riuscite degli ultimi anni. In un percorso a flashback (simile a quello dell’originale) che va dal 1617 al 1634, vale a dire dalla morte di Ieyasu Tokugawa a poco dopo quella di Hidetada, suo successore alla guida dello shogunato, viene raccontata la storia di una famiglia che ha perso la propria classe sociale di appartenenza e non conta più nulla all’interno dei codici civili nipponici dell’epoca: Hanshiro e Motome – straordinari per intensità e capacità di controllo emotivo Ebizo Ichikawa ed Eita, così come anche Koji Yakusho e la giovane Hikari Mitsushima vista di recente al Far East in Villain – sono uomini destinati alla morte prima ancora che essa si abbatta effettivamente su di loro. L’attaccamento alla vita che dimostrano, l’amore verso la famiglia che esprimono senza bisogno di eccedere nei formalismi cui invece si rifanno gli uomini del clan Ii, sono elementi cristallizzati da Miike attraverso una messa in scena rigorosa ma sempre pronta a esplodere di una rabbia trattenuta, indomabile e salvifica. Movimenti di macchina parcellizzati ma sempre essenziali e sorprendenti, e un finale che ha da solo la forza di scardinare il mito stesso del clan: Hara-kiri: Death of a Samurai è in questo senso l’immagine speculare di 13 Assassins, il suo negativo fotografico e, allo stesso momento, il suo doppio, vero e proprio gemello eterozigoto.
Due opere maestose e dolorose, una volta terminate le quali la stragrande maggioranza dei cineasti pretenderebbe un meritato riposo: ma Miike non è la “stragrande maggioranza”, e ha appena finito Ninja Kids, tratto dal celebre manga Nintama Rantaro. Dimostrazione ultima e incontrovertibile della rara capacità di Miike di saper leggere il cinema a 360°: un privilegio di pochi.

Info
Il trailer di Hara-kiri: Death of a Samurai.
  • hara-kiri-death-of-a-samurai-2011-01.jpg
  • hara-kiri-death-of-a-samurai-2011-02.jpg
  • hara-kiri-death-of-a-samurai-2011-03.jpg
  • hara-kiri-death-of-a-samurai-2011-04.jpg
  • hara-kiri-death-of-a-samurai-2011-05.jpg
  • hara-kiri-death-of-a-samurai-2011-06.jpg
  • hara-kiri-death-of-a-samurai-2011-07.jpg
  • hara-kiri-death-of-a-samurai-2011-08.jpg
  • hara-kiri-death-of-a-samurai-2011-09.jpg

Articoli correlati

  • Roma 2013

    the-mole-songThe Mole Song – Undercover Agent Reiji

    di Takashi Miike firma uno sfrenato viaggio nella cultura pop, tra yakuza-eiga e demenzialità. In concorso al Festival di Roma.
  • Cannes 2013

    shield-of-straw-2013-cov932Shield of Straw

    di Takashi Miike firma una delle sue opere più incomprese, action che si trasforma in crudo resoconto politico del Giappone contemporaneo.
  • AltreVisioni

    lesson-of-the-evil-takashi-miike-2012-cov932Lesson of the Evil

    di L'eversivo potere cinematografico di Takashi Miike, qui al servizio di una storia di genocidi, adolescenti e retaggi occidentali. Al Festival di Roma 2012.
  • AltreVisioni

    for-love-s-sake-takashi-miikeFor Love’s Sake

    di Tra romanticismo e azione, furibonda violenza e intenso melodramma, For Love's Sake è l'ennesima conferma del raffinato eclettismo di Takashi Miike. Presentato a Cannes 2012.
  • Nihon Eiga

    Harakiri (1962) di Masaki Kobayashi - Recensione | Quinlan.itHarakiri

    di Il ronin Hanshiro Tsugumo si presenta alle porte della casa Iyi, nella città di Edo, e chiede all'attendente della nobile famiglia di poter compiere il rito del seppuku tra le mura della dimora...
  • Blu-ray

    13-assassini-in-blu-ray-takashi-miike-cov93213 Assassini

    di In blu-ray lo splendido jidai-geki di Takashi Miike, presentato nel 2010 in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia.
  • Archivio

    13-assassini-takashi-miike-cov93213 Assassini

    di Tra i pochi film di Takashi Miike in grado di sfondare il muro di silenzio distributivo italiano, 13 assassini è anche uno dei suoi capolavori recenti. A Venezia 2010.
  • Archivio

    yattaman-2009-takashi-miike-cov932Yattaman – Il film

    di Takashi Miike firma per il grande schermo la versione live action di Yattaman, celeberrimo anime televisivo degli anni Settanta.
  • AltreVisioni

    Sukiyaki Western Django (2007) di T. Miike - Recensione - Quinlan.itSukiyaki Western Django

    di Il western disegnato da Miike è l'ennesimo canto al corpo non-morto destinato a deturpazioni, cesure, deformazioni di ogni tipo...
  • Roma 2014

    as-the-gods-will-cov932As the Gods Will

    di Il nuovo film di Takashi Miike, tratto da un manga di successo, è l'ennesimo grido di anarchica libertà del regista giapponese. Al Festival di Roma 2014.
  • Cult

    the-happiness-of-the-katakurisThe Happiness of the Katakuris

    di Oggetto di culto difficile da maneggiare, il film di Takashi Miike è un folle pastiche ultra-pop in cui tutto viene frullato in maniera indiscriminata, dall'animazione al disaster movie, dall'horror al musical.
  • AltreVisioni

    Guilty of Romance (2011) di Sion Sono - Recensione - Quinlan.itGuilty of Romance

    di Izumi è sposata a uno scrittore famoso per i suoi romanzi d’amore, ma la loro vita sembra priva di qualsiasi elemento romantico. Un giorno decide di seguire i suoi desideri...
  • Nihon Eiga

    I sette samurai (1954) di Akira Kurosawa - Recensione | Quinlan.itI sette samurai

    di Giappone, 1587. Negli ultimi anni del periodo Azuchi-Momoyama, un piccolo villaggio di contadini subisce le angherie di una banda di briganti...
  • Rotterdam 2015

    over-your-dead-body-recensioneOver Your Dead Body

    di Presentato a Rotterdam l’ultimo lavoro di Takashi Miike che, a modo suo, si rifà alla più famosa storia di fantasmi giapponesi, Tōkaidō Yotsuya kaidan.
  • Cannes 2015

    yakuza-apocalypse-takashi-miike-cov932Yakuza Apocalypse

    di Takashi Miike firma un folle pastiche avant-pop e demenziale, che mescola gli yakuza eiga all'horror, ai kaiju eiga, ai film di arti marziali. Con un ranocchio gigante da antologia. Alla Quinzaine des réalisateurs.
  • Torino 2015

    tag-2015-sion-sono-cov932Tag

    di Il percorso autoriale di Sion Sono, anno dopo anno, sembra somigliare sempre più a quello di Takashi Miike. E Tag è un film perfettamente “miikiano”, folle, convulso, a tratti confusionario per eccessiva affabulazione. Ma diverso da tutto.
  • Streaming

    shinjuku-triad-society-1995-takashi-miike-cov932Shinjuku Triad Society

    di In streaming sul nostro sito grazie all'accordo con VVVVID.it, il primo capitolo della cosiddetta "Black Society Trilogy", che rese noto il nome di Takashi Miike anche in occidente.
  • FCAAL 2016

    RYUZO-AND-the-SEVEN-HENCHMEN-recensioneRyuzo and The Seven Henchmen

    di Apertura del Festival del Cinema Africano, d'Asia e d'America Latina di Milano, Ryuzo and The Seven Henchmen segna un ritorno all’autentico spirito giullaresco e satirico di Takeshi Kitano ma rivela anche una intensa vena nostalgica.
  • Cannes 2016

    terra-formars-2016-takashi-miike-cov932Terra Formars

    di Al Marché ci si è imbattuti anche nell'ultimo film di Takashi Miike, Terra Formars, adattamento poco brillante di un manga e di un anime già di loro dimenticabili.
  • Rotterdam 2017

    The-Mole-Song-Hong-Kong-Capriccio-2016-takashi-miike-recensioneThe Mole Song – Hong Kong Capriccio

    di Presentato all’International Film Festival Rotterdam il secondo capitolo della saga di Takashi Miike basata sul personaggio dell’agente talpa, infiltrato nelle organizzazioni criminali: The Mole Song – Hong Kong Capriccio.
  • Cannes 2017

    blade-of-the-immortal-2017-takashi-miike-cov932-932x460(1)Blade of the Immortal

    di Takashi Miike torna sulla Croisette fuori concorso con Blade of the Immortal, un jidaigeki screziato di horror tratto da un manga di Hiroaki Samura. Un divertissement che mostra il lato più ludico del regista giapponese, che allo stesso tempo torna a ragionare da vicino su tematiche a lui particolarmente care come il concetto di corpo e la coazione a ripetere.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento