Surogat

Surogat

di

Idee e talento traboccano dal cortometraggio Surogat, che con ironia e meravigliose stilizzazioni grafiche cattura e rappresenta la vita contemporanea.

L’idea. L’idea è un tratto grafico, un colore, un personaggio, una storia. L’idea è la perfezione grafica della Pixar sempre al servizio della narrazione. L’idea è l’essenziale quanto geniale linea di Osvaldo Cavandoli, è il fotorealismo poetico di Hayao Miyazaki. L’idea è una silhouette che anima favole in controluce, è l’animazione a passo uno di Jirí Trnka e Jan Švankmajer, di Jirí Barta e Wladyslaw Starewicz, di Ray Harryhausen e Ivo Caprino. L’idea è la sand animation di Ferenc Cakó e Caroline Leaf, è la pixillation di Norman McLaren, è il rotoscopio di Max Fleischer. E poi ci sono i luoghi delle idee, come la suddetta Pixar, lo Studio Ghibli, la Scuola di Praga, il National Film Board of Canada. E la “Scuola di Zagabria”, la Zagreb Film: idee compresse in pochi minuti, in una serie di cortometraggi spesso folgoranti, teneri e divertenti se pensati per i più piccini, sagaci e taglienti quando indirizzati a un pubblico adulto. E le idee e il talento traboccano dal cortometraggio Surogat, che con ironia e meravigliose stilizzazioni grafiche cattura e rappresenta la vita contemporanea. Surogat è semplicità difficile da riprodurre, è l’essenza dell’animazione che resiste agli anni e ai decenni che passano, è quanto di più distante ci possa essere dall’imperante e spesso noiosa CG e 3D.

Surogat di Dušan Vukotić, primo cortometraggio non americano a vincere un Oscar, è probabilmente il titolo più rappresentativo della Zagreb Film, che a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta si impose a livello internazionale. Animazione limitata, sperimentazioni, avanguardia, autorialità e uno sguardo lucido sul mondo. Surogat è il primo passo per (ri)scoprire i tesori dell’animazione croata: Fisheye (1980) di Joško Marušic, Senza titolo (1964) e Krek (1968) di Borivoj Dovniković, Il maiale musicante (1965) e Il piccolo e il grande (1966) di Zlatko Grgić, Elegia (1965) di Nedeljko Dragić e molto altro…

Immagine anteprima YouTube
INFO
Il sito della Zagreb Film, casa di produzione di Sorogat.
La scheda di Surogat sul sito della Zagreb.
  • surogat-1961-dusan-vukotic-01.jpg
  • surogat-1961-dusan-vukotic-02.jpg
  • surogat-1961-dusan-vukotic-03.jpg
  • surogat-1961-dusan-vukotic-04.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Fisheye (Jugoslavia 1980) di Joško Marušić - Recensione - Quinlan.itFisheye

    di Quando ci si addentra nell'infinito e variopinto universo dell'animazione, si scoprono confini inesplorati, lontani anni luce dalle rassicuranti animazioni in computer grafica che dominano i box office...
  • Intervista

    intervista-a-bruno-bozzetto-cov932Intervista a Bruno Bozzetto

    Abbiamo intervistato Bruno Bozzetto, principale cantore del cinema d'animazione italiano, grazie a opere capitali come West and Soda e Allegro non troppo.
  • Interviste

    intervista-a-bruno-bozzetto-allegro-non-troppo-cov932Intervista a Bruno Bozzetto – parte seconda

    Le fonti di ispirazione, il signor Rossi, l'utilizzo delle nuove tecnologie, la crisi produttiva. Ne parliamo con Bruno Bozzetto nella seconda parte dell'intervista che ci ha concesso.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento