Thy Womb

Thy Womb

di

Il nuovo film di Brillante Mendoza, Thy Womb, in concorso al festival di Venezia, non raggiunge gli esiti eccellenti di molto suo cinema precedente ma si avvale comunque della splendida interpretazione di Nora Aunor, icona del cinema filippino.

La levatrice

Shaleha Sarail vive a Sitangkai, un villaggio sull’acqua nell’isola di Tawi-Tawi. Questa provincia, situata nella parte più meridionale delle Filippine verso gli arcipelaghi malese e indonesiano, è dedita alla produzione di alghe marine. Shaleha, una donna ormai matura e al terzo aborto spontaneo, si dispera per l’impossibilità di aver figli. Nonostante sia madre adottiva di un nipote, sente che il marito Bangas ha ancora il desiderio di diventare padre. Per appagare il sogno del marito ed essere benedetta da Allah, poiché un figlio è un segno tangibile della grazia divina, la donna decide di intraprendere un’altra strada: troverà una nuova moglie per Bangas. Giorno e notte i due coniugi si spostano in barca tra le isole, le comunità vicine e i villaggi sull’acqua alla ricerca di una donna fertile. Infine, su segnalazione di alcuni amici, trovano la fanciulla giusta.[sinossi]

L’attesa nei confronti del nuovo lungometraggio di Brillante Mendoza, spasmodica per gli affezionati cultori del cinema del regista filippino, era giustificata sia dal ritorno in concorso a Venezia a tre anni di distanza da Lola (in quel caso scelto come film “a sorpresa” e per molti tra i vincitori morali di un’edizione caratterizzata da un palmarès quantomeno discutibile), sia dal netto scarto rispetto al suo percorso autoriale avvertito a febbraio alla Berlinale durante la visione di Captive. In quel caso per la prima volta il cinema di Mendoza dava l’impressione di girare intorno alla propria storia cercando di coniugare l’aspetto più strettamente antropologico della questione filippina con un approccio meno personale, legato semmai a un discorso produttivo maggiormente “occidentale”, e non solo per la presenza in scena di Isabelle Huppert. Quale sarebbe stata dunque la direzione intrapresa da Mendoza? Si sarebbe lasciato accalappiare dalle trappole della definizione – propria del Vecchio Continente – di auteur?
Thy Womb in tal senso rappresenta una mezza risposta, non completamente convincente né (con ogni probabilità) definitiva: la storia di Shaleha e di suo marito Bangas che, impossibilitati ad avere figli si aggirano per i villaggi vicini alla ricerca di una giovane nuova moglie per l’uomo, sembrerebbe riallacciarsi in tutto e per tutto alle opere che fino a oggi hanno segnato con vivida forza la carriera di Mendoza, a partire da The Teacher (2006), Foster Child (2007) e il già citato Lola: la prassi del pedinamento, oggi come allora, è l’arma che Mendoza utilizza per “spiare” le sue protagoniste – come nella maggior parte dei suoi film, l’interesse è tutto rivolto ai personaggi femminili – da vicino, seguirle anche nelle azioni all’apparenza più futili o quotidiane.

Ma a ben vedere esiste una differenza sostanziale che sposta nettamente Thy Womb su un altro livello, e riguarda in tutto e per tutto l’approccio registico di Mendoza: nel trittico sopracitato la macchina da presa (o videocamera) è posta sempre all’altezza dei protagonisti, con lo sguardo di Mendoza che si fa inevitabilmente complice, partecipe, paritario. In Thy Womb, al contrario, l’occhio di Mendoza è quello dell’autore cinematografico, staccato dalla realtà che sta raccontando e ridotto al ruolo di mero osservatore. Uno sguardo politicamente borghese, in cui l’empatia proletaria lascia spazio a una postura intellettuale, in parte scevra della potenza espressiva che irrompeva sullo schermo fino a pochi anni fa: nulla che non fosse in parte avvertibile, e niente che infici fino in fondo il valore di un’opera che non deve essere comunque trattata con superficialità.

Anche perché di carne al fuoco ce n’è davvero molta, a partire dall’ambientazione scelta: Tawi-Tawi è infatti una delle province che compongono la Regione Autonoma del Mindanao Musulmano, unica zona dell’arcipelago a maggioranza islamica nonché una delle aree più povere dell’intera nazione. Scegliere come location quest’isola equivale dunque a scavare tra le pieghe più tumultuose di un Paese complesso e stratificato, tutt’altro che pacificato: lo dimostra la sequenza, purtroppo estemporanea, della sparatoria in mare, e lo evidenzia lo slancio più puramente documentario della vicenda narrata – prima o poi sarebbe interessante approfondire lo studio del cinema di Mendoza sotto questo punto di vista: una delle poche esperienze contemporanee in cui la realtà e la finzione si compenetrano fino alle estreme conseguenze – con la messa in mostra delle atroci condizioni di vita nei poveri villaggi di palafitte. La nascita stessa in questi luoghi è il simbolo di una fragilità dell’esistenza, sempre sul punto di essere spezzata da agenti esterni: metaforicamente il ruolo di levatrice della protagonista acquista dunque un valore doppio, relativo sia alla propria condizione di infertilità sia alla caducità dell’esistenza nella regione più australe di Mindanao – isola prediletta dal cineasta.
Anche per questi motivi dispiace dover sottolineare l’altalena estetica e contenutistica di Thy Womb, opera minore di un autore fondamentale del cinema contemporaneo, filippino e non: eppure i rumors veneziani lo segnalano tra i favoriti per la corsa a un premio, e dopotutto lo slancio emotivo in sala è stato tale da garantire un applauso prolungato e convinto. Se proprio si dovesse trovare un riconoscimento per il film la speranza è che a venir premiata sia la splendida Nora Aunor, sessantenne madrina del cinema filippino (ha lavorato tra gli altri con Lino Brocka, Ishmael Bernal e Gerardo de Leon, ricevendo un premio speciale a Cannes per il capolavoro di Brocka, Bona) che regala un’interpretazione sontuosa, rapendo la videocamera e asservendola al proprio volere. Il ritorno in grande stile di un’attrice sensazionale.

Info:
Il trailer di Thy Womb su Youtube
  • thy-womb-2012-brillante-mendoza-001.jpg
  • thy-womb-2012-brillante-mendoza-002.jpg
  • thy-womb-2012-brillante-mendoza-003.jpg
  • thy-womb-2012-brillante-mendoza-004.jpg
  • thy-womb-2012-brillante-mendoza-005.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Captive (2012) di Brillante Mendoza - Recensione - Quinlan.itCaptive

    di Una missionaria francese nelle Filippine viene rapita insieme ad altri dodici stranieri da un gruppo di terroristi...
  • AltreVisioni

    lola-recensioneLola

    di Dopo gli eccessi di Kinatay, Brillante Mendoza torna con Lola alla corrente più intimista del suo cinema, quella a lui più consona, e lo fa con uno sforzo evidente, ma riuscendo infine a lasciarsi guidare dalla vita che pulsa per le strade di Manila.
  • AltreVisioni

    kinatay-2009-brillante-mendoza-cov932Kinatay

    di Nel bene e nel male che sia, Brillante Mendoza non finisce mai di stupire. Lo dimostra in pieno Kinatay, presentato a Cannes nel 2009.
  • AltreVisioni

    the-teacher-manoro-brillante-mendoza-2006-cov932The Teacher

    di L'opera seconda di Brillante Mendoza, viaggio nelle Filippine rurali, dove l'alfabetizzazione è sinonimo di potere. In concorso al Torino Film Festival del 2006.
  • Saggi

    lino-brocka-omaggio-quinlan-cov932Lino Brocka, cineasta

    Ispirati dall'omaggio dedicatogli nel 2005 al Torino Film Festival, un breve excursus del cinema, della poetica e dell'umanità messa in scena da Lino Brocka, tra i padri del cinema filippino.
  • Cannes 2015

    taklub-2015-Brillante-Mendoza-recensioneTaklub

    di Precarietà assoluta del vivere e messa in discussione della fede. Brillante Mendoza dirige con efficacia ma senza lampi un nuovo dolente capitolo dedicato alla travagliata esistenza del popolo filippino: Taklub, in concorso in Un certain regard alla 68esima edizione del Festival di Cannes.
  • AltreVisioni

    summer-heat-kàleldo-2006-brillante-mendoza-cov932Summer Heat

    di Brillante Mendoza racconta, con Summer Heat, la vita di una famiglia composta da un uomo e dalle sue tre figlie. Un grande omaggio al cinema di Lino Brocka, diretto da uno degli autori più interessanti del nuovo cinema filippino.
  • Cannes 2016

    ma'-rosa-2015-brillante-mendoza-recensioneMa’ Rosa

    di Consueto ritratto entomologico di personaggi presi nella morsa di una povertà e di una disperazione assolute in quel di Manila, Ma' Rosa conferma la fase discendente del cinema di Mendoza. In concorso a Cannes 2016.
  • Venezia 2016

    singing-in-graveyards-2016-bradley-liew-cov932Singing in Graveyards

    di Grande omaggio a una delle figure chiave del rock filippino, Singing in Graveyards segna l'esordio alla regia di Bradley Liew. In concorso alla Settimana della Critica 2016.
  • News

    eddie-romero-e-morto-news-filippine-cov932È morto Eddie Romero

    Si è spento a Manila uno dei padri del cinema filippino moderno, Eddie Romero, noto soprattutto per i suoi horror degli anni Sessanta e Settanta.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento