Akira

Akira

di

Germinato tra le pagine del manga Domu – Sogni di bambini, Akira è il punto di arrivo dell’animazione giapponese degli anni Settanta, delle serie televisive dei robot giganti, della messa in scena quotidiana delle città rase al suolo da mostri alieni. Ōtomo tira le fila della fastosa fantascienza pre-cyberpunk nipponica.

I figli della bomba

Neo-Tokyo, 2019. Nella città devastata dalla Terza Guerra Mondiale, regna il caos: bande di motociclisti si fronteggiano, gruppi di terroristi e di ribelli mettono la città a ferro e fuoco, sette religiose proliferano in attesa della seconda venuta del leggendario Akira… [sinossi]

Esce nelle sale per un solo giorno, come evento, una delle pietre miliari dell’animazione giapponese, della fantascienza cyberpunk, della storia del cinema. L’iniziativa della Nexo Digital, che nei prossimi mesi distribuirà anche il commovente Wolf Children di Mamoru Hosoda, getta sale su una ferita mai cicatrizzata: l’animazione nipponica, e non solo, è un oggetto alieno per il nostro circuito distributivo. Col tempo si è recuperato qualcosa (Miyazaki, in primis), ma sempre a fatica, per pochi giorni e/o con una diffusione a macchia di leopardo e/o con una programmazione suicida – il pomeriggio, per mamme e bimbi.
Il discorso potrebbe dilungarsi all’infinito: perché non distribuire l’avvincente Sword of the Stranger di Masahiro Andō? Perché ignorare sistematicamente il successo della serie One Piece e i relativi lungometraggi? Perché imporre ai poveri spettatori prodotti di infimo livello e al contempo snobbare sistematicamente buoni/ottimi film? Discorso valido per tanta, troppa animazione europea, asiatica e statunitense: dal sorprendente The Secret of Kells di Tomm Moore e Nora Twomey all’intera filmografia di Bill Plympton, da Alois Nebel di Tomás Lunák a Tatsumi di Eric Khoo. Meglio fermarsi qui, a questi pochi esempi di un meraviglioso universo immaginifico negato ai nostri occhi.

Torniamo a bomba. Ai figli della bomba. Al capolavoro di Katsuhiro Ōtomo. Correva l’anno 1988, stagione fondamentale per l’animazione del Sol Levante. Tre titoli bastano e avanzano per inquadrare la portata artistica di questo Mondo Altro: Il mio vicino Totoro di Hayao Miyazaki, Una tomba per le lucciole di Isao Takahata e Akira [1]. Stupore, potenza visiva e immaginifica, poesia, politica, storia. Mondi disegnati che prendono vita e diventano eterni: la paciosa rotondità di Totoro, l’incontrollabile potenza devastatrice di Akira e Tetsuo, gli occhi belli e tragici della piccola Setsuko. Mondi con e senza la bomba, proiezioni di una generazione di artisti che ha dovuto fare i conti direttamente (Miyazaki, Takahata) o indirettamente (Ōtomo) con la guerra e con l’apocalisse.

Akira è un capolavoro. Ci si potrebbe fermare qui e lasciare spazio alla visione, a quel tutto che annichilisce lo spettatore, che lo sovrasta, rendendolo piccolo piccolo. Ōtomo condensa in poco più di due ore il suo manga fluviale, come aveva fatto Miyazaki nel 1984 con Nausicaä della Valle del vento, altro caposaldo, altra opera politica e filosofica, meravigliosa e insormontabile [2]. Questo lavoro di compressione apparentemente impossibile si traduce in un film densissimo, in un martellamento di immagini, suggestioni, snodi narrativi, sottotrame. In Akira c’è tutto: la terza guerra mondiale, una città distrutta e ricostruita (la monumentale Neo-Tokyo), la disperazione e ribellione sociale, la crisi economica, la corruzione politica, lo spettro della dittatura militare, il fanatismo religioso, la mutazione dei corpi e la fusione col metallo, la dimensione e sperimentazione extrasensoriale… Akira è l’inizio e la fine. È l’esplosione e l’implosione. Akira è Blade Runner, è William Gibson all’ennesima potenza, è Shinya Tsukamoto senza limiti di budget, è la culla di Mamoru Oshii e Satoshi Kon, è Cronenberg, è il Godzilla che è dentro ognuno di noi. Akira è la Storia che si ripete: Hiroshima e  Nagasaki, e poi Fukushima, e poi chissà.
Germinato tra le pagine del manga Domu – Sogni di bambini (1980-83), Akira è il punto di arrivo dell’animazione giapponese degli anni Settanta, delle serie televisive dei robot giganti, della messa in scena quotidiana delle città rase al suolo da mostri alieni. Ōtomo tira le fila della fastosa fantascienza pre-cyberpunk nipponica: ritroviamo la fusione carne-metallo di Tekkaman (1975), la distruzione/disperazione di Star Blazers (aka Corazzata Spaziale Yamato, 1974-75), gli esper di Mobile Suit Gundam (1979) e via discorrendo. Il film di Ōtomo è l’opera che pone fine e al tempo stesso rilancia il discorso iniziato dai vari Leiji Matsumoto e Gō Nagai, Takahata e Miyazaki, Osamu Tezuka e Yoshiyuki Tomino.

Anche dal punto di vista produttivo e visivo, Akira può essere considerato la summa, la parte per il tutto: opera colossale, costata un miliardo di yen, realizzata da circa 1.500 animatori, composta da 150.000 disegni, ha richiesto lo sforzo congiunto di Kodansha, Bandai, Toho, Tatsunoko, Tokyo Movie Shinsha… Da ogni tavola, da ogni dettaglio e in ogni movimento emerge lo sforzo artistico, tecnico e produttivo. Il rivoluzionario utilizzo della computer grafica, perfettamente integrata con le tecniche tradizionali, la lipsynch, la maniacale cura dei dettagli (le finestre dei mastodontici palazzi, ad esempio), la fluidità dei movimenti e tutto quel che segue lasciano anche oggi, a venticinque anni di distanza, sbalorditi.
Trascinati dalle sonorità tribali, dalle percussioni che si fondono con le note sintetiche, sfrecciamo velocissimi tra le strade selvagge di Neo-Tokyo, restiamo impotenti di fronte al blob apocalittico di Tetsuo, cerchiamo inutilmente di imprimere nei nostri occhi e nella nostra mente gli infiniti dettagli di un’opera che ci racconta il futuro. Il domani. Akira è un film da vedere e rivedere, da studiare, anche solo da ascoltare – la colonna sonora di Shōji Yamashiro, così ipnotica. Akira è la polizia che spara e uccide senza remore, è il crollo di un sistema, è l’eroico Kaneda, è l’inadeguatezza di Tetsuo, è la bella e rivoltosa Kei, è la vita in vitro dei bambini esper. È il messia Akira. È la bomba Akira. È Takashi che appare e scompare, lasciandoci a bocca aperta e a occhi sgranati. È un capolavoro.

Note
1.
Anno straordinario il 1988. Tra gli altri titoli della stagione, ricordiamo quantomeno Mobile Suit Gundam: Il contrattacco di Char di Yoshiyuki Tomino, Lamù: Un ragazzo, una ragazza di Satoshi Dezaki e gli OAV Patlabor e Appleseed.
2. Ōtomo inizia il manga nel 1982 e lo completa nel 1990. Miyazaki, che aveva pubblicato le prime tavole proprio nel 1982, conclude il suo fantasy post-apocalittico solo nel 1994, dieci anni dopo la trasposizione cinematografica.
Info
Akira sul sito della Bandai.
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-01.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-02.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-03.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-05.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-06.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-07.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-08.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-09.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-10.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-11.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-13.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-14.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-15.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-16.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-17.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-18.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-19.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-20.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-21.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-22.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-23.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-24.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-25.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-26.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-27.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-28.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-29.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-30.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-34.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-35.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-36.jpg
  • akira-1988-katsuhiro-otomo-37.jpg

Articoli correlati

  • Torino 2015

    Blade-RunnerBlade Runner

    di Blade Runner è fantascienza che forse vivremo tra quarant'anni, è un noir che non esiste più, è una love story impossibile, è la straziante rappresentazione dell'essenza della vita. Al TTF2015 per la retrospettiva "Cose che verranno".
  • Animazione

    Nausicaa-della-Valle-del-ventoNausicaä della Valle del vento

    di Arriva finalmente nelle sale il secondo lungometraggio scritto e diretto da Miyazaki, opera seminale dello Studio Ghibli. Archetipo degli eco-faniasy, Nausicaä mantiene intatta la potenza grafica, cromatica e immaginifica. Una pellicola, per caratteristiche tecniche e produttive, probabilmente irripetibile.
  • Animazione

    La storia della principessa splendente - Recensione | Quinlan.itLa storia della principessa splendente

    di Con La storia della principessa splendente, dichiarato omaggio all'arte di Frédéric Back, si conclude la straordinaria avventura artistica di Isao Takahata. Un ultimo struggente capolavoro. Nelle sale per (soli) tre giorni.
  • Animazione

    la-citta-incantata-2001-cov932La città incantata

    di Torna al cinema una delle opere più celebri di Hayao Miyazaki, già vincitrice dell'Orso d'Oro alla Berlinale e dell'Oscar per il miglior film di animazione.
  • Animazione

    principessa-mononoke-1997-cov932Principessa Mononoke

    di Uno dei massimi capolavori di Hayao Miyazaki raggiunge le sale italiane grazie alla Lucky Red. Un evento imperdibile per tutti gli amanti del "dio degli anime"!
  • Venezia 2013

    si alza il ventoSi alza il vento

    di Giunto alla fine di un percorso artistico iniziato nel 1963, Miyazaki sceglie di raccontarci direttamente la realtà, se stesso, le origini dei suoi sogni, il Giappone. Nelle sale per quattro giorni dal 13 settembre.
  • Animazione

    Il castello nel cielo (1986) di Miyazaki - Recensione - Quinlan.itIl castello nel cielo

    di Sheeta, misteriosa ragazzina in possesso di una magica pietra azzurra, è inseguita da una sgangherata banda di pirati dell’aria e da un torvo agente governativo...
  • Streaming

    Una lettera per Momo (2011) di H. Okiura - Recensione | Quinlan.itUna lettera per Momo

    di Un nuovo film in streaming targato Quinlan & VVVVID: Una lettera per Momo di Hiroyuki Okiura, vincitore della quattordicesima edizione del Future Film Festival di Bologna ed ennesima e felice conferma dello stato di salute dell'industria degli anime.
  • Notizie

    satoshi konAddio a Satoshi Kon

    A soli quarantasette anni se ne va Satoshi Kon, maestro del cinema d'animazione giapponese.
  • Animazione

    Il mio vicino Totoro (1988) di Hayao Miyazaki - Recensione Quinlan.itIl mio vicino Totoro

    di Esempio difficilmente replicabile di "film per tutti", Il mio vicino Totoro conferma l'abilità narrativa di Miyazaki, da sempre attento al contenuto e alla fruibilità delle sue opere, dalle più complesse alle più immediate.
  • Speciali

    speciale-hayao-miyazaki-totoro-cov932Speciale Hayao Miyazaki

    Un lungo speciale dedicato al "Dio degli anime", dai lavori giovanili alla consacrazione dei grandi festival, dal rapporto tra l'uomo e la natura alla passione per gli aerei e il volo.
  • Animazione

    SOS! Tokyo Metro Explorers: The Next di Shinji Takagi | Quinlan.itSOS! Tokyo Metro Explorers: The Next

    di Estate 2006. Ryuhei, ragazzino di quinta elementare, scopre un taccuino dal titolo Tokyo Exploring Records. Si tratta del diario che il padre teneva quando aveva più o meno la sua età...
  • Animazione

    The Sky Crawlers (2008) di Mamoru Oshii - Recensione | Quinlan.itThe Sky Crawlers – I cavalieri del cielo

    di La guerra-giocattolo messa in scena in The Sky Crawlers prosegue le acute riflessioni di Mamoru Oshii, proteso a indagare il nostro immediato futuro...
  • Animazione

    Ponyo sulla scogliera (2008) di Miyazaki - Recensione - Quinlan.itPonyo sulla scogliera

    di Plasmando un intreccio che riecheggia Hans Christian Andersen, Miyazaki sposa il punto di vista dei sui piccoli protagonisti, raccontandoci una storia di poetica, inarrivabile, semplicità.
  • AltreVisioni

    Bugmaster (2006) Katsuhiro Ōtomo - Recensione | Quinlan.itBugmaster

    di Giappone, tra la fine dell’epoca Meiji e l’inizio dell’epoca Taisho. Il piccolo Yoki e la madre stanno camminando in montagna durante un forte temporale: il ragazzino è distratto da strane creature fluttuanti e poi, all'improvviso, una frana travolge e uccide la madre. Nui, una donna misteriosa, trova Yoki e lo porta con sé...
  • Animazione

    The Amazing Lives of the Fast Food Grifters di Oshii | Quinlan.itThe Amazing Lives of the Fast Food Grifters

    di Tokyo, 1945. Dalle macerie della Seconda Guerra Mondiale emergono misteriosi individui che cominciano ad aggirarsi tra i baracchini di soba...
  • Animazione

    Paprika - Sognando un sogno (2006) di S. Kon - Recensione - Quinlan.itPaprika

    di Il cinema di Kon si conferma un raffinato e complesso gioco d’incastri, un flusso continuo di immagini spesso sorprendenti...
  • Animazione

    Ghost in the Shell 2 (2004) di Mamoru Oshii - Recensione - Quinlan.itGhost in the Shell – L’attacco dei cyborg

    di Anno 2032. Il cyborg-detective Batou sta investigando su una serie di strani omicidi che sembrano coinvolgere dei robot “femminili” utilizzati per scopi sessuali...
  • Serie

    Paranoia Agent (2004) di Satoshi Kon - Recensione | Quinlan.itParanoia Agent

    di La giovane Sagi Tsukiko, divenuta popolare grazie al pupazzo Maromi, viene aggredita da un misterioso ragazzino, armato di mazza da baseball e con un paio di rollerblade ai piedi...
  • Animazione

    kyashan-1973-tatsunoko-cov932Kyashan

    di , , Kyashan, creatura televisiva partorita dalla mente di Tatsuo Yoshida, venne alla luce per la Tatsunoko nel 1973. Quaranta anni più tardi è ancora un passaggio indispensabile per affrontare il mondo degli anime seriali.
  • Animazione

    Steamboy (Giappone 2004) di Katsuhiro Ōtomo - Recensione - Quinlan.itSteamboy

    di Ray, ultimo geniale inventore di una famiglia di scienziati, riceve dal nonno paterno una misteriosa sfera metallica che si rivelerà un’inesauribile e potentissima fonte di energia...
  • Animazione

    Il castello errante di Howl (2004) di Hayao Miyazaki | Quinlan.itIl castello errante di Howl

    di La diciottenne Sophie, dopo un casuale incontro con il bello e temuto mago di Howl, viene trasformata in una rugosa vecchietta dalla Strega delle Lande Desolate...
  • DVD

    legend-of-the-millennium-dragonLegend of the Millennium Dragon

    di In linea con il fantasy ecologista di matrice miyazakiana e debitore della grandeur otomiana, Legend of the Millennium Dragon semplifica alcune tematiche, rivolgendosi con efficacia a un pubblico di adolescenti...
  • Serie

    Paranoia Agent (2004) di Satoshi Kon - Recensione | Quinlan.itParanoia Agent [2]

    di La giovane Sagi Tsukiko, divenuta popolare grazie al pupazzo Maromi, viene aggredita da un misterioso ragazzino, armato di mazza da baseball e con un paio di rollerblade ai piedi...
  • Animazione

    Vexille (Giappone 2007) di Fumihiko Sori - Recensione - Quinlan.itVexille

    di 2077. Il Giappone è uno stato completamente isolato dal resto del mondo; una scelta presa dieci anni prima, in seguito a una serie di sanzioni da parte delle Nazioni Unite...
  • Animazione

    la-tomba-delle-luccioleLa tomba delle lucciole

    di Arriva nelle sale La tomba delle lucciole di Isao Takahata, capolavoro straziante realizzato nel 1988 dallo Studio Ghibli. In perfetto equilibrio tra realismo e lirismo, con un'onestà quasi spietata, Takahata mette in scena il destino privo di speranza di due fratellini inghiottiti dallo spaventoso scenario della Seconda guerra mondiale.
  • Festival

    Creative commons attr ver 3. 2011 for wikipedia.orgTorino 2015

    Il Torino Film Festival 2015, dal 20 al 28 novembre. La trentatreesima edizione del festival sabaudo, tra opere prime, sci-fi, documentari, film di ricerca, passato e futuro. Tutte le nostre recensioni.
  • Cult

    tetsuo-1989-shinya-tsukamoto-cov932Tetsuo

    di Il rivoluzionario esordio al lungometraggio di Shinya Tsukamoto, a ventisette anni di distanza ancora in grado di sconvolgere lo sguardo dello spettatore ignaro.
  • Animazione

    Barefoot-GenBarefoot Gen

    di Tratto dal monumentale manga di Keiji Nakazawa, impreziosito dalle scelte grafiche di Kazuo Tomizawa e Kazuo Oga, Barefoot Gen affronta senza filtri fantastici o fantascientifici l'olocausto nucleare, tema centrale e costante dell'animazione nipponica.
  • TFF 2015

    Cose-che-verrannoCose che verranno. Utopie e distopie sul grande schermo

    Le strade di New York sono cimiteri di macchine, un vuoto spettrale avvolge la Grande Mela. Londra è in fiamme. A Roma, all'Eur, si aggira l'ultimo sopravvissuto, bramato e assediato dai vampiri. Nell'802.701 gli apatici Eloi si fanno sgranocchiare dai mostruosi Morlock...
  • AltreVisioni

    otakus-in-love-2004-suzuki-matsuo-koi-no-mon-cov932Otakus in Love

    di L'attore Suzuki Matsuo esordisce alla regia con Otakus in Love, bizzarro omaggio romantico al mondo dei mangaka.
  • AltreVisioni

    godzilla-resurgence-2016-shin-godzilla-cov932Godzilla Resurgence

    di , Il film che segna il ritorno del kaijū più famoso del cinema in una produzione giapponese, diretto da Hideaki Anno e Shinji Higuchi. Un'opera di grande potenza visiva, che riannoda i fili con la saga ma guarda anche all'immaginario di Anno.
  • Animazione

    Your Name. (2016) di Makoto Shinkai - Recensione | Quinlan.itYour Name.

    di Distribuito nelle sale italiane da Nexo Digital e Dynit, dal 23 al 25 gennaio 2017, Your Name è l'ennesima conferma di un percorso narrativo ed estetico che da anni misura le distanze che ci dividono, la consistenza dell'amore...
  • In Sala

    Ghost in the Shell (2017) di Rupert Sanders - Recensione | Quinlan.itGhost in the Shell

    di Sbirciando sotto la lussureggiante patina di questo Ghost in the Shell in carne e ossa (e computer grafica), si trovano solo tracce sterili e sbiadite del caposaldo oshiiano e delle tavole originali di Masamune Shirow. Un evidente e volontario passo indietro.
  • Ergo Proxy

    di
  • Tekkonkinkreet

    di

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento