Si alza il vento

Si alza il vento

di

Col suo ultimo lungometraggio, Si alza il vento, giunto alla fine di un percorso artistico iniziato nel 1963, Hayao Miyazaki sceglie di raccontarci direttamente la realtà, di raccontare se stesso, le origini dei suoi sogni, il Giappone. In concorso alla 70a Mostra del Cinema di Venezia.

Le nuvole e poi…

Jirō sogna di volare e di progettare splendidi aeroplani, ispirati dal famoso ingegnere aeronautico italiano Caproni. Miope dalla più tenera età e quindi impossibilitato a diventare pilota, Jirō entra a far parte della divisione aeronautica di un’importante industria meccanica giapponese nel 1927. Il suo genio viene presto riconosciuto e il protagonista giunge a diventare uno dei migliori ingegneri aeronautici del mondo… [sinossi – labiennale.org]
Le vent se lève!
…il faut tenter de vivre!

Iniziano quasi sempre dall’alto, dal cielo, dall’azzurro limpido e rassicurante le opere di Miyazaki. Si rifugia tra le nuvole col suo mehve Nausicaä, la principessa della Valle del Vento; sale su una scopa traballante e si avventura nel cielo notturno la streghetta Kiki; sfreccia sopra l’Adriatico per una nuova missione il protagonista di Porco Rosso. Il cielo come luogo altro rispetto alla Terra, lontano dalla barbarie degli uomini, immerso in un silenzio poetico. Il cielo come teatro di evoluzioni e traiettorie eleganti, luogo ideale per le passioni del cofondatore dello Studio Ghibli: gli aerei e il volo.
Verso l’alto, allontanandosi sempre di più dal nostro martoriato pianeta, si spingeva l’isola fluttuante nel finale di Laputa. Nell’incipit della serie Conan, il ragazzo del futuro scoprivamo l’Isola Perduta dopo aver attraversato le nuvole. Nel cielo e dal cielo Miyazaki ha sempre immaginato nuovi mondi ideali, finalmente caratterizzati da una coabitazione pacifica tra gli uomini – e tra gli uomini e la natura, altro tassello fondamentale della poetica miyazakiana. Un cinema sinceramente pacifista, schierato politicamente, intriso di un ecologismo dai riflessi spirituali, attraversato da una forza visionaria fertile e inarrestabile.

Miyazaki, ancor prima di essere sulla bocca di tutti per La città incantata e i tanti riconoscimenti, era già entrato nella storia del cinema, aveva già segnato l’immaginario di intere generazioni e, soprattutto, aveva messo in scena l’orrore dei conflitti bellici, la distruzione globale, la sofferenza. Erano però scenari di mondi alternativi, futuribili ma immersi in una dimensione fantascientifica o fantasy, come i post-apocalittici Nausicaä della Valle del vento e Conan, il ragazzo del futuro. O erano guerre che riaffioravano nei ricordi, mitigate dallo spirito avventuroso e comico, come in Porco Rosso.
Questa volta, giunto alla fine di un percorso artistico iniziato nel 1963, Miyazaki sceglie di raccontarci direttamente la realtà, di raccontare se stesso, le origini dei suoi sogni, il Giappone. Una narrazione spogliata dai filtri e dalle creature fantastiche, un realismo quasi spiazzante, così delicato da ricordare il cinema di Yasujirō Ozu. Si alza il vento (Kaze tachinu) sembra un film di Isao Takahata, una sorta di prequel de Una tomba per le lucciole, in cui il cielo non è più una via di fuga ma si tinge di sangue e annienta un’intera generazione. Non ci sono più luoghi ideali, come Hyarbor o Colico o la campagna anni Cinquanta di Totoro, non c’è spazio per rielaborazioni, metafore o per interventi messianici à la Nausicaä. Ci si può rifugiare solo nei sogni, chiudendosi in un bozzolo che non resterà comunque impermeabile: in questo senso, è emblematica la sequenza d’apertura, ancora una volta in cielo, in volo, col sogno del giovane Jirō che si trasforma in incubo, col dirigibile nazista e le bombe cavalcate da mostri oscuri.

Si alza il vento è l’altra parte dello specchio, è l’inevitabile passo successivo dopo il dittico Nausicaä/Mononoke. È il capitolo finale, forse l’unico congedo possibile venticinque anni dopo Totoro/Una tomba per le lucciole, con la scambio di ruoli tra Miyazaki e Isao Takahata [1]. È il film che ci lascerà per sempre un groppo in gola, l’amara sensazione di essere bruscamente tornati coi piedi per terra. È la prima, e purtroppo ultima, storia d’amore portata sullo schermo dal “dio degli anime”: i legami adolescenziali de I sospiri del mio cuore – Mimi wo sumaseba (1995) e La collina dei papaveri (2011) sono stati il banco di prova per il compianto Yoshifumi Kondō e per Goro Miyazaki, mentre le relazioni di Mononoke e Howl restavano in secondo piano, appena accennate.
Miyazaki sembra quasi volerci spiegare la genesi del proprio universo immaginifico, con gli avvenimenti, le persone e i luoghi che hanno influenzato e plasmato la sua arte. Ritroviamo la tubercolosi (che aveva costretto a lunghi anni in ospedale la madre di Miyazaki, spunto autobiografico in Totoro), la profonda ammirazione per il lavoro dell’ingegnere aeronautico Giovanni Battista Caproni, il terremoto di Kanto del 1923 (così simile per impatto distruttivo alle grandi onde di Conan, Nausicaä e Mononoke), l’ostinazione e la forza visionaria di Jirō, la campagna nipponica. Ritroviamo le guerre e le battaglie aeree, ma senza il ritorno dei giovani eroi vincitori. Non c’è spazio per la leggerezza del mehve, per lo spettacolare bombardiere Gigante di Conan, per il Savoia S-21, il Curtis R3C-O, il Dabohaze, il Savoia Marchetti S55 e tutti gli altri idrovolanti di Porco Rosso, per i flaptor di Laputa, per l’aereo a forma di pterodattilo della serie Il fiuto di Sherlock Holmes, per l’hangar nostalgico di Lupin III [2]. Non c’è spazio per il lieto fine, per le esplosioni di gioia de Il castello errante di Howl, per la pace riconquistata di Conan: le suggestioni drammatiche che adombravano Porco Rosso si allargano a macchia d’olio. In Si alza il vento il vento ci porta via tutto, mostrandoci lo scotto di un sogno ostinato, della realizzazione di un aereo fenomenale, purtroppo letale.

Soffia il vento, ma non per il passaggio di un Gattobus invisibile. Consapevoli, cerchiamo anche dopo la visione dei luoghi rifugio, degli angoli incontaminati. Miyazaki ci concede la “montagna incantata”, l’oasi felice che riecheggia Thomas Mann e che vede finalmente sbocciare l’amore tra Jirō e Nahozo. Fanciulla fragile, bellissima, pronta a sacrificarsi per il bene e il successo di Jirō, Nahozo ricorda da vicino le eroine tragiche di Kenji Mizoguchi. La parentela con Lana, Sheeta o Sophie è soprattutto grafica, legata a un character design che nel corso degli anni si è assottigliato, aggiornando le celebri linee chiare e morbide che avevano caratterizzato il periodo d’oro del World Masterpiece Theater e le prime pellicole dello Studio Ghibli [3].

Della confezione tecnico-artistica sarebbe quasi superfluo scrivere, ma ci soffermiamo un attimo sulla qualità dei fondali, soprattutto i paesaggi, meno dettagliati rispetto alle vette fotorealistiche raggiunte in opere precedenti – ad eccezione dello splendido bosco che ospita il primo vis-à-vis amoroso tra Jirō e Nahozo, con cromatismi e tagli di luce che rimandano alla foresta di Mononoke. Ovviamente certosino il lavoro sul mecha design degli aerei e di qualsiasi altro mezzo di trasporto, mentre ha un notevole impatto visivo ed emozionale la sequenza del terremoto.
Accompagnato dalle note di Joe Hisaishi, Si alza il vento è un addio, un regalo prezioso, un’opera stratificata e complessa su cui tornare. Da rivedere, ripensare, metabolizzare lentamente. Un film doloroso che ripercorre gli errori e le tragedie degli anni Trenta e Quaranta, che conclude qualsiasi discorso sulla filmografia miyazakiana, che ragiona sulla creatività e sui suoi pericoli, sul sacrificio e sulla rinuncia, sui sogni e sull’amore. Sulla realtà, sulla natura autodistruttiva dell’uomo. Come tante altre volte, Si alza il vento è un capolavoro. Con un finale sublime e straziante. La fine, il vento, la vita.

Note
1. Si alza il vento doveva uscire insieme a The Tale of Princess Kaguya, diretto da Takahata e in uscita a fine novembre. Lo slittamento della data d’uscita è dovuto ai ritardi sulla preparazione degli storyboard.
2. L’episodio de Il fiuto di Sherlock Holmes, serie prodotta dalla Rai e poi dimenticata in un cassetto, è La piccole cliente. Nell’ultimo episodio della serie di Lupin III del 1971, Antiche monete d’oro, il simpatico ladro mostra ai suoi amici una sorta di museo di famiglia traboccante aerei d’epoca.
3. Il World Masterpiece Theater (Sekai meisaku gekijō) è una serie di anime prodotti a partire dagli anni Settanta. Tra i titoli più noti Heidi (1974), Marco (1976) e Anna dai capelli rossi (1979), serie nate dalla collaborazione tra Takahata e Miyazaki. La scheda del WMT su animenewsnetwork.com.
Info
Il sito ufficiale giapponese di Si alza il vento.
Si alza il vento sul sito della Lucky Red.
  • si-alza-il-vento-2013-hayao-miyazaki-08.jpg
  • si-alza-il-vento-2013-hayao-miyazaki-06.jpg
  • si-alza-il-vento-2013-hayao-miyazaki-04.jpg
  • si-alza-il-vento-2013-hayao-miyazaki-02.jpg
  • si-alza-il-vento-2013-hayao-miyazaki-01.jpg
  • si-alza-il-vento-2013-hayao-miyazaki-09.jpg
  • si-alza-il-vento-2013-hayao-miyazaki-10.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Nausicaa-della-Valle-del-ventoNausicaä della Valle del vento

    di Arriva finalmente nelle sale il secondo lungometraggio scritto e diretto da Miyazaki, opera seminale dello Studio Ghibli. Archetipo degli eco-faniasy, Nausicaä mantiene intatta la potenza grafica, cromatica e immaginifica. Una pellicola, per caratteristiche tecniche e produttive, probabilmente irripetibile.
  • Animazione

    La storia della principessa splendente - Recensione | Quinlan.itLa storia della principessa splendente

    di Con La storia della principessa splendente, dichiarato omaggio all'arte di Frédéric Back, si conclude la straordinaria avventura artistica di Isao Takahata. Un ultimo struggente capolavoro. Nelle sale per (soli) tre giorni.
  • Animazione

    la-citta-incantata-2001-cov932La città incantata

    di Torna al cinema una delle opere più celebri di Hayao Miyazaki, già vincitrice dell'Orso d'Oro alla Berlinale e dell'Oscar per il miglior film di animazione.
  • Animazione

    principessa-mononoke-1997-cov932Principessa Mononoke

    di Uno dei massimi capolavori di Hayao Miyazaki raggiunge le sale italiane grazie alla Lucky Red. Un evento imperdibile per tutti gli amanti del "dio degli anime"!
  • Rassegne

    rassegna,hayao miyazaki,il mio vicino totoro,tonari no totoroAlla Casa del Cinema una rassegna su Hayao Miyazaki

    Sei film per iniziare bene il 2014. Dal primo al 6 gennaio la Casa del Cinema di Roma propone la rassegna pomeridiana "In vacanza con i cartoni di Hayao Miyazaki": Totoro, Ponyo, Laputa...
  • DVD

    La collina dei papaveri di Goro Miyazaki - Recensione DVD | Quinlan.itLa collina dei papaveri

    di Durante la disputa per la demolizione o la salvaguardia del Quartier Latin, sede dei club scolastici, Umi e Shunya si innamorano...
  • Blu-ray

    Il castello di Cagliostro di Hayao Miyazaki - Blu-ray | Quinlan.itIl castello di Cagliostro

    di Lupin e il fedele Jigen hanno rintracciato la fonte delle banconote false che stanno mettendo in ginocchio l'economia mondiale: il piccolo paese di Cagliostro, governato dall'omonimo conte...
  • Animazione

    Il castello nel cielo (1986) di Miyazaki - Recensione - Quinlan.itIl castello nel cielo

    di Sheeta, misteriosa ragazzina in possesso di una magica pietra azzurra, è inseguita da una sgangherata banda di pirati dell’aria e da un torvo agente governativo...
  • Animazione

    Il mio vicino Totoro (1988) di Hayao Miyazaki - Recensione Quinlan.itIl mio vicino Totoro

    di Esempio difficilmente replicabile di "film per tutti", Il mio vicino Totoro conferma l'abilità narrativa di Miyazaki, da sempre attento al contenuto e alla fruibilità delle sue opere, dalle più complesse alle più immediate.
  • Speciali

    speciale-hayao-miyazaki-totoro-cov932Speciale Hayao Miyazaki

    Un lungo speciale dedicato al "Dio degli anime", dai lavori giovanili alla consacrazione dei grandi festival, dal rapporto tra l'uomo e la natura alla passione per gli aerei e il volo.
  • Animazione

    Ponyo sulla scogliera (2008) di Miyazaki - Recensione - Quinlan.itPonyo sulla scogliera

    di Plasmando un intreccio che riecheggia Hans Christian Andersen, Miyazaki sposa il punto di vista dei sui piccoli protagonisti, raccontandoci una storia di poetica, inarrivabile, semplicità.
  • Animazione

    Porco Rosso (1992) di Hayao Miyazaki - Recensione - Quinlan.itPorco Rosso

    di Le mirabolanti avventure aeree di Porco Rosso, abilissimo aviatore trasformato in maiale: i pirotecnici scontri con la banda Mamma Aiuto, la rivalità con Donald Curtis e l’amore per la bella Gina…
  • Animazione

    Kiki consegne a domicilio (1989) di Miyazaki - Recensione - Quinlan.itKiki consegne a domicilio

    di La piccola e graziosa streghetta Kiki, compiuti tredici anni, deve passare un intero anno lontano dalla sua famiglia in una città sconosciuta...
  • Animazione

    Il castello errante di Howl (2004) di Hayao Miyazaki | Quinlan.itIl castello errante di Howl

    di La diciottenne Sophie, dopo un casuale incontro con il bello e temuto mago di Howl, viene trasformata in una rugosa vecchietta dalla Strega delle Lande Desolate...
  • In Sala

    LCOZ_5066.CR2Civiltà perduta

    di Gray riconduce idealmente il cinema nella sua Shangri-La, restituendo alla pellicola, allo schermo, al buio e ai miracolosi fasci di luce della sala quella magia che diventava palpabile, che prendeva vita, che resisteva al tempo.
  • Festival

    venezia2013-cov932Venezia 2013

    La vittoria che ha sdoganato il documentario. Quasi ogni testata giornalistica italiana ha introdotto le riflessioni più o meno positive sulla settantesima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia con questa affermazione apodittica...
  • Animazione

    Akira (Giappone, 1988) di Katsuhiro Ōtomo - Recensione - Quinlan.itAkira

    di Neo-Tokyo, 2019. Nella città devastata regna il caos: bande di motociclisti, gruppi di terroristi e ribelli, sette religiose in attesa della seconda venuta del leggendario Akira…
  • Animazione

    I racconti di Terramare (Giappone 2006) di Goro Miyazaki | Quinlan.itI racconti di Terramare

    di Dopo l’improvvisa apparizione nei cieli di Eartsea di alcuni draghi, carestie e pestilenze cominciano ad affliggere gli esseri umani: il mondo sta perdendo il suo equilibrio...
  • Festival

    Future Film Festival 2014: Miyazaki, Ōtomo, Plympton... - Quinlan.itFuture Film Festival 2014

    Il Future Film Festival 2014: Hayao Miyazaki, Katsuhiro Ōtomo, Bill Plympton, Don Hertzfeldt, Alain Ughetto, Luiz Bolognesi, Yeon Sang-ho, Guido Manuli, Carlos Saldanha...
  • Animazione

    Arrietty - Il mondo segreto sotto il pavimento (2010) | Quinlan.itArrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento

    di Una famiglia alta poco più di dieci centimetri vive sotto le assi del pavimento "prendendo in prestito" dalle case oggetti di uso comune...
  • Animazione

    La collina dei papaveri di Goro Miyazaki - Recensione | Quinlan.itLa collina dei papaveri

    di Durante la disputa per la demolizione o la salvaguardia di una vecchia casa in legno della scuola, il Quartier Latin, scrigno delle memorie di alcune generazioni, Umi e Shun si innamorano...
  • Animazione

    Il castello di Cagliostro (1979) di Miyazaki - Recensione | Quinlan.itIl castello di Cagliostro

    di Il castello di Cagliostro è un pirotecnico divertissement, un giocattolo spassoso, un meccanismo ludico di certosina precisione.
  • DVD

    Il castello errante di Howl di Hayao Miyazaki - DVD | Quinlan.itIl castello errante di Howl

    di La Lucky Red ha riservato più di un’attenzione all'uscita dell’ultima opera miyazakiana, Il castello errante di Howl. Il risultato, oltre all'edizione a disco singolo, è la Limited Edition...
  • Animazione

    quando-cera-marnieQuando c’era Marnie

    di Dopo essere passato a Rotterdam, esce in sala l’ultimo lavoro dello Studio Ghibli, che potrebbe tracciare il futuro, eventuale, della leggendaria ‘bottega’ di anime nel post Miyazaki e Takahata.
  • Documentario

    Il Regno dei Sogni e della Follia | Recensione | Quinlan.itIl regno dei sogni e della follia

    di Mami Sunada riesce a muoversi in punta di piedi, a pedinare garbatamente Miyazaki, a fondersi con lo Studio Ghibli. Il regno dei sogni e della follia anticipa la fine e la racconta, e riesce a essere una testimonianza importante per sondare e studiare il microcosmo ghibliano.
  • Animazione

    la-tomba-delle-luccioleLa tomba delle lucciole

    di Arriva nelle sale La tomba delle lucciole di Isao Takahata, capolavoro straziante realizzato nel 1988 dallo Studio Ghibli. In perfetto equilibrio tra realismo e lirismo, con un'onestà quasi spietata, Takahata mette in scena il destino privo di speranza di due fratellini inghiottiti dallo spaventoso scenario della Seconda guerra mondiale.
  • Animazione

    La-ricompensa-del-gattoLa ricompensa del gatto

    di Arriva nelle sale per due giorni La ricompensa del gatto di Hiroyuki Morita, singolare spin-off de I sospiri del mio cuore ed ennesimo ripescaggio della Lucky Red tra gli inediti dello Studio Ghibli. Un'operina graziosa, spumeggiante, indubbiamente minore.
  • Animazione

    Barefoot-GenBarefoot Gen

    di Tratto dal monumentale manga di Keiji Nakazawa, impreziosito dalle scelte grafiche di Kazuo Tomizawa e Kazuo Oga, Barefoot Gen affronta senza filtri fantastici o fantascientifici l'olocausto nucleare, tema centrale e costante dell'animazione nipponica.
  • Cannes 2016

    MomotaroMomotaro, Sacred Sailors

    di Presentato in anteprima nella ricca sezione Cannes Classics, il restauro di Momotaro, Sacred Sailors (1945) rende merito al lavoro di Mitsuyo Seo e allo sforzo produttivo della Shochiku. Primo lungometraggio animato giapponese e sfortunato, nonché tragicamente nefasto, film di propaganda.
  • Animazione

    La tartaruga rossa (2016) Michael Dudok de Wit - Recensione | Quinlan.itLa tartaruga rossa

    di Presentato nella sezione Un Certain Regard, La tartaruga rossa di Michaël Dudok de Wit è l’ennesimo miracolo artistico e produttivo dello Studio Ghibli, in coproduzione con le francesi Prima Linea Productions, Why Not Production e Wild Bunch.
  • FFF 2017

    Ethel & Ernest (2016) di Roger Mainwood - Recensione | Quinlan.itEthel & Ernest

    di Presentato al Future Film Festival, Ethel & Ernest porta sul grande schermo il graphic novel di Raymond Briggs, commovente e autobiografica cronaca quotidiana di una coppia della classe proletaria inglese dal giorno del loro primo incontro fino alla morte.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento