All Is Lost – Tutto è perduto

All Is Lost – Tutto è perduto

di

L’opera seconda di Chandor, All Is Lost – Tutto è perduto, è un’avventura intensa, realistica, senza sbavature narrative, senza invadenti parentesi melodrammatiche: solo una barca, il mare infuriato e Robert Redford. In sala dal 6 febbraio 2014, distribuito da Universal Pictures.

La retorica del naufragio

Un uomo sta solcando le acque dell’Oceano Indiano. È solo a bordo del suo yacht da dodici metri. In seguito alla collisione con un container abbandonato tra le acque, le attrezzature di bordo risultano fuori uso, lasciandolo abbandonato a sé stesso. Il sopraggiungere di una terribile tempesta metterà a repentaglio la sua vita e a dura prova le sue capacità di navigazione. Affidandosi alle mappe e ad anni di esperienza al timone, dovrà combattere contro gli elementi della natura per salvare la pelle e ritrovare la rotta… [sinossi]

Presentato in anteprima al Festival di Cannes e riproposto dal Torino Film Festival 2013 nella sezione Festa Mobile, All Is Lost – Tutto è perduto di J.C. Chandor mette in scena con piglio spettacolare e con certosina attenzione per i dettagli l’eterno confronto tra l’uomo e la natura, quella disperata lotta per la sopravvivenza che negli ultimi mesi è stata più volte portata sul grande schermo. Un fil rouge lega infatti All Is Lost ai vari Gravity di Alfonso Cuarón, Whitewash di Emanuel Hoss-Desmarais, Vita di Pi di Ang Lee, senza dimenticare 127 ore di Danny Boyle e The Grey di Joe Carnahan, in un intreccio di generi, scenari e ambizioni autoriali. A distinguere All Is Lost è però l’asciuttezza narrativa, la quasi assoluta focalizzazione sull’hic et nunc, senza sbavature interpersonali, melodrammi familiari che emergono all’improvviso o flashback che spiegano e contestualizzano il personaggio.

L’eroe, incarnato da un Robert Redford in forma invidiabile, è tenace, preparato e, soprattutto, combatte una battaglia solitaria e silenziosa. Il nostro uomo non parla, non tentenna, ma agisce. Per questa sorta di variante de Il vecchio e il mare, Chandor sceglie di mettere in scena uno scontro basilare: alla bellezza e alla forza devastante dell’oceano si possono contrapporre solamente l’esperienza nautica, l’abilità, l’ingegno e qualcosa che galleggi. Ed ecco, allora, che l’inizio e la fine dell’avventura coincidono perfettamente con la durata dell’azione: prima del fortuito scontro col container sembra non esistere niente, non ci sono legami da raccontare, ricordi che valgano più di una falla da aggiustare o di una gustosa scatola di fagioli.
All Is Lost è la cronaca di una strenua resistenza, è lo spettacolare resoconto di come restare a galla, di come rimediare un po’ di acqua e cibo, di come far fruttare gli strumenti di bordo. Un film sull’impossibilità di una vittoria contro un avversario immenso e incontrollabile e sulla possibilità della sopravvivenza, nonostante tutto; sull’importanza del saper fare, della conoscenza teorica e pratica. In questo senso, l’eroe non poteva che essere anziano, figlio di un sistema culturale oramai lontano. E non poteva essere che Robert Redford, con le sue rughe, con la sua presenza scenica, col suo rinomato impegno per la salvaguardia dell’ambiente.

J.C. Chandor allunga la falcata dopo l’esordio con Margin Call, lavorando di sottrazione e sfuggendo alla retorica del naufragio, alle traiettorie esistenziali, a derive melvilliane. All Is Lost è un Cast Away defogliato, ridotto all’osso, sagacemente privato di qualsiasi cornice narrativa. Alle parole Chandor preferisce il fragore del mare in tempesta o lo scricchiolio del timone, drammatizzando col montaggio, con le soggettive, con qualche suggestiva immersione. Una barca, il mare, un naufragio.

Info
Il sito ufficiale di All Is Lost.
La pagina facebook di All Is Lost.
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-03.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-04.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-06.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-07.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-09.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-10.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-11.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-12.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-13.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-14.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-15.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-16.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-17.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-18.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-19.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-20.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-21.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-22.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-23.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-24.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-25.jpg
  • all-is-lost-tutto-e-perduto-2013-jc-chandor-26.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    1981: Indagine a New York Recensione1981: Indagine a New York

    di Grazie a Movies Inspired arriva finalmente nelle sale italiane 1981: indagine a New York, terza fatica di J. C. Chandor. Notevole salto di qualità per l'autore americano, alle prese con una fosca e glaciale tragedia americana per un'opera complessa e affascinante. Con Oscar Isaac e Jessica Chastain.
  • Festival

    Torino 2013

    Ormai stanchi di polemiche che tornano in campo, anche quando sembravano sopite, polemiche che ruotano sempre intorno alla competizione tra la triade Venezia-Torino-Roma, finalmente ci si può concentrare sui film, con la 31esima edizione del TFF.
  • Archivio

    Gravity

    di La dottoressa Ryan Stone è un brillante ingegnere biomedico alla sua prima missione spaziale insieme al veterano Matt Kowalsky. Durante una passeggiata di routine, succede l’imprevisto...
  • Archivio

    Vita di Pi RecensioneVita di Pi

    di Uno scrittore in cerca d'ispirazione s'imbatte nella storia incredibile di Piscine Molitor Patel. Piscine, che tutti conoscono come Pi, conduce una vita serena: suo padre possiede uno zoo e Pi trascorre le giornate tra tigri, zebre e ippopotami...
  • Archivio

    The Grey RecensioneThe Grey

    di L'eterno scontro fra Uomo e Natura al centro del nuovo action-movie con Liam Neeson, che stavolta si cala in una gelida e sanguinosa avventura ambientata nelle impervie montagne dell'Alaska sferzate dalle violente perturbazioni sub-artiche.
  • Archivio

    Margin Call RecensioneMargin Call

    di L'esordio alla regia di J.C. Chandor ha il coraggio di affrontare un tema spinoso come quello della crisi finanziaria del 2007, ma sceglie una via ambigua, e non sempre condivisibile.
  • Archivio

    127 ore Recensione127 ore

    di L'alpinista Aron Ralston deve cercare di salvarsi dopo che la caduta di un masso gli ha intrappolato il braccio e lo tiene bloccato in un canyon. Nel corso dei successivi cinque giorni, Ralston troverà il coraggio di compiere un gesto estremo pur di uscire da una situazione sempre più critica...
  • Roma 2013

    In solitario RecensioneIn solitario

    di Adrenalina, tempeste, immagini e scenari mozzafiato, ma tanta retorica in questa odissea oceanica diretta da Christophe Offenstein e interpretata da François Cluzet. In concorso ad Alice nella città 2013.
  • Festival

    Cannes 2013Cannes 2013

    La Croisette è un luogo altro, almeno per una dozzina di giorni. È una dimensione parallela, splendente, aliena alla crisi, alla grigia quotidianità, alle polemiche provinciali...
  • Archivio

    Everest RecensioneEverest

    di Ci sono gli sherpa e il 3D, un gruppo troppo avventato di scalatori, un budget elevato e il formato IMAX, attori di grido e paesaggi mozzafiato. C’è praticamente tutto in Everest, eppure sembra mancare proprio la montagna... Delude la pellicola d'apertura di Venezia 2015.
  • Archivio

    Nauta

    di Evitando di farsi travolgere dal festival del New Age a buon mercato, Nauta è un film sul sogno, sul desiderio di libertà, sull'incontro tra uomo e natura, leggero e lineare, costruito sul doppio binario del viaggio fisico e interiore.
  • Cannes 2018

    Arctic RecensioneArctic

    di Presentato al Festival di Cannes 2018 nella sezione Séances de minuit, Arctic è l’opera prima del brasiliano Joe Penna, è un puntuale e solido survival film ed è soprattutto l’ennesima dimostrazione dello spessore attoriale e del magnetismo di Mads Mikkelsen.
  • In sala

    Resta con me RecensioneResta con me

    di Arriva in sala Resta con me, la vera storia del naufragio di Richard Sharp e Tami Oldham avvenuto nel 1983, tratta dal libro di lei sulla loro lotta per la sopravvivenza di 41 giorni, in pieno oceano sul relitto di una barca a vela.
  • Roma 2018

    The Old Man & the Gun RecensioneThe Old Man & the Gun

    di Impreziosito da dialoghi brillanti, girato in un avvolgente 16mm e condito di zoom, panoramiche con dolly e dissolvenze insolite, The Old Man & The Gun evita gag citazioniste preferendo abbracciare un discorso sulla memoria e sul cinema. Alla Festa del Cinema di Roma.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento