Berlinale 2014

Berlinale 2014

La Berlinale 2014, dal 6 al 16 febbraio, sessantaquattresima edizione dello storico festival tedesco. Apre la fiumana di film The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson. Poi Lars Von Trier, Tsai Ming Liang, Richard Linklater, Alain Resnais…

Alla Berlinale 2014 non fa freddo. È questa la prima, principale notizia che circola, come un virus informatico, tra gli accrediti stampa della kermesse tedesca: Berlino ha accolto il popolo cinefilo con una temperatura mite, primaverile (non fosse per le improvvise buriane ventose che fanno accapponare la pelle), e questa novità è stata accolta con una certa enfasi, in attesa che il festival prenda realmente corpo. Perché sarà finalmente la volta di Wes Anderson – a cui è toccata in sorte l’apertura con The Grand Budapest Hotel, che ospita uno dei cast più ricchi e sorprendenti visti in giro negli ultimi anni –, Lars Von Trier, Tsai Ming Liang, Richard Linklater, Alain Resnais e via discorrendo. Toccherà al cinema, come sempre, prendere il sopravvento su gossip, rumori di corridoio, speculazioni più o meno consapevoli e interessanti sul ruolo della settima arte nella contemporaneità. In questo senso un festival come Berlino, che segue da vicino un evento ancora poco riconosciuto dal microcosmo cinematografico italiano come Rotterdam, permette di aprire il fianco a una discussione sul rapporto tra i festival e le città in cui si sviluppano. Laddove realtà consolidate come Cannes e Venezia faticano e non poco a relazionarsi con il tessuto umano, sociale e politico che li circonda, la Berlinale spalanca da sempre le porte alla città: in un periodo storico in cui la cultura viene sovente abbandonata al proprio destino, una risorsa indispensabile per non essere messi da parte, relegati in un cantuccio ben poco confortevole. Berlino è la dimostrazione di come un festival cittadino non debba necessariamente scendere a compromessi con il proprio pubblico per riempire le sale. [continua a leggere]

INFO
Berlinale 2014, il sito ufficiale.
Il programma della Berlinale 2014.

Articoli correlati

  • AltreVisioni

    fever recensioneFever

    di Dopo un primo passaggio alla 64esima Berlinale, Fever di Elfi Mikesch approda sugli schermi del Bif&St 2014 nella sezione Panorama Internazionale. Un esempio di come la cura formale possa mettere in secondo piano la scrittura, il racconto e il disegno dei personaggi.
  • AltreVisioni

    is-the-man-who-is-tall-happy-2013-cov932Is the Man Who Is Tall Happy?

    di Geni a confronto: Michel Gondry intervista Noam Chomsky, parlando di filosofia, biologia, cultura e politica. Dalla Berlinale 2014 al Rendez-Vous con il cinema francese...
  • Archivio

    In ordine di sparizione (2014) di Moland - Recensione | Quinlan.itIn ordine di sparizione

    di Un revenge movie crudo nella componente action e sagace nei dialoghi, impreziosito dalla prova di Skarsgård e dai paesaggi innevati. Presentato alla Berlinale 2014.
  • Archivio

    La bella e la bestia (2014) di Christophe Gans - Recensione - Quinlan.itLa bella e la bestia

    di Gans mette mano alla fiaba di Madame de Villeneuve, incorniciando la bella Léa Seydoux tra i pixel della computer grafica.
  • Berlinale 2014

    berlinale-2014-bilancio-cov932Berlinale 2014 – Bilancio

    La sessantaquattresima edizione della Berlinale si è divisa tra un pugno di opere destinate a rimanere incastonate nella memoria e un resto della selezione dispersivo e poco convincente.
  • Berlinale 2014

    The Little House (2014) di Yōji Yamada - Recensione - Quinlan.itThe Little House

    di Presentato in concorso alla Berlinale 2014, The Little House conclude magnificamente la lunga carriera del regista e sceneggiatore giapponese Yōji Yamada. Premio per la migliore interpretazione a Haru Kuroki.
  • Berlinale 2014

    the-dark-valley-cov932The Dark Valley

    di Il regista austriaco Andreas Prochaska firma un wester crepuscolare, che guarda al cinema di Sergio Leone e Clint Eastwood, ma senza successo.
  • Berlinale 2014

    La tercera orilla (2014) di Celina Murga - Recensione - Quinlan.itLa tercera orilla

    di L'opera terza della regista argentina Celina Murga, che torna a raccontare l'universo adolescenziale e la presenza/assenza dei genitori. In concorso alla Berlinale 2014.
  • Berlinale 2014

    Aloft (2014) di Claudia Llosa - Recensione Berlinale 2014 - Quinlan.itAloft

    di La regista peruviana Claudia Llosa, già vincitrice dell'Orso d'oro nel 2009 con Il canto di Paloma, torna in concorso alla Berlinale con Aloft, un melodramma familiare intriso di misticismo.
  • In Sala

    boyhood-cov932Boyhood

    di Il cinema di Richard Linklater tocca uno dei suoi vertici artistici. Un coming-of-age tenero e illuminante, la visione più esaltante della Berlinale 2014, finalmente anche nelle sale italiane.
  • Archivio

    fuochi-dartificio-in-pieno-giornoFuochi d’artificio in pieno giorno

    di Orso d'Oro alla Berlinale 2014 e presentato in anteprima italiana al Far East di Udine, il film di Diao Yinan è un noir solido, affascinante, immerso nel substrato sociale ed economico della Cina contemporanea. Nelle sale con Movies Inspired.
  • In Sala

    güeros-cov932Güeros

    di L’esordio alla regia del regista teatrale messicano Alonso Ruizpalacios, presentato nella sezione Panorama alla Berlinale 2014 e nelle sale italiane a più di due anni di distanza. Un’opera prima che non lascia indifferenti.
  • In Sala

    Yves Saint Laurent (2014) di Jalil Lespert - Recensione - Quinlan.itYves Saint Laurent

    di Il biopic, firmato dall’attore Jalil Lespert per rendere omaggio al celebre stilista francese, ha aperto ufficialmente la sezione Panorama alla Berlinale.
  • Berlinale 2014

    the-second-game-cov932The Second Game

    di In The Second Game Corneliu Porumboiu rivede insieme al padre, all’epoca arbitro di serie A, il sentito derby Steaua-Dinamo del 1988, con il padre del regista in campo con la giacchetta nera. Nella sezione Forum alla Berlinale 2014.
  • Berlinale 2014

    Praia do Futuro (2014) di Karim Aïnouz - Recensione - Quinlan.itPraia do Futuro

    di L'acqua è l'elemento vitale di Donato e il mare è la sua casa. Quando due uomini vengono trascinati via da una pericolosa corrente, Donato riesce a salvare Konrad, un turista tedesco...
  • Berlinale 2014

    journey-to-the-west-cov932Journey to the West

    di Dopo aver annunciato il suo addio al cinema, Tsai Ming-liang regala al pubblico della Berlinale un diamante puro da conservare nella memoria. Nella sezione Panorama.
  • In sala

    The Monuments Men (2014) di George ClooneyMonuments Men

    di Alla sua quinta regia, George Clooney firma un romanzone bellico polifonico inneggiante al coraggio degli uomini e al valore dell'arte, con qualche sermone di troppo.
  • Berlinale 2014

    aimer-boire-et-chanter-cov932Aimer, boire et chanter

    di Alain Resnais mette in scena con la consueta classe una pièce di Alan Ayckbourn, illuminando la Berlinale 2014, dove è in corsa per l’Orso d’Oro.
  • Berlinale 2014

    Stratos (2014) di Yannis Economides - Recensione - Quinlan.itStratos

    di Il film di Economides sembra rincorrere senza successo il cinema à la Lanthimos, dilatando i tempi, imboccando la facile e spesso sterile strada dei silenzi, delle metafore, del sottaciuto.
  • Firenze 2014

    last-hijack-cov932Last Hijack

    di , Il documentario di Tommy Pallotta e Femke Wolting, che mescola anche elementi di finzione e segmenti animati, non riesce però a convincere. Nella sezione Panorama alla Berlinale 2014 e al Festival dei Popoli di Firenze.
  • In Sala

    stations-of-the-cross-cov932Kreuzweg – Le stazioni della fede

    di La grottesca e dolorosa vicenda di un’adolescente cresciuta seguendo i dettami del cattolicesimo tradizionalista. In concorso alla Berlinale 2014.
  • Berlinale 2014

    Beloved Sisters (2014) di Dominik Graf - Recensione - Quinlan.itBeloved Sisters

    di Dominik Graf racconta il triangolo amoroso che legò sul finire del Settecento il poeta Friedrich Schiller a due sorelle, Caroline e Charlotte. In concorso alla Berlinale 2014.
  • Torino 2014

    Historia del miedo (2014) di B. Naishtat - Recensione - Quinlan.itHistoria del miedo

    di L'opera prima del giovane argentino Benjamín Naishtat, Historia del miedo. Presentato in concorso alla sessantaquattresima edizione della Berlinale e selezionato al TFF 2014.
  • In Sala

    love-is-strange-cov932I toni dell’amore – Love Is Strange

    di L’amore sarà anche una cosa meravigliosa, ma per una coppia omosessuale di New York diventa un’odissea senza fine. Il film di Ira Sachs, nella sezione Panorama alla Berlinale 2014.
  • Berlinale 2014

    Loulou, l'incroyable secret (2013) di Omond - Recensione - Quinlan.itLoulou, l’incroyable secret

    di Presentato alla Berlinale, il film di Omond è l’ennesimo piccolo miracolo creativo della francese Prima Linea Productions.
  • In Sala

    71-cov932’71

    di A tredici anni dall’esordio al lungometraggio, Yann Demange torna dietro la macchina da presa per raccontare un giorno di ordinaria follia a Belfast.
  • FEFF 2014

    the-midnight-after-cov932The Midnight After

    di Il genio anarcoide di Fruit Chan si mette al servizio di una storia a metà tra horror e fantascienza, dimostrando una volta di più la sua salvifica follia. Al Far East di Udine.
  • Berlinale 2014

    jack-cov932Jack

    di Il ritratto di un bambino alla disperata ricerca della propria madre, in una Berlino accogliente e desolata, umana e fredda. In concorso alla Berlinale 2014.
  • Berlinale 2014

    Two Men in Town (2014) di Rachid Bouchareb - Recensione - Quinlan.itTwo Men in Town

    di In concorso alla Berlinale, il nuovo film “americano” di Rachid Bouchareb, con Brenda Blethyn, Forest Whitaker, Harvey Keitel e Luis Guzmán.
  • Berlinale 2014

    shadow-days-cov932Shadow Days

    di Zhao Dayong racconta in Shadow Days la Cina rurale, immobile nel tempo e ancora preda di superstizioni, in un film che sfiora in più di un’occasione il ridicolo involontario.
  • Berlinale 2014

    kumiko-the-treasure-hunter-cov932Kumiko, the Treasure Hunter

    di Il ritorno dei fratelli Zellner, con la storia tra il drammatico e il grottesco di una trentenne giapponese alla ricerca di un tesoro, e della propria vita.
  • Archivio

    Grand Budapest Hotel (2014) di Wes Anderson - Recensione - Quinlan.itGrand Budapest Hotel

    di Una sarabanda umana avventurosa quanto basta, ma che convince meno del solito. Il film di Wes Anderson aveva aperto la Berlinale e adesso esce nelle sale italiane con la 20th Century Fox.
  • Berlinale 2014

    berlinaleBerlinale 2014 – Presentazione

    Inizia oggi la Berlinale 2014, edizione 64 della kermesse germanica. Un'edizione all'insegna della tradizione, tra grandi maestri e scoperte.
  • Archivio

    american hustle,apparenza inganna,david o. russellAmerican Hustle – L’apparenza inganna

    di Un ineffabile truffatore, la moglie, l'amante, un generoso sindaco, un eccentrico agente dell'FBI. David O. Russell dirige un cast strepitoso: Christian Bale, Bradley Cooper, Jennifer Lawrence, Amy Adams, Jeremy Renner...
  • Torino 2013

    la ultima peliculaLa última película

    di , Splendido e anarchico ultimo film della storia del cinema (e primo di quello che verrà). Qui in collaborazione con il critico Mark Peranson, Raya Martin si conferma come uno dei più grandi cineasti a venire (o a morire?).
  • In Sala

    Il Sud è niente (2013) di Fabio Mollo - Recensione - Quinlan.itIl Sud è niente

    di Un coming-of-age movie ambientato nel profondo sud italiano: un racconto di denuncia e speranza che si è aggiudicato il Premio Camera d’oro Taodue per il Miglior produttore emergente di opera prima/seconda dell’ottava edizione del Festival del Film di Roma.
  • Archivio

    Snowpiercer (2013) di Bong Joon-ho - Recensione - Quinlan.itSnowpiercer

    di Una nuova era glaciale stermina tutti gli abitanti del pianeta a eccezione dei viaggiatori dello Snowpiercer, un treno ad alta velocità che fa il giro del mondo...
  • In sala

    the unknown knownThe Unknown Known

    di Un ritratto di Donald Rumsfeld, uno dei grandi architetti della guerra in Iraq, che entra in scena come scrittore/attore della propria vita leggendo una scelta dei suoi “fiocchi di neve”...
  • In sala

    felice-chi-e-diverso-2014-cov932Felice chi è diverso

    di Gianni Amelio indaga il mondo omosessuale italiano e il modo in cui è stato trattato dai media nel corso dei decenni.
  • Archivio

    Nymphomaniac: Volume I di Lars von Trier - Recensione - Quinlan.itNymphomaniac – Volume I

    di Il primo volume del dittico Nymphomaniac, ennesimo coup de théâtre dell'inarrestabile regista danese Lars von Trier. Presentato alla Berlinale e ora nelle sale italiane, distribuito dalla Good Films.
  • In Sala

    In grazia di Dio (2014) di Edoardo Winspeare - Recensione - Quinlan.itIn grazia di Dio

    di Dopo essere stato presentato alla Berlinale arriva in sala In grazia di Dio, ultimo (e poco convincente) parto creativo di Edoardo Winspeare.
  • Interviste

    diao yinan-foto-ricky-modenaIntervista a Diao Yinan

    Dopo l’Orso d’Oro alla Berlinale 2014, Fuochi d'artificio in pieno giorno di Diao Yinan è stato presentato in anteprima italiana al Far East. Abbiamo intervistato il regista per parlare del suo film ma anche dello stato delle cose nel sistema cinematografico cinese.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento