La chambre bleue

La chambre bleue

di

Mathieu Amalric dirige e interpreta il suo sesto film, La chambre bleue, adattando un romanzo di Simenon. Ottimi spunti, soprattutto nella prima parte, ma anche un esagerato manierismo, prendendo ora da Chabrol ora dall’ultimo Truffaut. Presentato a Cannes, nella sezione Un certain regard, e selezionato al Torino Film Festival 2014.

L’amour fou ai tempi del digitale

Julien Gahyde, incarcerato e interrogato per una inchiesta giudiziaria sulla morte della moglie, evoca la sua relazione adulterina con Esther, una amica d’infanzia che ha rincontrato casualmente. [sinossi]

Il tema dell’amour fou, del suo inevitabile sfociare in morte violenta (e con eventuali correlazioni giudiziarie) è un tema classico del cinema e della letteratura francesi, esemplificato al meglio – negli ultimi decenni – dallo struggente e meraviglioso La signora della porta accanto di François Truffaut o, al contrario, giocato attraverso una sapida ironia da Claude Chabrol anche in uno degli ultimi episodi della sua filmografia costituzionalmente anti-romantica (vale a dire La damigella d’onore, in cui l’amor fou diventava folle e solitaria ossessione della protagonista femminile). Ha deciso di muoversi su questo – pericoloso – crinale Mathieu Amalric con il suo nuovo film, La chambre bleue, da lui diretto e interpretato e presentato a Cannes 2014 nella sezione Un certain regard.

Partendo dal romanzo omonimo di George Simenon, pubblicato nel 1964, Amalric mette in scena una storia di tradimento e morte con al centro la figura di Julien Gahyde (da lui stesso interpretato), un po’ ebete e inconsapevole, un piccolo borghese affascinato e irretito dai modi eccessivi e violenti di una vecchia compagna di scuola con cui intrattiene clandestinamente una folle e appassionata relazione. Costruendo la narrazione attraverso un attento richiamo tra il passato e il presente, in cui il Julien interrogato dalla polizia rievoca i momenti di fremente eccitazione vissuti dal Julien amante fedifrago, il regista di Tournée sa costruire con raffinatezza un discorso sulle modalità per cui una storia d’amore si colora di volgarità e squallore nel momento in cui viene trasferita nelle cronache giudiziarie. Un approccio che riesce a restituire pienamente le atmosfere simenoniane di grigiore e meschinità dell’essere umano, come pure il suo understatement descrittivo e dialogico. Lo spunto però finisce per perdersi nei primi minuti del film e per normalizzarsi in una semplice storia di corna con delitto e in un caso da cronaca giudiziaria – anch’esso molto francese (da Landru in poi) – ma decisamente già visto.

E, soprattutto, nel confronto inevitabile con Truffaut e Chabrol (filtrato naturalmente attraverso Simenon, ma citato esplicitamente in un’inquadratura in cui un’auto attraversa una strada buia in piena notte, che è lo stilema chabroliano per eccellenza), Amalric cade nella maniera, nel déjà-vu sia pur ben costruito e fa pensare a un altro episodio recente della sua filmografia, L’illusion comique, in cui rimetteva pedissequamente in scena una pièce di Corneille trasferendola in ambiti contemporanei. Come La chambre bleue, L’illusion comique era tanto fedele al testo da risultare ossessivo e inerte, come se Amalric volesse fare un’edizione illustrata di un qualcosa che fino a quel momento viveva solo sulla carta. Allo stesso modo il nuovo film dell’attore e regista francese pesca in una tradizione consolidata e fortissima (quella per l’appunto dell’amor fou) e prova a metterla in scena senza riscriverla, quasi come un objet trouvé. A questo si aggiunge la scelta – simile a quella del precedente episodio corneilliano – di girare in low-budget con un digitale dai colori freddi e smorti che, pur utile a rendere più sordide le atmosfere, finisce però per apparire alla lunga un po’ grossolano.

Sembrano distantissimi perciò i risultati di Tournée, un film personale e nervoso, umorale e privato, quasi implicitamente autobiografico (l’apice della sua filmografia ad oggi), con cui Amalric era riuscito – impresa quasi improba – a ri-attualizzare e a replicare senza copiare il cinema di Cassavetes. Un film che giocava soprattutto sull’indefinibilità atmosferica, laddove invece in La chambre bleue l’indefinibilità – a parte alcuni momenti iniziali – viene praticamente solo dalle meccaniche narrative.

INFO
La chambre bleue sul sito del Festival di Cannes
La pagina dedicata a La chambre bleue su Wikipedia
Il trailer di La chambre bleue su Youtube
  • la-chambre-bleue-2014-Mathieu-Amalric-001.jpg
  • la-chambre-bleue-2014-Mathieu-Amalric-002.jpg
  • la-chambre-bleue-2014-Mathieu-Amalric-003.jpg
  • la-chambre-bleue-2014-Mathieu-Amalric-004.jpg
  • la-chambre-bleue-2014-Mathieu-Amalric-005.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Torino Film Festival 2014 - Minuto per minuto | Quinlan.itTorino 2014 – Minuto per minuto

    Eccoci nuovamente all'ombra della Mole per il Torino Film Festival 2014, all'inseguimento di opere prime (seconde e terze), documentari italiani e internazionali, retrospettive, omaggi, (ri)scoperte...
  • Festival

    torino-2014-film-festival-cov932Torino 2014

    Il Torino Film Festival 2014, dal 21 al 29 novembre. La trentaduesima edizione del festival sabaudo, tra esordi, New Hollywood, documentari e film di ricerca. Tutte le nostre recensioni.
  • Cannes 2014

    cannes-2014-minuto-per-minutoCannes 2014 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette accolti da un sole scintillante, arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Tra i giganti cinematografici del concorso, le nuove scoperte, la Quinzaine e la Semaine de la critique, ecco a voi il Festival de Cannes 2014!
  • Festival

    Festival di Cannes 2014 - 14/25 maggio - Presentazione | Quinlan.itFestival di Cannes 2014 – Presentazione

    La sessantasettesima edizione del Festival di Cannes, dal 14 al 25 maggio. Si apre con Grace di Monaco di Olivier Dahan, fuori concorso, e poi la consueta fiumana di pellicole in attesa della Palma d'Oro.
  • Festival

    cannes-2014-cov932Cannes 2014

    Come ogni anno a maggio la Croisette diventa il cuore pulsante del cinema: tutte le nostre recensioni e gli articoli da Cannes 2014.
  • Archivio

    tournee-2010-mathieu-amalricTournée

    di Il volto dell'impresario Joachim porta impresse su di sé mille storie. Viaggiando con un gruppo di bellissime spogliarelliste americane, tenta di fare ritorno sulle scene con un nuovo spettacolo di burlesque portandolo in giro per la Francia...
  • Cannes 2017

    Barbara-2017-mathieu-amalricBarbara

    di Mathieu Amalric cancella con sincero furore iconoclasta gli schematismi del biopic tradizionale con Barbara, sua nuova prova registica dedicata alla chansonneuse francese. In Un certain regard.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento