Locarno 2014

Locarno 2014

Come ogni anno, ad agosto il cinema invade il Canton Ticino: tutti i nostri articoli e le nostre recensioni da Locarno 2014.

È iniziato, prima ancora dell’inizio, con I predatori dell’arca perduta e I quattrocento colpi: due classici del cinema mondiale, riproposti in digitale sullo schermo della Piazza Grande. Il Festival Internazionale di Locarno può essere compreso e analizzato, a ben vedere, anche partendo e arrivando ai due eventi che hanno anticipato l’inizio della sessantasettesima edizione: dietro la visione del primo capitolo delle avventure di Indiana Jones e Antoine Doinel, vertici tra loro così (dis)simili della Hollywood rigenerata degli anni Settanta e della Nouvelle vague, si nasconde il senso di una kermesse che continua imperterrita per la sua strada, anno dopo anno, decennio dopo decennio, direttore dopo direttore. Rispetto alle miserie culturali italiane, in cui ogni singolo festival vive e respira solo a seconda dei ghiribizzi e dei voleri volatili dei politicanti di turno, di chi detiene il “potere”, Locarno appare come una certezza, un monolite dietro il quale trovare riparo dalle folate delle lotte intestine, delle guerre di logoramento condotte a distanza e spesso becere, palesamento di un imbarbarimento collettivo che è il primo segnale della decadenza di una democrazia sempre più traballante, insicura, affascinata da venti di egemonia.
Di fronte a questo squallido panorama in cui la piazza è stata sostituita da asettici salotti televisivi, il festival di Locarno rifulge, e non solo per la sua statuaria possanza acquisita nel corso del tempo: anche quest’anno il lavoro portato a termine da Carlo Chatrian e dai suoi collaboratori acquista un valore in più, certificando al di là di ogni dubbio un progetto che si muove in linea con la storia del festival senza per questo farvisi asservire o soggiogare.

Dai film che passeranno la sera in Piazza Grande ai titoli del concorso, dai “cineasti del presente” agli omaggi di cui il festival è storicamente disseminato, fino alla splendida retrospettiva dedicata alla Titanus: in poco meno di due settimane il Canton Ticino diventerà l’epicentro di un maestoso e incessante interscambio di idee, istanze, pratiche ed esperimenti tra loro distanti anni luce. In concorso Lav Diaz, autore imprescindibile della contemporaneità, sfiderà colleghi più o meno affermati, più o meno inquadrati, più o meno allineati: da Pedro Costa a Matias Piñeiro, da Eugène Green a Paul Vecchiali, da J.P. Sniadecki a Bonifacio Angius, che approda in concorso dopo aver stupito con la sua (per i più invisibile) opera prima, Sagràscia. [continua a leggere]

Info
Il sito di Locarno 2014.

Articoli correlati

  • Documentari

    silvered-water-syria-self-portrait-2014-cov932Silvered Water, Syria Self-Portrait

    di , Ossama Mohammed e Wiam Simav Bedirxan firmano una delle più sconvolgenti immersioni nell'inferno della guerra, mostrata, suggerita, subita, riflessa e analizzata. Un'opera di potenza annichilente, a Torino 2014.
  • Locarno 2014

    garrett-brown-locarno-2014Intervista a Garrett Brown

    A Locarno abbiamo avuto l'occasione di incontrare e intervistare Garrett Brown, l'inventore della steadicam, che il festival omaggiava con la proiezione di alcuni dei film per i quali ha lavorato, tra cui Shining.
  • Locarno 2014

    the-fool-durak-2014-cov932The Fool

    di Con uno sguardo al cinema di Balabanov e Zvyagintsev il regista Yury Bykov firma un ritratto pessimista della società russa, corrotta e dissipata. In concorso a Locarno 2014.
  • Locarno 2014

    geronimo-tony-gatlif-2014-cov932Geronimo

    di Tony Gatlif racconta le tensioni tra diversi gruppi etnici nel sud della Francia. Film di chiusura a Locarno 2014.
  • Locarno 2014

    alive-park-2014-cov932Alive

    di Il regista sudcoreano Park Jung-bum firma uno dei ritratti più accorati del proletariato visti di recente al cinema. In concorso a Locarno 2014.
  • Locarno 2014

    remake-remix-ripoff-2014-cov932Remake, Remix, RipOff

    di Il documentario diretto da Cem Kaya racconta, attraverso interviste e immagini di repertorio, l'universo del cinema popolare turco durante gli anni Settanta e Ottanta. A Locarno 2014.
  • Locarno 2014

    mueda-memoria-e-massacre-1979-cov932Mueda, Memória e Massacre

    di Il Festival di Locarno recupera, all'interno di Open Doors, il capolavoro di Ruy Guerra, universalmente riconosciuto come il primo film della storia del Mozambico. Un film imperdibile.
  • Torino 2014

    the-iron-ministry-jp-sniadecki-2014-cov932The Iron Ministry

    di Il regista statunitense J.P. Sniadecki documenta la vita quotidiana sui treni per il popolo cinese, tra distonie evidenti e riflessioni sulla più popolata nazione del mondo.
  • Locarno 2014

    nuits-blanches-sur-la-jetee-vecchiali-2014-cov932Nuits blanches sur la jetée

    di Il nuovo film di Paul Vecchiali è il canto notturno, dolce e dolente di un cinema d'altri tempi eppure allo stesso tempo moderno. In concorso a Locarno 2014.
  • Locarno 2014

    buzzard-joel-potrykus-2014-cov932Buzzard

    di Dopo Ape torna il folle cinema di Joel Potrykus con Buzzard, incursione nell'universo di un piccolo nerd dedito alle truffe. Nel concorso di Cineasti del Presente a Locarno 2014.
  • Torino 2014

    men-who-save-the-world-liew-2014-cov932Men Who Save the World

    di L'opera seconda del cineasta malese Liew Seng Tat delude le legittime aspettative, con un pamphlet fin troppo retorico e mal strutturato. In Cineasti del Presente a Locarno e al TFF 2014.
  • Prossimamente

    cavallo-denaro-2014-pedro-costa-cov932Cavallo denaro

    di Al cinema di spettri di Pedro Costa si aggiunge un nuovo capitolo, in cui l'ascetismo si lega alla riflessione politica sulla rivoluzione dei Garofani. In concorso a Locarno 2014.
  • Locarno 2014

    antigona-despierta-2014-02Antigona despierta

    di La regista argentina Lupe Perez García mette in scena la tragedia greca, lavorando allo stesso tempo sulla storia politica spagnola e sul documentario. Nella sezione Signs of Life al Festival di Locarno.
  • Locarno 2014

    cure-the-life-of-another-andrea-staka-2014-cov932Cure – The Life of Another

    di A distanza di otto anni dall'esordio Andrea Staka torna dietro la macchina da presa con un viaggio nella psiche di un'adolescente nella Dubrovnik del 1993. In concorso a Locarno 2014.
  • In Sala

    a-blast-2014-tzoumerkas-cov932A Blast

    di Il secondo lungometraggio del regista greco Syllas Tzoumerkas irrita senza scioccare, analizzando banalmente la crisi della propria nazione.
  • Torino 2014

    la-sapienza-2014-eugene-green-cov932La sapienza

    di Il cinema di Eugène Green si perpetua, eternamente uguale a se stesso. La conferma viene anche da La sapienza, il suo ultimo film presentato in concorso a Locarno e selezionato al TFF 2014.
  • Archivio

    perfidia-2014-bonifacio-angius-cov932Perfidia

    di L'opera seconda di Bonifacio Angius abbandona il surrealismo dell'esordio per descrivere la grigia realtà italiana contemporanea. In concorso al Festival di Locarno.
  • Locarno 2014

    com-os-punhos-cerrados-2014-cov932Com os Punhos Cerrados

    di , , Il cinema militante esiste ancora, almeno a giudicare dal film diretto da Pedro Diogenes insieme a Ricardo e Luiz Pretti, presentato a Locarno 2014 nella sezione Signs of Life. Un viaggio ostico ma affascinante nell'anarchismo.
  • Locarno 2014

    the-kingdom-and-the-beauty-li-han-hsiang-1958-cov932The Kingdom and the Beauty

    di All'interno dell'omaggio organizzato dal Festival di Locarno al regista honkonghese Li Han-hsiang spicca questo coraggioso e personale huangmei diao, i film-operetta concentrati su struggenti amori di corte.
  • Locarno 2014

    songs-from-the-north-2014-cov932Songs from the North

    di La regista sudcoreana Yoo Son-mi compie un viaggio nella Corea del Nord, per cercare di stabilire un contatto con il “nemico”. In concorso a Locarno 2014 nella sezione Cineasti del Presente.
  • Torino 2014

    la-creazione-di-significato-2014-cov932La creazione di significato

    di L'opera seconda di Simone Rapisarda Casanova racconta la memoria della Resistenza narrando la quotidianità di un uomo che vive isolato sulle Alpi Apuane.
  • Locarno 2014

    hold-your-breath-like-a-lover-2014-cov932Hold Your Breath Like a Lover

    di Opera seconda di Kohei Igarashi e saggio di diploma del corso di Arte dell'Università di Tokyo, un viaggio nelle solitudini e nelle distonie del Giappone del futuro prossimo.
  • Locarno 2014

    love-island-jasmila-zbanic-2014-cov932Love Island

    di Cambio di rotta piuttosto deciso nella carriera della regista bosniaca Jasmila Zbanic, con una commedia sentimentale che vorrebbe abbattere qualsiasi tabù. In Piazza Grande a Locarno 2014.
  • Locarno 2014

    il-sole-negli-occhi-1953-antonio-pietrangeli-titanus-cov932Il sole negli occhi

    di L'esordio alla regia di Antonio Pietrangeli, riscoperto grazie alla retrospettiva dedicata dal Festival di Locarno alla Titanus. Un gioiello di una modernità sorprendente.
  • Locarno 2014

    frere-et-soeur-2014-daniel-touati-cov932Frère et sœur

    di Con Frère et sœur il regista parigino Daniel Touati racconta il rapporto quotidiano tra un fratellino e una sorellina, figli di una pianista e a loro volta aspiranti musicisti. In Cineasti del Presente a Locarno 2014.
  • In sala

    lucy-luc-besson-2014-cov932Lucy

    di Il film di apertura di Locarno 2014 è la conferma del talento visivo di Luc Besson, ma anche delle carenze strutturali del suo cinema.
  • Locarno 2014

    from-what-is-before-lav-diaz-2014-cov932From What is Before

    di Lav Diaz torna a raccontare la travagliata storia delle Filippine, concentrando l'attenzione sulla dittatura di Marcos. In concorso a Locarno 2014.
  • Locarno 2014

    locarno-2014-presentazione-cov932Locarno 2014 – Presentazione

    La sessantasettesima edizione del festival del Canton Ticino ne conferma l'importanza cruciale come territorio di continua ricerca del nuovo e riscoperta del passato più o meno recente.
  • In Sala

    The Tribe (2014) di Myroslav Slaboshpytskiy - Recensione | Quinlan.itThe Tribe

    di Il vincitore della Semaine de la Critique, opera prima dell'ucraino Myroslav Slaboshpytskiy. Piani sequenza e lingua dei segni per una pellicola che ragiona lucidamente sul linguaggio cinematografico e sulla condizione dei sordi in Ucraina.
  • In Sala

    Sils Maria (2014) di Olivier Assayas - Recensione | Quinlan.itSils Maria

    di Olivier Assayas in Sils Maria racconta la crisi di un’attrice di mezza età costretta a tornare a ragionare sulla pièce con cui esordì da adolescente. In concorso a Cannes 2014.
  • In Sala

    adieu-au-langage-jean-luc-godard-cov932Adieu au langage

    di Il cinema di Jean-Luc Godard è sempre proteso in avanti e contemporaneamente ancorato a ciò che fu, e Adieu au langage non fa che confermarlo. Dolorosamente impossibile trovare un altro regista in grado di lavorare come lui sul senso della visione.
  • Archivio

    fuochi-dartificio-in-pieno-giornoFuochi d’artificio in pieno giorno

    di Orso d'Oro alla Berlinale 2014 e presentato in anteprima italiana al Far East di Udine, il film di Diao Yinan è un noir solido, affascinante, immerso nel substrato sociale ed economico della Cina contemporanea. Nelle sale con Movies Inspired.
  • Archivio

    Venere in pelliccia (2013) di Roman Polanski - Recensione - Quinlan.itVenere in pelliccia

    di Solo in un teatro parigino, Thomas si lamenta della pietosa performance dei candidati. Nessuna ha l'espressività richiesta per il ruolo principale e il regista si prepara ad andarsene quando irrompe Vanda, vera e propria tempesta di energia...
  • AltreVisioni

    GoldGold

    di Canada, estate 1898. Un gruppo di coloni tedeschi partono da Ashcroft, ultima fermata della ferrovia, con armi e bagagli per seguire l'uomo d'affari Wilhelm Laser e il suo progetto di arricchirsi grazie all'oro presente nelle vaste terre in gran parte inesplorate e selvagge...
  • AltreVisioni

    Centro-histórico-recensioneCentro histórico

    di , , , Con la firma di quattro grandi registi (Aki Kaurismäki, Pedro Costa, Víctor Erice e Manoel de Oliveira) si delinea in Centro histórico un ritratto multiforme dell'uomo e del suo rapporto con lo scorrere del tempo, con le sue rivoluzioni, le sue conquiste, le sue piccole e grandi battaglie quotidiane.
  • Venezia 2008

    les-plages-dagnes-2008-cov932Les Plages d’Agnès

    di Dal fuori concorso di Venezia 65, l'ultimo parto creativo di Agnès Varda, un viaggio nella propria memoria cinefila, affettiva, storica. Una gemma pura.
  • Locarno 2014

    gyeongju-2014-cov932Gyeongju

    di Gyeongju è una delle più popolari mete turistiche sudcoreane. Qui arriva il protagonista del film di Zhang Lu, presentato in concorso a Locarno.
  • Locarno 2014

    navajazo-ricardo-silva-2014-cov932Navajazo

    di Il vincitore di Cineasti del Presente a Locarno 2014: un'opera acuta, spiazzante, forse fin troppo ammiccante, diretta da Ricardo Silva.
  • Locarno 2014

    a-fresh-start-sae-chul-bal-2014-cov932A Fresh Start

    di L'esordio al lungometraggio di Jang Woo-jin, una delle scoperte più liete del Festival di Locarno, dove concorreva nella sezione Cineasti del Presente.
  • Locarno 2014

    fidelio-lodyssee-dalice-cov932Fidelio, l’Odyssée d’Alice

    di Il film con cui Ariane Labed ha vinto come migliore interprete femminile a Locarno 2014. Un dramma marittimo con poco da dire...
  • In sala

    kommunisten-jean-marie-straub-2014-cov932Kommunisten

    di Il nuovo viaggio di Straub nel Novecento, ma non solo: partendo da Malraux, si aggira per declamazioni, letture, voci recitanti, mescolando tutto e donando sempre il fianco a una nuova interpretazione. Un’opera che non ha paura a definirsi intellettuale.
  • Cannes 2016

    le-cancre-2016-paul-vecchiali-cov932Le Cancre

    di A 86 anni per la prima volta Paul Vecchiali viene selezionato al Festival di Cannes. Le Cancre è l'occasione per incontrare di nuovo il suo cinema, boccata d'aria per cervello e cuore.
  • El Sicario – Room 164

    di

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento