Birdman (o L’imprevedibile virtù dell’ignoranza)

Birdman (o L’imprevedibile virtù dell’ignoranza)

di

Film di apertura della Mostra del Cinema di Venezia 2014 e da oggi nelle sale, Birdman snocciola tutta la grandeur autoriale di Iñárritu, aggrappandosi alle performance sopra le righe di Michael Keaton, Edward Norton ed Emma Stone.

Io (non) sono Batman

Birdman or (the Unexpected Virtue of Ignorance) è una black comedy ambientata a New York che racconta la storia di un attore in declino – famoso per aver in passato interpretato un mitico supereroe – alle prese con le difficoltà e gli imprevisti della messa in scena di uno spettacolo a Broadway che dovrebbe rilanciarne il successo. Nei giorni che precedono la sera della prima, deve fare i conti con un ego irriducibile e gli sforzi per salvare la sua famiglia, la carriera e se stesso… [sinossi]

L’unità di tempo e di luogo di Birdman (o L’imprevedibile virtù dell’ignoranza), enfatizzata dal gioco a incastro dei piani sequenza, porta con sé lo stesso retrogusto delle frammentazioni narrative/geografiche/temporali delle opere precedenti di Alejandro González Iñárritu. Dal meccanismo metacinematografico e metateatrale emerge ancora una volta tutto l’artificio della poetica di Iñárritu, regista forzatamente autoriale, teso costantemente alla ricerca di qualcosa di stupefacente, di altro.  La vita non sgorga dalle immagini di Babel, 21 grammi o Birdman, nonostante l’apparente vitalità degli script e lo spessore delle performance attoriali. Nemico giurato del lavoro di sottrazione, Iñárritu carica la sua nuova pellicola, scelta come apertura della Mostra del Cinema di Venezia 2014, di qualsiasi possibile sovrastruttura: il lavoro e la vita dell’attore, Hollywood e Broadway, l’improvvisazione e la sua simulazione, il processo artistico e la sua analisi (o la sua nemesi) e via discorrendo.

Si teorizza parecchio, dalla dannazione e salvezza dei blockbuster e dei superhero movie, con la sovrapposizione Batman/Birdman, a una colonna sonora extradiegetica e poi diegetica – quei corridoi, quei piani sequenza, quella dannata frenesia del tutto e di più. Birdman si adagia volontariamente su un accumulo di cliché, ponte ipotetico per uno sfrenato realismo: vita/teatro/cinema consumati come una sniffata di coca, in un labirinto di corridoi che ingigantiscono il dietro le quinte. È la frenesia una delle parole chiave di Birdman: non solo i ritmi sovraeccitati, borderline, della ex-stella Riggan Thomson, in un fecondo intreccio tra la finzione cinematografica e la reale carriera di Michael Keaton [1], ma qualsiasi personaggio, ogni singola sequenza, anche il più insignificante dei contatti umani. Una costruzione che vorrebbe essere sagace e spettacolare – e almeno nella prima ora sembra girare nel verso giusto – ma che si ripiega su se stessa quando narrazione e macchina da presa escono dal microcosmo del teatro (il  St. James Theater di New York, luogo idealmente agli antipodi degli Studios hollywoodiani) e dal labirinto dei claustrofobici piani sequenza. L’architettura visiva e narrativa elaborata da Iñárritu è infatti tenuta in piedi soprattutto dai frizzanti confronti tra Keaton ed Edward Norton e tra lo stesso Norton ed Emma Stone. Attori a confronto, più che personaggi.

Birdman snocciola tutta la grandeur autoriale di Iñárritu, saltabeccando da Raymond Carver all’onnipresente e invasivo jazz, dal declino fisico dell’ex-divo sessantenne alla critica di grido cinica e cattiva, aggrappandosi alle performance sopra le righe di Keaton, Norton e Stone – ad Andrea Riseborough e Naomi Watts poche briciole e una sequenza saffica che, per coerenza con l’abuso di luoghi comuni, non poteva mancare. Il confronto a breve distanza con il delizioso, leggiadro e raffinato She’s Funny That Way di Peter Bogdanovich chiarisce ancor più l’inutilità delle sovrastrutture autorial-spettacolari del cineasta messicano. Una distanza siderale.

NOTE
1. Che piacere rivedere Michael Keaton sotto le luci dei riflettori, in una pellicola da prima pagina, da copertina. Dobbiamo tornare agli anni Novanta per ritrovarlo protagonista di produzioni commercialmente e/o artisticamente ambiziose.
INFO
La scheda di Birdman sul sito della Mostra del Cinema di Venezia.
Il trailer di Birdman.
  • Birdman-2014-Alejandro-Gonzalez-Inarritu-02.jpg
  • Birdman-2014-Alejandro-Gonzalez-Inarritu-03.jpg
  • Birdman-2014-Alejandro-Gonzalez-Inarritu-04.jpg
  • Birdman-2014-Alejandro-Gonzalez-Inarritu-05.jpg
  • Birdman-2014-Alejandro-Gonzalez-Inarritu-06.jpg
  • Birdman-2014-Alejandro-Gonzalez-Inarritu-07.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    venezia-2014-cov932Venezia 2014

    Per due settimane, a cavallo di settembre, il Lido si popola di film, registi e attori: tutte le nostre recensioni e gli articoli da Venezia 2014.
  • Venezia 2014

    Mostra del Cinema di Venezia 2014 - Minuto per minuto | Quinlan.itVenezia 2014 – Minuto per minuto

    La terza edizione del Barbera-bis: annotazioni sparse sui film, sulle ovazioni e i fischi, sulle tendenze, le voci, le piccole e grandi polemiche...
  • Archivio

    il-cavaliere-oscuro-2008-christopher-nolanIl cavaliere oscuro

    di Un film che rappresenta uno dei connubi più riusciti negli ultimi anni tra spirito autoriale ed esigenze mainstream, capace di evitare compromessi sia con l'aspetto più direttamente introspettivo della vicenda che con quello spettacolare...
  • Archivio

    X-men-giorni-di-un-futuro-passato-recensioneX-Men: Giorni di un futuro passato

    di Terzo capitolo sugli X-Men diretto da Bryan Singer: un contorto e sostanzialmente riuscito gioco autocitazionista, un sequel di prequel spezzato in due tra il passato (gli anni '70) e il futuro (l'apocalisse).
  • Archivio

    wolverine-l-immortale-recensioneWolverine – L’immortale

    di Seguito di X-Men - Le origini: Wolverine, questo secondo capitolo è una poco emozionante lotta per la sopravvivenza di un pesce fuor d’acqua in una terra ostile, combattuta a colpi di artigli, spade e arti marziali.
  • In sala

    LA_RANCON_DE_LA_GLOIREIl prezzo della gloria

    di Un po' a sorpresa Xavier Beauvois si presenta in concorso a Venezia con una commedia che rievoca un tragicomico episodio legato alla morte di Charlie Chaplin. Ricordo e omaggio al contempo, gradevole e divertente, ma anche molto superficiale e accademico. Con un mielato Benoit Poelvoorde. Dal 5 novembre in sala.
  • In sala

    revenant-redivivo-recensioneRevenant – Redivivo

    di Ammaliante e squilibrato, vetrina per le doti di Iñarritu e per quelle di DiCaprio e Hardy, Revenant - Redivivo mostra qualche elemento di evoluzione nella poetica del suo autore, pur confermandone peculiarità e limiti.
  • Interviste

    jerzy-skolimowski-intervistaIntervista a Jerzy Skolimowski

    Jerzy Skolimowski, arrivato a 23 film e a 77 anni, ha sorpreso ancora una volta alla Mostra del Cinema di Venezia con il suo 11 Minutes, straordinaria riflessione sul contemporaneo. Il film gira ancora per i festival, da Trieste a Rotterdam, proprio in questi giorni. Abbiamo chiacchierato con il regista polacco a Venezia.

1 Commento

  1. Pablus 29/08/2014
    Rispondi

    Bell’ articolo.
    Nell’attesa recupero il film di Bogdanovich 🙂

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento