Guardiani della Galassia

Guardiani della Galassia

di

Gunn orchestra una banda di eroi perdenti, mortificati, disadattati, delinquenti. Il tutto, fortunatamente, con ampie dosi di ironia e di follia. Senza patria e famiglia, senza amici, senza una fissa dimora, i protagonisti di Guardiani della Galassia liberano gli eroi marveliani dal giogo della dimensione superomistica, come se il sangue nobile di Thor fosse stato contaminato dalle scorie della Troma. L’incontro tra il figlioccio di Lloyd Kaufman e i tanti danari della Casa del Topo amplia gli orizzonti dell’universo marveliano, rendendolo potenzialmente infinito e riempiendolo di esseri strani, buffi, persino mostruosi. Noi siamo Groot…

La rivincita dei nerds

L’audace esploratore Peter Quill è inseguito dai cacciatori di taglie per aver rubato una misteriosa sfera ambita da Ronan, un essere malvagio la cui sfrenata ambizione minaccia l’intero universo. Per sfuggire all’ostinato Ronan, Quill è costretto a una scomoda alleanza con quattro improbabili personaggi: Rocket, un procione armato; Groot, un umanoide dalle sembianze di un albero; la letale ed enigmatica Gamora e il vendicativo Drax il Distruttore. Ma quando Quill scopre il vero potere della sfera e la minaccia che costituisce per il cosmo, farà di tutto per guidare questa squadra improvvisata in un’ultima e disperata battaglia per salvare il destino della galassia… [sinossi]
I can’t stop this feeling
Deep inside of me
Girl, you just don’t realize
What you do to me…
Blue Swede – Hooked on a Feeling

No, i nerd(s) non sono i protagonisti di Guardiani della Galassia. Al limite sono loser. I nerd siamo noi, così visceralmente incatenati a un immaginario sfavillante, pop, citazionista, in perenne bilico tra anni Settanta e Ottanta. I nerd che si compiacciono della spudorata e piaciona playlist che arricchisce la colonna sonora, un po’ diegetica e un po’ extradiegetica; della citazione di Footlose; del walkman come centro gravitazionale emotivo; dell’ascesa di Chris Pratt, aka Bright Abbott ai tempi della deliziosa serie televisiva Everwood; del tono scanzonato e dei frangenti drammatici, sorprendentemente commoventi, un po’ come se si replicassero le dinamiche de Il gigante di ferro di Brad Bird o di Ralph Spaccatutto di Rich Moore. Perché, come detto, noi siamo Groot.
Insomma, Guardiani della Galassia è una sorta di rivincita, in primis per il talentuoso e sagace James Gunn (Super, Slither), capace di passare dai pochi spiccioli di Tromeo and Juliet a un blockbuster targato Marvel da centosettanta milioni di dollari. Ed è la rivincita dei supereroi di seconda (o terza, o quarta…) fascia, protagonisti di un comic book apparentemente senza troppe speranze – un procione geneticamente modificato cacciatore di taglie? Ed è, infine, una rivincita o quantomeno una boccata d’ossigeno a pieni polmoni per i fan di Guerre Stellari e della trilogia originale, per i nostalgici di Han Solo. Perché Guardiani della Galassia, che si apre con una sequenza che riecheggia I predatori dell’arca perduta e che alla fantascienza aggiunge forti dosi di fantasy, ci regala un degno erede di Solo: lo spaccone Star-Lord/Peter Quill, ragazzone e leader dal cuore d’oro e dalla irresistibile faccia da schiaffi. Senza contare il maleficio pelvico.

Gunn orchestra una banda di eroi perdenti, mortificati, disadattati, delinquenti. Il tutto, fortunatamente, con ampie dosi di ironia e di follia. Senza patria e famiglia, senza amici, senza una fissa dimora, i protagonisti di Guardiani della Galassia liberano gli eroi marveliani dal giogo della dimensione superomistica, come se il sangue nobile di Thor fosse stato contaminato dalle scorie della Troma. L’incontro tra il figlioccio di Lloyd Kaufman e i tanti danari della Casa del Topo amplia gli orizzonti dell’universo marveliano, rendendolo potenzialmente infinito e riempiendolo di esseri strani, buffi, persino mostruosi. Sulle note di Hooked on a Feeling dei Blue Swede, I Want You Back dei Jackson Five e Ain’t No Mountain High Enough di Marvin Gaye e Tammi Terrell si consuma una piccola rivoluzione mainstream, capeggiata da eroi dalla pelle colorata o coperta di peli, fatti di carne o legno, cresciuti in un mondo di rottami, di guerre antiche, di vendette agognate, di pianeti rasi al suolo.
Knowhere come Tromaville. Xandar come Epcot, l’utopica città del futuro creata dalla Disney. Groot come Chewbecca. È proprio venuto il tempo di spaccare ossa, di ballare, di sparare all’impazzata, di sfidare la forza di gravità, di vivere e morire, di ascoltare Marvin Gaye e i Blue Swede. Teniamoci stretti Peter Quill, Rocket, Groot, Drax e Gamora. Ooga-Chaka Ooga-Chaka Ooga-Chaka Ooga-Chaka Ooga-Chaka…

Guardiani della Galassia conferma l’inarrestabile espansione del Marvel Cinematic Universe, giunto alla fase due con Iron Man 3 e capace di racimolare centinai e centinai di milioni di dollari in poche settimane [1]. Sempre più ambiziosi, costosissimi, i progetti della Marvel cercano nuova linfa tra cineasti di talento e personalità, reclutando registi un tempo insospettabili come Gunn o Derrickson. Una scelta giusta, lungimirante, ma che sembra solo rimandare un possibile tracollo da overdose spettatoriale. Sempre che non ci si fermi prima. Difficile, molto difficile. Intanto mettiamoci in fila per Guardiani della Galassia 2, al resto penseremo dopo…

Note
1. Nella fase uno del Marvel Cinematic Universe, inaugurata nel 2008 con Iron Man di Jon Favreau, rientrano L’incredibile Hulk di Louis Leterrier, Iron Man 2 di Favreau, Thor di Kenneth Branagh, Captain America – Il primo Vendicatore di Joe Johnston e The Avengers di Joss Whedon. Le pellicole della fase due sono Iron Man 3 di Shane Black, Thor: The Dark World di Alan Taylor, Captain America: The Winter Soldier di Anthony e Joe Russo, Guardiani della Galassia e Avengers: Age of Ultron di Whedon. I titoli, già ampiamente annunciati, della fase tre saranno Ant-Man di Peyton Reed, Captain America 3 dei fratelli Russo, Doctor Strange di Scott Derrickson e Guardians of the Galaxy 2 di Gunn.
Info
Il trailer di Guardiani della Galassia.
Guardiani della Galassia su facebook.
Il sito ufficiale di Guardiani della Galassia.
Guardiani della Galassia sul sito di Alice nella città.
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-01.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-02.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-03.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-04.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-05.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-06.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-07.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-08.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-09.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-10.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-11.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-12.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-13.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-14.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-15.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-16.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-17.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-18.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-19.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-20.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-21.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-22.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-23.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-24.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-25.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-26.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-27.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-28.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-29.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-30.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-31.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-32.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-33.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-34.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-35.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-36.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-37.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-38.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-39.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-40.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-41.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-42.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-43.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-44.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-45.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-46.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-47.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-48.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-49.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-50.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-51.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-52.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-53.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-54.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-55.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-56.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-57.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-58.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-59.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-60.jpg
  • guardiani-della-galassia-2014-james-gunn-61.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Captain America - The Winter Soldier (2014) - Recensione - Quinlan.itCaptain America – The Winter Soldier

    di , Torna il super-milite a stelle e strisce geneticamente modificato con Captain America - The Winter Soldier di Anthony e Joe Russo. E questa volta è decisamente più convincente.
  • Archivio

    thor - the dark worldThor: The Dark World

    di Più combattimenti, più romance, più humour. Queste sono le linee guida di Thor: The Dark World. Tutto corverge verso un nuovo obiettivo: un target più infantile.
  • Archivio

    Iron-Man-3-2012-shane-blackIron Man 3

    di In Iron Man 3 di Shane Black torna il personaggio di punta dell’universo Marvel e va in scena l’inevitabile crisi esistenziale del supereroe.
  • Archivio

    The Avengers (2012) di Joss Whedon - Recensione - Quinlan.itThe Avengers

    di Non riescono a diventare una vera squadra, ma nei duetti tra di loro i Vendicatori fanno faville. In ogni caso Joss Whedon firma il migliore, ad oggi, dei cinecomics Marvel.
  • Archivio

    Captain America: il primo vendicatore (2011) - Recensione - Quinlan.itCaptain America: il primo vendicatore

    di Il soldato perfetto e mutante, il difensore degli oppressi contro la barbarie nazista lancia il suo scudo in direzione dello spettatore, ma mantiene intatta tutta la sua ingenua retorica militarista.
  • Archivio

    Thor (2011) di Kenneth Branagh - Recensione | Quinlan.itThor

    di Il selvaggio guerriero Thor viene inviato sulla Terra sotto mentite spoglie a causa del suo carattere ribelle. Qui apprenderà il significato del vero eroismo quando dovrà proteggere il pianeta dal feroce nemico Loki...
  • Archivio

    Super (2010) di James Gunn - Recensione | Quinlan.itSuper – Attento crimine!!!

    di Quando la moglie ex tossicodipendente lo lascia per uno spacciatore, Frank non sa come affrontare la situazione fino a quando non gli viene un'illuminazione: vestirà i panni di un supereroe chiamato Crimson Bolt...
  • Archivio

    ant-man-2015-peyton-reedAnt-Man

    di Ant-Man si configura come parentesi più lieve e giocosa all'interno del Marvel Cinematic Universe: malgrado alcuni evidenti limiti narrativi, il film di Peyton Reed porta a casa il risultato senza grossi affanni.
  • Festival

    Roma 2014: recensioni, interviste, notizie... | Quinlan.itRoma 2014

    Il Festival del Film di Roma 2014, dal 16 al 25 ottobre, giunto alla nona edizione, l’ultima (forse) diretta da Marco Müller. Si torna all’idea di Festa, in attesa di capire cosa proporrà il futuro…
  • Archivio

    Interstellar (2014) di Christopher Nolan - Recensione | Quinlan.itInterstellar

    di Interstellar declina le teorie di Thorne in chiave umanista e sentimentale, mettendo in scena un futuro prossimo intriso di doloroso realismo. La conferma delle dimensioni gargantuesche dell'immaginario di Christopher Nolan.
  • Animazione

    Big Hero 6 (2014) D. Hall, C. Williams - Recensione | Quinlan.itBig Hero 6

    di , Destinato a radere al suolo il box office, Big Hero 6 mette in mostra ragguardevoli caratteristiche tecnico-artistiche e avvincenti sequenze action. Divertente, a tratti commovente, il 50° classico della Disney sacrifica però lo sviluppo narrativo...
  • Archivio

    Avengers: Age of Ultron (2015) Recensione | Quinlan.itAvengers: Age of Ultron

    di Faraonico nel budget e nel dispiegamento di attori da box office, Age of Ultron si pone perfettamente nel mezzo del Marvel Cinematic Universe: una pellicola di passaggio, produttivamente e visivamente ambiziosa, ma costretta a forzare snodi narrativi e a sacrificare personaggi.
  • Archivio

    deadpool-2016-Tim-Miller-recensioneDeadpool

    di Nel suo approdo sullo schermo, l'antieroe Marvel non tradisce le sue caratteristiche di base: ma il Deadpool cinematografico si affida troppo, in modo quasi esclusivo, ai tratti autoironici e politically incorrect del soggetto.
  • Archivio

    Lanterna-VerdeLanterna verde

    di In un universo tanto vasto quanto misterioso, esiste da secoli una élite di forze potenti. Si chiama il Corpo delle Lanterne Verdi. Il suo compito è di proteggere la pace e la giustizia nel cosmo. I suoi membri sono guerrieri che hanno giurato di mantenere l'ordine intergalattico...
  • Archivio

    Batman-v-Superman-Dawn-of-JusticeBatman v Superman: Dawn of Justice

    di Snyder contrappone i cromatismi e la tutina di Superman alla pesante e ultra-tecnologica armatura di Batman. La fatica e il dolore di Wayne agli inarrivabili poteri kryptoniani. Una sfida impari tra umano e divino, tra chi risale a fatica dall'Inferno e chi è sceso da un ipotetico Paradiso.
  • In sala

    captain-america-civil-war-2016-anthony-russo-joe-russoCaptain America: Civil War

    di , È un’opera collettiva, Captain America: Civil War, film che inaugura la fase tre dell’universo Marvel: un nuovo tassello che conferma tanto il gigantismo quanto i limiti narrativi dei più recenti prodotti dello studio americano.
  • In Sala

    doctor-strangeDoctor Strange

    di Secondo tassello della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Doctor Strange conferma pregi e difetti di un franchise che sta colonizzando, se non cannibalizzando, l'immaginario spettatoriale e tutti i media possibili.
  • Archivio

    l-incredibile-hulk-2008-louis-leterrierL’incredibile Hulk

    di Con la regia di Louis Leterrier ed Edward Norton nel ruolo del protagonista, torna il mutante verde della Marvel e questa volta è proprio “incredibile”.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento