Bif&st 2015

Bif&st 2015

È Fritz Lang la vera star del Bif&st 2015, il Bari International Film Festival, in programma da sabato 21 a sabato 28 marzo. E poi il cinema italiano, le anteprime internazionali, i documentari…

Metropolis (1927), M – Il mostro di Düsseldorf (1931), Furia (1936), Anche i boia muoiono (1943): il Bif&st 2015 poggia le proprie fondamenta sulla retrospettiva dedicata a Fritz Lang, curata da Felice Laudadio e dallo storico del cinema Carlo di Carlo con la collaborazione della Cineteca Nazionale e della Cineteca di Bologna. I film tedeschi e statunitensi di Lang, accompagnati da otto pellicole ispirati a/da Metropolis e firmate da registi del calibro di Jean-Luc Godard, George Lucas, Ridley Scott e James Cameron, sono un festival nel festival, l’indispensabile immersione nella Storia del Cinema che affianca lo sguardo sulle opere contemporanee, l’ampia rassegna dei titoli italiani, la sezione delle anteprime internazionali, il tributo a Francesco Rosi, a Edgar Reitz, a Ettore Scola… E così al Bif&st 2015 si può passare da Il prigioniero del terrore a Anime nere di Francesco Munzi, da Quattro intorno a una donna a torneranno i prati di Ermanno Olmi, da Le mani sulle città di Francesco Rosi a Index zero di Lorenzo Sportello, da Anni di piombo di Margarethe von Trotta a La zuppa del demonio, ottimo documentario firmato da Davide Ferrario. Tra i film in anteprima e di prossima uscita nelle sale, citiamo quantomeno Humandroid di Neill Blomkamp, Ex Machina di Alex Garland, Le dernier loup di Jean-Jacques Annaud e la commedia italiana Ho ucciso Napoleone di Giorgia Farina. Da segnalare, tra i tanti appuntamenti del Bif&st 2015, le master class di Alan Parker, Jean-Jacques Annaud, Costa-Gavras, Ettore Scola, Andrzej Wajda, Edgar Reitz, Margarethe von Trotta e Nanni Moretti.

INFO
Il sito ufficiale Bif&st 2015.
Bif&st 2015: il programma.
Bif&st 2015: il Festival Fritz Lang.

Articoli correlati

  • In sala

    Humandroid (2015) Neill Blomkamp - Recensione | Quinlan.itHumandroid

    di Dopo il futuro distopico di Elysium, Blomkamp torna con Humandroid a temi e luoghi più consoni alla sua science fiction futuribile, sociopolitica e intrisa di un più che apprezzabile (neo)realismo grafico e visivo. Presentato in anteprima al Bif&est 2015.
  • Bif&st 2015

    quattro-intorno-a-una-donna-vier-um-die-frau-1921-fritz-lang-cov932Quattro intorno a una donna

    di Ritenuto perduto fino al 1986, Vier um die Frau (Quattro intorno a una donna) è un dramma dalla trama contorta e prossima al "film nero". Un esperimento ancora acerbo, ma che segnala già alcuni dei temi portanti del cinema di Fritz Lang. Al Bif&st 2015.
  • In sala

    l'ultimo-lupo-recensioneL’ultimo lupo

    di Jean-Jacques Annaud rispolvera il cinema che l’ha reso celebre, ma L’ultimo lupo non risolve i dissidi interni tra spettacolarità e spiritualismo, tra messaggi politico-ecologisti e “sfruttamento” ludico dell’animale protagonista della vicenda.
  • Archivio

    Ho-ucciso-napoleone-recensioneHo ucciso Napoleone

    di Dopo il promettente Amiche da morire, Giorgia Farina si conferma regista da tenere d'occhio grazie a Ho ucciso Napoleone, commedia nera che si regge su una articolata narrazione e su un cast di attori capaci di abbandonare i loro cliché recitativi.
  • Archivio

    noi-e-la-giuliaNoi e la Giulia

    di Con il suo terzo film da regista, Noi e la Giulia, Edoardo Leo semina qualunquismo e raccoglie disastri: registici, narrativi e recitativi.
  • In sala

    vergine-giurata-recensioneVergine giurata

    di Esordio nel lungometraggio di Laura Bispuri, Vergine giurata è stato presentato in concorso alla 65esima edizione della Berlinale. Un film irrisolto e vacuo, limitato da una esasperante sequela di flashback e incapace di costruire situazioni e personaggi davvero significativi.
  • Archivio

    il-nome-del-figlio-2015-cov932Il nome del figlio

    di Tornata alla regia dopo cinque anni, Francesca Archibugi trae con spunto da una recente e fortunata commedia francese, riadattandone il soggetto, senza grossi affanni, al contesto sociale (e cinematografico) nostrano.
  • DVD

    le mani sulla città recensioneLe mani sulla città

    di Per Mustang Entertainment e CG Home Video esce in dvd per la prima volta in Italia Le mani sulla città, uno dei film più acclamati e significativi di Francesco Rosi. Capolavoro del nostro cinema, tra film-inchiesta, elegante commistione di generi e tragedia nazionale.
  • In sala

    il-ragazzo-invisibile-gabriele-salvatores-2014-cov932Il ragazzo invisibile

    di Gabriele Salvatores sperimenta anche in Italia il cinema di supereroi: il risultato è a tratti interessante ma goffo, rovinato da uno script inadatto a un progetto di questo tipo.
  • In Sala

    smokings-recensioneSmoKings

    di Presentato nella sezione Panorama al Festival dei Popoli, SmoKings racconta la storia incredibile di due fratelli piemontesi che hanno osato sfidare le multinazionali del tabacco aprendo una fabbrica di sigarette a Settimo Torinese.
  • In sala

    torneranno i prati di Ermanno Olmi - Recensione | Quinlan.ittorneranno i prati

    di Olmi torna al cinema con un film amaro e ipnotico contro la guerra: torneranno i prati, ovvero il racconto della vanità del tutto e dell'inevitabile svanire di ogni cosa, a partire dall'uomo.
  • Roma 2014

    index-zero-2014-lorenzo-sportielloIndex Zero

    di Fantascienza distopica made in Italy, con scenari post-apocalittici e cast internazionale, Index Zero di Lorenzo Sportiello è stata una delle scoperte più interessanti del Festival di Roma 2014.
  • Roma 2014

    Biagio (2014) di Pasquale Scimeca - Recensione | Quinlan.itBiagio

    di Pasquale Scimeca racconta la storia di Biagio Conte, fondatore venticinque anni fa della Missione Speranza e Carità: l'incedere del film però è fitto di insidie e il risultato non sempre totalmente convincente.
  • Roma 2014

    la foresta di ghiaccio recensioneLa foresta di ghiaccio

    di Un thriller ad alta quota tanto stratificato nell’intreccio da non riuscire a sbrogliare la matassa mystery che la sorregge. Accumula tensione ma ne perde il controllo. L’opera seconda di Claudio Noce, La foresta di ghiaccio, in concorso nella sezione Cinema d’Oggi al Festival di Roma 2014.
  • Archivio

    Fino a qui tutto bene recensioneFino a qui tutto bene

    di Commedia esistenziale auto-prodotta, libera e libertaria: Roan Johnson con Fino a qui tutto bene realizza un film privo di autocensure e pieno di sincera vitalità, come raramente si vede nel nostro cinema. In Prospettive Italia al Festival di Roma.
  • Roma 2014

    Last summer recensioneLast Summer

    di Un’opera prima che viaggia su una flebile trama mistery, incastonata in un Kammerspiel marinaresco che imbarca acqua. Tutto questo è Last Summer di Leonardo Guerra Seràgnoli. Al Festival di Roma nella sezione Prospettive Italia.
  • Roma 2014

    buoni-a-nulla-2014-gianni-di-gregorio-cov932Buoni a nulla

    di Una satira grottesca e graffiante, tenera e un po' patetica dell'universo perverso del pubblico impiego: Gianni Di Gregorio ripeterà anche se stesso, ma coglie sempre nel segno. Al Festival di Roma.
  • In Sala

    Perez-edoardo-de-angelisPerez.

    di Dopo Mozzarella Stories, Edoardo De Angelis presenta fuori concorso a Venezia 71 un noir imperfetto, troppo ingenuo nelle soluzioni narrative e visivamente asettico. Con Luca Zingaretti protagonista assoluto.
  • In Sala

    Patria (2014) di Felice Farina - Recensione Venezia 71 | Quinlan.itPatria

    di Selezionato dalle Giornate degli Autori, il film di Felice Farina ripercorre gli ultimi tre decenni di storia del Bel Paese, tra materiale d'archivio e una sconquassata cornice narrativa affidata a Pannofino, Citran e Gabardini.
  • Venezia 2014

    I nostri ragazzi (2014) di Ivano De Matteo - Recensione | Quinlan.itI nostri ragazzi

    di Alle Giornate degli autori, Ivano De Matteo porta un film imperfetto, volenteroso e discontinuo con cui mette in scena drammi e ipocrisie familiari.
  • Venezia 2014

    senza-nessuna-pieta-2014-michele-alhaique-cov932Senza nessuna pietà

    di Per il suo esordio nel lungometraggio Alhaique sceglie di cimentarsi con un polar ambientato tra la periferia e il litorale romano, ma è troppo infatuato dei suoi attori per dedicarsi davvero alle dinamiche di genere.
  • Archivio

    la-zuppa-del-demonio-davide-ferrario-2014-cov932La zuppa del demonio

    di La zuppa del demonio per Davide Ferrario è l'industrializzazione selvaggia del Ventesimo Secolo, con la sua utopia e l'inevitabile disillusione. Fuori Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2014.
  • In Sala

    Il-giovane-favoloso-recensioneIl giovane favoloso

    di Presentato in concorso a Venezia 71, Il giovane favoloso racconta il percorso esistenziale di Giacomo Leopardi, con qualche lampo, ma in modo sostanzialmente scolastico. Siamo lontani dall'eversività di Noi credevamo.
  • In Sala

    hungry-hearts-2014-cov932Hungry Hearts

    di Saverio Costanzo filma il gemello eterozigoto del precedente La solitudine dei numeri primi, virando in thriller un dramma familiare. In concorso a Venezia 71.
  • Venezia 2014

    Anime_nere_francesco_munziAnime nere

    di Primo film italiano in concorso a Venezia 71, Anime nere di Francesco Munzi è una bella sorpresa. Un film "nero" su 'ndrangheta, vincoli familiari, vendette e miti antichi, che scavalca i confini del genere...
  • In sala

    incompresa-asia-argento-2014-cov932Incompresa

    di Il terzo lungometraggio da regista di Asia Argento, un lavoro immaturo ma che viene comunque naturale difendere. A Cannes 2014 nella sezione Un certain regard.
  • Cannes 2014

    Le meraviglie (2014) di Alice Rohrwacher - Recensione | Quinlan.itLe meraviglie

    di L’opera seconda di Alice Rohrwacher porta alla ribalta la storia di una famiglia e insieme un rimosso della storia italiana. In concorso a Cannes 2014.
  • Archivio

    piu-buio-di-mezzanotte-cov932Più buio di mezzanotte

    di Rappresentante nostrano alla Semaine de la critique a Cannes 2014, per l'esordio di Sebastiano Riso è già tempo di sala. Un’opera prima dolorosa e intensa che parla d’amore e della ricerca della propria natura.
  • In sala

    the-special-need-cov932The Special Need

    di L'esordio alla regia di Carlo Zoratti, in sala in occasione della giornata mondiale dell'autismo, conferma lo stato di salute del cinema friulano.
  • Documentario

    quando-c-era-berlinguer-recensioneQuando c’era Berlinguer

    di Enfatico, nostalgico, lacrimevole, migliorista, auto-assolutorio, pop: è lo schizofrenico - e per lunghi tratti fastidioso - documentario di Walter Veltroni su Enrico Berlinguer.
  • Archivio

    noi 4 recensioneNoi 4

    di Dopo l'esordio con Scialla!, Francesco Bruni tenta un racconto più ambizioso cercando di fare l'Asghar Farhadi italiano, ma il suo "studio di personaggi" - oltre ad essere familista - si perde in una narrazione decisamente troppo fragile.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento