Lecce 2015

Lecce 2015

Il Festival del Cinema Europeo di Lecce 2015: sei giorni di proiezioni, anteprime, incontri, eventi, premiazioni, tavole rotonde e omaggi a Tavernier, Akin, Vukotic e Cortellesi. La sedicesima edizione, dal 13 al 18 aprile.

Lecce non sarà purtroppo Capitale della Cultura 2019, con la designazione andata a Matera, ma la città salentina non rinuncia lo stesso a dare un contributo alla causa con la sua kermesse di punta, tra i fiori all’occhiello del circuito nazionale, ossia il Festival del Cinema Europeo, giunto quest’anno alla 16esima edizione ancora sotto la guida di Cristina Soldano e Alberto La Monica. Sei giorni di proiezioni, anteprime, incontri, tavole rotonde ed eventi, animeranno le platee e gli schermi della Multisala Massimo, a cominciare dal 13 aprile con l’apertura affidata all’opera prima di Lorenzo Corvino, il road movie Wax – We are the X, presentato in anteprima europea dopo le tappe oltreoceano in quel di Palm Beach e San Jose. Girato tra Roma, la Costa Azzurra e il Principato di Monaco, il film può contare su un cast di tutto rispetto nel quale figurano Jean Marc Barr, Andrea Renzi e Rutger Hauer.
Ai nastri di partenza, la line up 2015 si presenta davvero interessante per quantità e qualità, proponendo agli spettatori di turno e agli addetti ai lavori un’offerta variegata che non risparmierà più di una piacevole sorpresa come accaduto nella passata edizione. L’attenzione è prima di tutto rivolta alla sezione competitiva, che anche stavolta vede una selezione di dieci film europei presentati in anteprima nazionale, in concorso per l’assegnazione dell’Ulivo d’Oro e di altri riconoscimenti attribuiti da una Giuria Internazionale presieduta da Pappi Corsicato. Tra le opere selezionate figurano: il thriller iberico Magical Girl di Carlos Vermut, candidato a sette premi Goya e vincitore dei premi per il miglior film e la migliore regia a San Sebastián; il dramma adolescenziale My Skinny Sister della regista svedese Sanna Lenken, al quale è andato l’Orso di Cristallo della Giuria Bambini all’ultima Berlinale e il premio del pubblico al festival di Göteborg; il disturbante e allucinogeno revenge movie Hardkor Disko del polacco Krzysztof Skonieczny, premio per il miglior attore a San Pietroburgo; e l’intenso Key House Mirror del danese Michael Noer, premio KNF a Rotterdam… [continua a leggere]

INFO
Festival del Cinema Europeo di Lecce 2015, il sito ufficiale.

Articoli correlati

  • Lecce 2015

    quai-d-orsay-recensioneQuai d’Orsay

    di In attesa di vederlo in futuro nelle sale nostrane, Quai d'Orsay transita sugli schermi leccesi durante il 16° Festival del Cinema Europeo. L’ultima fatica dietro la macchina da presa di Bertrand Tavernier, prossimo Leone d’Oro alla carriera alla Mostra di Venezia, è una sottile commedia satirica tratta dall’omonima graphic novel di culto di Christophe Blain e Abel Lanzac.
  • Lecce 2015

    bertrand-tavernierIntervista a Bertrand Tavernier

    In attesa di ricevere il Leone d'Oro alla carriera alla prossima edizione del Festival di Venezia, Bertrand Tavernier è stato premiato anche al Festival del Cinema Europeo di Lecce. Lo abbiamo incontrato in questa occasione per parlare del suo cinema, del suo rapporto privilegiato con Philippe Noiret e di altro ancora.
  • Lecce 2015

    my-skinny-sister-recensioneMy Skinny Sister

    di Vincitore di tre riconoscimenti al 16° Festival del Cinema Europeo di Lecce, tra cui il Premio del Pubblico, My Skinny Sister della svedese Sanna Lenken tratta, con delicatezza e con un approccio fresco, sensibile e umano verso i personaggi, il tema dei disturbi alimentari.
  • Lecce 2015

    key-house-mirror-recensioneKey House Mirror

    di Un autentico colpo al cuore, intenso, delicato ed emozionante. Tutto questo è Key House Mirror del regista danese Michael Noer. Un film sulla senilità che parla di vita e non di morte, di speranza e della possibilità di tornare ad amare. In concorso al Festival di Lecce 2015.
  • Lecce 2015

    magical-girl-2014-carlos-vermutMagical Girl

    di Una serie di colpi di scena ben assestati e una regia eclettica non bastano a far fare a Magical Girl di Carlos Vermut il vero salto di qualità. In concorso al 16° Festival del Cinema Europeo.
  • Lecce 2015

    Anemistiras-recensioneAnemistiras

    di Disgregazione, solitudine e incomunicabilità sono i temi al centro di Anemistiras, dolente dramma familiare firmato dal greco Dimitris Bitos. In concorso al 16° Festival del Cinema Europeo di Lecce.
  • Lecce 2015

    Hardkore_diskoHardkor Disko

    di Tra dramma generazionale, thriller e revenge movie, Hardkor Disko del polacco Krzysztof Skonieczny mescola senza soluzione di continuità toni, registri e generi, ma in modo piuttosto artificioso. In concorso al Festival di Lecce 2015
  • Lecce 2015

    superworld-superwelt-2015-cov932Superworld

    di Dalla Berlinale arriva in concorso al 16° Festival del Cinema Europeo di Lecce Superworld, opera seconda dell’attore e regista Karl Markovics. Rigore formale e bravissimi interpreti al servizio di un film che sfugge a qualsiasi tentativo di catalogazione.
  • In Sala

    wax-we-are-the-x-recensione-cov932WAX – We are the X

    di Per il suo esordio nel lungometraggio dal titolo WAX, Lorenzo Corvino sceglie di puntare su un mix di road movie e mockumentary, colorandolo con le diverse sfumature del genere, con suggestioni e citazioni. Film d'apertura del 16° Festival del Cinema Europeo di Lecce e ora in sala.
  • Festival

    festival-di-lecce-2014-cov932Festival del cinema europeo di Lecce 2015 – Presentazione

    Sedicesima edizione per il Festival del Cinema Europeo di Lecce, che si terrà dal 13 al 18 aprile: sei giorni di proiezioni, anteprime, incontri, eventi, premiazioni, tavole rotonde e omaggi a Tavernier, Akin, Vukotic e Cortellesi.
  • Roma 2014

    Last summer recensioneLast Summer

    di Un’opera prima che viaggia su una flebile trama mistery, incastonata in un Kammerspiel marinaresco che imbarca acqua. Tutto questo è Last Summer di Leonardo Guerra Seràgnoli. Al Festival di Roma nella sezione Prospettive Italia.
  • In Sala

    The Cut (2014) di Fatih Akin - Recensione Venezia 71 | Quinlan.itIl Padre

    di Il centenario del cinema turco, il genocidio armeno, la spendibilità di Fatih Akin presso la stampa internazionale, il faccino bello e la notorietà di Tahar Rahim non risollevano le sorti di una pellicola che confonde la Storia con i feuilleton, il classicismo con la piattezza...
  • Archivio

    perfidia-2014-bonifacio-angius-cov932Perfidia

    di L'opera seconda di Bonifacio Angius abbandona il surrealismo dell'esordio per descrivere la grigia realtà italiana contemporanea. In concorso al Festival di Locarno.
  • Archivio

    piu-buio-di-mezzanotte-cov932Più buio di mezzanotte

    di Rappresentante nostrano alla Semaine de la critique a Cannes 2014, per l'esordio di Sebastiano Riso è già tempo di sala. Un’opera prima dolorosa e intensa che parla d’amore e della ricerca della propria natura.
  • Archivio

    diamante-neroDiamante nero

    di L’opera terza di Céline Sciamma conferma il talento della regista transalpina nel cogliere pulsioni e ambiguità dell’adolescenza.
  • Archivio

    Ida (Pol, Dan 2013) di Pawel Pawlikowski - Recensione - Quinlan.itIda

    di Per il suo quinto lungometraggio, Pawel Pawlikowski mette in scena un dramma intimo capace di farsi metafora, senza troppe forzature, della difficile condizione della Polonia post bellica.
  • Archivio

    Sotto una buona stella (2014) Carlo Verdone - Recensione - Quinlan.itSotto una buona stella

    di Film di San Valentino per Carlo Verdone, che diverte in coppia con la Cortellesi ma non riesce a tenere perfettamente le fila del racconto.
  • Archivio

    Class Enemy (2013) di Rok Bicek - Recensione | Quinlan.itClass Enemy

    di Il sorprendente esordio di Rok Bicek, regista sloveno ventottenne, raggiunge finalmente le sale italiane grazie alla Tucker Film.
  • AltreVisioni

    la-princesse-de-montpensier-recensioneLa princesse de Montpensier

    di Inizia come un western e prosegue come un melodramma di guerra il film di Tavernier, La princesse de Montpensier, che non cede alle tentazioni dell'usurato dramma in costume e legge nel segno della modernità la novella di Madame de La Fayette cui s'ispira.
  • Archivio

    Soul-KitchenSoul Kitchen

    di Lontano per stile e tematiche dalle opere precedenti, Fatih Akin con Soul Kitchen mette in scena una commedia brillante, a tratti travolgente, indubbiamente gioiosa, intrisa di buoni sentimenti e amore per la musica.
  • Archivio

    Due-partite-recensioneDue partite

    di Enzo Monteleone mette in scena un testo di successo di Cristina Comencini, Due partite, e si dedica - con discreti risultati - a un racconto completamente al femminile.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento