Trento Film Festival 2015

Trento Film Festival 2015

Il Trento Film Festival 2015, dal 30 aprile al 10 maggio, sessantatreesima edizione della storica kermesse sul cinema della montagna e non solo. La manifestazione, ricca di eventi e incontri, ha da tempo allargato sguardo e confini territoriali e geografici. Centoquindici, tra cortometraggi e lungometraggi, i titoli in programma.

Il Trento Film Festival 2015 conferma la struttura e la direzione intrapresa nelle ultime stagioni, offrendo al pubblico e alla stampa più percorsi possibili, sentieri cinematografici che conducono lungo i crinali delle montagne, i fiumi degli Stati Uniti, oltre dighe mastodontiche e oramai obsolete, in Alaska o in India, tra le miniere boliviane, in Tibet, in Giappone, in Patagonia… Un giro del mondo spesso ad alta o altissima quota, come nella sezione Terre alte, tra storie e luoghi singolari, fino a paesaggi abbacinanti e imprese straordinarie. Il concorso internazionale, Terre alte, le anteprime, Alp&ism, Destinazione India , Orizzonti vicini , Eurorama (a cura del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina di San Michele all’Adige ) e Natura Doc (documentari naturalistici ospitati dal MUSE – Museo delle Scienze di Trento) , affiancate da alcune proiezioni speciali, sono le sezioni che compongono il Trento Film Festival 2015. Tra i tanti titoli, segnaliamo quantomeno Double Happiness di Ella Raidel, Monsoon di Sturla Gunnarsson, Alaska di Christopher Stöckle, Damnation di Ben Knight e Travis Rummel, Coming of Age di Teboho Edkins, Dukhtar di Afia Nathaniel, I Want too See the Manager di Hannes Lang, Alberi che camminano di Mattia Colombo e Les tourmentes di Pierre Yves Vandeweerd.

L’apertura e la chiusura del Trento Film Festival 2015 sono all’insegna del cinema d’antan, di due preziose pellicole del cinema muto appena restaurate: Maciste alpino di Luigi Maggi e Luigi Romano Borgnetto e Vertigine bianca di Giorgio Ferroni, documentario ufficiale dei Giochi olimpici invernali di Cortina d’Ampezzo del 1956 . Non mancano, come da qualche anno, le anteprime per il grande pubblico, come Force majeure (Forza maggiore) di Ruben Östlund , il bollywoodiano Haider di Vishal Bhardwaj e lo spettacolare blockbuster cinese The Taking of Tiger Mountain di Tsui Hark , presentato in collaborazione con il Far East di Udine.

Info
Il sito ufficiale del Trento Film Festival 2015.
Il programma del Trento Film Festival 2015.

Articoli correlati

  • AltreVisioni

    Haider (2014) di Vishal Bhardwaj - Recensione | Quinlan.itHaider

    di Il grande Bardo ha scritto cose che sono eterne, universali, valide per qualsiasi epoca storica e in qualsiasi parte del mondo. Gli intrighi del potere, i sentimenti umani. Lo ha capito il regista Vishal Bhardwaj che fa rivivere l’Amleto all’epoca dei conflitti nel Kashmir negli anni novanta. In Mondo Genere al Festival di Roma.
  • Classici & Cult

    maciste-alpino-1916-cov932Maciste alpino

    di , La settantunesima edizione della Mostra di Venezia ospita, nella preapertura, il restauro in digitale di Maciste alpino, bizzarro film di propaganda dell’Itala Film girato nel 1916.
  • In Sala

    turist-2014-ruben-ostlund-cov932Forza maggiore

    di Ruben Östlund porta in scena la deflagrazione di una crisi familiare durante una vacanza sulle Alpi. In concorso a Cannes nella sezione Un certain regard e selezionato al TFF 2014.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento