Cannes 2015

Cannes 2015

Il Festival di Cannes 2015: le mille luci della Croisette, la montagna di pellicole da scalare tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine, Semaine… La sessantottesima edizione, dal 13 al 24 maggio.

Gli addetti ai lavori hanno già invaso la Croisette, i trolley sfrecciano rapidi tra le vie principali, le bellezze già non si contano e il solleone sembra indicarci l’acqua azzurra, la sabbia, una bella vacanza. E invece, dal 13 mattina, il buio della sala prenderà il sopravvento sulla luce, e il mare si limiterà a fare da paesaggio, vicino eppure lontano, al mastodontico Palais des Festivals et des Congrès de Cannes. Proiezioni e file, file e proiezioni. Sala stampa e conferenze stampa. Caffè. E ancora caffè. Articoli, recensioni, interviste. Capolavori e cocenti delusioni, scambi di opinioni, qualche insanabile frattura – “ma per carità!”.
Il Festival di Cannes 2015, la sessantottesima edizione, è il grande rito collettivo e cinefilo che si rinnova, che cannibalizza l’attenzione del mondo intero, che detta scelte e programmi di molti altri festival di secondo e terzo giro. A Cannes nascono nuovi registi, nuovi Maestri, altri magari risorgono, spesso si inabissano; la stampa e la critica si spremono, a volte ci azzeccano, altre volte mancano il bersaglio di qualche chilometro. E un rito, è un caos, è una macchina magniloquente, è la Francia che si mette in mostra. È il cinema. Non tutto, ma è il cinema.

A Cannes si cerca il futuro, anche se a piccoli passi, aggrappandosi alle certezze. Il Festival di Cannes non rischia mai, al limite finge di rischiare. La sessantottesima edizione si affida alle glorie di casa Jacques Audiard (Dheepan), Valérie Donzelli (Marguerite et Julien), Maïwenn (Mon roi), Guillaume Nicloux (Valley of Love) e Stéphane Brizé (La loi du marché); all’ambizioso tridente azzurro composto da Nanni Moretti (Mia madre), Matteo Garrone (Il racconto dei racconti)… [continua a leggere]

Info
Festival di Cannes 2015, il sito ufficiale.
Il concorso del Festival di Cannes 2015.

Articoli correlati

  • Roma 2015

    mustang-2015-deniz-gamze-erguven-cov932Mustang

    di L'esordio alla regia di Deniz Gamze Ergüven, candidato all'Oscar scelto dalla Francia, è un film corale sull'adolescenza femminile in Turchia non esente da difetti, ma vitale e interessante. In Alice nella città e in sala dal 29 ottobre.
  • Neuchâtel 2015

    green-room-2015-jeremy-saulnier-cov932Green Room

    di Il regista di Blue Ruin torna dietro la macchina da presa con un altro grandissimo thriller carico di tensione, sangue e risate nerissime.
  • Cannes 2015

    apichatpong-wheerasetakulIntervista ad Apichatpong Weerasethakul

    Ancora una volta sulla Croisette, ancora una volta con un capolavoro. Apichatpong Weerasethakul, con Cemetery of Splendour, racconta di un ospedale ricavato da una scuola, dove sono ricoverati dei soldati in uno stato di sonno perenne. Abbiamo incontrato il regista a Cannes.
  • Cannes 2015

    Valley of Love (2015) di G. Nicloux - Recensione | Quinlan.itValley of Love

    di Valley of Love è un film di attori e un film sugli attori, su due interpreti chiamati a mettersi in gioco in prima persona, al di là dei personaggi. In un sorta di scavalcamento di campo dalla finzione alla verità del cinema, la loro storia di corpi e icone si materializza...
  • Festival

    Festival di Cannes 2015 - Bilancio | Quinlan.itFestival di Cannes 2015 – Bilancio

    Qualche considerazione sulla sessantottesima edizione del Festival di Cannes, consacrata fin dalle prime battute al cinema transalpino. Più dei vincitori e dei vinti, ci interessa il panorama della kermesse, lo sguardo sulle cinematografie nazionali, sui generi, sui nuovi autori...
  • Cannes 2015

    MadonnaMadonna

    di Infanticidi, stupri, soprusi, infarti, altri infanticidi: Madonna, opera terza della regista sudcoreana Shin Su-won, mette tanta carne al fuoco, ma dopo la proiezione ci resta davvero poco. Giusto Seo Young-hee, che è sempre un piacere poter ammirare, e il volto nuovo Kwon So-hyun.
  • In Sala

    macbeth-recensioneMacbeth

    di Ultimo film presentato in concorso alla 68esima edizione del Festival di Cannes, Macbeth di Justin Kurzel è una pallida trasposizione del testo shakespeariano, più interessata alla bellezza dei paesaggi che alla recitazione dei suoi interpreti.
  • Cannes 2015

    peace-to-us-in-our-dreams-2015-sharunas-barthasPeace to Us in Our Dreams

    di Un nuovo ammaliante capitolo della filmografia di Sharunas Bartas, presentato a Cannes 2015 alla Quinzaine des Réalisateurs.
  • Cannes 2015

    this is orson welles recensioneThis is Orson Welles

    di , Welles come l’abbiamo sempre visto. Il secondo documentario dedicato all’autore di Quarto potere presentato a Cannes Classics, This is Orson Welles, ripropone i temi tipici (dallo scandalo di La guerra dei mondi al trasferimento in Europa) senza aggiungere nulla di nuovo.
  • Festival

    I premi di Cannes 2015: Dheepan, Son of Saul... | Quinlan.itI premi di Cannes 2015

    Ultimo atto della sessantottesima edizione del Festival di Cannes, con la Palma d'oro a Dheepan di Jacques Audiard, il Grand Prix a Son of Saul di Làszló Nemes, la regia a Hou Hsiao-hsien per The Assassin...
  • Festival

    Cannes - Grand Prix e Palma d'Oro dal 1939 al 2015 | Quinlan.itCannes – Grand Prix e Palma d’Oro 1939-2015

    L'Albo d'Oro del Festival di Cannes, dalla vittoria di Union Pacific di Cecil B. DeMille nel 1939 al trionfo di Dheepan di Jacques Audiard.
  • Cannes 2015

    Chronic-2015-michel francoChronic

    di Già un habituè della Croisette, Michel Franco debutta stavolta nel concorso ufficiale con Chronic, raggelata fenomenologia lavorativa di un infermiere. Premio per la miglior sceneggiatura al Festival di Cannes.
  • Animazione

    Il piccolo principe (2015) Recensione Cannes | Quinlan.itIl piccolo principe

    di Presentato a Cannes, The Little Prince di Mark Osborne rilancia le ambizioni produttive dell’animazione europea, soprattutto francese. Più dei limiti narrativi, ci interessano l’utilizzo della stop motion e la coesistenza con la computer grafica.
  • In Sala

    dheepan-2015-jacques-audiardDheepan – Una nuova vita

    di Anche se a tratti può sembrare un po' troppo edulcorato, Dheepan oltre a confermare il talento visivo e narrativo di Audiard è un interessante e inedito sguardo sul tema dell'immigrazione, del tutto scevro dai soliti cliché. Palma d'oro a Cannes.
  • Cannes 2015

    the-treasure-comoara-corneliu-porumboiu-2015-cov932The Treasure

    di Corneliu Porumboiu è uno dei nomi imprescindibili del cinema rumeno ed europeo contemporanei. Lo testimonia anche The Treasure, presentato in Un certain regard al Festival di Cannes 2015.
  • Cannes 2015

    Visita ou Memórias e Confissões - de OliveiraVisita ou Memórias e Confissões

    di Film testamento di Manoel de Oliveira, girato nel 1981 e mostrato solo dopo la sua morte, Visita ou Memórias e Confissões è un capolavoro che ripercorre il passato e prefigura il futuro per un'operazione assoluta che non ha eguali nella storia del cinema.
  • Cannes 2015

    Office (2015) di Hong Won-Chan - Recensione | Quinlan.itOffice

    di Presentato tra le Séances de minuit del Festival di Cannes, il thriller orrorifico Office mette in scena una sanguinosa mattanza tra colleghi d'ufficio. Interessante l'incipit e l'ambientazione, ma col passare dei minuti lo script diventa ripetitivo e un po' troppo scontato.
  • Cannes 2015

    yakuza-apocalypse-takashi-miike-cov932Yakuza Apocalypse

    di Takashi Miike firma un folle pastiche avant-pop e demenziale, che mescola gli yakuza eiga all'horror, ai kaiju eiga, ai film di arti marziali. Con un ranocchio gigante da antologia. Alla Quinzaine des réalisateurs.
  • Cannes 2015

    luisiana-the-other-side-2015-roberto-minerviniLouisiana (The Other Side)

    di Roberto Minervini scruta nell'intimità di una comunità di dropout della Louisiana e, tra voyeurismo e sensazionalismo, rimette in discussione l'etica del documentario. In Un certain regard a Cannes 2015.
  • Cannes 2015

    une-histoire-de-fou-2015-robert-guédiguian-cov932Une histoire de fou

    di Robert Guédiguian mette in scena la diaspora armena, raccontando il desiderio di rivalsa di un popolo privato della propria terra. Fuori concorso a Cannes 2015.
  • Cannes 2015

    the-assassin-2015-hou-hsiao-hsien-cov932The Assassin

    di L'atteso ritorno di Hou Hsiao-hsien dietro la macchina da presa, con un wuxia rarefatto e visivamente sontuoso. Tra i film dell'anno, in concorso a Cannes 2015.
  • Archivio

    Sicario (2015) di Denis Villeneuve - Recensione | Quinlan.itSicario

    di Rarefatto ma esplicito nel rappresentare la violenza, sempre pronta ad esplodere in carneficina nelle zone di confine tra USA e Messico, Sicario più che un film d'azione è un accurato affondo nelle menti tormentate dei suoi personaggi...
  • In sala

    as-mil-e-uma-noites-miguel-gomes-arabian-nights-cov932Le mille e una notte

    di Miguel Gomes, tra i nomi più rilevanti del cinema europeo contemporaneo, trasforma la messa in scena della crisi economica portoghese in una sarabanda di intuizioni, narrazioni (im)possibili e deflagrazioni dell'immaginario.
  • In sala

    Louder Than Bombs (2015) J. Trier - Recensione | Quinlan.itSegreti di famiglia

    di Produttivamente ambizioso e dal respiro hollywoodiano, Louder Than Bombs - in uscita nelle sale italiane con il titolo di Segreti di famiglia - è una montagna che partorisce un topolino, nonostante il lavoro di scrittura e di montaggio.
  • In Sala

    marguerite-et-julien-2015-valerie-donzelliMarguerite e Julien

    di Una fiaba secentesca sull'incesto, tra crinoline, messaggeri d'amore e chiome sciolte baciate dal sole. È Marguerite e Julien, nuovo film di Valérie Donzelli presentato in concorso a Cannes 2015.
  • In Sala

    la-lois-du-marche-2015-stephane-brizeLa legge del mercato

    di Uno stropicciato Vincent Lindon alla disperata ricerca di un lavoro: Stephane Brizé lo pedina alacremente, ma il suo sguardo è fin troppo rigoroso. In concorso a Cannes 2015.
  • Animazione

    Inside-OutInside Out

    di , In una fase produttiva contrassegnata da troppi sequel, la Pixar ritrova in Pete Docter e nel suo Inside Out le certezze degli anni passati. Una pellicola sfavillante nei colori, nel ritmo e nella scrittura, come sempre pensata, calibrata e realizzata per essere family friendly dal primo all’ultimo pixel.
  • In sala

    al-di-la-delle-montagne-mountains-may-depart-2015-recensione-cov932Al di là delle montagne

    di Jia Zhangke fa esplodere il suo cinema in un ritratto della Cina recente e futura che è allo stesso tempo una riflessione abbacinante sulla storia dell'immagine digitale: Al di là delle montagne, tra i migliori film della 68esima edizione del Festival di Cannes e ora in sala.
  • Cannes 2015

    youth-recensioneYouth

    di In Youth, Paolo Sorrentino vagheggia il buen retiro, ma si lascia sedurre al solito dalle consuete fantasmagorie visive, senza riuscire stavolta a dare corpo al suo film. In concorso alla 68esima edizione del Festival di Cannes.
  • Cannes 2015

    Dio-esiste-e-vive-a-BruxellesDio esiste e vive a Bruxelles

    di Torna la creatività iperbolica e inarrestabile di Jaco Van Dormael che, con The Brand New Testament, punta a sedurre con i suoi prodigi visivi gli spettatori della Quinzaine des réalisateurs. A Cannes 2015 e ora in sala.
  • Cannes 2015

    taklub-2015-Brillante-Mendoza-recensioneTaklub

    di Precarietà assoluta del vivere e messa in discussione della fede. Brillante Mendoza dirige con efficacia ma senza lampi un nuovo dolente capitolo dedicato alla travagliata esistenza del popolo filippino: Taklub, in concorso in Un certain regard alla 68esima edizione del Festival di Cannes.
  • Cannes 2015

    cemetery-of-splendourCemetery of Splendour

    di Il cinema di Apichatpong Weerasethakul si muove al di fuori del tempo e dello spazio. È immateriale, eppure straripante per potenza politica e umanesimo. Anche la sua ultima opera, che apre squarci sul presente aprendo/chiudendo gli occhi sul passato, più o meno recente. A Cannes 2015 in Un certain regard.
  • Cannes 2015

    las-elegidas-recensioneLas elegidas

    di Raccontando la storia di una ragazza che viene rapita e costretta a prostituirsi, Las elegidas del messicano David Pablos dimostra come sia ancora possibile fare un cinema popolare d'impatto e di denuncia senza per forza scendere nel torbido. In concorso in Un certain regard.
  • Cannes 2015

    a-touch-of-zen-la-fanciulla-cavaliere-errante-king-hu-1971-cov932A Touch of Zen – La fanciulla cavaliere errante

    di Il capolavoro di King Hu, tra i fondamenti del wuxia, rinasce a nuova vita sulla Croisette. Un modo per riscoprire una gemma purissima, in cui si mescolano azione e filosofia, colto e popolare.
  • In Sala

    Carol (2015) di Todd Haynes - Recensione Cannes | Quinlan.itCarol

    di Il cinema di Todd Haynes è una macchina del tempo: basta lasciarsi andare, immergersi nella perfezione stilistica di Carol, per ritrovarsi nel melodramma classico hollywoodiano. Sirk, Minnelli, il rigido conformismo degli anni Cinquanta...
  • Cannes 2015

    storia-dellultimo-crisantemo-zangiku-monogatari-1939-kenji-mizoguchi-cov932Storia dell’ultimo crisantemo

    di Tra i molti capolavori di Kenji Mizoguchi perduti negli abissi della memoria Storia dell'ultimo crisantemo (Zangiku monogatari, 1939) è uno di quelli in cui si avverte con maggior forza il discorso teorico sulla messa in scena e sul piano sequenza. Recuperato in una copia digitale a Cannes Classics 2015.
  • In sala

    trois-souvenirs-de-ma-jeunesseI miei giorni più belli

    di Con I miei giorni più belli Arnaud Desplechin rilegge le ossessioni del suo cinema con il suo sguardo inconfondibile: antropologico e umanista, scientifico e appassionato. Alla Quinzaine des realizateurs 2015 e ora in sala.
  • In Sala

    nahid-recensioneNahid

    di L'esordiente iraniana Ida Panahandeh racconta in Nahid la vicenda di una donna divorziata con un figlio piccolo, un ex marito sbandato e un amante poco presente. Un film sin troppo elementare nella sua tensione politica. In concorso a Cannes nella sezione Un certain regard.
  • Cannes 2015

    journey-to-the-shore-2015-kiyoshi-kurosawa-cov932Journey to the Shore

    di Kiyoshi Kurosawa torna alle sue ossessioni principali: l'elaborazione del lutto, il viaggio verso la morte come accettazione della perdita della propria materialità. In Un certain regard a Cannes 2015.
  • Cannes 2015

    The-Shameless-Mu-roe-han-2015-cov932aThe Shameless

    di Buone notizie per il cinema sudcoreano da Cannes, sponda Un Certain Regard: The Shameless di Oh Seung-Uk è un interessante noir intriso di passioni morbose, sostenuto da un ottimo cast e da una messa in scena puntuale, mai sopra le righe.
  • Archivio

    la-foresta-dei-sogni-2015-sea-of-trees-cov932-932x460La foresta dei sogni

    di Gus Van Sant tenta di raccontare per immagini il desiderio di morte di un uomo che non ha apparentemente nessun motivo per vivere. In concorso al festival di Cannes, una delle più cocenti delusioni dell'anno.
  • Cannes 2015

    mon-roi-recensioneMon roi – Il mio Re

    di Vincent Cassel e Emmanuelle Bercot gigioneggiano in maniera incontrollata in questo melodramma urlato e urticante: Mon roi di Maïwenn, primo titolo francese presentato alla 68esima edizione del Festival di Cannes.
  • Cannes 2015

    a-perfect-day-2015-cov932Perfect Day

    di Un cast internazionale di stelle, l'ambientazione nei Balcani quasi sul finire della guerra. Il ritorno alla regia di Fernando León de Aranoa inanella una serie di dialoghi brillanti perdendo completamente di vista il proprio obiettivo, qualunque esso fosse. Nella Quinzaine des réalisateurs a Cannes 2015.
  • Archivio

    the-lobster-2015-yorgos-lanthimosThe Lobster

    di Ammiccante e reticente, The Lobster si diverte a sedurre lo spettatore, ma nel suo gioco metaforico troppo a lungo reiterato e persino ribaltato, finisce per svilire proprio i suoi ingredienti migliori.
  • Interviste

    massimo-gaudiosoIntervista a Massimo Gaudioso

    Il racconto dei racconti di Garrone, il prossimo esordio in solitaria come regista, l’exploit quasi vent’anni fa con Il caricatore, la sceneggiatura del nuovo film di Verdone, lo stato delle cose nella commedia italiana. Di questo e di altro ancora abbiamo parlato con lo sceneggiatore e regista Massimo Gaudioso.
  • In sala

    our-little-sister-umimachi-diary-2015-hirokazu-koreeda-cov932Little Sister

    di Hirokazu Kore-eda trae ispirazione per il suo nuovo film dal manga Umimachi Diary di Akimi Yoshida, per raccontare la storia di un legame da creare dal nulla tra tre sorelle e la figlia che il padre ha avuto da un secondo matrimonio. Un'opera essenziale e pudica.
  • Cannes 2015

    Le-ricette-della-Signora-TokuLe ricette della Signora Toku

    di Pellicola di apertura di Un Certain Regard di Cannes 2015, Le ricette della Signora Toku è l’ennesimo tassello di un percorso autoriale raro e ammirevole. Il cinema umanista della Kawase, qui in una versione su piccolissima scala, continua a sondare le nostre vite.
  • In Sala

    Il-figlio-di-SaulIl figlio di Saul

    di Esordio al lungometraggio del regista ungherese László Nemes, Il figlio di Saul rilegge il dramma dei campi di sterminio con una fortissima idea di messa in scena, appesantita però da una soluzione narrativa poco azzeccata. Gran premio della giuria al Festival di Cannes.
  • Archivio

    irrational-man-2015-woody-allen-cov932Irrational Man

    di Il nuovo film di Woody Allen racconta la storia di un professore di filosofia in crisi esistenziale. Sarà una sua studentessa a dargli un nuovo scopo nella vita. Fuori Concorso a Cannes 2015, una delle opere più ispirate del regista newyorchese da molti anni a questa parte.
  • Cannes 2015

    orson-welles-autopsie-d-un-legend-recensioneOrson Welles, autopsie d’une légende

    di Per il centenario della nascita di Welles, Cannes Classics dedica una serie di omaggi all'autore di Quarto potere. Si è cominciato con il documentario francese, Orson Welles, autospie d'une légende, in cui si ripropongono stancamente i cliché che hanno attraversato tutta la sua carriera.
  • Cannes 2015

    one-floor-below-un-etaj-mai-jos-2015-radu-muntean-cov932One Floor Below

    di Il nuovo film di Radu Muntean, il ritratto di un uomo che diventa anche inevitabile fermo immagine su una Romania che è ancora alla ricerca di una propria "normalità". In Un certain regard a Cannes 2015.
  • In Sala

    A-testa-altaA testa alta

    di È intriso di un insopportabile e scorretto nazionalismo "A testa alta" di Emmanuelle Bercot, film d’apertura della sessantottesima edizione del Festival di Cannes. Più che interessante il cast, a partire dal giovane ed esordiente protagonista Rod Paradot.
  • Cannes 2015

    Mad Max: Fury Road (2015) G. Miller - Recensione | Quinlan.itMad Max: Fury Road

    di Tornato dopo un trentennio al suo universo, George Miller dirige con un reboot convincente, dal grande ritmo e dalla straripante fisicità, aprendo la strada per un possibile nuovo franchise.
  • Cannes 2015

    lombre-des-femmes-2015-philippe-garrel-cov932L’Ombre des femmes

    di Philippe Garrel torna ai punti topici del suo cinema, tra amori irrisolti, egoismi e indecisioni e un bianco e nero come sempre folgorante. Presentato come film d’apertura alla Quinzaine des réalisateurs al Festival di Cannes 2015.
  • Festival

    festival-di-cannes-2015-cov932bFestival di Cannes 2015 – Presentazione

    La sessantottesima edizione del Festival di Cannes: le mille luci e i brillantini della Croisette, la montagna di pellicole da scalare tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine, Semaine... Dal 13 al 24 maggio.
  • Cannes 2015

    cannes-2015-minuto-per-minuto-cov932Cannes 2015 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette accolti da un sole scintillante e da un caldo asfissiante, arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Tra i giganti cinematografici del concorso, le nuove scoperte, la Quinzaine e la Semaine de la critique, ecco a voi il Festival de Cannes 2015!
  • In Sala

    _1-salma_9426.jpgIl racconto dei racconti – Tale of Tales

    di Matteo Garrone si avvicina al fantasy traendo ispirazione dalla raccolta di fiabe Lu cunto de li cunti di Giambattista Basile. In concorso al Festival di Cannes 2015 e nelle sale italiane.
  • In Sala

    mia-madre-2015-nanni-moretti-cov932Mia madre

    di Nanni Moretti torna a raccontare, una volta di più, la dispersione del senso, l'incapacità di leggere il mondo in cui si vive, l'ossessione di un controllo privo di struttura. Mia madre è un film sul linguaggio, e sull'impossibilità di condividerlo con gli altri.
  • Cannes 2016

    cannes-2016-svelata-la-selezione-cov932Svelata la selezione di Cannes 2016

    Il secondo festival dell'era-Lescure conferma la solita parata di nomi imperdibili, per un concorso che tiene fuori dalla porta italiani e giapponesi.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento