Yakuza Apocalypse

Yakuza Apocalypse

di

In Yakuza Apocalypse Takashi Miike firma un folle pastiche avant-pop e demenziale, che mescola gli yakuza eiga all’horror, ai kaiju eiga, ai film di arti marziali. Con un ranocchio gigante da antologia. Alla Quinzaine des réalisateurs.

Rana libera tutti

Kamiura è un leggendario leader della yakuza. Leggenda vuole che sia immortale, e in effetti è un vampiro, un capo-yakuza-vampiro! Kageyama è il più fedele membro del suo clan, ma gli altri yakuza si prendono gioco di lui, che ha la pelle troppo sensibile per potersi fare i tatuaggi di rito. Un giorno degli uomini arrivano dall’estero e presentano un’ultimatum a Kamiura: o rientra a far parte del sindacato internazionale del crimine che ha abbandonato oppure verrà ucciso. Kamiura rifiuta, e il suo corpo viene smembrato al termine di un feroce combattimento. Prima di morire, Kamiura morde Kageyama, trasmettendogli i propri poteri. Al suo risveglio Kageyama decide di servirsi di tali poteri per vendicare la morte del suo capo e combattere il sindacato internazionale del crimine. [sinossi]

Il problema che ancora esiste nell’approcciarsi al cinema di Takashi Miike è esploso in tutta la sua virulenza prima della proiezione al Marriott di Cannes di Gokudō daisensō, alias Yakuza Apocalypse. In una sala piena in ogni ordine di posti è salito sul palco in rappresentanza della troupe Yayan Ruhian, maestro del Pentjak Silat (l’arte marziale indonesiana) già apprezzato nel dittico The Raid e The Raid 2: Berandal del gallese di stanza a Jakarta Gareth Evans: Ruhian si è lanciato in evoluzioni di vario tipo, tra cui calci volanti, prima di ringraziare il pubblico e lanciare la proiezione con il più classico degli “enjoy the movie!”. Ma non è finita qui, perché sullo schermo, prima dei titoli di testa, è apparso il volto di Miike che, vestito da geisha, si è scusato con l’uditorio per la sua assenza (dovuta al lavoro sul suo nuovo set) asserendo che fosse dovuta alla decisione di cambiare sesso e di girare, d’ora in poi “solo film che parlino d’amore e amicizia”. Una parte della platea si è lanciata in una grande risata seguita da un applauso convinto, ma altri hanno storto la bocca, trovando il tutto di cattivo gusto e lamentando una perdita di serietà oramai irreversibile da parte della Quinzaine des réalisateurs, dove il film era ospitato in una proiezione speciale fuori concorso.
La serietà, questa immensa bolla di sapone in cui dovrebbe galleggiare tutto il cinema del mondo. È dagli esordi che Miike combatte con una tale deriva critica: nessuno si è mai permesso di mettere in dubbio la genialità delle scelte, ma perché prendersi così poco sul serio? Perché scegliere di “non essere autore” fino in fondo?

Se c’è invece un segnale che arriva inequivocabile a chiunque abbia avuto modo di posare gli occhi su Yakuza Apocalypse è proprio che Takashi Miike è un genio. Un grande regista, senza dubbio sì. Un profondo conoscitore dei meccanismi della narrazione per immagini, anche questo. Ma soprattutto un genio, nel senso che nel “meraviglioso” si può dare del termine. Basterebbe l’incipit di Yakuza Apocalypse, la sua ottantaquattresima regia di un lungometraggio (considerando anche i lavori per la televisione e gli “originari bideo”, i film pensati per lo straight-to-video), per evidenziare questa verità. Kamiura è un boss della yakuza amato e rispettato, sempre dalla parte del popolo (“non si possono toccare i cittadini” è il suo mantra ossessivo); alcuni lo considerano addirittura immortale, e non si sbagliano. Kamiura è infatti un vampiro, e questo lo porta a essere osteggiato dal “Sindacato Internazionale del Crimine” (sic!), gestito da stranieri che parlano un inglese un po’ raffazzonato e lo vogliono morto. Ma il boss prima di morire riesce a trasmettere il suo morbo al più fedele dei sodali, quel Kageyama che viene scherzato dai suoi “colleghi” perché, con la pelle morbida che si ritrova, non può farsi tatuare…

Da questo mini-plot, che dà il la all’azione, prorompe un pastiche avant-pop che, come sempre per quel che concerne Miike, non ha eguali nel cinema contemporaneo. In molti si abbandonano con ben poca passione al dinamitardo incedere del cinema di Miike, così pronto a smentire ogni assunto per cedere al fascino del nonsense, dell’esagerazione, dell’iperbole demenziale. Non è serio, dopotutto, e non lo sarà probabilmente mai. Ma cos’è la serietà?
C’è più Cinema, con la c maiuscola, in una qualsiasi delle sequenze di Yakuza Apocalypse che nella stragrande maggioranza dei film presentati quest’anno sulla Croisette. Nel suo mélange portato alle estreme conseguenze Miike non nega il senso pudico e intimo del cinema, ma scardina i lucchetti della prassi, della norma, dell’ovvio. Pur senza raggiungere le vette della sua cinematografia (citando a caso: Izo, Gozu, Ichi the Killer, Happiness of the Katakuris, 13 assassini, Full Metal Yakuza, Shinjuku Triad Society, Visitor Q, la trilogia di Dead or Alive), Yakuza Apocalypse dimostra una volta di più cosa significhi utilizzare la macchina/cinema come atto di pura liberazione dell’immaginario. Non un inno al caos, però, perché in realtà Miike sa benissimo cosa e perché mettere in scena: potrà a volte peccare di eccesso, lasciandosi prendere la mano da situazioni trascinate più a lungo di quanto si “dovrebbe”, ma non lascerà mai nulla al caso.

Anche le situazioni più improbabili (impossibili) come l’irruzione in scena della rana gigante, “il terrorista più pericoloso del mondo”, con Yakuza Apocalypse che si sposta di colpo dalle parti del kaijū eiga, non sono mai gettate nella mischia per puro gusto dell’accumulo, ma acquistano un senso più alto, un valore nel disvalore che stravolge una volta di più la logica strutturata.
Tra kappa che combattono contro yakuza che combattono contro rane giganti che combattono contro esperti di arti marziali che combattono contro bambini armati di ascia che combattono contro vampiri che combattono contro personaggi che sembrano usciti da un western di Corbucci, Yakuza Apocalypse si trasforma nell’ennesima esperienza fuori dalle corde di Takashi Miike. Nel gioco di Miike non c’è spazio per la prammatica, e la violenza non assume mai una valenza catartica, perché non esiste sgravo o fuga dal mondo che mette in scena. Non riflette sul cinema, Miike, ma riflette cinema, lo specchia nella più delirante delle sue inquadrature, lo usa come si potrebbe utilizzare uno stupido gioco di ombre sul muro per distogliere l’attenzione dei bambini. E siamo tutti bambini di fronte ai film di questo eretico della Settima Arte, destinato con ogni probabilità a non essere mai compreso fino in fondo, forse neanche da parte dei suoi fan adoranti. Intanto Miike, che tra Over Your Dead Body (presentato a Rotterdam a gennaio) e Yakuza Apocalypse ha fatto uscire nelle sale anche Lion Standing Against the Wind, è già al lavoro su Terra Formars, tratto dal manga di Yū Sasuga. Una nuova avventura ha inizio, per registi, geishe, rane e kappa. Buon divertimento.

Info
Il trailer di Yakuza Apocalypse.
  • yakuza-apocalypse-gokudo-daisenso-2015-takashi-miike-01.jpg
  • yakuza-apocalypse-gokudo-daisenso-2015-takashi-miike-02.jpg
  • yakuza-apocalypse-gokudo-daisenso-2015-takashi-miike-03.jpg
  • yakuza-apocalypse-gokudo-daisenso-2015-takashi-miike-04.jpg
  • yakuza-apocalypse-gokudo-daisenso-2015-takashi-miike-05.jpg
  • yakuza-apocalypse-gokudo-daisenso-2015-takashi-miike-06.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2015: tutte le recensioni dalla Croisette | Quinlan.itCannes 2015

    Il Festival di Cannes 2015: le mille luci della Croisette, la montagna di pellicole da scalare tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine, Semaine... La sessantottesima edizione, dal 13 al 24 maggio.
  • Festival

    festival-di-cannes-2015-cov932bFestival di Cannes 2015 – Presentazione

    La sessantottesima edizione del Festival di Cannes: le mille luci e i brillantini della Croisette, la montagna di pellicole da scalare tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine, Semaine... Dal 13 al 24 maggio.
  • Cannes 2015

    cannes-2015-minuto-per-minuto-cov932Cannes 2015 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette accolti da un sole scintillante e da un caldo asfissiante, arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Tra i giganti cinematografici del concorso, le nuove scoperte, la Quinzaine e la Semaine de la critique, ecco a voi il Festival de Cannes 2015!
  • Rotterdam 2015

    over-your-dead-body-recensioneOver Your Dead Body

    di Presentato a Rotterdam l’ultimo lavoro di Takashi Miike che, a modo suo, si rifà alla più famosa storia di fantasmi giapponesi, Tōkaidō Yotsuya kaidan.
  • Roma 2014

    as-the-gods-will-cov932As the Gods Will

    di Il nuovo film di Takashi Miike, tratto da un manga di successo, è l'ennesimo grido di anarchica libertà del regista giapponese. Al Festival di Roma 2014.
  • Roma 2013

    the-mole-songThe Mole Song – Undercover Agent Reiji

    di Takashi Miike firma uno sfrenato viaggio nella cultura pop, tra yakuza-eiga e demenzialità. In concorso al Festival di Roma.
  • Cannes 2013

    shield-of-straw-2013-cov932Shield of Straw

    di Takashi Miike firma una delle sue opere più incomprese, action che si trasforma in crudo resoconto politico del Giappone contemporaneo.
  • AltreVisioni

    lesson-of-the-evil-takashi-miike-2012-cov932Lesson of the Evil

    di L'eversivo potere cinematografico di Takashi Miike, qui al servizio di una storia di genocidi, adolescenti e retaggi occidentali. Al Festival di Roma 2012.
  • AltreVisioni

    for-love-s-sake-takashi-miikeFor Love’s Sake

    di Tra romanticismo e azione, furibonda violenza e intenso melodramma, For Love's Sake è l'ennesima conferma del raffinato eclettismo di Takashi Miike. Presentato a Cannes 2012.
  • Blu-ray

    13-assassini-in-blu-ray-takashi-miike-cov93213 Assassini

    di In blu-ray lo splendido jidai-geki di Takashi Miike, presentato nel 2010 in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia.
  • AltreVisioni

    hara-kiri-death-of-a-samurai-2011-cov932Hara-kiri: Death of a Samurai

    di Takashi Miike firma il remake del capolavoro di Masaki Kobayashi, tragica riflessione sull'iniquità della società feudale giapponese. In concorso a Cannes 2011.
  • Archivio

    13-assassini-takashi-miike-cov93213 Assassini

    di Tra i pochi film di Takashi Miike in grado di sfondare il muro di silenzio distributivo italiano, 13 assassini è anche uno dei suoi capolavori recenti. A Venezia 2010.
  • Archivio

    yattaman-2009-takashi-miike-cov932Yattaman – Il film

    di Takashi Miike firma per il grande schermo la versione live action di Yattaman, celeberrimo anime televisivo degli anni Settanta.
  • AltreVisioni

    Sukiyaki Western Django (2007) di T. Miike - Recensione - Quinlan.itSukiyaki Western Django

    di Il western disegnato da Miike è l'ennesimo canto al corpo non-morto destinato a deturpazioni, cesure, deformazioni di ogni tipo...
  • Cult

    the-happiness-of-the-katakurisThe Happiness of the Katakuris

    di Oggetto di culto difficile da maneggiare, il film di Takashi Miike è un folle pastiche ultra-pop in cui tutto viene frullato in maniera indiscriminata, dall'animazione al disaster movie, dall'horror al musical.
  • Torino 2015

    tag-2015-sion-sono-cov932Tag

    di Il percorso autoriale di Sion Sono, anno dopo anno, sembra somigliare sempre più a quello di Takashi Miike. E Tag è un film perfettamente “miikiano”, folle, convulso, a tratti confusionario per eccessiva affabulazione. Ma diverso da tutto.
  • Streaming

    shinjuku-triad-society-1995-takashi-miike-cov932Shinjuku Triad Society

    di In streaming sul nostro sito grazie all'accordo con VVVVID.it, il primo capitolo della cosiddetta "Black Society Trilogy", che rese noto il nome di Takashi Miike anche in occidente.
  • Cannes 2016

    terra-formars-2016-takashi-miike-cov932Terra Formars

    di Al Marché ci si è imbattuti anche nell'ultimo film di Takashi Miike, Terra Formars, adattamento poco brillante di un manga e di un anime già di loro dimenticabili.
  • Locarno 2016

    destruction-babies-2016-Tetsuya-Mariko-recensioneDestruction Babies

    di Presentato al Festival del Film Locarno nella sezione Cineasti del presente, Destruction Babies di Tetsuya Mariko è una storia di desolazione esistenziale, di vuoto assoluto delle nuove generazioni nipponiche che si esprime in una sequela interminabile di risse tra gang rivali.
  • In Sala

    godzilla-resurgence-2016-shin-godzilla-cov932Godzilla Resurgence

    di , Il film che segna il ritorno del kaijū più famoso del cinema in una produzione giapponese, diretto da Hideaki Anno e Shinji Higuchi. Un'opera di grande potenza visiva, che riannoda i fili con la saga ma guarda anche all'immaginario di Anno.
  • Rotterdam 2017

    The-Mole-Song-Hong-Kong-Capriccio-2016-takashi-miike-recensioneThe Mole Song – Hong Kong Capriccio

    di Presentato all’International Film Festival Rotterdam il secondo capitolo della saga di Takashi Miike basata sul personaggio dell’agente talpa, infiltrato nelle organizzazioni criminali: The Mole Song – Hong Kong Capriccio.
  • Cannes 2017

    blade-of-the-immortal-2017-takashi-miike-cov932-932x460(1)Blade of the Immortal

    di Takashi Miike torna sulla Croisette fuori concorso con Blade of the Immortal, un jidaigeki screziato di horror tratto da un manga di Hiroaki Samura. Un divertissement che mostra il lato più ludico del regista giapponese, che allo stesso tempo torna a ragionare da vicino su tematiche a lui particolarmente care come il concetto di corpo e la coazione a ripetere.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento