De Oliveira: sfiorare l’eternità

De Oliveira: sfiorare l’eternità

Per la sua 26esima edizione il FID di Marsiglia ospiterà una retrospettiva dedicata a Manoel de Oliveira, divisa per percorsi tematico-simbolici, da Douro, Faina Fluvial a Visita, ou Memorias e Confissões. Dal 30 giugno al 6 luglio.

Manoel de Oliveira: frôler l’éternité. È questo il titolo della retrospettiva che la 26esima edizione del FID di Marsiglia dedicherà a de Oliveira dal 30 giugno al 6 luglio prossimi. E il cineasta portoghese, scomparso lo scorso 2 aprile a 106 anni, ha davvero sfiorato l’eternità, non solo quella biografica ma anche quella cinematografica, avendo esordito all’epoca del muto con Douro, Faina Fluvial (1931) ed avendo attraversato tutte le stagioni del cinema finora conosciute, compresa l’attuale deriva digitale.
Il FID affronta la sua lunghissima carriera scegliendo di mettere in programma 25 titoli e organizzandoli per sotto-sezioni ragionate e tematiche.
Il primo programma – “Corso di storia” – prevede la proiezione di No, o la folle gloria del comando (1990) come punto di partenza per la riflessione che de Oliveira ha compiuto intorno al suo paese nel corso dei decenni, una nazione – il Portogallo – segnata da (in)gloriose sconfitte. E in questo percorso, oltre a O velho do Restelo non poteva mancare O Quinto Impeiro, incentrato sulla disfatta di re Sebastiano.
Con il secondo programma – “La parola in azione” – si va ad identificare, ospitando film come Acto da Primavera (1963) e Amor de Perdição (1978), il verbo, la parola, quale materia stessa dell’immagine deoliveiriana, il corpo su cui costruire il senso del filmare (e forse qui manca almeno Parola e utopia).
Il terzo programma – “Il presagio de La caccia” – parte proprio dal folgorante cortometraggio La caccia (1963) per contestualizzarlo quale icastico exemplum intorno alla fatalità del destino, tema che avrà ulteriori declinazioni in Benilde o la vergine madre (1975), Francisca (1981, che poteva benissimo rientrare anche nel secondo programma), La valle del peccato (1993) e I cannibali (1988).
“Filmare l’attore prima del personaggio” è il titolo del quarto programma impostato sull’idea che de Oliveira prima del personaggio filmi l’attore stesso, il corpo in scena, l’essere attore. I film in questione sono O passado e o presente (1971), Mon cas (1986), O Dia do Desespeo (1992) e il frammento Rencontre unique da Chacun son cinéma (2007), quest’ultimo con protagonista Michel Piccoli.
L’ultimo dei cinque programmi – “Fiume d’infanzia” – è incentrato sulla città di Porto cui il maestro portoghese ha dedicato sia il suo primo film, Douro, Faina Fluvial per l’appunto, sia alcuni capitoli fondamentali della sua filmografia tra cui Porto della mia infanzia (2001) e lo stesso Visita, ou Memorias e Confissões (1981), suo film-testamento realizzato addirittura più di trent’anni fa e mostrato, secondo le volontà di de Oliveira, solo dopo la sua morte alla scorsa edizione del Festival di Cannes. E in questo quinto spazio non poteva mancare poi Ritorno a casa (2001) che, pur ambientato in un contesto francese, riflette proprio sul tema della ricerca della propria origine esistenziale.
Sicuramente vi è qualcosa di arbitrario in questa suddivisione, rigorosamente e forse giustamente anti-cronologica, eppure vi è da dire che il FID tenta così di fornire una sorta di mappatura di una filmografia come quella di de Oliveira, la cui ricchezza inestinguibile è ancora tutta da studiare.

Info:
Il programma completo dell’omaggio a Manoel de Oliveira sul sito del FID

Articoli correlati

  • Cannes 2015

    Visita ou Memórias e Confissões - de OliveiraVisita ou Memórias e Confissões

    di Film testamento di Manoel de Oliveira, girato nel 1981 e mostrato solo dopo la sua morte secondo le volontà dell'autore, Visita ou Memórias e Confissões è un capolavoro che ripercorre il passato e prefigura il futuro per un'operazione assoluta che non ha eguali nella storia del cinema.
  • Cannes 2015

    cannes-2015-minuto-per-minuto-cov932Cannes 2015 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette accolti da un sole scintillante e da un caldo asfissiante, arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Tra i giganti cinematografici del concorso, le nuove scoperte, la Quinzaine e la Semaine de la critique, ecco a voi il Festival de Cannes 2015!
  • Venezia 2014

    o-velho-do-restelo-recensioneO Velho do Restelo

    di Manoel de Oliveira racconta la vanità del potere, della letteratura e del cinema nel suo cortometraggio presentato fuori concorso a Venezia 71: un'ode post-mortem al Portogallo che fu.
  • AltreVisioni

    Centro-histórico-recensioneCentro histórico

    di , , , Con la firma di quattro grandi registi (Aki Kaurismäki, Pedro Costa, Víctor Erice e Manoel de Oliveira) si delinea in Centro histórico un ritratto multiforme dell'uomo e del suo rapporto con lo scorrere del tempo, con le sue rivoluzioni, le sue conquiste, le sue piccole e grandi battaglie quotidiane.
  • Archivio

    Gebo-e-l-ombra-manoel de oliveiraGebo e l’ombra

    di L’ennesimo miracolo di un cineasta ultracentenario, che dal muto e dal bianco e nero è giunto fino ai giorni nostri, più prolifico che mai.
  • Interviste

    renato BertaIntervista a Renato Berta

    "La luce non sta lì solo per impressionare la pellicola o il sensore di una macchina digitale. La luce, in una maniera o nell’altra, deve narrare." In occasione della 29esima edizione del Cinema Ritrovato, abbiamo intervistato Renato Berta, direttore della fotografia per - tra gli altri - de Oliveira, Straub e Huillet, Godard, Resnais e Martone.
  • Locarno 2016

    intervista-a-joao-botelho-2016-locarno-de-oliveira-cov932Intervista a João Botelho

    Abbiamo conversato con João Botelho in occasione del Festival di Locarno, dove è stato presentato il suo ultimo film, "O Cinema, Manoel de Oliveira e Eu", un omaggio al maestro del cinema portoghese.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento