The Visit

The Visit

di

Il ritorno di M. Night Shyamalan alle timbriche dei primi film con The Visit mostra un regista intelligente, acuto, perfettamente in grado di adattare la propria poetica a un budget ridotto.

La casa di marzapane è in Pennsylvania

In principio era la fiaba.
E vi sarà sempre.
Paul Valéry
Becca, 15 anni, e il suo fratellino Tyler, di 13, vengono mandati in visita dai nonni per una settimana mentre la madre è in crociera con il suo nuovo compagno. Per i ragazzi è la prima volta nella casa in cui loro madre è cresciuta, perché i rapporti tra lei e i suoi genitori si sono deteriorati in maniera irreparabile. Si tratta solo di una settimana, ma gli anziani parenti mostrano ben presto delle stranezze… [sinossi]

Ogni tanto è necessario ripartire dalle origini.
In Tremendous Trifles (1909), G. K. Chesterton scrive: «Le favole non dicono ai bambini che i draghi esistono. Perché i bambini lo sanno già. Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti.»
Qualche anno dopo dalla neonata Unione Sovietica gli risponde, con rigore scientifico, Vladimir Jakovlevič Propp: «“In un certo reame, in un certo Stato c’era una volta”: è in questo modo tranquillo ed epico che comincia la fiaba. La formula “in un certo reame” indica l’indeterminatezza spaziale del luogo dell’azione. “in un certo reame” è un topos della fiaba di magia e in un certo senso mette in chiaro che l’azione si compie al di fuori del tempo e dello spazio».

Anche all’origine del cinema di M. Night Shyamalan c’è la fiaba. Già il percorso di maturazione umana e filosofica raccontato in A occhi aperti, racchiude al proprio interno il significato intimo della fiaba, la sua essenza morale, la sua natura di monito prima ancora che di intrattenimento. Il concetto non muta più di tanto anche nelle successive avventure del regista indo-americano, a partire da Signs e The Village fino a Lady in the Water, nel quale organizza l’intera struttura narrativa attorno alle teorie archetipiche sulla fabula. Il superamento di una psicanalisi moderna, chiave interpretativa dei generi messa in atto per alcuni dei titoli più noti (il già citato The Village, ma anche Il sesto senso e il superomistico Unbreakable), a favore del fantasy nudo e crudo, sia ne L’ultimo dominatore dell’aria che nel vagheggiato e mai raggiunto accordo per la direzione del settimo e ultimo capitolo della saga di Harry Potter, non deve dunque stupire. E ancor meno deve sorprendere la scelta di abbandonare i budget a cui Shyamalan è stato spesso abituato per dirigere The Visit. Perché a volte tornare alle origini è salutare.
Torniamo per un attimo alle citazioni di Propp e Chesterton: in The Visit non esiste “in un certo reame” e Becca e Tyler, i giovani protagonisti della vicenda, non hanno alcuna idea che i draghi possano esistere. In questo senso Shyamalan sovverte due regole ferree della fiaba, ma solo in apparenza… Perché in realtà i veri protagonisti di questa fiaba non sono i due fratelli, ma gli spettatori stessi. Per loro, e solo per loro, i draghi (e le streghe e gli orchi) esistono e la Masonville, in Pennsylvania, che è teatro degli eventi di The Visit è un non-luogo fuori dal tempo e dallo spazio.

In questo senso, in questo slittamento dello sguardo di Shyamalan dai ragazzini in balia di nonni alquanto bizzarri agli spettatori che stanno assistendo allo spettacolo, acquista un valore peculiare la scelta di affidarsi a una delle mode dell’horror contemporaneo: il found footage. Distante anni luce dal gioco sul “vero” (o meglio, sulla credibilità dell’incredibile) che agita i sogni e gli incubi della maggior parte dei mestieranti che adoperano gli schemi del falso documentario o delle riprese pseudo-amatoriali, Shyamalan sfrutta il marchingegno del film nel film – Tyler vuole girare un documentario sui nonni con la speranza di ricucire lo strappo creatosi tra loro e sua madre – per eliminare una volta per tutte la frattura tra schermo e spettatore.
The Visit non è un film immediato, né semplice. Non lo è forse proprio perché appare da subito troppo semplice. Shyamalan, che ha fatto del colpo di scena una cifra autoriale, lo dichiara qui fin dalle prime battute, pur senza annunciarlo ufficialmente. Lo spettatore abituato a muoversi nei territori dell’horror e del fantastico, quindi, sa già cosa aspettarsi. Sa anche probabilmente non quale ritmo attendere ciò che accadrà: lo hanno educato a questo i precedenti titoli prodotti dalla Blumhouse (tra gli altri Insidious, Sinister, La notte del giudizio), eccezion fatta per l’eretico Le streghe di Salem di Rob Zombie. Shyamalan da principio sta al gioco, costruendo anche delle sequenze in grado di mozzare il fiato come l’inseguimento tra le fondamenta della casa, o la prima notte trascorsa tra rumori e timori.

Ma The Visit non è tutto qui, e non si accontenta di far sobbalzare sulla poltrona il pubblico. Alle spalle della macchina di genere c’è sempre lo sguardo di Shyamalan, il suo percorso autoriale in cui i protagonisti ricercano una felicità, e una stabilità emotiva che il mondo in cui vivono non può garantire loro. Gli affetti sono negati, agli eroi di Shyamalan, sempre recisi in qualcosa dal rapporto col reale: a volte invisibili agli altri, altre ciechi a loro volta.
Anche Becca e Tyler non possono avere un vero rapporto con la realtà: lei non ha neanche il coraggio di guardarsi allo specchio, e lui vive nel ricordo di un momento in cui non ha avuto la forza di agire, di muovere neanche un muscolo. Vivono in una resezione affettiva, quella col padre, e cercano di sublimarla in un tardivo recupero con i nonni. Ma non è possibile uno scambio simile, nel cinema di Shyamalan. E il ricorso all’horror, e alla fiaba (The Visit è un divertito e affascinante incrocio tra Hansel e Gretel, Pollicino e Cappuccetto Rosso), diventa l’arma perfetta per esplicitarlo.
The Visit, tolte le evidenti differenze, sta al cinema di M. Night Shyamalan come Il signore del male, Essi vivono e The Ward stanno a quello di John Carpenter. Messo alle strette, costretto da paletti produttivi a sviluppare una narrazione coerente e appassionante in un unico luogo e senza troppi personaggi, Shyamalan dimostra ciò che significa possedere una poetica senza mai dimenticare il ludus, il gioco eternamente in fieri con lo spettatore. Ne viene fuori un esempio di cinema vivo, vibrante e a suo modo angoscioso, a tratti terrorizzante, sempre lucido. A volte… Sì, a volte è davvero necessario ripartire dalle origini.

Info
Il trailer di The Visit.
  • the-visit-2015-m-night-shyamalan-01.jpg
  • the-visit-2015-m-night-shyamalan-02.jpg
  • the-visit-2015-m-night-shyamalan-03.jpg
  • the-visit-2015-m-night-shyamalan-04.jpg
  • the-visit-2015-m-night-shyamalan-05.jpg
  • the-visit-2015-m-night-shyamalan-06.jpg
  • the-visit-2015-m-night-shyamalan-07.jpg
  • the-visit-2015-m-night-shyamalan-08.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    sinister-2-ciaran-foy-2015-cov932Sinister 2

    di Torna il perfido Baghuul, demone babilonese che attira a sé i bambini spingendoli a sterminare la propria famiglia, per un sequel di cui nessuno sentiva la necessità.
  • In sala

    Insidious-3Insidious 3 – L’Inizio

    di Subentrando in cabina di regia a James Wan, Leigh Whannell dirige un prequel che si rivela fedele alle atmosfere e all'estetica del franchise; pagando però molto a livello di qualità della scrittura e configurandosi come un prodotto dedicato principalmente agli appassionati.
  • Cult

    essi-vivono-they-live-1988-john-carpenter-cov932Essi vivono

    di A metà tra science fiction e pamphlet politico, Essi vivono rimane a distanza di ventisette anni tra i capolavori di John Carpenter uno dei meno citati. È giunto il tempo di rimediare...
  • Archivio

    la-notte-del-giudizio-2013-the-purge-cov932La notte del giudizio

    di In un'America distrutta dalla criminalità, il governo ha deciso di instaurare un giorno all'anno in cui per 12 ore ogni tipo di crimine diventa legale...
  • Archivio

    After Earth (2013) di M. Nighty Shyamalan | Quinlan.itAfter Earth

    di In seguito a un atterraggio di fortuna, Kitai Raige e il padre Cypher si ritrovano sulla Terra mille anni dopo la fuga cui furono costretti gli esseri umani a causa di un cataclisma. Poiché Cypher è seriamente ferito, Kitai deve spingersi in cerca di aiuto...
  • Archivio

    Sinister_scott-derricksonSinister

    di Il found footage (e questa volta è in super8) torna a fare paura in Sinister di Scott Derrickson. Con Protagonista Ethan Hawke.
  • Archivio

    the-ward-il-reparto-cov932The Ward – Il reparto

    di L'ultimo parto creativo di John Carpenter è The Ward, thriller psicologico che conferma la statura autoriale di uno dei grandi maestri della Hollywood contemporanea.
  • Archivio

    Lultimo-dominatore-dellariaL’ultimo dominatore dell’aria

    di Il mondo è inghiottito dalla guerra e nessuno ha il potere di fermare l’inevitabile distruzione. È da un secolo che la Nazione del Fuoco porta avanti la sua campagna mortale per il dominio globale, contro le altre nazioni tribali di Aria, Acqua e Terra...
  • Archivio

    E venne il giorno (2008) di M. Night Shyamalan - Recensione | Quinlan.itE venne il giorno

    di Con E venne il giorno, M. Night Shyamalan - nel mettere in scena la catastrofe dell'umanità con al centro il simbolo, concreto e allegorico, del vuoto - si conferma come uno degli autori più interessanti del cinema contemporaneo.
  • Torino 2016

    safe-neighborhood-2016-chris-peckover-cov932Safe Neighborhood

    di Una babysitter adolescente durante le festività natalizie deve badare per una sera a Luke, il ragazzino che segue da anni. Ma non tutto va come dovrebbe andare. In After Hours al Torino Film Festival.
  • Notizie

    Shyamalan-SplitMasterclass con M. Night Shyamalan e anteprima di Split

    Giovedì 15 dicembre al Multisala Barberini di Roma, M. Night Shyamalan incontra il pubblico per una masterclass e per la proiezione in anteprima del thriller psicologico Split. L'evento è a ingresso gratuito.
  • In Sala

    splitSplit

    di Secondo film realizzato con la Blumhouse Production, Split è un tesissimo thriller che ci riporta alla poetica originaria di Shyamalan, agli spazi chiusi, alle geometrie della scrittura e della messa in scena, a quel passato che credevamo perduto.
  • Cult

    Unbreakable - Il predestinato (2000) Shyamalan - Recensione | Quinlan.itUnbreakable – Il predestinato

    di Il punto di partenza di Unbreakable è lo spirito del fumetto e il punto d'arrivo è la rielaborazione del fumetto stesso, concludendo idealmente un percorso di svecchiamento iniziato negli anni Ottanta da mostri sacri come Miller e Moore.
  • Archivio

    Quella casa nel bosco (2011) di Drew Goddard - Recensione | Quinlan.itQuella casa nel bosco

    di Goddard e Whedon riescono a superare il problema del già detto e già visto, usando le regole del genere e contravvenendole a piacimento, in un'opera in cui l’unica pecca è probabilmente il disegnare una trama troppo perfetta...
  • Prossimamente

    scappa-get-out-jordan-peele-2017-cov932Scappa – Get Out

    di Esiste razzismo negli States post-Obama? E se sì, in che modo si articola? Con Scappa - Get Out, l'attore Jordan Peele esordisce alla regia per la Blumhouse tracciando con intelligenza i contorni di un thriller che guarda agli stati d'allucinazione degli anni '70.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento