Avril et le Monde truqué

Avril et le Monde truqué

di ,

Premiato ad Annecy e presentato in anteprima italiana al Future Film Festival 2016, Avril et le Monde truqué (April and the Extraordinary World) è un’avventura rocambolesca, un’ucronia fantasiosa, spiritosa, non priva di contenuti e spunti sulla natura umana, sui confini etici della ricerca, sui paradossi della tecnologia. Ennesimo tassello significativo del variopinto cinema d’animazione transalpino.

Dove sognano i varani verdi

Nel 1941 di una realtà alternativa in cui la seconda rivoluzione industriale, quella dell’elettricità, non è mai avvenuta a causa della sparizione dei migliori scienziati del mondo nel 1870, infuria la guerra per l’energia. April, una ragazza che vive in una Parigi grigia e pericolosa, si mette alla ricerca dei genitori scienziati scomparsi da tempo, con la ferma intenzione di proseguire le loro ricerche interrotte sul sentiero della vita… [sinossi – programma FFF2016]

Il cinema d’animazione francese avanza compatto, seguendo traiettorie autoriali, ambiziose, distanti dagli schematismi dei blockbuster in computer grafica a stelle e strisce, ma anche dalle suggestioni estetiche degli anime. Insomma, non solo un’industria solida e competitiva, ma una fetta importante dell’immaginario e delle potenzialità grafiche e narrative del cinema d’animazione. Una produzione rivolta spesso a un pubblico giovane, anche giovanissimo, ma senza birignao, banalizzazioni, tormentoni comici invasivi. E con una qualità grafica ammirevole, anche nelle linee più semplici, nei budget più ridotti: i lungometraggi animati francesi – come il tris d’assi del Future Film Festival 2016 Avril et le Monde truqué, Tout en haut du monde e Phantom Boy – raccontano le loro storie partendo dalle scelte cromatiche e di character design, da fondali minuziosi o appena abbozzati, da linee e tratti personali, coerenti, vivi.

Con Avril et le Monde truqué (April and the Extraordinary World), Christian Desmares e Franck Ekinci portano sul grande schermo l’immaginario grafico di Jacques Tardi e, più in generale, quell’afflato avventuroso, fantastico e gustosamente steampunk che così bene si lega con il fumetto e l’animazione francese. Un’avventura a rotta di collo, sempre in movimento, per terra, acqua e cielo, con qualsiasi mezzo di trasporto: siamo dalle parti de Le avventure di Zarafa di Jean-Christophe Lie e Rémi Bezançon, tra colpi di scena, improvvisi detour e la voglia di non prendersi troppo sul serio. Lo script strizza l’occhio ai più piccini, tratteggiando personaggi buffi (Pops, il nonno scienziato con qualche rotella fuori posto, e il commissario Gaspard Pizoni, inarrestabile e pasticcione) e ritagliando per il gatto Darwin, coprotagonista e non solo spalla comica o mera mascotte, un ruolo attivo, ironico, anche drammatico e commovente. Alcuni snodi e personaggi sono un po’ compressi dal ritmo rocambolesco, ma nei centocinque minuti di Avril et le Monde truqué Ekinci e il cosceneggiatore Benjamin Legrand trovano il tempo per riscrivere la Storia francese tra Ottocento e Novecento, per imbastire una storia d’amore, per dividere tragicamente una famiglia, per immergere gli spettatori in un mondo sotterraneo abitato da scienziati, piante rigogliose e temibili varani. Una ucronia fantasiosa, spiritosa, non priva di contenuti e spunti sulla natura umana, sui confini etici della ricerca, sui paradossi della tecnologia.

Tra case erranti, fughe in funicolare, missili che potrebbero sterminare l’umanità e un mancato conflitto franco-prussiano, Avril et le Monde truqué non difetta di immaginazione, sostenuta da un tratto grafico pulito, anche minuzioso. Siamo dalle parti di Tintin e della ligne claire, ma con una maggiore dose di ironia e una distinzione meno netta tra eroi e villain. Pur semplificando, Avril et le Monde truqué cerca di illustrare al suo giovane pubblico di riferimento le complessità della Storia, della Scienza, dei rapporti interpersonali. Più che graziosa la coda finale e voci originali di alto profilo, in primis Marion Cotillard, Jean Rochefort e Bouli Lanners.

Info
Avril et le Monde truqué sul sito del Future Film Festival 2016.
Il trailer originale di Avril et le Monde truqué.
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-01.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-02.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-03.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-04.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-05.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-06.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-07.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-08.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-09.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-10.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-11.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-12.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-13.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-14.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-15.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-16.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-17.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-18.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-19.jpg
  • Avril-et-le-Monde-truque-2015-April-and-the-Extraordinary-World-20.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Future-Film-Festival-2016Future Film Festival 2016

    Al Future Film Festival 2016, dal 3 all'8 maggio nelle sale della Cineteca di Bologna, la consueta indigestione di animazione e fantascienza: l'apertura con Miss Hokusai, l'omaggio a Star Trek, la retrospettiva Welcome Aliens, il concorso dei lunghi e dei corti, le follie di mezzanotte...
  • Animazione

    Phantom-BoyPhantom Boy

    di , Dopo Un gatto a Parigi, Felicioli e Gagnol si confermano con Phantom Boy, leggiadro noir dalle venature fantastiche che mette in scena senza inutili birignao una grave malattia. Presentato al Torino Film Festival 2015 e al Future Film Festival di Bologna 2016.
  • Animazione

    Sasha e il Polo Nord(2015) di Rémi Chayé - Recensione | Quinlan.itSasha e il Polo Nord

    di Tout en haut du monde di Rémi Chayé, ennesima dimostrazione della qualità ed estrema vivacità del cinema d’animazione transalpino. L’animazione tradizionale è vivissima. A Roma 2015 e al Future 2016.
  • Animazione

    Il piccolo principe (2015) Recensione Cannes | Quinlan.itIl piccolo principe

    di Presentato a Cannes, The Little Prince di Mark Osborne rilancia le ambizioni produttive dell’animazione europea, soprattutto francese. Più dei limiti narrativi, ci interessano l’utilizzo della stop motion e la coesistenza con la computer grafica.
  • Berlinale 2014

    Loulou, l'incroyable secret (2013) di Omond - Recensione - Quinlan.itLoulou, l’incroyable secret

    di Presentato alla Berlinale, il film di Omond è l’ennesimo piccolo miracolo creativo della francese Prima Linea Productions.
  • Animazione

    Ernest e Celestine (Francia, Belgio 2012) - Recensione - Quinlan.itErnest & Celestine

    di , , Nel mondo degli orsi non è ammessa l'amicizia coi topi. Ma Ernest, un grosso orso emarginato, clown e musicista, stringe amicizia con Célestine...
  • Animazione

    Le avventure di Zarafa di Bezançon e Lie - Recensione - Quinlan.itLe avventure di Zarafa – Giraffa giramondo

    di , All'ombra di un baobab, un anziano racconta ai bambini la storia dell'amicizia tra il piccolo Maki, dieci anni, e Zarafa, una giraffa orfana che venne data in dono dall'Egitto alla Francia: un lungo e avventuroso viaggio, attraverso Alessandria, Marsiglia, le Alpi..
  • Cannes 2016

    la-jeune-fille-sans-mains-2016-sebastien-laundebach-recensioneLa jeune fille sans mains

    di Proviene dalla sezione dell'ACiD una delle sorprese più belle e inattese di Cannes 2016: La jeune fille sans mains, opera prima disegnata a mano da Sébastien Laudenbach.
  • Animazione

    ma-vie-de-courgetteLa mia vita da zucchina

    di La Quinzaine ritaglia spazi preziosi per il cinema d'animazione, anche quello a misura di bambino. Diretto da Claude Barras, La mia vita da zucchina è l'ennesima dimostrazione della vitalità della stop motion e dell'animazione transalpina.
  • Animazione

    Louise en hiver (2016) Laguionie - Recensione | Quinlan.itLe stagioni di Louise

    di Ennesimo tassello della nouvelle vague animata transalpina, il film di Laguionie si stringe poeticamente e senza ipocrisie attorno alla terza età, alla solitudine che spesso accompagna la vecchiaia.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento