La jeune fille sans mains

La jeune fille sans mains

di

Proviene dalla sezione dell’ACiD una delle sorprese più belle e inattese di Cannes 2016: La jeune fille sans mains, opera prima interamente disegnata a mano da Sébastien Laudenbach.

Incubi di carta

In tempi duri, un mugnaio vende la figlia al diavolo, in cambio di infinite ricchezze. Ma le richieste non sono finite, il diavolo chiede infatti all’uomo di tagliare la mani alla figlia. E lui lo fa. Protetta dalla sua purezza, la ragazza fugge via: incontrerà la dea delle acque, un giardiniere dolce e il principe nel suo castello. Il suo è un lungo viaggio verso la luce … [sinossi]

Se c’è una cosa da invidiare al cinema francese è l’attenzione che dedica ai propri prodotti di animazione. Con un pubblico adulto già da tempo attento a questo tipo di produzione artistica, non c’è da stupirsi che solo in questa annata si siano visti ottimi esemplari come Phantom Boy, Tout en haute du monde e Avril et le monde truqué tutti e tre in selezione all’ultimo Future Film Festival di Bologna.
Ecco dunque che una delle scoperte più sorprendenti di Cannes 2016 appartiene proprio a questa nobile arte cinematografica: si tratta di La jeune fille sans mains, opera prima, completamente disegnata a mano, di Sébastien Laudenbach.

Presentato nella sezione “combattente” dell’ACiD – Association du cinéma indépendent pour sa diffusion, il film si ispira all’omonima fiaba dei fratelli Grimm e ne serba le atmosfere più tetre, riportandoci alla memoria tutta quell’inquietudine, pronta ad essere sanata dal lieto fine, tipica dello storytelling domestico infantile.
La jeune fille sans mains è una storia di cupidigia e dannazione, dove una giovane fanciulla si ritrova ad affrontare il mondo da sola e privata di entrambe le mani dal suo stesso padre. Questo ingrato genitore è infatti stato sedotto dalla promessa di infinite ed auree ricchezze prospettatagli da un demonio multiforme, che ha preteso in cambio la patria podestà sulla ragazza. Sconvolta dall’accaduto, la nostra protagonista inizierà un lungo viaggio alla ricerca di una sua forma personale di indipendenza – nonostante l’acquisita malformazione – e dunque anche della felicità.

Pochi tratti vergati su una carta artigianale dalla grana grossa, questa è la ricetta stilistica prescelta dal giovane Laudenbach per il suo stupefacente esordio cinematografico, dove le linee e le chiazze di colore si fanno volti, poi ombre, poi elementi della natura, in una fantasmagoria visiva incessante e visionaria. Ogni immagine di La jeune fille sans mains contiene un mistero in attesa di essere svelato e questa mutevolezza del disegno riporta alla luce l’essenza stessa sia della creazione artistica manuale che del montaggio cinematografico. Il tratteggio appena abbozzato, così multiforme ed evocativo, rivela dunque l’inusitata capacità da parte dell’autore di lavorare e ragionare sul disegno, le forme e la loro natura effimera e mutevole. Si resta continuamente con il fiato sospeso in attesa di essere stupiti dalla prossima meraviglia, nel corso della visione di un’avventura poetica e rocambolesca dove a trionfare è la libertà, sia quella della protagonista che quella artistica.

Info
la pagina dedicata a La jeune fille sans mains sul sito della Acid.
  • la-jeune-fille-sans-mains-2016-sebastien-laundebach-01.jpg
  • la-jeune-fille-sans-mains-2016-sebastien-laundebach-02.jpg
  • la-jeune-fille-sans-mains-2016-sebastien-laundebach-03.jpg
  • la-jeune-fille-sans-mains-2016-sebastien-laundebach-04.jpg
  • la-jeune-fille-sans-mains-2016-sebastien-laundebach-05.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    ma-vie-de-courgetteLa mia vita da zucchina

    di La Quinzaine ritaglia spazi preziosi per il cinema d'animazione, anche quello a misura di bambino. Diretto da Claude Barras, La mia vita da zucchina è l'ennesima dimostrazione della vitalità della stop motion e dell'animazione transalpina.
  • Festival

    Festival-di-Cannes-2016Festival di Cannes 2016 – Presentazione

    Al via la 69a edizione del Festival di Cannes: l'apertura ufficiale con l'ultima fatica di Woody Allen, Café Society, quindi la corsa alla Palma, il mercato, una mole inaffrontabile di film... e una macchina (auto)promozionale che sembra non arrestarsi mai.
  • Festival

    Cannes-2016Cannes 2016

    Il Festival di Cannes 2016: la Croisette in bella mostra e la fiumana di pellicole tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine des Réalisateurs, Semaine de la Critique...
  • Festival

    cannes-2016Cannes 2016 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette e arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2016!
  • Future 2016

    Avril et le Monde truqué (2015) Recensione | Quinlan.itAvril et le Monde truqué

    di , Premiato ad Annecy e presentato in anteprima italiana al Future Film Festival 2016, Avril et le Monde truqué (April and the Extraordinary World) è un'avventura fantasiosa e rocambolesca, ennesimo tassello positivo del variopinto cinema d'animazione transalpino.
  • Animazione

    Phantom-BoyPhantom Boy

    di , Dopo Un gatto a Parigi, Felicioli e Gagnol si confermano con Phantom Boy, leggiadro noir dalle venature fantastiche che mette in scena senza inutili birignao una grave malattia. Presentato al Torino Film Festival 2015 e al Future Film Festival di Bologna 2016.
  • Animazione

    Sasha e il Polo Nord(2015) di Rémi Chayé - Recensione | Quinlan.itSasha e il Polo Nord

    di Sasha e il Polo Nord di Rémi Chayé è l'ennesima dimostrazione della qualità ed estrema vivacità del cinema d’animazione transalpino. L’animazione tradizionale è vivissima. A Roma 2015 e al Future 2016.
  • Animazione

    Un gatto a Parigi (2010) Recensione | Quinlan.itUn gatto a Parigi

    di , Il gatto Dino ha una doppia vita. Di giorno vive con la piccola Zoé, l'unica figlia di Jeanne, un commissario di polizia. La notte scala i tetti di Parigi in compagnia di Nico, un ladro di grande talento. Tutto si complica quando il nemico pubblico numero uno...
  • Animazione

    Le avventure di Zarafa di Bezançon e Lie - Recensione - Quinlan.itLe avventure di Zarafa – Giraffa giramondo

    di , All'ombra di un baobab, un anziano racconta ai bambini la storia dell'amicizia tra il piccolo Maki, dieci anni, e Zarafa, una giraffa orfana che venne data in dono dall'Egitto alla Francia: un lungo e avventuroso viaggio, attraverso Alessandria, Marsiglia, le Alpi..
  • Animazione

    Louise en hiver (2016) Laguionie - Recensione | Quinlan.itLe stagioni di Louise

    di Ennesimo tassello della nouvelle vague animata transalpina, il film di Laguionie si stringe poeticamente e senza ipocrisie attorno alla terza età, alla solitudine che spesso accompagna la vecchiaia.
  • Festival

    Future Film Festival 2017 | Bologna, 02/07 maggio | Quinlan.itFuture Film Festival 2017

    Al Future Film Festival 2017, dal 2 al 7 maggio nelle sale della Cineteca di Bologna e (solo per l'apertura) al Cinema Arlecchino, tornano a dominare l'animazione, la fantascienza e il fantastico, tra il concorso, i workshop e le apocalissi a basso costo...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento