Star Trek Beyond

Star Trek Beyond

di

Archiviato l’ambizioso reboot in due atti di J. J. Abrams (Star Trek e Into Darkness – Star Trek), non è difficile intuire le intenzioni e le coordinate di Star Trek Beyond, episodio in tono minore, praticamente a velocità di crociera. Non un ridimensionamento, ma il naturale assestamento per un franchise che si nutre di serialità, di elaborazione e rielaborazione di schemi, iconografie, gag, personaggi e scenari.

That’s the spirit, Bones.

I membri dell’equipaggio dell’Enterprise si spingono nei più remoti recessi dello spazio inesplorato dove si imbattono in un nuovo nemico misterioso che mette alla prova loro e tutto ciò che la Federazione rappresenta… [sinossi]

Nell’anno del cinquantesimo anniversario di Star Trek, e del doveroso restauro di Ikarie XB 1, il sequel/reboot Star Trek Beyond abbandona definitivamente la Terra e i suoi dintorni per inabissarsi nell’ignoto spazio profondo, esplorando il cosmo «alla ricerca di nuove forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessuno è mai giunto prima». Astronavi, stelle misteriose, nuovi pianeti, imprevisti, pericoli e tutto quel che segue. Lo scenario naturale di una space opera, declinazione tra le più fertili dell’immaginario fantascientifico.
Archiviato l’ambizioso reboot in due atti di J. J. Abrams (Star Trek – Il futuro ha inizio e Into Darkness – Star Trek), non è difficile intuire le intenzioni e le coordinate di Star Trek Beyond, episodio in tono minore, praticamente a velocità di crociera. Non un ridimensionamento, ma il naturale assestamento per un franchise che si nutre di serialità, di elaborazione e rielaborazione di schemi, iconografie, gag, personaggi e scenari. Tutto torna (utile) nell’universo fantascientifico e ultra-democratico creato da Gene Roddenberry. E ricreato da Abrams.

La fitta rete di rimandi, gioiose celebrazioni, elaborazioni di lutti reali e immaginari, tra sequenze spettacolari e una sana furia iconoclasta (perché, appunto, tutto torna…), permette al nuovo timoniere Justin Lin di innestare su una trama basilare una sovrastruttura spettacolare, enfatizzata dal 3D e da intuizioni registiche e scenografiche dal retrogusto escheriano: a restare impresse nella memoria, ben più dei destini di qualche vittima sacrificale e del villain Krall (Idris Elba), saranno probabilmente tre sequenze che giocano con la forza di gravità e la sua assenza – senza contare la corsa in moto del capitano Kirk, un po’ folle e un po’ gratuita, ma perfettamente in linea con Lin e la lunga serie Fast & Furious.
La missione sul pianeta Altamid, ennesimo tassello di una cosmologia immaginaria, ha i contorni dell’episodio espanso, aggiornato al budget fragoroso e alle infinite possibilità dell’odierna computer grafica. La sensazione, in qualsiasi sequenza e snodo narrativo di Star Trek Beyond, è che non accadrà nulla di realmente rilevante, memorabile: in questo senso, sono emblematiche le morti reali di Leonard Nimoy (il primo Spock) e Anton Yelchin (il nuovo Chekov), che costringono gli autori a fare i conti con la vita oltre lo schermo.

Il tempo che passa, riassunto perfettamente in una battuta di Kirk e in una nostalgica fotografia, è un tema che attraversa Star Trek Beyond ma che non lo permea, annacquato dall’impianto spettacolare e dalla frammentazione narrativa in piccoli e anche sagaci buddy movie.
Programmaticamente rispettosi di alcuni dettami roddenberriani (l’internazionalismo e la forza dell’unione), gli sceneggiatori Simon Pegg e Doug Jung si divertono a smembrare la nave stellare USS Enterprise e il suo equipaggio, per poi ricomporre il tutto pezzo dopo pezzo. La dimensione Kirk-centrica e Spock-centrica di Star Trek – Il futuro ha inizio e Into Darkness – Star Trek lascia spazio alla Odd Couple Spoke/Bones, alle evoluzioni del duo Kirk/Checov, ai vessilli dell’interrazialità Uhura/Sulu e alla nuova arrivata Jaylah, accompagnata da Montgomery “Scotty”.
Nel solco della tradizione, e giustamente non enfatizzato, l’accenno alla famiglia di Sulu, con compagno e graziosa figlioletta. Di passaggio, sullo sfondo, perché il clamore suscitato dal celeberrimo bacio tra Uhura e Kirk dovrebbe essere solo un retaggio di tempi passati – l’episodio Umiliati per forza maggiore (Plato’s Stepchildren, 1968), terza stagione della serie classica.

Orfano dei lens flare e degli slanci drammatici di Abrams, Star Trek Beyond si lascia alle spalle la necessità di dover rigenerare un immaginario, inserisce il pilota automatico e si prepara idealmente a una nuova missione quinquennale: già alle prese col quarto episodio (quattordicesimo dallo Star Trek di di Robert Wise, datato 1979), Simon Pegg e soci sembrano voler seguire le vecchie e consolidate traiettorie disegnate dalla serie classica, così da riportare il franchise su quei binari richiesti a gran voce dai fan. Al netto della cgi e del 3D, un comprensibile ritorno all’ortodossia – sulla carta, dovrebbe essere un percorso inverso rispetto agli auspicati sviluppi del rinnovato Star Wars. Il tutto condito da commoventi omaggi e strizzatine d’occhio: funzionano a dovere le note rivisitate da Michael Giacchino, che rimandano ad avventure passate e future; le vecchie astronavi e la tecnologia d’antan; l’affetto cameratesco e di lunghissima data di Spock, Bones e Kirk, fatto di poche parole e grandi gesti. Ma funzionano anche l’avveniristica Yorktown, a sei gradi di separazione dal “pianeta bianco” di Ikarie XB 1, e il rilassante intreccio tra tecnologia e ironia. Basta lasciarsi cullare dal pilota automatico…

Info
Il trailer italiano di Star Trek Beyond.
Il sito italiano di Star Trek Beyond.
Star Trek Beyond su facebook.
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-01.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-02.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-03.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-04.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-05.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-06.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-07.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-08.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-09.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-10.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-11.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-12.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-13.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-14.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-15.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-16.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-17.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-18.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-19.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-20.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-21.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-22.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-23.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-24.jpg
  • Star-Trek-Beyond-2016-Justin-Lin-25.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2016

    Ikarie-XB-1Ikarie XB 1

    di Restaurato in digitale con totale rispetto nei confronti della pellicola originale, il capolavoro della fantascienza cecoslovacca Ikarie XB 1 di Jindřich Polák era tra gli appuntamenti imperdibili di Cannes Classics 2016. Uno splendido esempio di sci-fi umanista e politica.
  • Archivio

    10 Cloverfield Lane

    di Thriller angoscioso e claustrofobico che flirta con la fantascienza post-apocalittica, il film diretto da Dan Trachtenberg (e prodotto da J.J. Abrams) tradisce l'affascinante crescendo con un finale raffazzonato e semplicistico. Incompiuto ma interessante.
  • Berlinale 2016

    Midnight Special RecensioneMidnight Special

    di Nichols declina a suo modo la science fiction avventurosa degli anni Settanta e Ottanta, innervandola di autorialità e di un umanesimo che indaga fin nelle pieghe più profonde i legami affettivi. Un dichiarato omaggio a Carpenter e Spielberg.
  • Archivio

    il-risveglio-della-forza RecensioneStar Wars: Il risveglio della Forza

    di Torna la saga di Star Wars, creata nel 1977 da George Lucas, e con lei tornano anche alcuni dei protagonisti più amati. Quale sarà il destino della "galassia lontana lontana"?
  • Roma 2015

    The Whispering Star

    di Sion Sono torna a interrogarsi sulla tragedia di Fukushima, stavolta mettendo in scena uno sci-fi disadorno, minimale e silenzioso. Disperso nelle stelle. Alla Festa di Roma.
  • Archivio

    Apes Revolution Il pianeta delle scimmie RecensioneApes Revolution – Il pianeta delle scimmie

    di Il secondo capitolo della nuova saga conferma l'elevata qualità degli effetti speciali della Weta e l'efficacia della performance capture.
  • Archivio

    Into Darkness Star Trek RecensioneInto Darkness – Star Trek

    di L’Enterprise torna sulla Terra, in seguito a un controverso incidente galattico. L’indomito Capitano Kirk è tuttavia impaziente di tornare fra le stelle per una nuova e più lunga missione di pace ed esplorazione...
  • Archivio

    L'alba del pianeta delle scimmie RecensioneL’alba del pianeta delle scimmie

    di Superate alcune incongruenze, L'alba del pianeta delle scimmie decolla grazie alla componente action e ad alcune sequenze particolarmente commoventi, dimostrando di avere imboccato una strada assai diversa rispetto al film di Schaffner e alla saga post-sessantottina.
  • Archivio

    super-8Super 8

    di J.J. Abrams firma un accorato omaggio al cinema "sull'infanzia", di cui fu maestro indiscusso Steven Spielberg. Un gioiello da non lasciarsi sfuggire.
  • Archivio

    Avatar

    di Avatar, ovvero il ritorno dietro la macchina da presa di James Cameron, a dodici anni di distanza dal clamoroso successo planetario di Titanic.
  • Archivio

    Star Trek RecensioneStar Trek – Il futuro ha inizio

    di Il destino della galassia è nelle mani di due accaniti rivali, provenienti da mondi assai diversi fra loro. Da un lato, James Tiberius Kirk, un ribelle ragazzo dell'Iowa assetato di emozioni...
  • MIFF 2016

    Intervista a Mira Sorvino

    Mothers and Daughters è un film sul tema della maternità, diretto da Paul Duddridge e da Nigel Levy, e vanta un cast con tante grandi attrici tra cui Mira Sorvino, cui è stato riconosciuto il premio come migliore attrice non protagonista ai Miff Awards 2016. L'abbiamo incontrata insieme a Paul Duddridge e alla produttrice Danielle James.
  • Trieste S+F 2016

    For the Love of Spock

    di Presentato al Trieste Science+Fiction l’affettuoso documentario su Leonard Nimoy a opera del figlio, Adam. Per celebrare il 50° anniversario di un mondo immaginario diventato un franchising, per omaggiare la sua figura simbolo, una sentita, quanto doverosa e meritata, agiografia.
  • Blu-ray

    For the Love of Spock

    di Approda in edizione blu-ray targata Koch Media il documentario For the Love of Spock, realizzato da Adam Nimoy, figlio del compianto e celeberrimo Leonard Nimoy. Un omaggio al padre, all'artista, al personaggio e a un immaginario immortale.
  • Roma 2011

    Comic-Con Episode IV: A Fan's Hope - RecensioneComic-Con Episode IV: A Fan’s Hope

    di Morgan Spurlock firma con Comic-Con Episode IV: A Fan's Hope un divertissement in grado non solo di effettuare un fermo immagine su un evento di così ampia portata com il Comic-Con di San Diego, ma anche di raccontare una parte d'America di solito trattata con superficiale semplicismo.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento