Venezia 2016 – Presentazione

Venezia 2016 – Presentazione

Presentato a Roma il programma ufficiale di Venezia 2016, settantatreesima edizione della Mostra, la quinta dopo il ritorno di Alberto Barbera in veste di direttore artistico.

In un’epoca in cui i social network hanno acquisito un peso specifico prioritario nella lettura del contemporaneo e di ciò che accade nel mondo, dare una scorsa ai profili di appassionati cinefili e addetti ai lavori è esercizio quantomai utile. Ebbene, da quando le cartelle stampa distribuite all’interno del Westin Excelsior di via Veneto (sede in cui da anni si svolge la conferenza stampa ufficiale della Mostra) hanno messo nero su bianco attese, desideri, paure e curiosità di chi segue il mondo del cinema e dei festival, tra post e cinguettii è stato semplice imbattersi in affermazioni sulla falsariga de “la migliore edizione degli ultimi dieci/quindici anni”. Precisando fin da subito che mettersi a fare le pulci a un programma prima di aver avuto l’occasione di vedere i film è solo dimostrazione di un ozio intellettuale, il tenore delle affermazioni sembra a dir poco esagerato; se è vero che il parterre di partenza di Venezia 2016 è senz’ombra di dubbio degno di nota, in particolar modo per una pattuglia statunitense più solida di quella delle ultime edizioni, l’impressione è che la memoria si sia fatta corta. Tanto per rimanere agli anni dal 2000 in poi, impossibile dimenticare edizioni come il 2007, dove a rincorrere l’ambito Leone d’Oro erano tra gli altri Wes Anderson, Youssef Chahine, Brian De Palma, Andrew Dominik, Peter Greenaway, José Luis Guerín, Todd Haynes, Jiang Wen, Abdellatif Kechiche, Ang Lee, Ken Loach, Takashi Miike, Eric Rohmer e Johnnie To, o come il 2001 (Pintilie, Gitai, Fruit Chan, Ulrich Seidl, Téchiné, Capuano, ancora Loach, Botelho, Payami, Garrel, Kim Ki-duk e Linklater), o ancora il 2011 (Clooney, Polanski, Cronenberg, Alfredson, Friedkin, Ferrara, Garrel, Sokurov, Solondz, Sion Sono, Ann Hui, McQueen, To).
L’entusiasmo di fronte alla presenza di alcuni dei nomi più interessanti del panorama internazionale, a partire da Pablo Larraín con Jackie (addendum dell’ultim’ora all’interno del palinsesto), può essere condiviso, ma l’impressione è che lo schema che ha sorretto la Mostra dal 2012 in poi non sia stato in nessun modo messo in discussione. Se si rimarca la ricca presenza statunitense (lo stesso Jackie è una produzione a stelle e strisce, e a lui si aggiungono i nuovi film di Damien Chazelle, Derek Cianfrance, Tom Ford, Terrence Malick, Denis Villeneuve e quella Ana Lily Amirpour che solo un paio di anni fa sorprendeva il pubblico del Festival di Roma con l’horror vampiresco in bianco e nero A Girl Walks Home Alone at Night) è anche perché da sola cannibalizza un terzo dell’intero concorso.

Dopotutto Alberto Barbera, che con la riconferma fino al 2020 diventerà il direttore più longevo della storia della Mostra, con ben dodici edizioni organizzate, non ha mai nascosto la volontà di annodare i fili che legano il Lido a Hollywood e dintorni; muovendosi tra le varie sezioni sono ben quindici i film che provengono da oltre oceano. Con la possibilità, magari, di ospitare anche quest’anno uno o più premi Oscar… Il progetto è chiaro, e possiede anche una propria logica incrollabile. Per raggiungere l’obiettivo, però, l’impressione è che si rischi di perdere di vista l’insieme. Va bene riportare in un Lido sempre più desertificato di presenze umane – altro dettaglio su cui riflettere che in buona parte viene dimenticato, o per meglio dire rimosso, dal processo mediatico – i grandi nomi di star (attori più che registi), nella speranza di ridare lustro a un “tappeto rosso” che ha perso smalto con il passare degli anni, ma per il resto qual è la direzione che sta prendendo la Mostra?
Negli ultimi anni Venezia ha smesso di indagare sul mondo del cinema, e sul nuovo; si è limitata a restaurare nomi finiti nel dimenticatoio – quest’anno tocca a Emir Kusturica e Giuseppe Piccioni in concorso, Benoît Jacquot nel fuori concorso, Gabriele Muccino in Cinema nel Giardino, spazio dove trovano collocazione tra gli altri anche In Dubious Battle di James Franco e Geumul di Kim Ki-duk, altro “fedelissimo” del direttore – o ad accogliere registi già svezzati da altre realtà festivaliere europee. Un discorso valido per l’intera truppa nordamericana, ma anche per Stephan Brizé, Amat Escalante, lo stesso Lav Diaz, che dopo aver trovato slancio internazionale nelle edizioni di Marco Müller, è riuscito a concorrere per il Leone d’Oro solo grazie al “certificato di qualità” rilasciato prima da Locarno (dove From What is Before vinse il Pardo d’Oro) e lo scorso febbraio dalla Berlinale, che ha assegnato a A Lullaby to the Sorrowful Mystery l’Alfred-Bauer-Preis.

Perse di vista come oramai d’abitudine sia la produzione asiatica (sempre più difficile da rintracciare nel programma della kermesse veneta) che ancor più quella africana, Barbera dimostra coraggio ancora una volta nella scelta dei titoli italiani. La presenza di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti con Spira mirabilis è certamente la ciliegina sulla torta del concorso – e Barbera non è nuovo a opzioni simili, come dimostrano anche Sacro G.R.A. di Gianfranco Rosi nel 2012 o, andando indietro nel tempo, Appassionate di Tonino De Bernardi nel 1999 e Luna rossa di Antonio Capuano nel 2001 –, ma altrettanto interessanti appaiono sulla carta Piuma di Roan Johnson, sempre in concorso, Tommaso di Kim Rossi Stuart fuori competizione e Liberami di Federica Di Giacomo in un concorso di Orizzonti che per l’ennesima occasione sembra una sezione svuotata di identità.
Ma il vero colpo di fulmine della selezione italiana potrebbe essere Monte, l’atteso film di Amir Naderi girato in Alto Adige che, dopo una lunga e travagliata lavorazione, è stato finalmente portato a termine. La consegna del premio “Glory to the Filmmaker” a Naderi è anche un segnale importante, il riconoscimento a una carriera fuori dagli schemi e indomita. Nonostante tutto. Da qui, come da Austerlitz di Sergei Loznitsa e Ku qian di Wang Bing, la Mostra potrebbe/dovrebbe ripartire. Non sarà così, probabilmente, ma l’illusione è un piacere ancora concesso, nel cuore dell’estate.

Info
Il sito di Venezia 2016.

Articoli correlati

  • Venezia 2016

    Settimana-della-Critica-2016-PresentazioneSettimana della Critica 2016 – Presentazione

    Dopo l'edizione del trentennale si riparte da Giona Nazzaro, nuovo delegato generale, e da un gruppo di esordi anarcoidi e furiosi. Il resoconto della presentazione della Settimana della Critica 2016, svoltasi come da tradizione a Roma.
  • Berlinale 2016

    A-Lullaby-to-Sorrowful-Mystery-2016-Lav-Diaz-recensioneA Lullaby to the Sorrowful Mystery

    di Presentata in concorso alla Berlinale la nuova opera fiume di Lav Diaz, A Lullaby to the Sorrowful Mystery. In otto ore il regista filippino racconta fatti, tra storia, leggenda, mitologia, letteratura e poesia, che si inquadrano nella rivoluzione filippina del 1896-98.
  • Venezia 2015

    antonio-capuano-venezia-2015Intervista ad Antonio Capuano

    Vincitore con Vito e gli altri della Settimana della Critica del 1991, Antonio Capuano è tornato quest'anno per celebrare il trentennale della sezione con un nuovo film, Bagnoli Jungle. Ironico ed eccentrico, carnale e tenero il suo cinema non si smentisce mai, denso di cultura, alta e bassa, di realtà e sentimento. Di questo ed altro abbiamo parlato con il regista partenopeo.
  • Venezia 2015

    venezia-2015-minuto-per-minutoVenezia 2015 – Minuto per minuto

    Sokurov e Bellocchio, Egoyan e Skolimowski, Barbera e Baratta, tutti i film, le news, le prime impressioni, gli innamoramenti folli e le ferali delusioni... Insomma, con la Mostra del Cinema di Venezia 2015 torna la nostra cronaca più o meno seria dal Lido. Il Minuto per Minuto, dal 2 al 12 settembre, fino ai premi o giù di lì.
  • Festival

    mostra-del-cinema-di-venezia-2015Venezia 2015

    La Mostra del Cinema di Venezia 2015, dalla preapertura in omaggio a Orson Welles alla cerimonia di premiazione di sabato 12 settembre: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori... fino al Leone d'oro.
  • Venezia 2015

    venezia-2015-presentazione-cov932Venezia 2015 – Presentazione

    Presentato a Roma il programma ufficiale della settantaduesima edizione della Mostra, la quarta dopo il ritorno di Alberto Barbera, che sembra proseguire nel solco scavato dalle annate precedenti...
  • Rotterdam 2015

    wang bing-intervistaIntervista a Wang Bing

    Uno dei più importanti nomi del cinema documentario, Wang Bing, punta la sua camera sulla vita di un padre e due figli, che vivono in uno spazio di quattro metri quadrati. È il suo nuovo lavoro, Father and Sons, concepito come videoinstallazione e presentato al Festival di Rotterdam, dove abbiamo incontrato il regista.
  • Documentario

    storm-children-book-1-lav-diaz-2014-cov932Storm Children, Book 1

    di Lav Diaz racconta la tragedia delle giovani generazioni filippine devastate dagli uragani. In sala grazie a Zomia il documentario del vincitore dell'ultima Mostra di Venezia, già visto al Torino Film Festival nel 2014.
  • Festival

    venezia-2014-cov932Venezia 2014

    Per due settimane, a cavallo di settembre, il Lido si popola di film, registi e attori: tutte le nostre recensioni e gli articoli da Venezia 2014.
  • Venezia 2014

    Mostra del Cinema di Venezia 2014 - Minuto per minuto | Quinlan.itVenezia 2014 – Minuto per minuto

    La terza edizione del Barbera-bis: annotazioni sparse sui film, sulle ovazioni e i fischi, sulle tendenze, le voci, le piccole e grandi polemiche...
  • Locarno 2014

    from-what-is-before-lav-diaz-2014-cov932From What is Before

    di Lav Diaz torna a raccontare la travagliata storia delle Filippine, concentrando l'attenzione sulla dittatura di Marcos. In concorso a Locarno 2014.
  • Venezia 2014

    venezia-2014-presentazione-cov932Venezia 2014 – Presentazione

    Presentato a Roma il programma ufficiale della settantunesima edizione della Mostra, la terza dopo il ritorno di Alberto Barbera, che sembra avere uno sguardo proteso verso il passato, più che sull'oggi...
  • Saggi

    il-saluto-a-eric-rohmer-cov932Il saluto a Éric Rohmer

    Un ricordo di Éric Rohmer, tra gli esponenti più splendenti e complessi di quel microcosmo francese che prese il nome di Nouvelle Vague.
  • Venezia 2016

    los-nadie-2016-juan-sebastian-mesa-cov932Los nadie

    di Una sinfonia urbana di volti, corpi, tatuaggi e sudore, un po' selvatica e molto punk. Con Los Nadie Juan Sebastián Mesa porta alla SIC, dove ha vinto il premio principale della 31esima edizione, tenerezze e ruvidezze della gioventù colombiana contemporanea.
  • In sala

    animali-notturniAnimali notturni

    di Melodramma, riflessione sull'arte, western e detective movie, Animali notturni di Tom Ford è un film stratificato e ambizioso, che perde troppo spesso l'equilibrio. In concorso a Venezia 2016.
  • Venezia 2016

    brimstone-2016- Martin-KoolhovenBrimstone

    di Western al femminile con una notevole pletora di violenze e sevizie, Brimstone di Martin Koolhoven risulta ben presto ripetitivo. Colpa anche del suo villain, un gigionissimo Guy Pearce. In concorso a Venezia 2016.
  • Venezia 2016

    JackieJackie

    di Biopic che viola molte regole del genere, Jackie è la conferma del talento di Pablo Larraín, e il primo vero colpo al cuore della Mostra. Con una straordinaria Natalie Portman.
  • Venezia 2016

    ArrivalArrival

    di Linguaggio e scienza, apprendimento e preveggenza, Denis Villeneuve con Arrival porta in concorso a Venezia 2016 la sua personale lettura della fantascienza filosofica: ammaliante, terrificante, emotiva.
  • Venezia 2016

    Questi-giorniQuesti giorni

    di Giuseppe Piccioni cerca di raccontare i turbamenti di quattro ragazze, a un passo dall’ingresso nella vita adulta, ma fallisce completamente il bersaglio. In concorso a Venezia 2016.
  • Venezia 2016

    TommasoTommaso

    di Kim Rossi Stuart torna dietro la macchina da presa a distanza di undici anni da Anche libero va bene per raccontare i dolori del (non più) giovane Tommaso, in una commedia divertente e amara. Fuori concorso a Venezia 2016.
  • Venezia 2016

    In Dubious Battle (2016) James Franco - Recensione | Quinlan.itIn Dubious Battle

    di In Dubious Battle è la trasposizione cinematografica del romanzo di John Steinbeck a opera di James Franco, che conferma il suo approccio del tutto personale alla letteratura statunitense. In Cinema nel Giardino a Venezia 2016.
  • Venezia 2016

    tutti-a-casa-1960-luigi-comencini-cov932Tutti a casa

    di La preapertura della Mostra è dedicata a un classico della commedia all'italiana, Tutti a casa di Luigi Comencini, con Alberto Sordi e Serge Reggiani.
  • Venezia 2016

    El-ciudadano-ilustre-2016- Gastn-Duprat- Mariano-CohnIl cittadino illustre

    di , Gastón Duprat e Mariano Cohn portano in concorso a Venezia 2016 (e ora in sala) una sapida riflessione sul ruolo dell’arte e dell’artista, che delizia lo spettatore con battute mordaci e lo seduce con una galleria di personaggi irresistibili.
  • Festival

    Venezia 2016Venezia 2016

    La Mostra del Cinema di Venezia 2016, dalla proiezione di preapertura di Tutti a casa di Comencini al Leone d’oro e alla cerimonia di chiusura: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori...
  • Venezia 2016

    El_Cristo_ciego_2016_christopher_MurrayEl Cristo ciego

    di Rilettura della storia del Cristo ambientata nel deserto cileno El Cristo ciego di Christopher Murray finisce vittima del suo stesso meccanismo e rivela presto che, in fondo, non ha molto da dire. In concorso a Venezia 2016.
  • Venezia 2016

    the-brat-1931-john-ford-cov932The Brat

    di In Venezia Classici, tra i vari restauri in digitale del 2016, è apparso anche The Brat, scatenata commedia antiborghese diretta da John Ford nel 1931.
  • Venezia 2016

    spira-mirabilis-2016-danolfi-parenti-cov932Spira mirabilis

    di , Con Spira mirabilis i documentaristi Massimo D'Anolfi e Martina Parenti arrivano nel concorso della Mostra di Venezia; a una notevole potenza visiva non si coniuga però una adeguata forza di senso e narrazione.
  • Venezia 2016

    one-more-time-with-feeling-2016-nick-cave-andrew-dominik-cov932One More Time with Feeling

    di Andrew Dominik dirige una sorta di backstage del nuovo disco di Nick Cave, ma il suo film si trasforma in una lunga e impossibile elaborazione del lutto. A Venezia 2016 fuori concorso.
  • Venezia 2016

    indivisibili-2016-edoardo-de-angelisIndivisibili

    di Tra nani, ballerine, variopinte meretrici e due gemelle siamesi, Indivisibili di Edoardo De Angelis ha facile presa sulla curiosità dello spettatore, ma non sviluppa la storia né i personaggi e resta il contenitore, seppur seducente, di una serie di attrazioni da freak show.
  • Venezia 2016

    The-Bad-BatchThe Bad Batch

    di Opera seconda di Ana Lily Amirpour, in concorso a Venezia 73, The Bad Batch è un'interessante operazione sull’America marginale, sui reietti della società, su un mondo da far west dove vige la legge del più forte. Ma scade, e si esaurisce, nella vuota ricerca estetica, peraltro con un immaginario abbastanza povero e comunque già visto.
  • Venezia 2016

    liberami-2016-federica-di-giacomo-cov932Liberami

    di Federica Di Giacomo con Liberami concentra l'attenzione sui casi di esorcismo in Sicilia. Un documentario inquietante e grottesco allo stesso tempo, tra le sorprese di Venezia 2016.
  • Venezia 2016

    the-woman-who-left-2016-lav-diaz-cov932The Woman Who Left

    di Per la prima volta in concorso a Venezia e vincitore del Leone d'Oro, Lav Diaz firma l'ennesimo gioiello splendente della sua filmografia, mettendo in scena un revenge movie doloroso e sottoproletario.
  • Venezia 2016

    venezia-2016-bilancio-lav-diaz-leone-doro-cov932Venezia 2016 – Bilancio

    Come il secondo mandato di Barbera si era aperto con una vittoria dell'Asia grazie a Kim Ki-duk, il terzo è inaugurato dal trionfo di Lav Diaz, che ha dato il via a una polemica come sempre sterile sul ruolo della Mostra di Venezia.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento