Giornate del Cinema Muto 2016

Giornate del Cinema Muto 2016

Si tiene dal primo all’otto ottobre a Pordenone la 35esima edizione delle Giornate del Cinema Muto, di cui anche quest’anno Quinlan è media partner: tra Greta Garbo, Il ladro di Bagdad, un programma speciale sulle elezioni americane dal 1896 al 1924 – testimonianza del cinema come strumento di propaganda – e molto altro ancora.

Le Giornate del Cinema Muto 2016 apriranno questa sera primo ottobre con la proiezione di The Mysterious Lady (La donna misteriosa, 1928), dramma romantico diretto da Fred Niblo con Greta Garbo nei panni di un’affascinante spia russa, mentre l’evento di chiusura – l’otto ottobre – sarà la proiezione di Il ladro di Bagdad di Raoul Walsh, con protagonista Douglas Fairbanks.
Il film di Walsh è il titolo di maggior richiamo della principale retrospettiva di quest’anno, che sarà dedicata a un protagonista della scenografia hollywoodiana, William Cameron Menzies, di cui ricorrono i 120 anni dalla nascita, che nel periodo muto lavorò con i più grandi registi, fra cui – oltre a Raoul Walsh – Sam Taylor e Henry King. Una delle produzioni più costose fino a quell’epoca, Il ladro di Bagdad rivela ancora oggi il genio di Menzies il quale, a soli 28 anni, riesce a dar vita a un orientalismo fantastico che non è solo lo sfondo dell’azione ma diventa parte integrante di essa.
La rassegna su Menzies offrirà l’occasione di vedere titoli celebri come Kindred of the Dust (1922), ancora di Raoul Walsh, una storia di boscaioli del Pacifico di nord-ovest che ha per protagonista Miriam Cooper, moglie del regista. Norma Talmadge è invece l’interprete di due melodrammi, The Dove (La colomba, 1927) di Roland West e The Woman Disputed (La donna contesa, 1928) di Henry King e Sam Taylor, chiaramente ispirato all’espressionismo tedesco. Fra gli altri titoli della sezione, The Garden of Eden (1928), deliziosa commedia di Lewis Milestone, e Tempest (Nella tempesta, 1928) di Sam Taylor, con John Barrymore, un’elettrizzante storia ambientata all’epoca della rivoluzione russa. Nella prima edizione degli Oscar, il 16 maggio 1929, Menzies fu premiato come miglior art director sia per The Dove sia per Tempest. Un altro Oscar (onorario) arriverà nel 1940 per il suo lavoro in Via col vento… [continua a leggere]

Info
Il sito delle Giornate del Cinema Muto 2016.

Articoli correlati

  • Pordenone 2016

    paolo cherchi usai intervistaCherchi Usai: “La nicchia a difesa della pellicola si è organizzata”

    Dal film Picture, presentato nel 2015 a Pordenone, alla difesa della pellicola, passando per le scelte di programmazione di quest'anno delle Giornate del Cinema Muto. Siamo tornati a intervistare Paolo Cherchi Usai.
  • Pordenone 2016

    intervista-james-curtis-su-william-cameron-menziesIntervista a James Curtis

    William Cameron Menzies è noto soprattutto per la regia di Invaders from Mars, ma la sua figura va molto oltre essendo stato tra i maggiori scenografi di Hollywood, a partire da Il ladro di Bagdad. Abbiamo incontrato il suo biografo James Curtis alle Giornate del Cinema Muto, dove è stato tributato un omaggio a Menzies.
  • Pordenone 2016

    intervista-a-istvan-szabo-cov932Intervista a István Szabó

    István Szabó è uno dei più grandi cineasti ungheresi e da anni è un assiduo frequentatore delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, dove lo abbiamo incontrato.
  • Pordenone 2016

    jay-weissbergJay Weissberg: “Il muto non è nostalgia”

    La difesa della pellicola, l'apertura verso un pubblico che non sia fatto di soli specialisti e il tentativo di sganciare il cinema muto da una dimensione nostalgica: sono queste le linee guida di Jay Weissberg per le Giornate del Cinema Muto, festival che dirige da quest'anno. Lo abbiamo incontrato a Pordenone.
  • Pordenone 2016

    sono-nato-ma-1932-yasujiro-ozu-recensioneSono nato, ma…

    di Presentato alle Giornate del Cinema Muto 2016, Sono nato, ma... è un film di Ozu del 1932, che racchiude la poetica di serena rassegnazione dell’autore e la sua rappresentazione della classe degli impiegati, organizzata da una rigida struttura gerarchica, ormai divenuta il nucleo della società nipponica.
  • Pordenone 2016

    a-strong-man-1929-henryk-szaroA Strong Man

    di Fulgido esempio di una cinematografia polacca muta giunta all'apice della maturità, A Strong Man di Henryk Szaro mescola espressionismo e afflato romanzesco. A Pordenone 2016.
  • Pordenone 2016

    blue-jeans-1917-john-h-collins-recensioneBlue Jeans

    di A ulteriore prova del talento cristallino dello sfortunato John H. Collins, alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone arriva anche Blue Jeans, turgido melodramma femminista già capace, nel 1917, di mettere alla berlina le arretratezze puritane con radicali cambi di registro fra il comico, il tragico e l'avventuroso.
  • Pordenone 2016

    erotikon-1920-mauritz-stiller-recensioneErotikon

    di Presentato alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, Erotikon è una commedia svedese di Mauritz Stiller del 1920, che prende piede dallo studio del comportamento sessuale degli insetti per analizzare quello umano.
  • Pordenone 2016

    stephen-horne-intervistaIntervista a Stephen Horne

    Suonando dal vivo in sala, a volte in contemporanea, pianoforte, flauto traverso e fisarmonica, Stephen Horne è uno dei maggiori accompagnatori di film muti. Collaboratore fisso del BFI Southbank, lo abbiamo intervistato a Pordenone in occasione delle Giornate del Cinema Muto.
  • Pordenone 2016

    kean-ou-desordre-et-genie-1924-alexandre-volkoff-recensioneKean ou Désordre et génie

    di Presentato alle Giornate del Cinema Muto un altro adattamento da Alexandre Dumas padre, dopo Monte-Cristo. Si tratta di Kean ou Désordre et génie, la storia di uno dei più grandi attori shakespeariani del teatro ottocentesco, la cui vita sregolata sarebbe stata degna di un dramma del grande Bardo.
  • Pordenone 2016

    behind-the-door-1919-irvin-willat-recensioneBehind the Door

    di Girato nel '19, subito dopo la fine della Prima Guerra Mondiale, Behind the Door problematizzava la presunta innata bontà del popolo americano, mettendo in scena la tragica - e sadica - vicenda di un imbalsamatore di origine tedesca. Alla 35esima edizione delle Giornate del Cinema Muto.
  • Pordenone 2016

    monte-cristo-1929-henri-fescourt-recensioneMonte-Cristo

    di Evento delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, ancora un kolossal letterario tratto dal celebre romanzo di Dumas padre. Monte-Cristo è un feuilleton con tutti i crismi, un cinema fatto di scenari immensi, tanto naturali quanto ricostruiti.
  • Pordenone 2016

    the-girl-without-a-soul-1917-john-h-collins-recensioneThe Girl Without a Soul

    di Perfetta tragedia americana costruita sulla doppia interpretazione di Viola Dana, The Girl Without a Soul di John H. Collins stupisce ancora oggi per regia inventiva, sceneggiatura splendidamente bilanciata e afflato sociale, capace di anticipare già nel 1917 molti dei motivi della grandezza di John Ford. A Le Giornate del Cinema Muto 2016.
  • Pordenone 2016

    africa-before-dark-1928-walt-disney-recensioneAfrica Before Dark

    di Creduto per lungo tempo perduto, Africa Before Dark è Walt Disney prima della Disney, capace di innestare nella caccia grossa di un Oswald the Lucky Rabbit che già anticipa nel tratto quello che poco dopo sarà Topolino, un fondamentale manifesto del cinema di animazione. Alle Giornate del Cinema Muto 2016.
  • Pordenone 2016

    nana-1926-jean-renoir-recensioneNana

    di Ritratto femminile di inaudita complessità, tra il marionettistico e il bambinesco, tra la volgarità e la fragilità assolute, Nana del 1926 era appena il secondo film in solitaria di Jean Renoir, capace di lasciare ancora oggi senza fiato. Nella sezione Il canone rivisitato alle Giornate del Cinema Muto.
  • Pordenone 2016

    la-caduta-della-dinastia-romanov-1927-esfir-shub-recensioneLa caduta della dinastia Romanov

    di Commissionato per celebrare il decennale della Rivoluzione d'Ottobre, La caduta della dinastia Romanov risplende sullo schermo delle Giornate del Cinema Muto come uno dei capisaldi dell'avanguardia sovietica, fondamentale documento storico e film teorico di solo montaggio.
  • Pordenone 2016

    algol-tragodie-der-macht-1920-hans-werckmeister-recensioneAlgol. Tragödie der Macht

    di Presentato tra le riscoperte alle Giornate del Cinema Muto, Algol. Tragödie der Macht è un'opera fantapolitica del 1920 che unisce espressionismo e realismo per comporre una visionaria parabola del potere.
  • Pordenone 2016

    kindred-of-the-dust-1922-raoul-walsh-cov932Kindred of the Dust

    di Inserito nell'ambito dell'omaggio allo scenografo William Cameron Menzies alle Giornate del Cinema Muto, Kindred of the Dust è un film del 1922 di Raoul Walsh, un melodramma sociale sull'ottusità del capitalismo europeo, perfezionato in terra americana.
  • Pordenone 2016

    luca-comerio-recensioneLuca Comerio, il reportage e la macchina da presa

    Presentata alle Giornate del Cinema Muto la seconda parte della retrospettiva curata da Sergio M. Germani su Luca Comerio, pioniere milanese del documentario. Un'occasione per riscoprire un grande regista e riflettere ancora una volta sull'importanza della celluloide come memoria storica.
  • Pordenone 2016

    the-mysterious-lady-recensioneThe Mysterious Lady

    di Costantemente sospeso fra il melodramma e la spy story, The Mysterious Lady apre la 35esima edizione delle Giornate del Cinema Muto con il divismo di Greta Garbo e l'eccellente partitura di Carl Davis, diretta dall'autore nella buca del Teatro Verdi di Pordenone ed eseguita dal vivo dai 61 strumentisti dell'Orchestra San Marco.
  • Pordenone 2016

    i-misteri-di-un-anima-recensioneI misteri di un’anima

    di Tra i primi film psicoanalitici della storia del cinema, I misteri di un'anima di Georg Wilhelm Pabst mette in scena i rimossi di un chimico viennese con qualche ingenuità, ma anche con grande forza visionaria. Alla 35esima edizione delle Giornate del Cinema Muto.
  • Festival

    giornate 2016Il programma delle Giornate del Cinema Muto: da Greta Garbo a Il ladro di Bagdad

    Il nuovo diretttore Jay Weissberg ha annunciato oggi il programma del festival, che si terrà a Pordenone dal primo all'8 ottobre. Apertura con Greta Garbo, chiusura con Il ladro di Bagdad. In mezzo, tanti appuntamenti imperdibili.
  • Pordenone 2014

    livio jacobIntervista a Livio Jacob

    Abbiamo incontrato Livio Jacob, presidente delle Giornate del Cinema Muto e direttore della Cineteca del Friuli, con cui abbiamo ricostruito la storia di queste due istituzioni e discusso di restauro, conservazione e di un possibile coordinamento tra le cineteche italiane.
  • DVD

    il-ladro-di-bagdad-the-thief-of-bagdad-1924-raoul-walsh-dvd-cov932Il ladro di Bagdad

    di Il ladro di Bagdad di Raoul Walsh, una delle meraviglie dell'epoca del muto, lascia a bocca aperta ancora oggi. In dvd con CG Home Video.
  • Classici

    il-ladro-di-bagdad-the-thief-of-bagdad-1924-raoul-walsh-cov932Il ladro di Bagdad

    di Il ladro di Bagdad, fantasmagorica avventura diretta da Raoul Walsh nel 1924, presentato in una copia restaurata al Fantafestival di Roma. Un'occasione da non perdere per riscoprire un classico del muto.
  • Festival

    cinema-ritrovato-2017-mitchumIl Cinema Ritrovato 2017 – Presentazione

    Va in scena la 31esima edizione del Cinema Ritrovato, dal 24 giugno al 2 luglio.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento