Seoul Station

Seoul Station

di

Presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2016, Seoul Station riporta Yeon Sang-ho al cinema d’animazione e a quel cosmico e spietato pessimismo che aveva già caratterizzato i precedenti The King of Pigs e The Fake. Ben più tetro e disperato del blockbuster Train to Busan, Seoul Station rielabora e aggiorna la lezione romeriana, tratteggiando un macabro ritratto della società sudcoreana.

Gli ultimi saranno i primi

Stazione centrale di Seul, dopo il tramonto: vediamo un anziano senzatetto, uno dei tanti, divorarne un altro. Presto le strade lì attorno si riempiono di folli come lui. Hye-sun, una ragazza scappata di casa, rompe col danzato che la obbliga a prostituirsi: abbandona lo scalcagnato motel dove abitano nei pressi della stazione ed è testimone degli attacchi nei confronti di altre persone. Gli assaliti divengono a loro volta assalitori, così che il loro numero aumenta esponenzialmente. Il governo isola tutta l’area. La gente scappa, ma non c’è nessun posto dove trovare rifugio… [sinossi]

Il cielo sopra Seoul. Un anziano si trascina a fatica lungo le strade di una città indifferente. Una folla indifferente. Il Male, l’epidemia granguignolesca e inarrestabile, comincia anche dalla solitudine di un individuo, dai corpi che si ammassano e vanno a morire alla stazione centrale, cuore nero di ogni grande città. Presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2016, Seoul Station riporta Yeon Sang-ho al cinema d’animazione e a quel cosmico e spietato pessimismo che aveva già caratterizzato i precedenti The King of Pigs e The Fake. Ben più tetro e disperato del blockbuster Train to Busan, Seoul Station rielabora e aggiorna la lezione romeriana, tratteggiando un macabro ritratto della società sudcoreana.

Per budget e per scelta estetica, i fondali e gli ambienti dei film di Yeon Sang-ho non sono mai particolarmente dettagliati, non si concedono ricchezze cromatiche. Corpi e volti sono al centro della sua animazione. Una poetica e un’animazione umanista. Grigia, spietata, ma umanista.
Anche nelle animazioni di Seoul Station è evidente la centralità dei volti e dei corpi, l’attenzione a una resa realistica, sia nei movimenti che nei tratti somatici. Non un iperrealismo fine a se stesso, ma una impressione di realtà, e anche un’adesione a una animazione dalle caratteristiche estetiche autoctone, indubbiamente coreane – peculiarità che caratterizza una parte significativa dei lungometraggi della New Wave, così distanti dalle produzioni precedenti [1].

Non è tanto l’origine del virus a interessare Yeon, ma la sua incubazione, quella lunga sospensione temporale che punta il dito contro la nostra quotidianità e amoralità, sottolineando amaramente il disinteresse della folla per il singolo individuo, focalizzandosi sull’egoismo che lentamente ci corrode e ci consuma.
Indifferenza, violenza, sopraffazione. Il mondo animato di Yeon – il nostro mondo – è abitato da uomini spesso spregevoli, brutali, sempre a un passo dall’abisso. Dall’esplosione, dall’implosione. La Corea del Sud di Yeon Sang-ho non è un paese per anime deboli o gentili.

Un fil rouge etico-morale, e non solo tecnico/estetico, percorre i tre lungometraggi animati di Yeon. The King of Pigs, The Fake e Seoul Station ci restituiscono un quadro desolante della contemporaneità, demolendo mattone dopo mattone le istituzioni che dovrebbero proteggerci: la scuola in The King of Pigs, la Chiesa in The Fake, le forze dell’ordine e l’apparato militare in Seoul Station. Così distante dal meccanismo fracassone di Train to Busan, pellicola live action che guarda soprattutto al mercato internazionale, ammiccando a prodotti di successo come The Walking Dead e World War Z, Seoul Station fa tesoro del corpus zombesco romeriano, della evidente e corrosiva metafora politica, di quella cattiveria anche stilistica che possiamo rintracciare nel marcato character design di Yeon.
È anche un po’ carpenteriano Seoul Station, con il claustrofobico assedio nella prigione, ennesima stilettata alle forze dell’ordine. Un cinema d’animazione che sembra essere cresciuto nell’humus culturale e politico della New Hollywood, degli anni Settanta, piuttosto che dalla stagione di Robot Taekwon V, delle infinite intercalazioni per l’industria degli anime e dei pittoreschi e improbabili cloni robotici.

Yeon lavora sulla sedimentazione della disperazione, sui dettagli di una metafora senza speranza (la statuina religiosa), sull’evidenza dell’eredità romeriana (l’edificio e l’appartamento della macrosequenza conclusiva). E sulle ombre cupissime del passato, ferite ancora aperte della storia della Corea del Sud, terreno fertile per Yeon e per la New Wave, che direttamente o indirettamente rievocano e affrontano di petto gli anni della dittatura, della sospensione dei diritti civili, delle atrocità di Gwangju.
Grandinano proiettili e piovono ettolitri di sangue, Seoul è pronta a cadere.
Arrivare a Busan non sarà facile…

Note
1. Per un rapida contestualizzazione storica e produttiva dell’animazione sudcoreana, rimandiamo a La curiosa storia dell’animazione coreana: linkideeperlatv.it/la-curiosa-storia-dellanimazione-coreana.
Info
Il trailer originale di Seoul Station.
Seoul Station sul sito del Trieste Science+Fiction Festival.
Seoul Station sul sito del Kofic.
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-01.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-02.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-03.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-04.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-05.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-06.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-07.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-08.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-09.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-10.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-11.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-12.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-13.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-14.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-15.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-16.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-17.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-18.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-19.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-20.jpg
  • Seoul-Station-2016-Yeon-Sang-ho-21.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    trieste-science-fiction-2016Trieste Science+Fiction 2016

    La sedicesima edizione del Trieste Science+Fiction, kermesse che offre a pubblico e addetti ai lavori un'imperdibile immersione tra fantascienza e horror. Da martedì 1 a domenica 6 novembre.
  • Festival

    trieste-science-fiction-2016Trieste Science+Fiction 2016 – Presentazione

    Apre i battenti il Trieste Science+Fiction 2016, kermesse che offre a pubblico e addetti ai lavori un'imperdibile immersione tra fantascienza e horror, in un susseguirsi di scoperte e preziosissimi recuperi.
  • Cannes 2016

    Train-to-BusanTrain to Busan

    di Presentato al Festival di Cannes 2016 nella sezione Séance de minuit, Train To Busan di Yeon Sang-ho è uno zombie movie su rotaia, dal ritmo abbastanza sostenuto, come il passo spedito dei suoi morti viventi.
  • Animazione

    The Fake (Saibi 2013) di Yeon Sang-ho - Recensione - Quinlan.itThe Fake

    di L'opera seconda del regista e sceneggiatore coreano Yeon Sang-ho. Un thriller teso e disperato, presentato in concorso al Future Film Festival 2014 di Bologna.
  • Archivio

    World War Z (2013) di Marc Forster - Recensione | Quinlan.itWorld War Z

    di In un giorno come tanti altri, Gerry Lane e la sua famiglia si trovano in auto bloccati nel traffico metropolitano. Lane, un ex-impiegato delle Nazioni Unite, ha la sensazione che non si tratti del classico ingorgo. Il cielo da lì a poco si riempie di elicotteri della polizia, e gli agenti in motocicletta sfrecciano all'impazzata da tutte le parti...
  • Animazione

    Padak (Corea del Sud, 2012) di Lee Dae-hee - Recensione - Quinlan.itPadak

    di Uno sgombro è preso in una rete da pesca e portato nell'acquario di un ristorante di pesce crudo. Appena arrivato nell'acquario, tenta in qualsiasi maniera di scappare...
  • Animazione

    The King of Pigs (2011) di Yeon Sang-ho - Recensione - Quinlan.itThe King of Pigs

    di Compagni ai tempi della scuola, Kyung-min, trentenne uomo d'affari, e Jong-suk, scrittore senza lavoro, si ritrovano dopo quindici anni e ricordano i crudeli compagni di classe...
  • Blu-ray

    La notte dei morti viventi (1968) di Romero - Blu-ray | Quinlan.itLa notte dei morti viventi

    di A causa di misteriose radiazioni prodotte da un esperimento mal riuscito, i morti tornano in vita: sono affamati e l'unico cibo che sembra interessargli è la carne umana. In Pennsylvania un gruppo di persone, nel tentativo di sfuggire ai famelici “ritornanti”, si asserraglia in una casa abbandonata...
  • Archivio

    La-citta-verra-distrutta-allalbaLa città verrà distrutta all’alba

    di Gli abitanti di Ogden Marsh, una cittadina dell'Iowa, restano colpiti da un morbo che provoca morte o follia dopo che un aereo precipitato ha liberato nelle falde acquifere un'arma biologica. Lo sceriffo Dutton indaga sulla situazione mentre la moglie e altri due cittadini del Mid West scampati all'infezione combattono per la sopravvivenza...
  • AltreVisioni

    survival-of-the-dead-2009-george-romero-cov932Survival of the Dead

    di Il sesto lungometraggio dedicato da George A. Romero agli zombi. Con un occhio a William Wyler e al mito oramai disfatto dell'America...
  • Archivio

    The-HordeThe Horde

    di , Nella banlieue parigina, quattro poliziotti corrotti decidono di vendicare un amico assassinato da terribili delinquenti che si rinchiudono in un edificio popolare abbandonato. Appena giunti sul posto, la vendetta personale dei poliziotti si trasforma in un incubo...
  • Cult

    Zombi (1978) di George A. Romero - Recensione | Quinlan.itZombi

    di Rimesso a lucido in 4K dalla Koch Media, Zombi si conferma uno dei punti fermi della storia del cinema. Gli assedi hawksiani-carpenteriani orchestrati da Romero non smettono di sgorgare sangue e idee, cinema e politica...
  • Berlinale 2017

    Have a Nice Day (2017) di Liu Jian - Recensione | Quinlan.itHave a Nice Day

    di In concorso alla Berlinale 2017 e opera seconda di Liu Jian, Have a Nice Day filtra attraverso l'estetica della Pop Art l'instabilità e la crisi culturale e ideologica della Cina contemporanea. Animazione indipendente, budget risicato, humor nero.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento