Trieste Film Festival 2017

Trieste Film Festival 2017

Torna il Trieste Film Festival, di cui anche quest’anno Quinlan è media partner. La 28esima edizione si terrà dal 20 al 29 gennaio: dall’omaggio al cinema baltico a quello dedicato all’autore di Under the Sun, Vitalij Manskij, fino a Sieranevada di Cristi Puiu, che sarà per la prima volta ospite del festival.

Torna dal 20 al 29 gennaio il Trieste Film Festival, primo e più importante appuntamento italiano con il cinema dell’Europa centro orientale, giunto quest’anno alla 28esima edizione, diretta da Fabrizio Grosoli e Nicoletta Romeo. Nato alla vigilia della caduta del Muro di Berlino (l’edizione zero è datata 1987), il festival continua a essere da quasi trent’anni un osservatorio privilegiato su cinematografie e autori spesso poco noti – se non addirittura sconosciuti – al pubblico italiano, e più in generale a quello occidentale. Più che un festival, un ponte che mette in contatto le diverse latitudini dell’Europa del cinema, scoprendo in anticipo nomi e tendenze destinate a imporsi nel panorama internazionale.

Ad aprire il Trieste Film Festival 2017 sarà, venerdì 20 gennaio, l’anteprima fuori concorso di The Teacher, il nuovo film di Jan Hřebejk (autore candidato all’Oscar per il miglior film straniero nel 2000 con Divided We Fall), prossimamente in uscita nelle sale italiane distribuito da Satine Film. Un apologo, ispirato a una storia vera, venato di umorismo grottesco capace di trascendere ogni coordinata di regime politico attraverso la figura di un’insegnante soltanto all’apparenza mite e rassicurante. Un ruolo che è valso all’interprete Zuzana Mauréry il premio per la migliore attrice all’ultimo Festival di Karlovy Vary. La chiusura sarà invece affidata all’ultimo film di Emir Kusturica, On the Milky Road: una storia d’amore sullo sfondo di una non meglio precisata guerra civile, interpretata dallo stesso Kusturica e da Monica Bellucci, nei panni di una misteriosa donna italiana… [continua a leggere]

Info
Il sito del Trieste Film Festival 2017.
Il programma del Trieste Film Festival 2017.

Articoli correlati

  • Trieste 2017

    my-own-private-war-2017-Lidija-Zelović-recensioneMy Own Private War

    di La giornalista e filmmaker Lidija Zelović ripercorre vent'anni della sua vita, tra la guerra a Sarajevo e il rifugio in Olanda, sotto forma di diario intimo e tragico. Presentato al Trieste Film Festival e prossimamente al Balkan Florence Express.
  • Trieste 2017

    la-natura-delle-cose-2016-laura-viezzoli-recensioneLa natura delle cose

    di Vincitore del Premio Corso Salani alla 28esima edizione del Trieste Film Festival, La natura delle cose è il racconto rigoroso, mai patetico, e anzi filosofico, dell'esistenza di un uomo malato di SLA.
  • Trieste 2017

    the-woman-and-the-glacier-2016-audrius-stonys-recensioneThe Woman and the Glacier

    di Seguendo il lavoro di una scienziata tra le montagne del Kazakistan, il cineasta lituano Audrius Stonys in The Woman and the Glacier riflette sul confronto, necessariamente impari, tra l'uomo e la Natura. Uno dei grandi film della 28esima edizione del Trieste Film Festival.
  • Trieste 2017

    a-Hole-in-the-Head-2016-Robert Kirchhoff-recensioneA Hole in the Head

    di Elegiaco e sofferto, A Hole in the Head è un mosaico di volti, luoghi e lingue che cerca di restituire almeno una memoria alle vittime del Porrajmos, il genocidio gitano ai tempi dell'Olocausto. Al Trieste Film Festival in concorso documentari.
  • Trieste 2017

    a-good-wife-2016-Mirjana-Karanovic-recensioneA Good Wife

    di Esordio alla regia dell'attrice serba Mirjana Karanović, A Good Wife è il racconto robusto e con poche sbavature del declino fisico e della ribellione morale di una donna. Vincitore della sezione lungometraggi alla 28esima edizione del Trieste Film Festival.
  • Trieste 2017

    glory-2016-Kristina-Grozeva-Petar-Valchanov-recensioneGlory

    di , La strumentalizzazione a fini mediatici di un ferroviere balbuziente si fa in Glory strumento di analisi, un po' schematico, dei mali della società bulgara. Nel concorso lungometraggi al Trieste Film Festival.
  • Trieste 2017

    communion-2016-anna-zamecka-recensioneCommunion

    di Film d'esordio della regista polacca Anna Zamecka, Communion mette in scena, con una naturalezza sbalorditiva, l'intrusione della macchina-cinema all'interno della vita disastrata di una famiglia di provincia.
  • Trieste 2017

    the-good-postman-2016-tonislav-hristov-recensioneThe Good Postman

    di Presentato in concorso documentari al Trieste Film Festival, The Good Postman mette in scena una campagna elettorale basata sull'accoglienza dei rifugiati che si trasforma in un'amara riflessione sull'impotenza di fronte ai tragici eventi che accadono nel mondo.
  • Trieste 2017

    liberation-day-2016-Ugis-Olte-Morten-Traavik-recensioneLiberation Day

    di , I Laibach, celebre band della ex-Jugoslavia, sono stati i primi stranieri a suonare in Corea del Nord. Uģis Olte e Morten Traavik hanno documentato il bizzarro evento, avvenuto nell'agosto del 2015, in Liberation Day, presentato al Trieste Film Festival.
  • Trieste 2017

    controindicazione-2016-tamara-von-steiner-recensioneControindicazione

    di La regista serba Tamara von Steiner ha documentato in Controindicazione l'orribile condizione degli internati in uno degli ultimi ospedali psichiatrici giudiziari, sito in Sicilia. Un film forte e a tratti sconvolgente, anche se non esente da qualche dubbio etico.
  • Trieste 2017

    manuel-de-liberation-2016-aleksandr-kuznetsov-recensioneManuel de libération

    di Nella lotta legale di due donne per riottenere la capacità giuridica, Manuel de libération innesta riflessioni sulla Russia odierna e sulla sua macchina statale ferruginosa. In concorso documentari al Trieste Film Festival.
  • Trieste 2017

    by-the-rails-2016-catalin-mitulescu-recensioneBy the Rails

    di La fine di una relazione di coppia, condannata dalle contingenze e dalla necessità di espatriare per trovare lavoro. By the Rails del regista rumeno Cătălin Mitulescu segue il filo della New Wave nazionale, sia pur aderendovi in maniera un po' scolastica.
  • Trieste 2017

    intervista-a-vitalij-manskijIntervista a Vitalij Manskij

    Documentarista nativo di Leopoli, sperimentatore narrativo e fondatore dell'ArtDokFest, Vitalij Manskij è stato omaggiato dal Trieste Film Festival con un'intera sezione retrospettiva. Lo abbiamo incontrato in questa occasione.
  • Trieste 2017

    koudelka-shooting-holy-land-2015-gilad-baram-cov932Koudelka Shooting Holy Land

    di Nella sezione Art & Sound del Trieste Film Festival è stato presentato Koudelka Shooting Holy Land, sul grande fotografo Josef Koudelka, opera del suo ex-assistente, Gilad Baram, che lo segue in Cisgiordania.
  • Trieste 2017

    sette-giorni-2016-rolando-colla-recensioneSette giorni

    di In competizione per il premio Corso Salani al Trieste Film Festival, Sette giorni è il nuovo film del regista svizzero Rolando Colla: un racconto sul sentimentalismo e sull'ipocrisia borghese.
  • In sala

    on-the-other-side-2016-zrinko-ogresta-recensioneDall’altra parte

    di Riflettendo su quelli che sono ancora gli strascichi del sanguinoso conflitto jugoslavo, Dall'altra parte del regista croato Zrinko Ogresta si interroga sul perdono, sui sensi di colpa, sui fantasmi del passato.
  • Trieste 2017

    amerika-square-2016-yannis-sakaridis-recensioneAmerika Square

    di Presentato al Trieste Film Festival, Amerika Square, diretto dal regista greco Yannis Sakaridis, è una storia corale che si muove, con qualche semplificazione ma anche con una buona scrittura, lungo i temi dell'immigrazione e della crisi economica.
  • Trieste 2017

    zoology-2016-ivan-tverdovsky-cov932Zoology

    di Presentato al Trieste Film Festival tra le Sorprese di genere, Zoology del regista russo Ivan I. Tverdovsky, è una storia surreale e allegorica, con echi kafkiani, sul riscatto sociale di una donna cui è improvvisamente cresciuta una voluminosa coda.
  • Trieste 2017

    close-relations-2016-vitalij-manskij-recensioneClose Relations

    di Mentre nel 2014-2015 la Crimea passava alla Russia e in Donbass si cominciava a sparare, Vitalij Manskij continuava a viaggiare per l'Ucraina cercando invano di tenere unita la propria famiglia. Close Relations, in anteprima italiana al Trieste Film Festival.
  • Trieste 2017

    houston-we-have-a-problem-2016-ziga-virc-recensioneHouston, We Have a Problem!

    di Presentato al Trieste Film Festival, Houston, We Have a Problem! è un mockumentary che segue perfettamente le regole del genere e che racconta tanti aspetti del paese un tempo governato da Tito.
  • Trieste 2017

    all-these-sleepless-nights-2016-Michal-Marczak-recensioneAll These Sleepless Nights

    di Presentato al Trieste Film Festival, All These Sleepless Nights di Michal Marczak è un film che, tramite una scrittura "nouvellevaguista", travalica ogni confine di genere descrivendo con rara efficacia l'annegamento nel presente di due ragazzi.
  • Trieste 2017

    Broadway-black-sea-2002-Vitalij ManskijBroadway. Black Sea

    di Il cineasta russo Vitalij Manskij, omaggiato al 28esimo Trieste Film Festival, già nel 2002 si interrogava sui luoghi fantasma, sul senso di patria e sulle tradizioni più radicate, come dimostra Broadway. Black Sea.
  • Trieste 2017

    trieste-yugoslavia-2016-alessio-bozzer-recensioneTrieste, Yugoslavia

    di Presentato al Trieste Film Festival, Trieste, Yugoslavia è il documentario di Alessio Bozzer sul glorioso passato commerciale della città, quando era meta di pellegrinaggio di massa dalla Yugoslavia. Una riflessione su una città di confine.
  • Trieste 2017

    Beyond Boundaries (2016) di Peter Zach - Recensione | Quinlan.itBeyond Boundaries

    di Presentato al 28esimo Trieste Film Festival, Beyond Boundaries è un lungo viaggio sui confini della Slovenia che si interroga sul concetto stesso di confine.
  • Trieste 2017

    the-teacher-2016-Jan-Hrebejk-recensioneThe Teacher

    di Film d’apertura del Trieste Film Festival, The Teacher del regista ceco Jan Hřebejk torna a parlare della società precedente al crollo del muro, in un microcosmo scolastico turbato dai metodi anomali di una nuova insegnante, che riflette il clima che si respirava all’epoca.
  • Festival

    trieste-film-festival-2017Trieste Film Festival 2017 – Presentazione

    Torna il Trieste Film Festival, di cui anche quest'anno Quinlan è media partner. Il programma della 28esima edizione, che si terrà dal 20 al 29 gennaio, è stato presentato oggi.
  • In sala

    un-altro-me-claudio-casazza-2016-cov932Un altro me

    di Un altro me di Claudio Casazza ha aperto l'edizione 2016 del Festival dei Popoli, focalizzando lo sguardo su vittime e carnefici della violenza sulle donne.
  • In sala

    a-german-life-recensioneA German Life

    di , , , A German Life è una nuova riflessione sull’orrore dell’Olocausto. La vegliarda Brunhilde Pomsel è l’ultimo residuo di quell’establishment che organizzò un sistema così crudele quanto efficiente di eliminazione.
  • Roma 2016

    afterimageAfterimage

    di Presentato alla Festa del Cinema di Roma, Afterimage assume inevitabilmente la forma di un testamento poetico e politico, lasciandoci in eredità la “visione” di Władysław Strzemiński e lo “sguardo” di Andrzej Wajda.
  • In sala

    on-the-milky-road-2016-emir-kusturica-recensioneOn the Milky Road

    di Una storia d'amore nel corso di una guerra perenne: Emir Kusturica torna dietro la macchina da presa con On the Milky Road, ma l'ingranaggio del suo cinema sembra inceppato in maniera irrecuperabile, tra tempi sbagliati delle gag, recitazione maldestra e narrazione sbilenca. In concorso a Venezia 2016.
  • Locarno 2016

    inimi-cicatrizate-2016-radu-judeScarred Hearts

    di Presentato nel concorso internazionale del Festival del Film Locarno, Scarred Hearts di Radu Jude è la messa in scena lenta e inesorabile del disfacimento fisico del poeta Max Blecher, in un paradossale calligrafismo estetico e letterario della degenza in un sanatorio d'epoca.
  • Prossimamente

    mister-universo-2016-covi-frimmelMister Universo

    di , Presentato in concorso al Festival del Film Locarno, Mister Universo è il ritorno di quell’universo di personaggi, presi dalla vita, presi dal mondo circense, di La pivellina, la precedente opera di Tizza Covi e Rainer Frimmel.
  • Cannes 2016

    valley-of-peace-1956-france-stiglic-cov932Valley of Peace

    di Cannes Classics ha omaggiato uno dei principali capolavori del cinema sloveno, Valley of Peace di France Štiglic.
  • Cannes 2016

    fai-bei-sogni-2016-marco-bellocchioFai bei sogni

    di Travestito da adattamento del romanzo autobiografico di Massimo Gramellini, Fai bei sogni è una satira feroce, ma anche divertita, del giornalismo contemporaneo e della società tutta. Alla Quinzaine des Réalisateurs.
  • Cannes 2016

    sieranevada-2016-cristi-puiu-cov932Sieranevada

    di Cristi Puiu torna alla regia con Sieranevada, dramma familiare ambientato a ridosso dei tragici fatti di Charlie Hebdo. In concorso a Cannes 2016.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento