Rotterdam 2017

Rotterdam 2017

Con Rotterdam 2017 prende il via la quarantaseiesima edizione del festival olandese, un luogo di incontro tra cineasti del mondo, dove si celebra l’esperienza del cinema. Un’edizione segnata dalle masterclass, che vedranno impegnati Béla Tarr, Olivier Assayas e Andrea Arnold. Senza dimenticare il cinema come esperienza di sala, per un programma come di consueto ricchissimo.

A forma di pallone, come un mondo, si presenta quest’anno il logo della tigre, simbolo dell’International Film Festival di Rotterdam 2017, giunto alla 46° edizione, con la direzione artistica di Bero Beyer. È il ‘Planet IFFR’, un luogo di incontro tra cineasti del mondo, dove si celebra l’esperienza del cinema. Quest’anno il punto forte della manifestazione è senz’altro rappresentato dalle masterclass: Béla Tarr parlerà della sua carriera, Olivier Assayas si focalizzerà sulla sua ultima opera, Personal Shopper, e Andrea Arnold su American Honey. Nella sezione Voices, dedicata a consolidati autori indipendenti con le loro nuove opere, la grande attesa è per Michael Almereyda con il suo film sull’intelligenza artificiale, Marjorie Prime con Tim Robbins e Geena Davis; e poi per i giapponesi Shunji Iwai con A Bride for Rip Van Winkle, e Takashi Miike che torna all’agente Reiji con The Mole Song – Hong Kong Capriccio, il filippino Jay Leyco con Town in a Lake. Nella sezione Deep Focus, dedicata alle retrospettive ma anche a cineasti affermati con le loro ultime opere, troviamo tra gli altri Yourself and Yours di Hong Sangsoo, mentre il clou sarà rappresentato dalla personale dedicata a uno dei protagonisti della Nová vlna cecoslovacca, Jan Němec, che ancora oggi è attivo dietro alla macchina da presa. L’IFFR non rinuncia comunque alla sua vocazione di dare voce ai nuovi talenti. Lo fa con la sezione Bright Future che raccoglie filmmaker innovativi alla loro opera prima o seconda, e con il concorso internazionale, che vede sfidarsi opere che giungono da paesi lontani, una celebrazione del cinema del mondo, Colombia, Cile, Israele, Bulgaria, India, Brasile. Un programma come sempre elefantiaco, distribuito su 28 sale.

Info
Il sito ufficiale del Festival di Rotterdam 2017.
Il programma del Festival di Rotterdam 2017.

Articoli correlati

  • Interviste

    intervista-bertrand-bonelloIntervista a Bertrand Bonello

    Rappresenta il caso dello scorso anno: Nocturama di Bertrand Bonello, film scomodo per il tema trattato, il terrorismo. Dopo il rifiuto di Cannes, è stato presentato a vari festival tra cui Rotterdam. Abbiamo incontrato Bonello in questa occasione.
  • Interviste

    intervista-Albert-SerraIntervista ad Albert Serra

    La prossima volta faremo meglio, dicono i medici al capezzale del Re Sole in La mort de Louis XIV, film tra i più apprezzati a Cannes 2016. Sarà difficile fare di meglio anche per il regista, Albert Serra, che ha già fatto incetta di premi e riconoscimenti.
  • Rotterdam 2017

    Yourself-and-yours-2016-Hong-Sangsoo-recensioneYourself and Yours

    di Presentato al Festival di Rotterdam, Yourself and Yours di Hong Sangsoo che passa per omaggi a Buñuel e all’alcol per raccontare ancora di schermaglie tra i sessi, friabili rapporti di coppia tra sospetti e maldicenze, rotture e nuovi incontri.
  • Rotterdam 2017

    The-Mole-Song-Hong-Kong-Capriccio-2016-takashi-miike-recensioneThe Mole Song – Hong Kong Capriccio

    di Presentato all’International Film Festival Rotterdam il secondo capitolo della saga di Takashi Miike basata sul personaggio dell’agente talpa, infiltrato nelle organizzazioni criminali: The Mole Song – Hong Kong Capriccio.
  • Rotterdam 2017

    people-power-bombshell-the-diary-of-vietnam-rose-2016-john-torres-recensionePeople Power Bombshell: The Diary of Vietnam Rose

    di Presentato all’International Film Festival Rotterdam, il nuovo lavoro del filmmaker filippino John Torres è un’opera sul cinema e sul recupero di un film di un regista molto popolare negli anni Ottanta.
  • Rotterdam 2017

    town-in-a-lake-2016-jet-leyco-recensioneTown in a Lake

    di Presentato all’International Film Festival Rotterdam, Town in a Lake del filippino Jet Leyco, sotto forma di un thriller metafisico, torna sui temi cari alla nuova generazione di cineasti dell’arcipelago, il sistema dispotico e corrotto, le calamità naturali.
  • Rotterdam 2017

    Sexy Durga (2017) di Sanal Kumar Sasidharan - Recensione | Quinlan.itSexy Durga

    di Vincitore a Rotterdam, l’opera seconda del regista indiano Sanal Kumar Sasidharan segue due situazioni in parallelo, una fuga in autostop e una processione religiosa. Tutto in una notte.
  • Rotterdam 2017

    out-there-2016-takehiro-ito-cov932Out There

    di Presentato nella sezione Bright Future dell’International Film Festival Rotterdam Out There, l’opera seconda di Takehiro Ito: un lavoro sul cinema, sulla genesi di un film, sui concetti di heimat e di memoria.
  • Torino 2016

    the-donor-2016-zang-qiwu-recensioneThe Donor

    di Esordio di Zang Qiwu, The Donor mette in scena lo sfruttamento di classe (e di reni) nella Cina contemporanea, aderendo parzialmente allo stilema del thriller dilatato tipico di altri suoi connazionali. Corretto, ma con pochi guizzi. Vincitore del concorso internazionale alla 34esima edizione del Torino Film Festival.
  • In Sala

    Lady Macbeth (2016) di William Oldroyd - Recensione | Quinlan.itLady Macbeth

    di Elegante e compassato, Lady Macbeth di William Oldroyd inizia come una parabola ascendente di liberazione femminile, ma annega presto in un eccesso di sangue. In concorso al TFF.
  • Torino 2016

    porto-2016-gabe-klinger-cov932Porto

    di Il critico e cineasta Gabe Klinger firma una storia d'amore minimale, ambientata in una Porto notturna. Ultimo film interpretato da Anton Yelchin. In concorso al Torino Film Festival.
  • Torino 2016

    rat-film-2016-theo-anthony-cov932Rat Film

    di I ratti come spazio rimosso, immagine di una (dis)umana tendenza alla razionalizzazione. Estremamente ipnotico e suggestivo, Rat Film di Theo Anthony espande uno spunto contingente a film-saggio sulla debolezza dell'uomo. Al TFF in Internazionale.doc.
  • Torino 2016

    Nyai – A Woman from Java (2016) di G. Nugroho - Recensione | Quinlan.itNyai – A Woman from Java

    di Presentato nella sezione Onde del Torino Film Festival, Nyai – A Woman from Java è l’ultima opera dell’eclettico regista indonesiano Garin Nugroho, sempre guidato dalla ricerca e dalla sperimentazione estetiche.
  • Torino 2016

    los-decentes-2016-lukas-valenta-rinner-recensioneLos decentes

    di Il nudo come recupero di se stessi e come detonatore di conflitti sociali. Los decentes tenta l'apologo antiborghese tramite gli strumenti della satira ghignante, ma il discorso è risaputo e assai poco vivacizzato da nuove letture. In concorso al TFF.
  • DocLisboa 2016

    how-i-fell-in-love-with-eva-ras-2016-andre-gil-mata-cov932How I Fell in Love with Eva Ras

    di Presentato nella sezione Riscos del Doclisboa 2016, il film di André Gil Mata è una coproduzione tra Bosnia Erzegovina e Portogallo sotto il patrocinio di Béla Tarr. Un viaggio nella filmografia di un paese, la ex-Jugoslavia, e attraverso di questa nella sua storia, visibile ormai da lontano come un film dalla cabina di proiezione.
  • Roma 2016

    noces-2016-stephan-streker-recensioneNoces

    di Espressione di un tema spinoso, dichiaratamente prevedibile nella sua evoluzione, Noces testimonia di un regista dallo sguardo non banale, ma resta imbrigliato in una narrazione difettosa e poco equilibrata.
  • Roma 2016

    nocturama-2016-bertrand-bonello-recensioneNocturama

    di Film controverso e maledetto per i francesi, che non l'hanno voluto a Cannes, Nocturama passa in sordina alla Festa del Cinema di Roma nella sezione Alice nella Città. E, nel raccontare la vicenda di un gruppo di giovanissimi attentatori, Bonello trova la chiave per descrivere il nichilismo contemporaneo.
  • In sala

    20151023_Moonlight_D08_C1_K1_0121.tifMoonlight

    di Dopo i passaggi nei festival di Telluride, Toronto, New York e Londra, Moonlight apre l'undicesima edizione della Festa del Cinema di Roma: una storia di formazione e scoperta di sé, appesantita tuttavia da una stucchevole tendenza al formalismo.
  • In Sala

    Riparare i viventi (2016) Quillévéré - Recensione | Quinlan.itRiparare i viventi

    di Melodramma chirurgico, nel senso letterale del termine, Riparare i viventi (Réparer les vivants) è un solido esempio di cinema d’autore in grado di coinvolgere, senza ricattare, il suo spettatore. A Venezia 2016 nella sezione Orizzonti.
  • Venezia 2016

    the-woman-who-left-2016-lav-diaz-cov932The Woman Who Left

    di Per la prima volta in concorso a Venezia e vincitore del Leone d'Oro, Lav Diaz firma l'ennesimo gioiello splendente della sua filmografia, mettendo in scena un revenge movie doloroso e sottoproletario.
  • Venezia 2016

    the-last-of-us-2016-ala-eddine-slim-akher-wahed-fina-cov932The Last of Us

    di Presentato alla SIC 2016, The Last of Us è un'ambiziosa opera prima, una pellicola tanto attuale quanto proiettata verso il passato e il futuro: un viaggio apparentemente lineare, poi spirituale, sorretto da una ispirata messa in scena dei luoghi e dei volti.
  • Venezia 2016

    white-sun-2016-deepak-rauniyar-recensioneWhite Sun

    di Presentato nella sezione Orizzonti di Venezia 73, White Sun del nepalese Deepak Rauniyar è un film di impianto metaforico sulla frattura che ha attraversato il paese tra filomonarchici e maoisti, ambientato proprio alla vigilia dell’emanazione della costituzione che avrebbe dovuto sancire la riconciliazione.
  • Venezia 2016

    la-ragazza-del-mondo-2016-marco-danieli-recensioneLa ragazza del mondo

    di Con La ragazza del mondo, l’esordiente Marco Danieli costruisce un racconto di formazione e presa di coscienza sullo sfondo di una realtà controversa come quella dei Testimoni di Geova: ma il tutto è gravato da pesanti incertezze narrative e da una regia anonima.
  • In sala

    JackieJackie

    di Biopic che viola molte regole del genere, Jackie è la conferma del talento di Pablo Larraín, e il primo vero colpo al cuore della Mostra. Con una straordinaria Natalie Portman.
  • Venezia 2016

    La-Region-Salvaje-2016-amat-escalanteLa región salvaje

    di Omofobia, maschilismo e creature erotiche: Amat Escalante in La región salvaje mischia temi e generi in maniera grossolana e perde presto il controllo della situazione. In concorso a Venezia 2016.
  • Venezia 2016

    SafariSafari

    di Presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2016, Safari di Ulrich Seidl è una impietosa immersione nel grottesco microcosmo dei cacciatori vacanzieri europei in Africa. Uno stordente mosaico (dis)umano.
  • Documentari

    david-lynch-the-art-life-2016-venezia-doc-cov932David Lynch: The Art Life

    di , , Tre registi hanno seguito David Lynch, riprendendolo al lavoro e ascoltando le narrazioni sulla sua vita, negli anni che anticiparono Eraserhead. Tra i documentari di Venezia Classici.
  • In sala

    king-of-the-belgians-2016-peter-brosens-jessica-woodworth-cov932Un re allo sbando

    di , Peter Brosens e Jessica Woodworth tornano al Lido con King of the Belgians, farsa sul potere che si trasforma ben presto in una barzelletta ripetitiva e tirata per le lunghe. Nel concorso di Orizzonti.
  • Venezia 2016

    prevenge-2016-alice-lowe-cov932Prevenge

    di Una donna incinta è la protagonista di questo bizzarro revenge-movie al femminile, diretto da Alice Lowe e film di apertura della Settimana della Critica 2016.
  • Locarno 2016

    el-futuro-perfecto-2016-Nele-Wohlatz-recensioneEl futuro perfecto

    di Presentato tra i Cineasti del presente al Festival del Film Locarno, dove si è aggiudicato il premio come migliore opera prima, El futuro perfecto è una commedia che mette in gioco la comunicazione, il linguaggio, lo spaesamento di chi giunge in un altro paese e deve impararne la lingua. Brillante prova della regista, tedesca naturalizzata argentina, Nele Wohlatz.
  • Locarno 2016

    o-ornitologo-2016-joao-pedro-rodriguesO Ornitólogo

    di Presentato in concorso al Festival del Film Locarno, O Ornitólogo è l'ultimo lavoro di João Pedro Rodrigues, dove le ossessioni del regista prendono forma nella deriva surreale di un naturalista che studia specie rare di uccelli.
  • Prossimamente

    mister-universo-2016-covi-frimmelMister Universo

    di , Presentato in concorso al Festival del Film Locarno, Mister Universo è il ritorno di quell’universo di personaggi, presi dalla vita, presi dal mondo circense, di La pivellina, la precedente opera di Tizza Covi e Rainer Frimmel.
  • In sala

    gimme-danger-2016-jim-jarmusch-cov932Gimme Danger

    di Jim Jarmusch gira un documentario sull'amico Iggy Pop e gli Stooges. Peccato che Gimme Danger, a parte la verve del cantante, non abbia molto di interessante da offrire allo spettatore.
  • Cannes 2016

    la-mort-de-louis-xiv-2016-albert-serra-cov932La Mort de Louis XIV

    di Albert Serra porta a Cannes gli ultimi giorni di vita del Re Sole oramai agonizzante, smitizzando una volta di più il secolo dei lumi e raccontando la putrefazione del potere.
  • Prossimamente

    after-the-storm-2016-hirokazu-kore-eda-recensioneRitratto di famiglia con tempesta

    di Hirokazu Kore-eda prosegue il suo personalissimo discorso su rapporti umani, familiari e comunitari in Ritratto di famiglia con tempesta. Solo che stavolta gli manca qualcosa per arrivare ai suoi consueti livelli altissimi.
  • Cannes 2016

    American-HoneyAmerican Honey

    di In concorso a Cannes 2016, American Honey è una pellicola visceralmente indie. Un Bildungsroman contemporaneo cadenzato da una playlist in riproduzione continua, da un girovagare apparentemente senza meta, da una circolarità sottilmente disperata.
  • Prossimamente

    LovingLoving

    di In concorso a Cannes 2016, Loving è un biopic che preferisce la quotidianità di una lunga storia d’amore alla spettacolarità della classica declinazione processuale, lasciando volutamente fuori fuoco la Corte Suprema, la Legge, la Storia.
  • In sala

    personal-shopper-2016-olivier-assayas-cov932Personal Shopper

    di Olivier Assayas porta in concorso a Cannes (e ora in sala) una ghost-story che è riflessione sul desiderio, sul proibito e sull'immateriale. Con una splendida Kristen Stewart.
  • Cannes 2016

    The-HandmaidenThe Handmaiden

    di Presentato in Concorso al Festival di Cannes 2016, The Handmaiden di Park Chan-wook è un geometrico divertissement, tanto certosino e levigato nella messa in scena quanto eccessivamente dilatato narrativamente, fin troppo compiaciuto nel suo gioco di specchi.
  • Cannes 2016

    beyond-the-mountains-and-hillsBeyond the Mountains and Hills

    di Paranoie e inganni reciproci nell'Israele descritta da Eran Kolirin in Beyond the Mountains and Hills, selezionato in Un certain regard a Cannes 2016. Un film che supera l'apparente bonomia iniziale per farsi crudo e per niente conciliatorio.
  • In sala

    paterson-2016-jim-jarmusch-cov932Paterson

    di Jim Jarmusch porta in scena una volta di più la sua poetica, in cui lirismo e terracea quotidianità si fondono. Stavolta racconta la storia di Paterson, un autista di bus (e poeta) a Paterson, nel New Jersey...
  • Cannes 2016

    Train-to-BusanTrain to Busan

    di Presentato al Festival di Cannes 2016 nella sezione Séance de minuit, Train To Busan di Yeon Sang-ho è uno zombie movie su rotaia, dal ritmo abbastanza sostenuto, come il passo spedito dei suoi morti viventi.
  • Cannes 2016

    Rester vertical (2016) Alain Guiraudie - Recensione | Quinlan.itRester vertical

    di In concorso alla 69esima edizione del Festival di Cannes, Rester vertical segna il ritorno di Alain Guiraudie dopo Lo sconosciuto del lago: un film grezzamente e matericamente esistenzialista, in cui si mettono a confronto uomini e bestie.
  • Cannes 2016

    i-tempi-felici-verranno-presto-2016-alessandro-comodin-cov932I tempi felici verranno presto

    di L'opera seconda di Alessandro Comodin conferma la poetica del giovane autore, lontano dalla prassi e alla ricerca di una propria dimensione del racconto, che fonde umano e natura. Ma stavolta il meccanismo si fa più artefatto, depauperando il potenziale metaforico del film.
  • Cannes 2016

    sieranevada-2016-cristi-puiu-cov932Sieranevada

    di Cristi Puiu torna alla regia con Sieranevada, dramma familiare ambientato a ridosso dei tragici fatti di Charlie Hebdo. In concorso a Cannes 2016.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento