Berlinale 2017

Berlinale 2017

Febbraio, inverno, freddo. A volte con neve. È tempo di tornare a Berlino, di immergersi nella marea di film proposti dalla Berlinale 2017, di percorrere in lungo e in largo Potsdamer Platz. Da oggi a domenica 19, un appuntamento immancabile, a volte un po’ (troppo) prevedibile.

Ripartiamo da prevedibile. Spulciando il vastissimo, eccessivo e magmatico programma della Berlinale 2017, suddiviso nelle solite sezioni (concorso, forum, panorama, generation e tutto quel che segue), l’impressione è che questa edizione potrebbe non restare impressa nella memoria. Certo, si attendono con entusiasmo le prove degli infallibili Aki Kaurismäki (The Other Side of Hope) e James Gray (The Lost City of Z); ci si sente già coccolati dal cinema immutabile di Hong Sangsoo (On the Beach at Night Alone); si è pronti a rifugiarsi nella dolente spettacolarità di Logan di James Mangold. E poi Sabu (Mr. Long), Álex de la Iglesia (El bar), la crescente curiosità per Have a Nice Day di Liu Jian e l’incrollabile certezza perfettamente rappresentata da Eight Hours Don’t Make a Day di Rainer Werner Fassbinder. Non solo questi titoli, ovviamente. Si attendono sorprese, conferme, crescite magari esponenziali. Però questa prevedibilità riaffiora subito, già dal film di apertura, Django di Etienne Comar, compitino tzigano sull’Olocausto: non una cartina tornasole, ma forse un indizio, l’ennesima testimonianza di una linea editoriale, di una idea di cinema che resta avvinghiata al sociale, al politico, al civile. All’impegno. Al contenuto. Alla lunga, dopo tanti anni ed edizioni, dopo tanti concorsi fatti con lo stampino, il meccanismo rischia di diventare – appunto – prevedibile.

Prendiamolo come un fuorviante campanello d’allarme. La Berlinale 2017 è appena iniziata ed è inutile tracciare futuribili bilanci. Però – perché un però continua a ronzarci in testa – nel fittissimo calendario festivaliero, tra kermesse che si accavallano e si cannibalizzano… [continua a leggere]

Info
Il sito ufficiale della Berlinale 2017.
Il programma della Berlinale 2017.

Articoli correlati

  • Berlinale 2017

    ghost-in-the-mountains-2017-yang-hengGhost in the Mountains

    di Presentato alla sezione Panorama della Berlinale, Ghost in the Mountains di Yang Heng prosegue il suo percorso nella Cina rurale e marginale.
  • In Sala

    Logan - The Wolverine (2017) di James Mangold - Recensione | Quinlan.itLogan – The Wolverine

    di Mangold costruisce una realtà parallela, futuribile, assai distante dai colori sgargianti e dalle spacconate del Marvel Cinematic Universe. Polvere, sangue, carne e sofferenza: l'ultima avventura di Logan è una ballata dolente.
  • Berlinale 2017

    Campo/Controcampo: Combat/Política - Berlinale 2017 | Quinlan.itCombat au bout de la nuit e Política, manual de instrucciones

    Godard avrebbe probabilmente scritto Campo/Grecia - Controcampo/Spagna: Combat au bout de la nuit e Política, manual de instrucciones raccontano le vite di elettori ed eletti dei paesi europei più colpiti dal neo-liberismo. Entrambi alla Berlinale 2017.
  • Berlinale 2017

    Ana, mon amour (2017) di Călin Peter Netzer - Recensione | Quinlan.itAna, mon amour

    di In concorso alla Berlinale 2017, il film di Călin Peter Netzer scandaglia con sguardo clinico una parabola sentimentale e psicologica, una storia d'amore tanto salvifica quanto (auto)distruttiva.
  • Berlinale 2017

    chiamami-con-il-tuo-nome-2017-luca-guadagninoCall Me by Your Name

    di Mentre tutti i cinefili del mondo temono il suo remake di Suspiria, Luca Guadagnino spiazza con un delicato e sentito ‘coming of age’, la storia di un flirt d’agosto negli anni Ottanta, tra afa e frinire delle cicale in una dimora di campagna.
  • Berlinale 2017

    on-the-Beach-at-Night-Alone-2017-hong-sangsooOn the Beach at Night Alone

    di Nel nuovo film di Hong Sangsoo, On the Beach at Night Alone, il doppio vita-arte è quantomai esplicito visto che ripercorre le vicende sentimentali dell'attrice Kim Minhee, premiata come miglior interprete, con il regista stesso.
  • Berlinale 2017

    io-e-annie-1977-woody-allen-recensioneIo e Annie

    di Compie quarant'anni Io e Annie: il capolavoro di Woody Allen, quello che meglio armonizza l'inventiva e la prorompenza del suo primo cinema con la fase successiva. Presentato alla Berlinale in versione restaurata.
  • Berlinale 2017

    Have a Nice Day (2017) di Liu Jian - Recensione | Quinlan.itHave a Nice Day

    di In concorso alla Berlinale 2017 e opera seconda di Liu Jian, Have a Nice Day filtra attraverso l'estetica della Pop Art l'instabilità e la crisi culturale e ideologica della Cina contemporanea. Animazione indipendente, budget risicato, humor nero.
  • Berlinale 2017

    ceux-qui-font-les-revolutions-a-moitie-nont-fait-que-se creuser-un-tombeau-2016-cov932Ceux qui font les révolutions à moitié n’ont fait que se creuser un tombeau

    di , Ceux qui font les révolutions à moitié n'ont fait que se creuser un tombeau dei registi canadesi Mathieu Denis e Simon Lavoie prende le mosse dalle manifestazioni studentesche nel Quebec del 2012 per mettere in scena una rivoluzione del linguaggio.
  • Berlinale 2017

    joaquim-2017-Marcelo-Gomes-recensioneJoaquim

    di Con Joaquim, in concorso alla Berlinale, il cinema brasiliano torna a interrogarsi sui tempi della colonizzazione portoghese. Le buone intenzioni del film, però, annegano ben presto in un mare di cliché gratuiti.
  • Berlinale 2017

    colo-2017-teresa-villaverde-recensioneColo

    di Presentato in concorso alla Berlinale 2017, Colo di Teresa Villaverde: ritratto di una famiglia in crisi, specchio della crisi di una società, raccontato secondo i canoni non convenzionali della regista portoghese.
  • Berlinale 2017

    Beuys (2017) di Andres Veiel - Recensione | Quinlan.itBeuys

    In concorso alla Berlinale 2017, il documentario di Veiel prova a ricomporre le idee alla base delle opere del pittore e scultore tedesco Joseph Beuys, personaggio vulcanico, controverso, imprevedibile. Artista e teorico. Un corposo lavoro sul materiale d'archivio.
  • Berlinale 2017

    the-misandrists-2017-bruce-labruce-recensioneThe Misandrists

    di Bruce LaBruce, il nome simbolo del New Queer Cinema, torna a colpire con The Misandrists, presentato in Panorama alla Berlinale 2017, dove esprime la sua poetica sessuale anarcoide in chiave fiabesca.
  • Berlinale 2017

    bright-nights-2017-thomas-arslan-helle-nachte-cov932Bright Nights

    di In concorso alla Berlinale 2017, il film di Arslan è un on the road minimalisma, apprezzabile nella confezione ma quasi impalpabile, inconsistente, pigramente adagiato sui paesaggi norvegesi e sulla presenza scenica del pur bravo Georg Friedrich.
  • Berlinale 2017

    the-other-side-of-hope-2017-aki-kaurismaki-toivon-tuolla-puolen-cov932L’altro volto della speranza

    di In concorso alla Berlinale il nuovo lavoro di Aki Kaurismäki, L'altro volto della speranza: tra colori pastello e musica country la storia di un rifugiato siriano e la satira di una società che vede le culture diverse solo come cibo etnico.
  • Berlinale 2017

    una-mujer-fantastica-2017-sebastian-lelio-cov932Una mujer fantástica

    di Presentato in concorso alla Berlinale 2017, Una mujer fantástica veicola attraverso una levigata architettura mainstream e alcune (discutibili) scorciatoie didascaliche dei contenuti indubbiamente significativi.
  • Berlinale 2017

    just-like-our-parents-2017-Lais-Bodanzky-recensioneJust Like Our Parents

    di Presentato in Panorama Special alla Berlinale 2017 il nuovo lavoro della regista brasiliana Laís Bodanzky che si interroga su una generazione di mezzo, sul femminismo nel contesto della società attuale.
  • Berlinale 2017

    felicite-2017-alain-gomis-cov932Félicité

    di In concorso alla Berlinale 2017, Félicité è il quarto tassello di una poetica che non riesce a liberarsi dal giogo culturale dei finanziamenti europei. Lodevole la performance di Véro Tshanda Beya Mputu.
  • Berlinale 2017

    on-body-and-soul-2017-Ildiko-Enyedi-recensioneOn Body and Soul

    di Fra cervi e mattatoi, commedia e strazio, la cineasta ungherese Ildikó Enyedi in On Body and Soul mette in scena con straordinarie sensibilità e poetica il bisogno disperato d'amore di fronte alle difficoltà nel dichiararlo. Orso d'Oro alla Berlinale 2017.
  • Berlinale 2017

    wild-mouse-josef-hader-2017-wilde-maus-cov932Wild Mouse

    di Presentato in concorso alla Berlinale 2017, Wild Mouse è una divertente commedia dal retrogusto amaro. Una pellicola che osserva il terreno cedevole sul quale sono edificate le odierne certezze della borghesia austriaca, tra benessere e scivoloni inattesi.
  • Berlinale 2017

    Django (2017) di Étienne Comar - Recensione | Quinlan.itDjango

    di Film d’apertura della Berlinale 2017, Django utilizza il biopic e la figura del celebre musicista di origine sinti per (cercare di) focalizzarsi sull’Olocausto e sulla terribile e spesso rimossa persecuzione delle popolazioni gitane.
  • Festival

    Berlinale 2017 - Presentazione - 67a edizione | Quinlan.itBerlinale 2017 – Presentazione

    Febbraio, inverno, freddo. A volte con neve. È tempo di tornare a Berlino, di immergersi nella marea di film proposti dalla Berlinale 2017, di percorrere in lungo e in largo Potsdamer Platz. Da oggi a domenica 19.
  • In Sala

    t2-trainspotting-2016-danny-boyle-cov932T2 Trainspotting

    di Decadentismo lisergico. Sembra una contraddizione in termini eppure è questo lo spirito che anima T2 Trainspotting di Danny Boyle, rilettura, prima che sequel, del cult movie del 1996.
  • Pordenone 2016

    algol-tragodie-der-macht-1920-hans-werckmeister-recensioneAlgol. Tragödie der Macht

    di Presentato tra le riscoperte alle Giornate del Cinema Muto, Algol. Tragödie der Macht è un'opera fantapolitica del 1920 che unisce espressionismo e realismo per comporre una visionaria parabola del potere.
  • Cannes 2016

    Ikarie-XB-1Ikarie XB 1

    di Restaurato in digitale con totale rispetto nei confronti della pellicola originale, il capolavoro della fantascienza cecoslovacca Ikarie XB 1 di Jindřich Polák era tra gli appuntamenti imperdibili di Cannes Classics 2016. Uno splendido esempio di sci-fi umanista e politica.
  • Torino 2015

    Blade-RunnerBlade Runner

    di Blade Runner è fantascienza che forse vivremo tra quarant'anni, è un noir che non esiste più, è una love story impossibile, è la straziante rappresentazione dell'essenza della vita. Al TTF2015 per la retrospettiva "Cose che verranno".
  • Archivio

    Grand Budapest Hotel (2014) di Wes Anderson - Recensione - Quinlan.itGrand Budapest Hotel

    di Una sarabanda umana avventurosa quanto basta, ma che convince meno del solito. Il film di Wes Anderson aveva aperto la Berlinale e adesso esce nelle sale italiane con la 20th Century Fox.
  • Blu-ray

    La notte dei morti viventi (1968) di Romero - Blu-ray | Quinlan.itLa notte dei morti viventi

    di A causa di misteriose radiazioni prodotte da un esperimento mal riuscito, i morti tornano in vita: sono affamati e l'unico cibo che sembra interessargli è la carne umana. In Pennsylvania un gruppo di persone, nel tentativo di sfuggire ai famelici “ritornanti”, si asserraglia in una casa abbandonata...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento