Yourself and Yours

Yourself and Yours

di

Presentato all’International Festival Rotterdam, il nuovo film di Hong Sangsoo, Yourself and Yours, che passa per omaggi a Buñuel e all’alcol per raccontare ancora di schermaglie tra i sessi, friabili rapporti di coppia tra sospetti e maldicenze, rotture e nuovi incontri.

Minjung è colei che la si crede

È innamorato di lei, ma quando il pittore Youngsoo viene a sapere da un amico che la sua amata Minjung è stata vista ubriaca, comincia ad avere dei dubbi sulla loro relazione. Lei per contro aveva promesso di lasciar perdere gli alcolici, quindi qualcuno sta mentendo, ma chi? [sinossi]

I coreani e le sbronze, le bevute interminabili di soju nei locali, la dipendenza etilica. Difficile pensare a un popolo così orgogliosamente dipendente dell’alcol come quello sudcoreano, nella cui cultura ubriacarsi non pare abbia alcuna connotazione disdicevole. Gli Alcolisti Anonimi qui devono cambiare lavoro. E a ciò si aggiunge la diffusa assenza nella popolazione, come in altre asiatiche, dell’enzima del fegato che smaltisce l’alcol etilico, per cui basta un bicchiere per andare fuori. Lo vediamo nel cinema di Hong Sangsoo, le cui narrazioni passano per i tanti momenti conviviali dove l’alcol scorre a fiumi. E un discepolo del regista, Noh Youngsoo, ha realizzato il film Daytime Drinking, vera e propria esaltazione del potere catartico dell’alcol, dello stato di ebbrezza come modo per esprimere al pieno noi stessi.

Ora però nel nuovo film di Hong Sangsoo, Yourself and Yours, sbarcato a Rotterdam dopo essere stato presentato in altri festival internazionali, qualcuno dà una connotazione negativa all’alcol. È il pittore Youngsoo che trova deprecabile che la sua fidanzata sia stata vista ubriacarsi, non tanto per il fatto in sé quanto perché senza di lui e a sua insaputa. Il delatore è un amico che si precipita a casa sua a riferire il pettegolezzo all’inizio del film, proprio come Mathieu/Fernando Rey entra nell’agenzia viaggi nell’incipit di Quell’oscuro oggetto del desiderio. Hong Sangsoo, grande seguace della Nouvelle Vague francese ora conduce un gioco dichiarato con Luis Buñuel. Il bere, in Yourself and Yours, comincia ad assumere così un significato di proibito, tale da generare la gelosia nell’uomo. E da una serie di altre battute – l’uomo che incontra la ragazza e le ricorda di quella volta che si erano ubriacati insieme – sembra tingersi di allusioni sessuali. “Ti hanno visto ubriacarti insieme a un altro”, parodiando Gianni Morandi. Il sessismo della società coreana, l’uomo che pensa di comandare, e la sua mancanza di fiducia verso la fidanzata che nega, porta alla rottura. “Se non smetti di bere ti mollo.” Si tratta dell’ennesimo tassello delle schermaglie tra i sessi raccontate dal regista di Woman Is the Future of Man. E l’emancipazione femminile passa per la rivendicazione di bere da sole. E, perché no, ubriacarsi.

Quando un altro personaggio incontra casualmente Minjung, le ricorda di quella volta che si erano ubriacati insieme, ma lei cade dalle nuvole e dopo ripetute insistenze rivela l’esistenza di una sorella gemella con cui si sarebbe confuso. Hong Sangsoo ci porta dalle parti della commedia degli equivoci, naturalmente giocata a modo suo. Raccontata con il suo stile di regia minimalista, di inquadrature fisse e ogni tanto uno zoom dirompente.
Si aprono due whodonit come fosse una detective story. Minjung si è davvero ubriacata quella volta? Minjung ha davvero una sorella gemella oppure è un trucco per prendersi gioco degli uomini possessivi e prepotenti? O è stata l’ubriachezza ad aver cancellato i ricordi? Oppure l’alienazione sociale fa sì che non riconosca i suoi partner di bevute, a differenza di loro che non se ne sono affatto dimenticati? Strano che Youngsoo, il suo fidanzato, non sia al corrente che la ragazza abbia una gemella. Quando l’ulteriore uomo, il regista, pure dice a Minjung di conoscerla e lei ancora cade dalle nuvole, stavolta non si giustifica con l’esistenza di una sorella, come mai? Ma il mistero si infittisce quando il secondo personaggio, ormai il suo ex, l’unico ad aver avuto la rivelazione della gemella, la vede e lei nuovamente non lo riconosce, e lui si stupisce, avendo ormai conosciuto entrambe le sorelle. Minjung dice di non aver mangiato, ma l’abbiamo appena vista cenare nella scena precedente. Quando Minjung ritorna insieme a Youngsoo, la sua gemella lascia l’altro. Forse sono davvero la stessa persona? Ogni volta che si passa da una scena con una gemella e una scena con l’altra, queste hanno sempre lo stesso vestito, del resto.
A un certo punto Hong ci mostra la situazione di un manichino in una vetrina, cui viene cambiato il vestito. Minjung cambia i suoi abiti interiori e gioca con gli uomini gretti e ottusi. È lei a lanciare loro delle metaforiche secchiate d’acqua, come quelle del film di Buñuel. Conchita può assumere le fattezze di Carole Bouquet e Ángela Molina, Minjong può assumere diverse personalità ma rimanendo nella stessa fattezza. I gemelli sono uguali fuori ma diversi dentro proprio come i film di Hong Sangsoo, tutti molto simili, variazioni sul tema, ripetitivi all’apparenza.

Minjong ottiene la riconciliazione con il fidanzato sguinzagliando le sue personalità. E rivitalizza il loro rapporto con una sorta di “reset”. D’ora in poi Youngsoo ignorerà qualsiasi maldicenza e con involontaria ironia le dice “Grazie di essere te stessa”. Ma lei a letto, nello stacco con la candela che si è ridotta, sparirà: la sua presenza è quanto mai fantasmatica. L’importante è che nella riconciliazione si confermi il potere salvifico del bere: “Non beviamo che per ubriacarci”, “Bevi quanto vuoi, non c’è nulla di sbagliato nel bere”. Konbae!

Info
La scheda di Yourself and Yours sul sito del Festival di Rotterdam.
Il trailer di Yourself and Yours su Youtube.
  • Yourself-and-yours-2016-Hong-Sangsoo-007.jpg
  • Yourself-and-yours-2016-Hong-Sangsoo-006.jpg
  • Yourself-and-yours-2016-Hong-Sangsoo-005.jpg
  • Yourself-and-yours-2016-Hong-Sangsoo-004.jpg
  • Yourself-and-yours-2016-Hong-Sangsoo-003.jpg
  • Yourself-and-yours-2016-Hong-Sangsoo-001.jpg
  • Yourself-and-yours-2016-Hong-Sangsoo-002.jpg

 

Articoli correlati

  • Locarno 2015

    intervista-a-hong-sangsooIntervista a Hong Sangsoo

    "L’intenzione per me è sempre qualcosa di non interessante. Se dovessi lavorare seguendo le intenzioni non lavorerei, è noioso. Ho bisogno che qualcosa di nuovo e inaspettato mi succeda ogni giorno, per sentirmi vivo e per voler lavorare." Hong Sangsoo, vincitore del Festival di Locarno con Right Now, Wrong Then, ci spiega i segreti della sua prassi registica.
  • Locarno 2015

    right-now-wrong-then-recensioneRight Now, Wrong Then

    di Pardo d'Oro a Locarno, Right Now, Wrong Then è il nuovo film di Hong Sangsoo, abituato a sfornare opere almeno due volte l’anno. Ancora un protagonista che viene dal mondo del cinema, ancora tanti cliché cui l’autore sudcoreano ci ha abituato… E stavolta il minimalismo e la leggerezza di Hong sfiorano il sublime.
  • Venezia 2014

    hill-of-freedom-recensioneHill of Freedom

    di Presentato nella sezione Orizzonti di Venezia 71 il nuovo lavoro del sudcoreano Hong Sangsoo, un film di poco più di un’ora in cui il regista si riconferma massimo alfiere di un cinema leggero e delicato, in grado di restituire il tempo della vita con rinnovata grazia.
  • DVD

    In Another Country di Hong Sang-soo in dvd - Recensione | Quinlan.itIn Another Country

    di In un dvd targato CGHV e Tucker Film il delizioso e inevitabile incontro tra Isabelle Huppert e il sudcoreano Hong Sangsoo, rohmeriano per scelta e per talento.
  • AltreVisioni

    nobody-s-daughter-haewon-2013-hong-sang-soo-cov932Nobody’s Daughter Haewon

    di Haewon, una giovane studentessa, si sente abbandonata: la madre sta per emigrare in Canada e la storia clandestina col suo professore è destinata a finire... Presentato al Festival di Berlino 2013.
  • Archivio

    in-another-country-2012-hong-sang-soo-cov932In Another Country

    di Tre donne, tutte chiamate Anne, visitano una dopo l'altra una piccola stazione balneare di Mohang e dormono nello stesso piccolo hotel sulla costa. Incontreranno, tra l'altro, sempre le stesse persone, tra le quali un bagnino che continua a camminare avanti e indietro...
  • AltreVisioni

    The-Day-He-ArrivesThe Day He Arrives

    di Chiunque abbia un minimo di dimestichezza con l’opera di Hong, ritroverà le coordinate necessarie per entrarvi in relazione già nei primi cinque minuti di The Day He Arrives: Sang-joon fa ritorno a Seoul e cammina per strada, dove incrocia un’aspirante attrice che ha lavorato con lui anni prima...
  • Venezia 2010

    Okis_Movie-recensioneOki’s Movie

    di A pochi mesi da Ha ha ha, presentato al Festival di Cannes, il cineasta sudcoreano Hong Sangsoo arriva a Venezia con un altro mirabile film, Oki's Movie, che è allo stesso tempo un perfetto saggio meta-cinematografico.
  • Festival

    Rotterdam 2017, la quarantaseiesima edizione | Quinlan.itRotterdam 2017

    Con Rotterdam 2017 prende il via la quarantaseiesima edizione del festival olandese, un luogo di incontro tra cineasti del mondo, dove si celebra l’esperienza del cinema. Un'edizione segnata dalle masterclass, ma anche dal cinema come visione in sala.
  • Berlinale 2017

    on-the-Beach-at-Night-Alone-2017-hong-sangsooOn the Beach at Night Alone

    di Nel nuovo film di Hong Sangsoo, On the Beach at Night Alone, il doppio vita-arte è quantomai esplicito visto che ripercorre le vicende sentimentali dell'attrice Kim Minhee, premiata come miglior interprete, con il regista stesso.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento