Uscite in sala 16 febbraio 2017

Uscite in sala 16 febbraio 2017

Altra settimana fiacca, in attesa – tra sette giorni – di Pablo Larraín e del suo Jackie; arrivano due titoli in corsa per gli Oscar, Manchester by the Sea e Moonlight, e poco altro. Ma lunedì 20 ci sarà l’occasione, grazie a Wanted, di incontrare sul grande schermo il pensiero, l’arte e la vita di tutti i giorni di David Lynch. Un’occasione, almeno quella, da non perdere.

 

MANCHESTER BY THE SEA
di Kenneth Lonergan

Sicuramente il titolo più atteso della settimana, sia per gli applausi ricevuti nel percorso festivaliero che per la possibilità (soprattutto per Casey Affleck) di ‘scippare’ qualche Oscar a La La Land; in realtà chi parla di “miracolo drammatico” esagera, e probabilmente tra qualche mese già ci si sarà dimenticati di un’opera onesta, diretta con professionalità, ma che non fa molto di diverso dal muoversi in un solco, quello dell’indie dimesso e cupo, abbondantemente frequentato dal cinema statunitense. L’eccellenza è proprio nell’interpretazione dei protagonisti, a partire da Affleck.

Appena ricevuta la notizia della morte di suo fratello, Lee Chandler, idraulico di Boston, fa ritorno nella sua cittadina natale, un villaggio di pescatori dove trova il figlio del defunto, il sedicenne Patrick. Costretto a riavvicinarsi ad un passato doloroso, Lee scopre di essere, secondo il testamento di suo fratello, il nuovo tutore designato di Patrick… [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

DAVID LYNCH: THE ART LIFE
di Jon Nguyen, Olivia Neergaard-Holm, Rick Barnes

Esce lunedì 20, e chissà in quante sale, ma vale la pena dare un posto di rilievo a questo documentario che segue la vita di uno dei maggiori autori venuti alla luce nel corso degli ultimi quaranta anni. Non un lavoro agiografico, né di prammatica, ma un intenso vortice che cerca di scavare in un mistero cinematografico denso, vasto, per alcuni (chissà perché) perfino difficile da decriptare. In attesa dell’arrivo sul piccolo schermo della terza stagione di Twin Peaks, che segnerà il ritorno a una forma narrativa di Lynch a undici anni da INLAND EMPIRE, non perdetelo.

David Lynch accompagna lo spettatore in un intimo e personale viaggio nel tempo, raccontando gli anni della sua formazione artistica. Dall’infanzia nella tranquilla provincia americana fino all’arrivo a Philadelphia, le tappe del percorso che ha portato Lynch a diventare uno dei più enigmatici e controversi registi del cinema contemporaneo. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

MOONLIGHT
di Barry Jenkins

Ed ecco l’altro serio candidato agli Oscar, il film che dovrebbe risanare lo strappo tra Hollywood e la comunità nera (insieme a Barriere di Denzel Washington); un’opera stanca, vecchia, muffita, che non ha un granché da dire e che per di più partendo da un assunto progressista riesce a trovare una propria dimensione solo nella retorica reazionaria, e nel luogo comune. Evitabile, a meno di non voler avere uno sguardo “totale” sulla notte degli Oscar, dove un paio di statuette potrebbe accaparrarsele (pensiamo a Mahershala Ali e Naomie Harris).

Il giovane Chiron cresce in un quartiere povero di Miami, tra droga, violenza e degrado. Attraverso tre fasi della sua esistenza (infanzia, adolescenza e maturità) Chiron cerca di trovare il proprio posto nel mondo, passando per esperienze traumatiche quali il lutto, la scoperta dell’identità sessuale e quella di un amore inconfessabile. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

MAMMA O PAPÀ
di Riccardo Milani

Niente da fare, quest’anno la commedia nostrana mostra davvero la corda: ne fa le spese anche il nuovo film di Milani, che vorrebbe rincorrere il politicamente scorretto, ma lo fa in un modo così didascalico e preconfezionato da non risultare mai divertente, e ancor meno interessante. Tutto è esagitato ed esagerato, ma manca completamente – o quasi – la scrittura di personaggi e situazioni. E sopraggiunge ben presto la noia, che non se ne va più.

L’amore, si sa, può finire. E quando la coppia scoppia, spesso lui e lei si fanno la guerra. Soprattutto per decidere chi avrà la custodia dei figli. Stavolta è diverso, però: nessuno dei due li vuole. Stavolta mamma vuole mollarli a papà e viceversa. A ogni costo. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

ABSOLUTELY FABULOUS – IL FILM
di Mandie Fletcher

Cattivo lo è anche questo film già visto (da pochi) al Torino Film Festival e ora in uscita con la 20th Century Fox. I problemi sono più o meno gli stessi del film di Milani, a partire da una struttura narrativa lasciata a se stessa e senza un reale e approfondito lavoro di scrittura. Forse c’è qualche gag che funziona meglio, e il cattivo gusto è meno standardizzato, ma se ne può fare a meno senza provare sensi di colpa.

Mentre cercano di rilanciare la loro carriera nello spietato mondo della moda, le svitate Edina e Patsy si macchiano del crimine massimo: spingono per errore Kate Moss nel Tamigi e la supermodella non riemerge. Adattamento per il cinema dell’omonima sitcom BBC. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

AUTOBAHN – FUORI CONTROLLO
di Eran Creevy

Ancor meno sensi di colpa li lascerà nello spettatore che lo eviterà questo thriller adrenalinico (sulla carta) che fa acqua da tutte le parti, da un cast completamente fuori parte a una regia prevedibile, fino a una sceneggiatura al limitar del ridicolo. Davvero ben poco da salvare in un pastrocchio destinato a non lasciare alcuna traccia di sé, neanche quelle delle sgommate sull’asfalto.

Casey e Juliette sono due giovani americani che si incontrano e si innamorano durante un viaggio in Europa. Quando alla ragazza viene diagnosticata una grave malattia, Casey decide di tornare al suo oscuro passato per pagare le cure mediche che potrebbero salvarla. Seguendo il consiglio di Geran, un trafficante per il quale lavorava, decide di derubare il temuto gangster Hagen. La rapina, però, non va come previsto e Casey dovrà riuscire a sfuggire agli uomini di Hagen per salvare se stesso e l’amore della sua vita. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

In sala arrivano anche Resident Evil: The Final Chapter (2016) di Paul W. S. Anderson, il film d’animazione Ballerina (2016) di Eric Summer e Éric Warin, e il documentario Io, Claude Monet (2016) di Phil Grabsky e, da lunedì prossimo Crazy for Football (2016) di Volfango De Biasi e Francesco Trento, e Alla ricerca di un senso (2015) di Marc de la Ménardière e Nathanaël Coste. Buona visione!

Info
Il sito ufficiale di Manchester by the Sea.
Il sito ufficiale di Moonlight.

Articoli correlati

  • Notizie

    uscite-in-sala-09-febbraio-2017-cov932Uscite in Sala 09 febbraio 2017

    Tra l'apertura della Berlinale e (soprattutto) il festival di Sanremo, le uscite in sala rasentano il nadir dell'appeal nei confronti del pubblico. Per fortuna lunedì tocca a Lettera a tre mogli di Mankiewicz, riportato in sala dalla sempre meritoria Lab80.
  • Notizie

    uscite-in-sala-02-febbraio-2017-cov932Uscite in Sala 02 febbraio 2017

    È la settimana del ritorno in gran stile di Mel Gibson con Andrew Garfield obiettore di coscienza, del secondo capitolo della saga diretta da Sydney Sibilia e dedicata alla "banda dei ricercatori", e del soldato Billy Lynn immortalato da Ang Lee...
  • Notizie

    Nelle sale: La La Land, Split, Austerlitz, Suspiria... | Quinlan.itUscite in Sala 26 gennaio 2017

    Settimana a dir poco ricca per le uscite in sala; si parte dal pluri-candidato all'Oscar La La Land (che dona nuovo ossigeno al musical) e si arriva a Split, nuova creatura di M. Night Shyamalan. In mezzo però c'è tanto, tanto cinema...
  • Notizie

    Nelle sale: Arrival, Your Name, Il ragno rosso... | Quinlan.itUscite in Sala 19 gennaio 2017

    È la settimana di Arrival, lo sci-fi firmato da Denis Villeneuve, ma in sala arrivano anche Your Name di Makoto Shinkai (ma solo per tre giorni) e l'interessante Il ragno rosso di Marcin Koszałka.
  • Notizie

    uscite-in-sala-23-febbraio-2017-cov932Uscite in sala 23 febbraio 2017

    Ultima settimana di uscite prima della notte degli Oscar, e si sparano i colpi finali: ecco dunque la Portman nei tailleur di Jackie Kennedy nello splendido film di Pablo Larraín e Denzel Washington che porta sullo schermo il dramma Barriere.
  • Notizie

    uscite-in-sala-02-marzo-2017-cov932Uscite in sala 02 marzo 2017

    Finita la giostra carnevalesca degli Oscar, con tanto di colpo di scena finale, tornano le uscite in sala a tener banco: Vi presento Toni Erdmann concorreva al Miglior Film Straniero, dopo aver diviso la critica a Cannes. Ma ci sono anche Logan e Ben Affleck...
  • Notizie

    uscite-in-sala-09-marzo-2017-cov932Uscite in sala 09 marzo 2017

    La settimana vibra attorno al noir/fantasy Phantom Boy, per poi articolarsi tra pugili sfortunati, autopsie di ragazze ignote, scimmioni di dimensioni fuori dal comune, domatori di leoni infelici, donne della NASA o immigrate per lavorare in Italia.
  • Notizie

    uscite-in-sala-16-marzo-2017Uscite in sala 16 marzo 2017

    Settimana a dir poco deprimente, non fosse per la presenza in sala dell'ultimo documentario diretto da Ermanno Olmi. Per il resto una Disney che si diverte a fare copia carbone dei suoi classici, l'imperfetto Loving e poco altro.
  • Notizie

    uscite-in-sala-23-marzo-2017-cov932Uscite in sala 23 marzo 2017

    Settimana dominata da tre grandi film, su tutti Elle di Paul Verhoeven; ma è anche la volta di I Am Not Your Negro di Raoul Peck e a partire da lunedì prossimo de La tartaruga rossa, miracolo d'animazione diretto da Michaël Dudok de Wit.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento