Kong: Skull Island

Kong: Skull Island

di

Il re è tornato! È gigantesco, ma può ancora crescere. Il MonsterVerse della Legendary Pictures aggiusta il tiro dopo Godzilla di Gareth Edwards, scegliendo per Kong: Skull Island un tono più sguaiato e fracassone. La grandeur del leggendario gorilla, immerso in una storia che saccheggia (un po’ troppo) scherzosamente Coppola, Conrad e Melville, è il logico viatico per l’incontro/scontro del secolo, quel Godzilla vs King Kong previsto per il 2020.

L’odore del napalm al mattino

1973. Una spedizione di scienziati e militari, con avvenente giornalista al seguito, parte alla scoperta di un’isola inesplorata, venuta alla luce grazie alle nuove tecnologie satellitari. Arrivati sull’isola a bordo di elicotteri da guerra, militari e scienziati vengono attaccati e decimati da un gorilla gigante, Kong, alto 30 metri. Bloccati sull’isola e tagliati fuori dal mondo, i superstiti dovranno riuscire ad attraversare l’isola e la giungla popolata da mostri. Intanto, Kong è impegnato in una battaglia contro gli Strisciateschi, feroci predatori rettiloidi che hanno sterminato la sua razza… [sinossi]

Mischiano un po’ le carte in tavola Jordan Vogt-Roberts e la Legendary Pictures. Regista emergente e attivo soprattutto sul piccolo schermo, Vogt-Roberts si è fatto apprezzare per la commedia indipendente The Kings of Summer (2013). Alle prese con un altro budget e con un’icona piuttosto ingombrante, il regista di Detroit si mette a servizio delle dimensioni gargantuesche di Kong e dell’immaginario evocato dal trio di sceneggiatori, dando vita a uno spettacolo – a tratti – pirotecnico, tra palesi e insistite citazioni di Apocalypse Now e scontri titanici tra miliardi di pixel. La parola d’ordine della messa in scena di Kong: Skull Island è grandeur, è l’eccesso esibito, dal citazionismo spudorato ai panorami dominati dallo scimmione. Un accumulo sistematico: gli anni Settanta, le canzoni, il Vietnam, la fisicità e sensualità di Tom Hiddleston e Brie Larson, la foga melvilliana e un po’ ridicola del guerrafondaio Packard (Samuel L. Jackson), la follia della spalla comica Hank (John C. Reilly), le patinate divagazioni antropologiche e via discorrendo.

Mischia le carte soprattutto la Legendary Pictures, casa di produzione che dopo Godzilla ha fiutato l’affare e si è tuffata nel calderone dei Verse, i Fictional Universe che dominano il box office contemporaneo. E così, mentre il Marvel Universe o Marvelverse cannibalizza il mercato internazionale e la DC Comics è costretta a inseguire a testa bassa, la Legendary ha pensato di ripercorre in pompa magna un sentiero produttivo/creativo già battuto negli anni Sessanta.
Un ritorno al passato, alla coproduzione nippo-statunitense Il trionfo di King Kong (King Kong vs. Godzilla, Kingu Kongu tai Gojira, 1962) di Ishirō Honda, ma con altri mezzi economici e tecnologici. Al momento, la tabella di marcia del novello MonsterVerse prevede quattro capitoli: Godzilla di Gareth Edwards, Kong: Skull Island di Vogt-Roberts e i futuri Godzilla: King of the Monsters (2019) di Michael Dougherty e Godzilla vs. Kong (2020). L’apoteosi finale.

Insomma, il solito intreccio semantico di franchise crossover, reboot, remake, sequel & prequel e tutto quel che segue. Una massa caotica, imprevedibile, nel bene e nel male. In questo senso, è indicativo lo slittamento dal Godzilla di Edwards, rispettoso dell’essenza e dello spirito del kaijū della Tōhō, alle spacconate di Vogt-Roberts e soci. Ma se le dimensioni smisurate di Kong rispondono alla necessità di un avversario di pari portata per il campione del Sol Levante, e se la veste di difensore dell’ordine naturale si affianca al consueto ruolo del nuclearizzato lucertolone, tornano meno i conti coi personaggi tagliati con l’accetta, infilati a forza nel reboot interno di Apocalypse Now (e, per stare al gioco, nel crossover con Moby Dick), e con la necessaria ma dolorosa rinuncia alla potenza emotiva e sentimentale dell’originale King Kong (1933) di Ernest B. Schoedsack e Merian C. Cooper e del romanticissimo, spettacolare e metacinematografico King Kong (2005) di Peter Jackson.

Spettacolare. L’altra parola chiave, legata a doppia mandata a grandeur. I pixel fanno il loro dovere nel dare corpo allo smisurato di Kong, suggerendo ripetutamente che il gorilla della Legendary si mangerebbe in un sol boccone i fratelli maggiori di Schoedsack/Cooper, Jackson e persino Honda – Kong sta infatti ancora crescendo e possiamo immaginare che nel 2020 non avrà timore dei 45 metri dichiarati dal suo predecessore ne Il trionfo di King Kong. È però nei corpo a corpo con gli anonimi strisciateschi, lanciati un po’ allo sbaraglio, che l’apparato spettacolare orchestrato da Vogt-Roberts perde terreno nei confronti del King Kong jacksoniano.
Dall’inevitabile confronto emergono i limiti di una pellicola che ha perso per strada, volontariamente o meno, il dramma e la tragedia, l’amore e la morte, concentrandosi sulla battaglia e negandoci le lacrime. La Bella non ha ucciso la Bestia: tra qualche anno sapremo se ringraziare o meno la Legendary Pictures. Per il momento, non ci resta che aspettare, fantasticando sugli sviluppi delle prossime pellicole e i possibili crossover con un altro franchise…

Info
Il trailer italiano di Kong: Skull Island.
La pagina facebook di Kong: Skull Island.
Il sito ufficile di Kong: Skull Island.
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-19.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-20.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-21.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-22.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-23.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-24.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-25.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-27.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-28.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-29.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-30.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-31.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-32.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-33.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-34.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-35.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-36.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-37.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-38.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-39.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-40.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-41.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-42.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-43.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-44.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-45.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-46.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-47.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-48.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-49.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-50.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-51.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-52.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-53.jpg
  • Kong-Skull-Island-2017-Jordan-Vogt-Roberts-26.jpg

Articoli correlati

  • Classici

    king-kong-1933-merian-cooper-ernest-schoedsack-cov932King Kong

    di , King Kong che scala l'Empire State Building e viene attaccato dai mitra dei biplani è una delle immagini più iconiche della storia del cinema. Ma il film di Merian C. Cooper ed Ernest B. Schoedsack nasconde al suo interno molte storie, non solo cinematografiche.
  • Far East 2016

    matango-1963-ishiro-honda-cov932Matango il mostro

    di Tra le opere più celebri di Ishiro Honda, Matango il mostro è un viaggio psichedelico che riflette sulla mostruosità insita nella natura umana, e nella società.
  • Far East 2016

    i-misteriani-1957-the-mysterians-ishiro-honda-cov932I misteriani

    di L'invasione aliena vista con gli occhi di Ishiro Honda, il papà di Godzilla; a distanza di sessant'anni dalla sua realizzazione I misteriani mostra i suoi limiti, ma anche i suoi pregi.
  • Archivio

    Godzilla-2014-cov932Godzilla

    di Il re dei Mostri torna sul grande schermo, per il secondo adattamento statunitense del kaiju eiga più famoso di tutti i tempi. Ed è in forma...
  • Archivio

    Pacific Rim (2013) di Guillermo del Toro - Recensione - Quinlan.itPacific Rim

    di Quando una legione di creature mostruose emerge dagli oceani, scoppia una guerra destinata a distruggere milioni di vite e consumare le risorse umane. Per combattere i giganteschi Kaiju viene creata un'arma speciale...
  • DVD

    uomini-h-ishiro-honda-1958-cov932Uomini H

    di La CG Entertainment e la Sinister Film portano in dvd uno dei classici della fantascienza di Ishirō Honda, il "papà" di Godzilla. Un gioiello da riscoprire.
  • Classici & Cult

    King Kong (2005) di Peter Jackson - Recensione | Quinlan.itKing Kong

    di King Kong è la messa in scena dell'utopia di Colin McKenzie, è il cinema bigger than life che celebra sé stesso, è il set della Salomè che emerge dalla giungla...
  • AltreVisioni

    monster-x-strikes-back-attack-the-g8-summit-2008-minoru-kawasaki-cov932Monster X Strikes Back: Attack the G8 Summit!

    di Minoru Kawasaki firma un delirante omaggio ai kaiju eiga, recuperando dalle memorie del tempo cinematografico il mostro Guilala. Con uno spassoso cameo di Takeshi Kitano.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento