Uscite in sala 30 marzo 2017

Uscite in sala 30 marzo 2017

Dopo Vi presento Toni Erdmann ed Elle il cinema europeo la fa ancora una volta da padrone con l’ottimo Dall’altra parte del croato Zrinko Ogresta; ma è anche l’occasione per trovare in sala un bel teen-movie d’oltreoceano, l’ottimo esordio dell’italiano di origine cingalese Suranga Deshapriya Katugampala, il revenge-movie diretto da Raúl Arévalo e (ma ce n’era bisogno?) il remake live action di Ghost in the Shell.

 

DALL’ALTRA PARTE
di Zrinko Ogresta

Già visto in Panorama alla Berlinale 2016 e poi ritrovato a Trieste lo scorso gennaio, il film di Zrinko Ogresta mostra un approccio del tutto personale al tema della ricomposizione del trauma bellico che sconvolse i Balcani disintegrando la Jugoslavia; una riscoperta di sé, e della propria famiglia, per un conflitto che ha colpito tutti, in maniera indistinta, e che non permette requie neanche a distanza di un ventennio. Ogresta dirige con mano particolarmente ispirata, e porta a termine un’opera potente ed emozionante, a pochi passi dal thriller, sotto certi punti di vista.

Da venti anni Vesna è arrivata a Zagabria con la famiglia in fuga da eventi che stavano quasi per distruggere la loro vita. Tuttavia una telefonata inaspettata farà riaffiorare quei segreti che la donna aveva cercato di nascondere per tutti quegli anni. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

17 ANNI (E COME USCIRNE VIVI)
di Kelly Fremon

Il teen-movie è un genere tutt’altro che semplice da maneggiare, sempre rischiosamente a pochi passi dalla banalizzazione e dall’abuso di cliché. Anche per questo va rimarcato il lavoro portato a termine da Kelly Fremon, all’esordio dietro la macchina da presa, ma già sceneggiatrice per Vicky Jenson in Post Grad (con un’Alexis Bledel appena laureata) e per Demi Moore nel corto Streak; una commedia gentile, non priva di acume e affidata alla brillante interpretazione di Hailee Steinfeld, che esordì quattordicenne ne Il Grinta dei fratelli Coen. Davvero un piccolo gioiello, da apprezzare soprattutto nella versione originale – il titolo in inglese è The Edge of Seventeen.

Nadine e Krista sono migliori amiche, non si separano mai e cercano insieme di cavarsela nel crudele mondo del liceo. Quando Nadine scopre che Krista sta frequentando segretamente suo fratello, qualcosa si rompe nel loro rapporto. Nel giro di poco tempo diventeranno acerrime nemiche. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

PER UN FIGLIO
di Suranga Deshapriya Katugampala

Arriva nelle sale italiane, dopo essere stato presentato in concorso alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro nel 2016, l’opera d’esordio dell’italiano di origine cingalese Suranga Deshapriya Katugampala; un film non solo struggente e doloroso nel suo scandaglio del quotidiano, ma che assume una valenza politica a dir poco dirompente in un’Italia che continua a chiudere gli occhi di fronte alla realtà, e insiste nell’utilizzare il termine “integrazione”, che presuppone di base il difficile confronto di culture “diverse”. Da vedere assolutamente in sala, e da difendere a spada tratta.

Lì Sunita, una donna srilankese di mezz’età, divide le sue giornate tra il lavoro di badante e un figlio adolescente. Fra loro regna un silenzio pieno di tensioni. È una relazione segnata da molti conflitti. Essendo cresciuto in Italia, il figlio fa esperienza di un’ibridazione culturale difficile da capire per la madre, impegnata a lottare per vivere in un paese al quale non vuole appartenere. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

GHOST IN THE SHELL
di Rupert Sanders

Il remake più atteso dell’anno (insieme a It, di cui da ieri è visibile il trailer online) si risolve, com’era in fin dei conti prevedibile, in un nulla di fatto. Rispetto al capolavoro del 1995 di Mamoru Oshii, punto d’arrivo dell’animazione e della fantascienza cyberpunk, questo action diretto da Sanders si riduce a una patina di pura superficie, incapace di scalfire una materia che maneggia in modo poco accorto e senza reali capacità pratiche. Una decalcomania di cui nessuno sentiva la benché minima necessità, perfino irritante nella sua mediocrità concettuale, e della quale ci si dimentica in fretta e furia, mentre le immagini di venti e passa anni lì sono ancora nella mente, e scavano, e scavano, e scavano. Se siete fan evitatelo con cura. Se non siete fan chi ve lo fa fare di andare in sala?

In un futuro non troppo lontano, il Major, un agente speciale, un ibrido tra cyborg e umano unico nel suo genere, è alla guida di un reparto speciale della polizia, la task force speciale Section 9, incaricato di sventare i piani dei più pericolosi criminali del mondo. Grazie alle sue capacità fuori del comune, Major è l’unica in grado di scovare e affrontare la nuova minaccia, un nemico capace di insinuarsi nelle menti cibernetiche fino ad assumerne il completo controllo. Mentre si prepara allo scontro, una terribile verità sul suo passato salta fuori e il cyborg sarà pronta a tutto per scoprire il mistero legato alla sua esistenza. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

LA VENDETTA DI UN UOMO TRANQUILLO
di Raúl Arévalo

Presentato lo scorso settembre a Venezia all’interno della sezione Orizzonti, il film diretto da Raúl Arévalo è un revenge-movie piuttosto classico, diretto con professionalità e non privo di soluzioni interessanti. Il discorso di classe va via via disperdendosi all’interno del film, che conferma in ogni caso la propensione della produzione spagnola a lavorare sul genere senza rinunciare a un impianto fortemente autoriale. Un esordio, al di là di tutto, da tenere in considerazione per il futuro.

Madrid, agosto del 2007. Curro è stato l’unico ad essere arrestato per la rapina in una gioielleria. Otto anni dopo, la sua ragazza Ana e suo figlio aspettano che lui esca di prigione. José è un uomo solitario e riservato che sembra sempre un pesce fuor d’acqua. Una mattina va a prendere un caffè al bar dove lavorano Ana e suo fratello. Quell’inverno la vita di José si intreccerà con quella degli altri clienti del bar, che lo accolgono come fosse uno di loro. È il caso soprattutto di Ana, che vede nel nuovo arrivato una via di fuga dalla sua vita difficile. Scontata la pena, Curro esce di prigione con la speranza di cominciare una nuova vita con Ana. Ma tutto è cambiato in pochissimo tempo. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

IL PERMESSO – 48 ORE FUORI
di Claudio Amendola

Claudio Amendola non è lo Stefano Sollima di Suburra, né il Michele Placido di Romanzo criminale, ma questo noir che segue le vicessitudini di quattro carcerati durante le due giornate di permesso che sono state loro concesse possiede una propria sincerità di sguardo che riesce a elevare una narrazione per il resto abbastanza statica, e priva di soluzioni personali. A riscattare il film da un eccesso di retorica è la buona prova attoriale dei quattro protagonisti (soprattutto Valentina Bellé e Giacomo Ferrara, ma anche Luca Argentero e persino un Amendola fattosi troppo ‘buono’ nel corso degli anni per apparire credibile fino in fondo), e una patina da b-movie non disprezzabile.

A Luigi, Donato, Angelo e Rossana sono state concesse 48 ore di permesso fuori dal carcere di Civitavecchia. Per motivi differenti si trovano in galera, dove devono scontare il loro debito con la giustizia. Ma adesso sono fuori, e devono decidere in che modo spendere il poco tempo che gli è stato concesso. Vendetta, redenzione, riscatto, amore. Una volta usciti ognuno di loro dovrà fare i conti con il mondo che è cambiato mentre erano dentro. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

CLASSE Z
di Guido Chiesa

Un tempo Guido Chiesa era il regista che aveva abbandonato l’Italia per farsi le ossa negli States lavorando per di Jim Jarmusch, Amos Poe, Nicolas Roeg e Michael Cimino; tornato in patria aveva diretto Il caso Martello, si era dedicato su un’idea dei CSI di Giovanni Lindo Ferretti a Materiale resistente ed era approdato alla Mostra di Venezia con Il partigiano Johnny e Lavorare con lentezza, entrambi imperfetti ma non privi di ambizione. Anzi… E oggi? Dopo Belli di papà, Chiesa rimane nel campo della commedia e firma questo scialbo teen-movie scolastico privo di verve, raffazzonato tanto nella regia quanto nella narrazione scritta. Davvero difficile da difendere.

È il primo giorno dell’anno della maturità per un gruppo di studenti di un liceo scientifico. A scuola una novità: alcuni studenti sono stati spostati dalle rispettive classi nella neonata sezione H, creata ex novo per loro. Pare a causa del sovraffollamento delle classi. La verità è che il Preside ha deciso di fare un esperimento al fine di capire se, togliendo alcuni elementi dalle rispettive classi, il rendimento degli altri studenti sarebbe migliorato. Mettendoli in una classe “ghetto”, li poteva tenere sotto controllo. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

THE JOURNEY
di Nick Hamm

La fine del conflitto nordirlandese non meritava di essere ridotta a un mediocre spettacolo degno di uno show televisivo neanche particolarmente in forma. Eppure così è, visto che il film di Nick Hamm non si solleva mai da una piatta struttura tipica del piccolo schermo. Un film che cerca in tutti i modi di annullare le asperità, ammorbidirle, di fatto disperdendo in tutto e per tutto il potenziale politico della vicenda.

Britannici e irlandesi hanno riunito i partiti politici dell’Irlanda del Nord a St. Andrews, in Scozia, per discutere un accordo storico. Improvvisamente, dopo i giorni bui dei Troubles, la pace sembra possibile. L’unico ostacolo è convincere il fervente predicatore protestante Ian Paisley e il repubblicano irlandese Martin McGuinness ad accettare l’accordo e governare insieme. Ma i due si rifiutano persino di rivolgersi la parola! [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

INFEDELMENTE TUA
di Preston Sturges

Ovviamente, non si trattasse di un recupero del passato, Infedelmente tua brillerebbe in vetta a questa pagina dedicata alle uscite settimanali… Lab80 continua nell’ottimo progetto di riportare in sala classici della commedia statunitense degli anni Quaranta e Cinquanta, e stavolta tocca a un classico di Preston Sturges, con protagonisti Rex Harrison e Linda Darnell. Un evento da non perdere, per poter godere nel buio della sala di un altro modo di vedere (e fare) cinema.

Il film racconta la vicenda del celebre direttore d’orchestra sir Alfred De Carter, di ritorno a New York dopo un lungo viaggio, a cui il cognato invia un rapporto dal quale risulta che la moglie Daphne lo ha tradito con il giovane segretario. Nel corso del concerto che sta dirigendo, Alfred immagina le varianti del dramma lasciandosi trasportare dalla musica: uxoricidio, perdono, duello? Infedelmente tua è una commedia al veleno, condotta come una raffinata parodia del genere mélo da quel maestro e grande fustigatore di costumi americani che è stato Preston Sturges. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

In sala inoltre trovano spazio da oggi La verità, vi spiego, sull’amore (2017) di Max Croci, Virgin Mountain (2015) di Dagur Kári, The Most Beautiful Day – Il giorno più bello (2016) di Florian David Fitz, La mia famiglia a soqquadro (2017) di Max Nardari, Raffaello – Il principe delle arti (2017) del da poco scomparso Luca Viotto (da lunedì 3 aprile). Buona visione!

Info
Il sito ufficiale di Ghost in the Shell.

Articoli correlati

  • Notizie

    uscite-in-sala-23-marzo-2017-cov932Uscite in sala 23 marzo 2017

    Settimana dominata da tre grandi film, su tutti Elle di Paul Verhoeven; ma è anche la volta di I Am Not Your Negro di Raoul Peck e a partire da lunedì prossimo de La tartaruga rossa, miracolo d'animazione diretto da Michaël Dudok de Wit.
  • Notizie

    uscite-in-sala-16-marzo-2017Uscite in sala 16 marzo 2017

    Settimana a dir poco deprimente, non fosse per la presenza in sala dell'ultimo documentario diretto da Ermanno Olmi. Per il resto una Disney che si diverte a fare copia carbone dei suoi classici, l'imperfetto Loving e poco altro.
  • Notizie

    uscite-in-sala-09-marzo-2017-cov932Uscite in sala 09 marzo 2017

    La settimana vibra attorno al noir/fantasy Phantom Boy, per poi articolarsi tra pugili sfortunati, autopsie di ragazze ignote, scimmioni di dimensioni fuori dal comune, domatori di leoni infelici, donne della NASA o immigrate per lavorare in Italia.
  • Notizie

    uscite-in-sala-02-marzo-2017-cov932Uscite in sala 02 marzo 2017

    Finita la giostra carnevalesca degli Oscar, con tanto di colpo di scena finale, tornano le uscite in sala a tener banco: Vi presento Toni Erdmann concorreva al Miglior Film Straniero, dopo aver diviso la critica a Cannes. Ma ci sono anche Logan e Ben Affleck...
  • Notizie

    uscite-in-sala-23-febbraio-2017-cov932Uscite in sala 23 febbraio 2017

    Ultima settimana di uscite prima della notte degli Oscar, e si sparano i colpi finali: ecco dunque la Portman nei tailleur di Jackie Kennedy nello splendido film di Pablo Larraín e Denzel Washington che porta sullo schermo il dramma Barriere.
  • Notizie

    uscite-in-sala-06-aprile-2017-cov932Uscite in sala 06 aprile 2017

    Questa è la settimana dell'ultimo film di Aki Kaurismäki, già in concorso alla Berlinale e conferma di uno dei talenti più cristallini e immarcescibili del cinema europeo degli ultimi decenni. Il resto, pur interessante, passa inevitabilmente in secondo piano.
  • Notizie

    Uscite-in-sala-13-aprile-2017-cov932aUscite in sala 13 aprile 2017

    Olivier Assayas e i fantasmi (della mente e reali) che fluttuano attorno a Kristen Stewart: ecco il colpo al cuore della settimana pasquale, irrobustita dal documentario di Claudio Casazza, dalla commedia di Francesco Amato, dall'ottavo capitolo di Fast & Furious.
  • Notizie

    uscite-in-sala-20-aprile-2017Uscite in sala 20 aprile 2017

    Settimana non entusiasmante, dominata dall'ultimo parto creativo della francese Mia Hansen-Løve, con Isabelle Huppert protagonista; per il resto l'interessante opera seconda di Ciro De Caro, e non molto da segnalare...
  • Notizie

    uscite-in-sala-27-aprile-2017-cov932Uscite in sala 27 aprile 2017

    Che voi siate o meno Groot (tormentone del mese) arriva in sala il secondo capitolo dei Guardiani della galassia; con lui il nuovo Gianni Amelio, il thriller The Circle di James Ponsoldt, il documentario Piigs e molto altro. Forse troppo.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento