Godzilla Resurgence

Godzilla Resurgence

di ,

Godzilla Resurgence è il film che segna il ritorno del kaijū più famoso del cinema in una produzione giapponese, diretto da Hideaki Anno e Shinji Higuchi. Un’opera di grande potenza visiva, che riannoda i fili con la saga ma guarda anche all’immaginario di Anno, a partire ovviamente da Neon Genesis Evangelion. La rivendicazione di un’appartenenza che esula dal mero contesto cinematografico per allargarsi a rilettura geopolitica del ruolo del Giappone all’interno del contesto mondiale.

Fai come vuoi

Mentre la guardia costiera giapponese investiga su uno yacht abbandonato nella Baia di Tokyo, qualcosa nell’acqua attacca la loro nave. Poco dopo, l’Aqua-Line Baia di Tokyo viene misteriosamente inondata e crolla. Dopo aver visto un video virale che mostra una gigantesca creatura che si muoveva in quella zona, il vice-capo del Segretario del Gabinetto del Giappone Rando Yaguchi si convince che l’incidente sia stato causato da un essere vivente… [sinossi]

Quello che in occidente prende il nome di Godzilla Resurgence, nel titolo originale giapponese recita Shin Gojira, utilizzando la scrittura katakana. Shin, dunque (シン in katakana), con il significato che si può aprire a una lettura plurima: potrebbe infatti stare a significare “il nuovo”, “il vero” o perfino “il dio” Godzilla. Una polisemia per niente casuale, tutt’altro. Se infatti il mostro gigante della Toho, capostipite di ogni kaijū eiga, è da sempre considerato alla pari di una divinità – ora malefica ora no, ma sempre in maniera immancabile portatrice di disastri –, Godzilla Resurgence è indubbiamente “nuovo”, sia all’interno della saga originale, visto che si era ancora fermi a Godzilla – Final Wars di Ryūhei Kitamura, uscito nelle sale nel 2004, sia perché per la prima volta in più di sessant’anni viene posto in un angolo il capolavoro originale diretto da Ishirō Honda, con il quale Godzilla Resurgence non propone alcun contatto diretto all’interno della trama. Non si tratta, insomma, di un remake, ma di una ripartenza da zero, aspetto finora inedito all’interno della produzione nipponica. In qualche modo, dunque, Godzilla Resurgence si sposta (ma solo in apparenza) nei territori spuri dei film hollywoodiani diretti da Roland Emmerich nel 1998 e da Gareth Edwards nel 2014.
Proprio i due film statunitensi permettono di fornire la spiegazione per l’eventuale interpretazione del titolo come “Il vero Godzilla”: la Toho non ha nessuna intenzione di abdicare o di cedere la sua creatura più conosciuta, temuta e amata al dollaro americano. Ben venga un lavoro comunque rispettoso come quello di Edwards (lo stesso non si può certo dire per il film di Emmerich), ma la sostanza è ben altra. Godzilla è giapponese, la colpa della sua esistenza no – e Godzilla Resurgence lo spiega in lungo e in 1argo al suo pubblico. Nascerà pure nelle profondità oceaniche, questo gigantesco dinosauro atomico, ma quando deve trovare terra se ne va nella baia di Tokyo. Quando decide di tornare nuovamente sulla terraferma si reca a Kamakura.

Per il ritorno a casa del figliol prodigo la Toho ha deciso di fare davvero le cose in grande. L’imponenza del progetto fu chiara quando nel marzo del 2015 la casa di produzione dichiarò che a dirigere il film sarebbero stati Hideaki Anno e Shinji Higuchi, figure chiave dell’animazione nipponica: il primo non dovrebbe aver bisogno di presentazioni, il secondo lavorò sempre con Anno a Neon Genesis Evangelion e Nadia – Il mistero della pietra azzurra, fu direttore dell’animazione per Le ali di Honneamise di Hiroyuki Yamaga (primo anime della Gainax), e arrivò anche alla regia live action, con titoli per lo più dimenticabili come Lorelei: The Witch of the Pacific Ocean, pastrocchio bellico in odore di sci-fi e di nostalgie militari, e Sinking of Japan, disaster movie in piena regola, entrambi ospitati all’interno del palinsesto del friulano Far East Film Festival.
Godzilla Resurgence inizia in una baia di Tokyo placida e assolata, con il ritrovamento di un piccolo yacht alla deriva, senza nessun essere umano a bordo: mentre la squadra di soccorso si prepara a trainare l’imbarcazione, presupponendo un accidentale caduta in acqua dei proprietari, arriva una potente esplosione. La camera la osserva a distanza, frapponendo fra gli enormi schizzi d’acqua e lo spettatore anche un treno della metropolitana. Il tunnel automobilistico che attraversa la baia implode… Lo spettacolare incipit, come si sarà notato, non dà alcun riferimento possibile alla presenza di Godzilla, ma sottolinea la caratteristica principale del mostro gigante, e contemporaneamente della sua personale storia con il Giappone: la distruzione. Godzilla Resurgence si muove, com’è ovvio, in uno scenario apocalittico, ma Anno non si inabissa nella baia di Tokyo insieme al suo dio distruttore. La distruzione è in terra, in quei detriti delle case su cui ora grava, oltre al lutto, il peso di una radioattività che potrebbe comprometterne per sempre il recupero. Godzilla è un mostro, ma non è innaturale, così come non lo sono uno tsunami o un terremoto (il riferimento a ciò che è accaduto a Fukushima solo un pugno di anni fa è evidente, e attraversa l’intero film): Godzilla non è neanche la natura che si ribella ai codici dell’uomo. Godzilla è l’uomo. Un rettile qualunque, di quelli abituati all’acqua del mare, che si è imbattuto decenni fa in barili contenenti materiale radioattivo. Barili abbandonati con incoscienza dall’uomo.

L’umanità ha creato Godzilla. Il suo è solo un ritorno a casa. Un ritorno nel pantheon, con tanto di neanche troppo velati riferimenti cristiani (Godzilla “risorge” dalle acque dopo tre giorni, tornando a nuova vita e ricominciando la sua accurata opera di macelleria e devastazione). Anno e Higuchi non rinunciano alle implicazioni (geo)politiche che l’abnorme rettile ha sempre trascinato con sé, e anche Godzilla Resurgence irrompe sulla scena cercando di trovare collocazione a interrogativi che agitano gli incubi – reali, altro che fantasmagorici – di buona parte della popolazione giapponese. Così in Godzilla Resurgence c’è spazio per una visione tutt’altro che dinamica della struttura politica, da quasi un quinquennio saldamente in mano al Jiyū-Minshutō di Shinzō Abe, che può essere dismessa solo attraverso un superamento del concetto di classe e del privilegio che a esso si lega; non manca lo sguardo ambiguo sull’amico-nemico di sempre, quegli Stati Uniti pronti a “dare una mano” ma sempre alle loro condizioni (è Washington a proporre a Tokyo di utilizzare l’atomica per cercare di debellare Godzilla).
La stessa diffidenza verso le pratiche occidentali che il film mostra nel mettere in scena l’idolo mostruoso di casa: gli effetti speciali di cui si può fregiare la produzione non hanno nulla da invidiare a quelli che deflagrano sugli schermi hollywoodiani, ma Godzilla Resurgence non rinuncia all’apetto materico che da sempre contraddistingue l’estetica del kaijū eiga. Godzilla, mentre risale il fiume Tama spostando imbarcazioni e detriti di vario tipo, dà un’immagine gommosa di sé, che potrà forse far sorridere gli spettatori più giovani ma sta in realtà lì a rivendicare un ruolo proprio all’interno dell’immaginario mostruoso mondiale. La materia artigianale, la base della costruzione dell’incubo è ancora una volta nelle mani dell’uomo, prima ancora che la tecnologia intervenga a donare un maggior realismo. Tutto, ancora una volta, nasce dall’uomo. Esiste perché visibile. Esiste in quanto sfiorabile. La distruzione è reale, evidente, e diventa quindi plausibile. Lo stesso motivo per il quale, abbandonando la patina retro della produzione a stelle e strisce e l’idea di found footage che con troppa facilità ha preso piede nell’horror e nella fantascienza contemporanei, Godzilla Resurgence può permettersi di giocare con i registri visivi, alternando riprese amatoriali a video caricati online, senza tralasciare l’oggettività della macchina da presa e dello sguardo dei registi. L’unico in grado di sovrastare – o meglio, contenere – perfino la mole mostruosa di Godzilla.

Godzilla Resurgence è un film ben più complesso del popcorn movie che ci si portebbe aspettare, e si lega all’immaginario di Honda perché ne sposa la visione, ne percepisce l’attualità senza doversi connettere a una narrazione che è andata avanti in modo univoco per forse troppo tempo. È anche un film profondamente “di Hideaki Anno”, e non lo dimostrano solo dettagli sparpagliati che possono essere rintracciati a destra e a manca, o vezzi registici di vario tipo. Più ancora che alla saga dell’immenso mostro portatore di morte e distruzione, Godzilla Resurgence fa tornare alla mente, in più di un’occasione, Neon Genesis Evangelion: è così per la costruzione delle psicologie di alcuni dei personaggi protagonisti, è così per la messa in scena di una Tokyo prossima alla distruzione, ed è così perfino per l’utilizzo all’interno del titolo di quel termine, shin, su cui ci si soffermava all’inizio della recensione. Il nuovo, il vero, il dio. Una triade di significati che è anche triade di senso e struttura, base portante di un processo creativo che riparte, si rimette in moto, torna a ribadire la propria centralità all’interno dello scenario internazionale. Lo fa con una potenza deflagrante, ritmata grazie anche all’abuso – volontario, per quanto sembra che questo aspetto abbia raffreddato parte del pubblico, soprattutto occidentale – di una verbosità umana che è lo specchio, il riflesso deformato dell’impatto catastrofico con un mostro che non parla, quasi non emette suono. Ma arriva, distrugge, devasta, uccide e strazia. Il verbo contro l’azione, non asservendosi però a una sciocca dicotomia interventista, ma proponendo una dialettica impossibile, conscia delle proprie mancanze. Anno e Higuchi firmano un’opera folgorante, un punto di ripartenza di grande poesia visionaria, come dimostra il combattimento notturno, con la luce viola prodotta dal corpo del bestione. Il dio nuovo. Il dio vero. Godzilla.

ps. Spaventoso il numero di stelle di intensità variabile che hanno deciso di partecipare, anche con ruoli ai limiti dell’invisibile, al film. Tra questi val la pena citare quantomeno Shinya Tsukamoto, Suzuki Matsuo, Kengo Kora, Ren Osugi, Tetsu Watanabe, e Isshin Inudo.

Info
Il trailer di Godzilla Resurgence.
Il sito ufficiale giapponese di Godzilla Resurgece.
  • godzilla-resurgence-2016-shin-godzilla-01.jpg
  • godzilla-resurgence-2016-shin-godzilla-02.jpg
  • godzilla-resurgence-2016-shin-godzilla-03.jpg
  • godzilla-resurgence-2016-shin-godzilla-04.jpg
  • godzilla-resurgence-2016-shin-godzilla-05.jpg

Articoli correlati

  • In Sala

    Kong: Skull Island (2017) di Jordan Vogt-Roberts - Recensione | Quinlan.itKong: Skull Island

    di Il re è tornato! È gigantesco, ma può ancora crescere. Il MonsterVerse della Legendary Pictures aggiusta il tiro dopo Godzilla di Gareth Edwards, scegliendo per Kong: Skull Island un tono più sguaiato e fracassone.
  • Classici

    king-kong-1933-merian-cooper-ernest-schoedsack-cov932King Kong

    di , King Kong che scala l'Empire State Building e viene attaccato dai mitra dei biplani è una delle immagini più iconiche della storia del cinema. Ma il film di Merian C. Cooper ed Ernest B. Schoedsack nasconde al suo interno molte storie, non solo cinematografiche.
  • Interviste

    rikiya-mifune-intervista-toshiro-mifuneIntervista a Rikiya Mifune

    Sulla Walk of Fame di Hollywood c'è ora una stella in più, quella dedicata a Toshiro Mifune. Sulla sua vita è stato realizzato anche il documentario Mifune: The Last Samurai, presentato due anni fa a Venezia Classics. Abbiamo incontrato il nipote del grande attore, Rikiya Mifune, che ha collaborato alla realizzazione del film.
  • Cult

    tetsuo-1989-shinya-tsukamoto-cov932Tetsuo

    di Il rivoluzionario esordio al lungometraggio di Shinya Tsukamoto, a ventisette anni di distanza ancora in grado di sconvolgere lo sguardo dello spettatore ignaro.
  • Far East 2016

    intervista-Nobuhiko-obayashiIntervista a Nobuhiko Ōbayashi

    Figura estremamente eclettica nel cinema giapponese, quella di Nobuhiko Ōbayashi: tra i pionieri del cinema sperimentale alla fine degli anni Cinquanta, regista di commercial e infine, a partire dal cult Hausu del 1977, autore di film "narrativi", sempre pervasi da una vena di surrealismo. Lo abbiamo incontrato al Far East 2016.
  • Far East 2016

    matango-1963-ishiro-honda-cov932Matango il mostro

    di Tra le opere più celebri di Ishiro Honda, Matango il mostro è un viaggio psichedelico che riflette sulla mostruosità insita nella natura umana, e nella società.
  • Far East 2016

    i-misteriani-1957-the-mysterians-ishiro-honda-cov932I misteriani

    di L'invasione aliena vista con gli occhi di Ishiro Honda, il papà di Godzilla; a distanza di sessant'anni dalla sua realizzazione I misteriani mostra i suoi limiti, ma anche i suoi pregi.
  • Rassegna

    nihon-eiga-come-il-giappone-rassegna-cov932Nihon Eiga – Come il cinema giapponese imparò a non preoccuparsi e ad amare la bomba

    Inizia oggi alla sede di Sentieri Selvaggi un ciclo di quattro incontri curati da Quinlan sul cinema giapponese che ha messo in scena, sotto varie forme, l'incubo atomico. Da Barefoot Gen a Fish Story...
  • Buone Feste!

    le-avventure-del-ragazzo-del-palo-elettrico-denchu-kozo-no-boken-1987-shinya-tsukamoto-cov932Le avventure del ragazzo del palo elettrico

    di Prima ancora di esordire al lungometraggio con lo sconvolgente Tetsuo, Shinya Tsukamoto si divertiva a sperimentare tempi, dinamiche e spazialità del cinema attraverso la messa in scena di un mondo ipercinetico e ansiogeno.
  • Animazione

    Nausicaa-della-Valle-del-ventoNausicaä della Valle del vento

    di Arriva finalmente nelle sale il secondo lungometraggio scritto e diretto da Miyazaki, opera seminale dello Studio Ghibli. Archetipo degli eco-faniasy, Nausicaä mantiene intatta la potenza grafica, cromatica e immaginifica. Una pellicola, per caratteristiche tecniche e produttive, probabilmente irripetibile.
  • Cannes 2015

    yakuza-apocalypse-takashi-miike-cov932Yakuza Apocalypse

    di Takashi Miike firma un folle pastiche avant-pop e demenziale, che mescola gli yakuza eiga all'horror, ai kaiju eiga, ai film di arti marziali. Con un ranocchio gigante da antologia. Alla Quinzaine des réalisateurs.
  • Archivio

    Godzilla-2014-cov932Godzilla

    di Il re dei Mostri torna sul grande schermo, per il secondo adattamento statunitense del kaiju eiga più famoso di tutti i tempi. Ed è in forma...
  • Archivio

    Pacific Rim (2013) di Guillermo del Toro - Recensione - Quinlan.itPacific Rim

    di Quando una legione di creature mostruose emerge dagli oceani, scoppia una guerra destinata a distruggere milioni di vite e consumare le risorse umane. Per combattere i giganteschi Kaiju viene creata un'arma speciale...
  • Animazione

    Akira (Giappone, 1988) di Katsuhiro Ōtomo - Recensione - Quinlan.itAkira

    di Neo-Tokyo, 2019. Nella città devastata regna il caos: bande di motociclisti, gruppi di terroristi e ribelli, sette religiose in attesa della seconda venuta del leggendario Akira…
  • Animazione

    Il castello nel cielo (1986) di Miyazaki - Recensione - Quinlan.itIl castello nel cielo

    di Sheeta, misteriosa ragazzina in possesso di una magica pietra azzurra, è inseguita da una sgangherata banda di pirati dell’aria e da un torvo agente governativo...
  • DVD

    uomini-h-ishiro-honda-1958-cov932Uomini H

    di La CG Entertainment e la Sinister Film portano in dvd uno dei classici della fantascienza di Ishirō Honda, il "papà" di Godzilla. Un gioiello da riscoprire.
  • Archivio

    super-8Super 8

    di J.J. Abrams firma un accorato omaggio al cinema "sull'infanzia", di cui fu maestro indiscusso Steven Spielberg. Un gioiello da non lasciarsi sfuggire.
  • AltreVisioni

    Haeundae (2009) di Je-gyun Yun - Recensione | Quinlan.itHaeundae

    di Un esperto di tsunami, Kim Hwi, scopre preoccupanti segni di attività del fondo oceanico tra la Corea e il Giappone, che hanno una certa somiglianza con quel che è accaduto nell'oceano Indiano durante lo tsunami del 2004. Cerca di dare l'allarme...
  • AltreVisioni

    bumba-atomika-2008-cov932Bumba Atomika

    di L'esordio del marchigiano Michele Senesi, un pastiche ultra-pop che mescola e tritura il cinema popolare, creando un oggetto ammaliante e difficile da maneggiare.
  • AltreVisioni

    k-20-legend-of-the-maskK-20: Legend of the Mask

    di Shimako Satō riempie i vuoti spettacolari con alcune divertenti gag, rimarcando lo status di film per tutti del simpatico blockbuster giapponese K-20: Legend of the Mask, presentato al Far East Film Festival 2009.
  • Animazione

    Mostri contro Alieni (2009) Recensione | Quinlan.itMostri contro Alieni

    di , Il rischio che Mostri contro Alieni finisse per trasformarsi in un mero e stanco accumulo di citazioni era decisamente forte, ma Vernon e Letterman sono riusciti nell’impresa di amalgamare questo aspetto con il reale corpus narrativo dell’opera...
  • Saggi

    Speciale Hayao Miyazaki: Un regista tra le nuvole... (2) | Quinlan.itUn regista tra le nuvole: il volo, gli aerei e le acrobazie [2]

    Tra le sequenze dedicate al volo, la più suggestiva ed emozionante è quella di Nausicaä...
  • Saggi

    Speciale Hayao Miyazaki: Un regista tra le nuvole... | Quinlan.itUn regista tra le nuvole: il volo, gli aerei e le acrobazie

    La tematica del volo nel cinema di Miyazaki: le traiettorie disegnate dall’aliante di Nausicaä, la fantasia dei voli notturni di Totoro, l’incredibile abilità di Porco Rosso...
  • Saggi

    Il rapporto tra uomo e natura nell'opera di Miyazaki | Quinlan.itIl rapporto tra uomo e natura nell’opera di Miyazaki

    Le avventure di Conan, diviso tra la pacifica e rurale isola di Hyarbor e la temibile e iperindustrializzata città di Indastria...
  • AltreVisioni

    monster-x-strikes-back-attack-the-g8-summit-2008-minoru-kawasaki-cov932Monster X Strikes Back: Attack the G8 Summit!

    di Minoru Kawasaki firma un delirante omaggio ai kaiju eiga, recuperando dalle memorie del tempo cinematografico il mostro Guilala. Con uno spassoso cameo di Takeshi Kitano.
  • Animazione

    Vexille (Giappone 2007) di Fumihiko Sori - Recensione - Quinlan.itVexille

    di 2077. Il Giappone è uno stato completamente isolato dal resto del mondo; una scelta presa dieci anni prima, in seguito a una serie di sanzioni da parte delle Nazioni Unite...
  • Interviste

    intervista-a-shinya-tsukamoto-2005-cov932Intervista a Shinya Tsukamoto

    Durante il Festival di Locarno del 2005, nel quale veniva presentato Haze sia nella sua versione corta che in quella estesa, abbiamo avuto l'occasione di intervistare Shinya Tsukamoto, tra i maestri del cinema giapponese contemporaneo.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento