Far East 2017 – Presentazione

Far East 2017 – Presentazione

Tagliato il traguardo della diciannovesima edizione, il Far East 2017 apre i battenti il 21 aprile per la consueta immersione nel cinema asiatico: Hong Kong, Cina, Giappone, Corea del Sud, Thailandia, Taiwan, Filippine, Indonesia, Vietnam, Laos, Cambogia… Il FEFF come crocevia di nazioni, di generi, di cinema del futuro ma anche del passato, con la retrospettiva Creative Visions: Hong Kong cinema 1997-2017 e il restauro di Made in Hong Kong di Fruit Chan.

Far East 2017, diciannovesima edizione. L’acqua è passata sotto i ponti, i giovani studenti universitari presenti alle primissime edizioni del FEFF sono cresciuti e da un po’ si possono abbozzare bilanci. Il progetto Far East continua a essere ambizioso, ogni tanto aggiusta il tiro, ha conquistato da anni la dimensione dell’evento. Tra i più importanti e significativi in Italia e in Europa, il festival di Udine è una irrinunciabile finestra sul cinema asiatico, un punto d’osservazione privilegiato, meta di cinefili, spettatori comuni e curiosi, giornalisti, critici, produttori, registi, attori di grido o di belle speranze.

In linea con le precedenti edizioni, il Far East 2017 intreccia generi – manca l’Horror Day, ma dipende dal materiale a disposizione – e cinematografie, impreziosendo il programma con la retrospettiva Creative Visions: Hong Kong cinema 1997-2017, evento nell’evento. Dieci pellicole che hanno segnato il cinema hongkonghese post-Handover: Made in Hong Kong di Fruit Chan (1997), The Mission di Johnnie To (1999), Infernal Affairs di Andrew Lau e Alan Mak (2002), Kung Fu Hustle di Stephen Chow (2004), After This Our Exile di Patrick Tam (2006), Ip Man di Wilson Yip (2008), Accident di Soi Cheang (2009), Love in a Puff di Pang Ho-cheung (2010), A Simple Life di Ann Hui (2011) e The Grandmaster di Wong Kar-wai (2013). Una retrospettiva che ci riporta all’anno zero del FEFF, alla seminale edizione dell’Hong Kong Film, che è poi diventato il Far East, si è accasato al Teatro Nuovo e ha cambiato il panorama del cinema asiatico nel Bel Paese (uno dei tanti punti d’arrivo è la collana di dvd e blu-ray, un tempo impensabile chimera).

Il Far East è anche restauro, con Made in Hong Kong di Fruit Chan rimesso a lucido in collaborazione con la Cineteca di Bologna. È l’invisibile che torna visibile, è il lavoro di recupero e valorizzazione che i festival spesso di dimenticano di fare. E non poteva mancare, sempre in tema di restauri, La farfalla sul mirino (1967) di Seijun Suzuki, gigante scomparso il 13 febbraio: in questo caso il restauro è della Criterion, mentre la CG si sta occupando dell’edizione italiana home video – in corso un crowdfunding. La mini-sezione Restored Classics, oltre al cult di Suzuki, ospita anche Cain and Abel (1982) di Lino Brocka, Moments in a Stolen Dream (1977) di Mike De Leon e Three Years Without God (1976) di Mario O’Hara.

I punti d’arrivo e di ripartenza del Far East sono numerosi. Da sempre vulcanici, gli organizzatori del FEFF hanno fatto crescere questo microcosmo cinefilo/culturale/popolare/commerciale, dalle proiezioni e iniziative al Visionario fino alle varie diramazioni Ties That Bind, FEFF Campus, Focus Asia, senza dimenticare il Cosplay Contest. Una crescita che ha bisogno dei suoi fisiologici aggiustamenti – la questione del cinema di genere europeo, ad esempio – ma che continua a poggiare le proprie fondamenta sulla consueta immersione: film, film e ancora film, persino troppi (anche 8 al giorno), proveniente dai colossi Giappone (13 titoli) e Corea del Sud (13), da Cina e Hong Kong (16), Taiwan (4), Thailandia (3), Filippine (3), e poi Laos, Vietnam, Cambogia… non ci resta che cercare di vederli, poi se ne riparlerà. Buone visioni & immersioni.

Info
Il sito del Far East 2017.
Il programma del Far East 2017.

Articoli correlati

  • Far East 2017

    made-in-hong-kong-1997-fruit-chan-cov932Made in Hong Kong

    di Alla prossima edizione del Far East di Udine, sul finire di aprile, verrà presentata la versione restaurata di Made in Hong Kong di Fruit Chan, punto di (ri)partenza della cinematografia della città-stato dopo l'handover che la vide tornare sotto l'egida cinese.
  • Archivio

    The Grandmaster (2013) di Wong Kar-wai - Recensione - Quinlan.itThe Grandmaster

    di La storia di due maestri di kung fu: lui viene dalla Cina del sud, lei dal nord. Lui si chiama Ip Man, lei Gong Er. I loro sentieri si incrociano a Foshan, la città in cui vive l'uomo, alla vigilia dell'invasione giapponese del 1936...
  • Far East 2012

    love-in-a-puff-2010-pang-ho-cheung-cov932Love in a Puff

    di Love in a Puff segna il ritorno in grande stile del regista hongkonghese Pang Ho-Cheung. Una commedia sentimentale spiazzante, dal ritmo incessante e scandita da dialoghi scritti in punta di penna.
  • Blu-ray

    Ip Man (2008) di Wilson Yip - Recensione Blu-ray | Quinlan.itIp Man

    di Anni '30, la dominazione giapponese si appresta a schiacciare la Cina. In questo clima di tensione, il nome di un maestro di arti marziali comincia a echeggiare per tutto il continente...
  • Venezia 2009

    accident-2009-cheang-pou-soi-cov932Accident

    di Accident porta in concorso a Venezia il cinema di Cheang Pou-soi, regista quasi completamente sconosciuto in Italia ma in grado di ritagliarsi un ruolo di tutto rispetto nel sistema produttivo di Hong Kong. Prodotto dalla Milkyway di Johnnie To.
  • Festival

    Far East 2017 - 19esima edizione - 21/29 aprile | Quinlan.itFar East 2017

    Diciannovesima edizione, dal 21 al 29 aprile. La consueta immersione nel cinema asiatico: Hong Kong, Cina, Giappone, Corea del Sud, Thailandia, Taiwan, Filippine, Indonesia, Vietnam, Laos, Cambogia...
  • Far East 2017

    survival-family-2017-shinobu-yaguchi-cov932Survival Family

    di Apre il Far East Film Festival 2017 Survival Family di Shinobu Yaguchi, una commedia giapponese incentrata su una suggestiva riflessione: cosa succederebbe alle nostre vite se di colpo ci trovassimo senza energia elettrica?
  • Far East 2017

    Satoshi-A-Move -for tomorrow-2017-mori-yoshitaSatoshi: A Move for Tomorrow

    di Presentato al Far East Film Festival Satoshi: A Move for Tomorrow di Yoshitaka Mori è un biopic su Satoshi Murayama, grande campione del gioco dello shogi. Una storia esemplare, nel puro spirito giapponese.
  • Far East 2017

    mrs-k-2016-ho-yuhang-cov932Mrs K

    di Ponendosi apertamente come omaggio cinefilo e variazione sul tema di Kill Bill, Mrs K di Ho Yuhang è la risacca di quella stessa onda che portò il cinema orientale a Quentin Tarantino. Presentato al Far East di Udine 2017.
  • Far East 2017

    Jailbreak (2017) di Jimmy Henderson - Recensione | Quinlan.itJailbreak

    di Presentato al Far East di Udine, l'action cambogiano Jailbreak prova a seguire il sentiero tracciato da Gareth Evans e Iko Uwais, ma la volenterosa messa in scena e le poderose acrobazie degli artisti marziali non sono sorrette da una scrittura all'altezza.
  • Far East 2017

    Run-Off (2016) di Kim Jong-hyun - Recensione | Quinlan.itRun-Off

    di Presentato al Far East, il sudcoreano Run-Off è il classico film sportivo che ripercorre le gesta di una vera squadra, in questo caso la nazionale femminile di hockey su ghiaccio. Retorica, melodramma, ma anche un buon numero di gag e un ritmo sostenuto.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento