Guardiani della Galassia Vol. 2

Guardiani della Galassia Vol. 2

di

Non una sorpresa, ma una deflagrante conferma: gli eroi dell’Universo Marvel sono colorati, strambi, reietti, sboccati, litigiosi, contagiati dal lisergico spirito della Troma. Alla guida di Guardiani della Galassia Vol. 2 ritroviamo lo sporco e cattivo James Gunn, calato perfettamente nella logica dei sequel e nella filosofia di Groot & Co., in formato famiglia. Spassoso, commovente, (super)eroico.

Eroi, eroi, eroi, del cosmo i grandi eroi…

Le nuove avventure dei Guardiani attraverso le profondità dello spazio cosmico. Mentre sono alle prese con il mistero che avvolge le vere origini di Peter Quill, i Guardiani dovranno combattere per mantenere unita la propria famiglia. I nostri eroi dovranno allearsi con vecchi nemici, ma potranno contare sull’aiuto di alcuni dei personaggi più amati del mondo dei fumetti, che contribuiranno a espandere ulteriormente l’Universo Cinematografico Marvel… [sinossi]
How can I try to explain?
When I do he turns away again
It’s always been the same, same old story
From the moment I could talk
I was ordered to listen
Now there’s a way
And I know that I have to go away
I know I have to go…
Cat Stevens – Father & Son

(Super)eroi. Erano nel destino di James Gunn. Per i suoi trascorsi alla Troma, con l’inqualificabile supereroe Toxic Avenger come icona trainante. Per il sagace Super – Attento crimine!!!, pellicola che smitizza e ridicolizza tute, mantelli e quella voglia crescente di farsi giustizia, di giocare alle ronde, di sentirsi un Batman di provincia. Per quella costante negazione del termine super, quando al massimo si può essere eroi, via di fuga dalla cronica condizione di loser e villain. Perché questo sono i (super)eroi di Guardiani della Galassia, gli eroi di Gunn: solitari, perdenti, reietti, stanchi e feriti, incattiviti, bisognosi di un appoggio, di una spalla. Di un amico, di una famiglia. Gli eroi, semplicemente eroi, di Guardiani della Galassia Vol. 2 non hanno bisogno di grandi poteri, e nemmeno di grandi responsabilità, ed è questa la loro forza e peculiarità nell’Universo Marvel, in questa incessante clonazione di supereroi standardizzati, normalizzati, patinati. I Guardiani sono i mutanti, gli X-Men che mancano al Marvel Cinematic Universe.

Gunn affronta di petto la questione sequel e trova ancora una volta il giusto equilibrio tra le necessità hollywoodiane e la libertà creativa, tra comicità guascona e dramma eroico, tra fantasy/fantascienza e i nostalgici e citazionisti riferimenti agli anni Ottanta. La dimensione altra dei Guardiani, per il momento non imbrigliata dalle dinamiche del Cinematic Universe, permette a Gunn di muoversi a piacimento, pur nei limiti dei dettami e delle regole marveliane: si veda, ad esempio, l’illuminante utilizzo del fuori campo e del fuori fuoco nella sequenza d’apertura, con musica e danza (del piccolo Groot, emblema emotivo della saga) che rubano la scena a uno scontro iper-spettacolare, volutamente eccessivo – ma siamo in un sequel e Gunn riesce fin da subito a ironizzare sull’immancabile “più” richiesto dal box office, ovvero più azione, più adrenalina e (persino) più sesso.
Guardiani della Galassia Vol. 2 ha infinite distese narrative a disposizione, può spingere i cameo stanleeiani oltre inimmaginabili confini, può permettersi il lusso di introdurre a ruota libera nuovi personaggi (e quindi nuovi film), può moltiplicare le sequenze post-credit. E può riproporre, spostando il confine ancora un po’ più in là, le dinamiche emotive del primo capitolo: da battitori liberi che diventano squadra a squadra che diventa famiglia, con una serie di figure/personaggi contrapposti, in primis i padri, veri/finti/acquisiti. Una poetica (super)eroica che sposa gli eccessi cromatici, il pop senza remore, il sentimentalismo da eterni adolescenti. Perché alla fine, come nella prima avventura, siamo tutti Groot.

In questa apoteosi cromatica, volutamente sovrabbondante, Gunn riesce a lavorare anche di sottrazione, ma sempre alla sua maniera. Esemplare, ancora una volta, l’utilizzo del fuori campo: mentre i Guardiani si scatenano armati fino ai denti in un decisivo vis-à-vis, Gunn sposta nuovamente la macchina da presa su Groot, in un interno. Dell’esterno ci bastano alcuni flash, i rumori e l’immaginazione.
A sostenere e impreziosire l’apparato spettacolare di Guardiani della Galassia Vol. 2 è la scrittura certosina, è la cura dei dettagli, dei personaggi, di una significante messa in scena – ancora una sequenza, davvero illuminante: sulle note di Come A Little Bit Closer la letale freccia di Yondu trafigge decine e decine di Ravagers, in un lungo ed esasperato ralenti, con Yondu e Rocket liberi di sfogare la loro rabbia ma soprattutto l’incolmabile tristezza. Una sequenza dal retrogusto amaro, sorprendentemente introspettiva. Gunn lavora su più piani, intrecciandoli e rendendoli indivisibili: i suoi eroi colorati, esaltati dalla computer grafica e dalle ambientazioni extraterrestri, ballano sulle note degli anni Settanta/Ottanta, sparano a più non posso, ma portano dentro di loro un passato di sofferenza, di ferite profonde. Questa avventura li mette uno di fronte all’altro, a specchio, per rivelarne le più profonde paure e debolezze. Ma anche l’indomabile coraggio, sempre a cresta alta, musica nelle orecchie e via a spaccare tutto.
I know I have to go…

Info
Il sito ufficiale di Guardiani della Galassia Vol. 2.
Il trailer italiano di Guardiani della Galassia Vol. 2.
La pagina facebook di Guardiani della Galassia Vol. 2.
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-01.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-02.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-03.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-04.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-05.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-06.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-07.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-08.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-09.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-10.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-11.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-12.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-13.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-14.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-15.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-16.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-17.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-18.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-19.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-20.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-21.jpg
  • Guardiani-della-Galassia-Vol-2-2017-James-Gunn-22.jpg

Articoli correlati

  • In Sala

    Logan - The Wolverine (2017) di James Mangold - Recensione | Quinlan.itLogan – The Wolverine

    di Mangold costruisce una realtà parallela, futuribile, assai distante dai colori sgargianti e dalle spacconate del Marvel Cinematic Universe. Polvere, sangue, carne e sofferenza: l'ultima avventura di Logan è una ballata dolente.
  • In Sala

    doctor-strangeDoctor Strange

    di Secondo tassello della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Doctor Strange conferma pregi e difetti di un franchise che sta colonizzando, se non cannibalizzando, l'immaginario spettatoriale e tutti i media possibili.
  • In sala

    captain-america-civil-war-2016-anthony-russo-joe-russoCaptain America: Civil War

    di , È un’opera collettiva, Captain America: Civil War, film che inaugura la fase tre dell’universo Marvel: un nuovo tassello che conferma tanto il gigantismo quanto i limiti narrativi dei più recenti prodotti dello studio americano.
  • Archivio

    deadpool-2016-Tim-Miller-recensioneDeadpool

    di Nel suo approdo sullo schermo, l'antieroe Marvel non tradisce le sue caratteristiche di base: ma il Deadpool cinematografico si affida troppo, in modo quasi esclusivo, ai tratti autoironici e politically incorrect del soggetto.
  • Archivio

    ant-man-2015-peyton-reedAnt-Man

    di Ant-Man si configura come parentesi più lieve e giocosa all'interno del Marvel Cinematic Universe: malgrado alcuni evidenti limiti narrativi, il film di Peyton Reed porta a casa il risultato senza grossi affanni.
  • Archivio

    Avengers: Age of Ultron (2015) Recensione | Quinlan.itAvengers: Age of Ultron

    di Faraonico nel budget e nel dispiegamento di attori da box office, Age of Ultron si pone perfettamente nel mezzo del Marvel Cinematic Universe: una pellicola di passaggio, produttivamente e visivamente ambiziosa, ma costretta a forzare snodi narrativi e a sacrificare personaggi.
  • Archivio

    Guardiani della Galassia (2014) di James Gunn | Quinlan.itGuardiani della Galassia

    di L’anteprima al Festival di Roma, l’uscita in seicento copie, l’imponente battage pubblicitario: arriva anche nel Bel Paese Guardiani della Galassia, blockbuster targato Marvel, impreziosito dalla scrittura e dalla regia di James Gunn.
  • Archivio

    Captain America - The Winter Soldier (2014) - Recensione - Quinlan.itCaptain America – The Winter Soldier

    di , Torna il super-milite a stelle e strisce geneticamente modificato con Captain America - The Winter Soldier di Anthony e Joe Russo. E questa volta è decisamente più convincente.
  • Archivio

    thor - the dark worldThor: The Dark World

    di Più combattimenti, più romance, più humour. Queste sono le linee guida di Thor: The Dark World. Tutto corverge verso un nuovo obiettivo: un target più infantile.
  • Archivio

    Iron-Man-3-2012-shane-blackIron Man 3

    di In Iron Man 3 di Shane Black torna il personaggio di punta dell’universo Marvel e va in scena l’inevitabile crisi esistenziale del supereroe.
  • Archivio

    The Avengers (2012) di Joss Whedon - Recensione - Quinlan.itThe Avengers

    di Non riescono a diventare una vera squadra, ma nei duetti tra di loro i Vendicatori fanno faville. In ogni caso Joss Whedon firma il migliore, ad oggi, dei cinecomics Marvel.
  • Archivio

    Captain America: il primo vendicatore (2011) - Recensione - Quinlan.itCaptain America: il primo vendicatore

    di Il soldato perfetto e mutante, il difensore degli oppressi contro la barbarie nazista lancia il suo scudo in direzione dello spettatore, ma mantiene intatta tutta la sua ingenua retorica militarista.
  • Archivio

    Thor (2011) di Kenneth Branagh - Recensione | Quinlan.itThor

    di Il selvaggio guerriero Thor viene inviato sulla Terra sotto mentite spoglie a causa del suo carattere ribelle. Qui apprenderà il significato del vero eroismo quando dovrà proteggere il pianeta dal feroce nemico Loki...
  • Archivio

    Super (2010) di James Gunn - Recensione | Quinlan.itSuper – Attento crimine!!!

    di Quando la moglie ex tossicodipendente lo lascia per uno spacciatore, Frank non sa come affrontare la situazione fino a quando non gli viene un'illuminazione: vestirà i panni di un supereroe chiamato Crimson Bolt...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento