Twin Peaks – Ep. 5

Twin Peaks – Ep. 5

di

Il quinto episodio di Twin Peaks, il primo a essere mandato in onda “spaiato”, palesa uno dei tratti essenziali della serie, così come era per l’originale di due decenni fa: la scrittura di Mark Frost, anello di congiunzione tra l’immaginario di David Lynch e le necessità televisive. Ecco dunque una parentesi che più che proporre soluzioni amplifica la portata degli interrogativi, approdando perfino a Buenos Aires…

Virtù private, pubblici vizi

L’agente Cooper è ancora intrappolato nel corpo di Dougie Jones, quasi privo di emozioni, mentre il suo doppelganger trama in prigione. Nel frattempo giungono nuove e inattese informazioni riguardo il maggiore Garland Briggs… [sinossi]

La maggior parte dei commenti che è stato possibile rintracciare in giro per la rete dei social network a ridosso della trasmissione del quinto episodio di Twin Peaks lo inserivano tra i momenti di passaggio; una puntata interlocutoria, per i più, inevitabile all’interno di un percorso seriale. Non c’è dubbio che dopo la matassa visionaria sbrogliata da Lynch nei primi episodi, e in particolar modo nella prima metà del terzo, quello mandato in onda un paio di giorni fa appaia come secondario, magari utile alla trama ma più facile da immaginare sbiadito nella memoria nel corso del tempo. In realtà questa impressione è dovuta a un semplice, perfino banale, dettaglio: la narrazione, pur ancora dislocata da un punto di vista geografico (ed è probabile che questa frammentazione spaziale rappresenti uno dei tratti distintivi della nuova serie), non affastella multi-versi. Non è presente l’elemento del mondo “altro”, eternamente vivo sopra e sotto il vero: perfino la Loggia Nera è esclusa da tutto, se non per il montaggio di materiale recuperato dagli archivi della memoria, quel materiale che rende eternamente giovane Kyle MacLachlan e ancora ghignante Frank Silva, morto più di venti anni fa. L’intera azione del quinto episodio si muove nella realtà, e il soprannaturale appare solo in modo occasionale, per quanto di fondamentale importanza, come quel raggio verde che illumina il viso del collega di Dougie Jones e permette al catatonico Cooper che vi abita all’interno di “riconoscere” la menzogna affermata.
Mark Frost, che spesso viene posizionato in secondo piano rispetto allo strapotere di Lynch ma che del progetto-Twin Peaks nel suo complesso è co-fondatore e co-gestore, palesa il proprio ruolo proprio nella tessitura narrativa di questo quinto episodio. Chiarificato anche al più cieco degli spettatori il ritorno in auge di un autore che non accetta i dogmi televisivi né si prostra davanti a schemi predefiniti, la storia che affonda una volta di più nei misteri dei boschi dello stato di Washington si dipana in tutta la sua stratificazione.

Ecco dunque nuovi personaggi che fanno la loro apparizione – tra questi anche Becky, la figlia di Shelly interpretata da Amanda Seyfried, e il suo fidanzato Steven, che per apparenza angelica e riflessi ben più tenebrosi sembrano la riedizione della coppia Laura/Bobby –, e vecchie conoscenze che tornano dal passato per rivendicare un proprio spazio, seppur liminare. Ecco anche tornare a galla interrogativi lanciati nelle puntate precedenti, come ad esempio il ruolo del maggiore Garland Briggs – anche Don S. Davis, l’attore che interpretò il ruolo in Twin Peaks, è venuto a mancare un decennio or sono, e rivive solo grazie al materiale d’archivio – e del programma “Blue Rose”. Ed ecco, infine, il progressivo avvicinamento alla cittadina di Twin Peaks farsi sempre più pressante, anche perché il nodo attorno al quale tutto fino a questo momento sembra girare, vale a dire lo scontro tra bene e male identificato nei due Cooper, si fa sempre più chiaro.
Cooper/Dougie non ha acquisito coscienza di sé, ma dopo aver sbancato il casinò (sempre seguendo un’illuminazione) dimostra di saper riconoscere la differenza tra vero e falso, e rimane a lungo perplesso quando qualcuno in sua presenza utilizza il termine “agent”; dall’altra parte, rinchiuso in una prigione del South Dakota, il Cooper “malvagio” tesse le fila di un complotto la cui portata è ancora difficile da comprendere, ma che dopo l’allusione di Albert nella precedente puntata alla Colombia, si sposta fino a Buenos Aires, in Argentina. In un passaggio cruciale, per lo meno sotto il profilo del puro godimento spettatoriale, Cooper si guarda nello specchio e vede nel proprio viso le sembianze di Bob, sovrimpresse alle sue: “Sei ancora con me, e questo è un bene”, afferma sibillino.

Tutti sono ancora ingabbiati, frustrati, sconfitti, malridotti, in Twin Peaks: tutti hanno debiti, vizi che non possono nascondere pubblicamente, memorie che non fanno dormire la notte. Tutti vorrebbero trovare una via d’uscita, e forse per questo nella sperduta cittadina in cui nulla in apparenza succede ma tutto si muove angosciosamente sotto banco, il dottor Jacoby vende a trenta dollari le pale da lui dorate: perché è importante “shovel your way out of the shit”, nella fanghiglia in cui ogni cosa sembra essersi impantanata. Ancora una volta, e proprio partendo dall’episodio che in apparenza sembrerebbe più innocuo, Lynch ribadisce la propria estraneità rispetto ai dettami del piccolo schermo. Twin Peaks è qualcosa di diverso, dall’utilizzo del sonoro ai tagli di montaggio, fino alla struttura di una narrazione lineare che non cede di fronte alla facile richiesta di soluzioni, di punti d’aggancio. La filiera seriale si può interrompere, perché è l’insieme e la sua compattezza a reggere la struttura, non altro.
Chi ritiene di essersi imbattuto in un passaggio inevitabile ma inessenziale non ha forse compreso fino in fondo il senso di Twin Peaks, e le modalità con cui Lynch ha intenzione di raccordare questi mondi sovrapposti e a tratti in aperto conflitto tra loro: ancora una volta l’intuizione è nella doppiezza, nella duplicazione, nell’idea che di ogni campo esista un controcampo, anche e soprattutto quando questo non viene mostrato apertamente. Per ogni immagine esiste un riflesso. Quando questo, come insegna Bob, assume una propria identità, lì (ri)nasce la narrazione. A infinita notte.

Info
La sigla della nuova serie di Twin Peaks.
  • twin-peaks-ep-5-2017-david-lynch-01.jpg
  • twin-peaks-ep-5-2017-david-lynch-02.jpg
  • twin-peaks-ep-5-2017-david-lynch-03.jpg
  • twin-peaks-ep-5-2017-david-lynch-04.jpg
  • twin-peaks-ep-5-2017-david-lynch-05.jpg
  • twin-peaks-ep-5-2017-david-lynch-06.jpg
  • twin-peaks-ep-5-2017-david-lynch-07.jpg
  • twin-peaks-ep-5-2017-david-lynch-08.jpg
  • twin-peaks-ep-5-2017-david-lynch-09.jpg
  • twin-peaks-ep-5-2017-david-lynch-10.jpg
  • twin-peaks-ep-5-2017-david-lynch-11.jpg

Articoli correlati

  • AltreVisioni

    Kyle MacLachlan in a still from Twin Peaks. Photo: Suzanne Tenner/SHOWTIMETwin Peaks – Ep. 3 & 4

    di Il blocco che contiene terzo e quarto episodio di Twin peaks inizia con una dichiarazione d'intenti autoriale di David Lynch, un flusso onirico d'immagini che sfonda la norma e ne restituisce una forma inedita; ma è anche l'ingresso nel racconto...
  • Cannes 2017

    twin-peaks-ep-1&2-david-lynch-2017-cov932Twin Peaks – Ep. 1 & 2

    di Si torna a Twin Peaks. Per viaggiare a New York, nel Sud Dakota, a Las Vegas. Si torna a Twin Peaks, e alla Loggia Nera. Ci si risveglia dopo venticinque anni, con il gigante, Mike e Laura Palmer al fianco. C'è ancora il buon Dale Cooper, ma anche il suo doppelganger libero di muoversi nel mondo "reale". Bentornato, David Lynch!
  • Cult

    fuoco-cammina-con-me-1992-david-lynch-twin-peaks-fire-walk-with-me-cov932(2)Fuoco cammina con me

    di Fuoco cammina con me, braccio estendibile di Twin Peaks, è il film con cui si apre in maniera ufficiale l'incomprensione tra David Lynch e parte del pubblico e degli addetti ai lavori. Una limpida dichiarazione di poetica visionaria.
  • AltreVisioni

    twin-peaks-1990-1991-david-lynch-mark-frost-cov932Twin Peaks

    di , , , , , , , , , , , , , In attesa che venga trasmessa la terza stagione, Twin Peaks rimane una delle più clamorose demitizzazioni dell'idea stessa di serialità televisiva...
  • Classici

    velluto-blu-1986-blue-velvet-david-lynch-cov932Velluto blu

    di A trent'anni di distanza il capolavoro di David Lynch emerge dalle nebbie del tempo più sfavillante che mai, esempio di revisione del classico che ha ben pochi eguali nella storia di Hollywood.
  • Documentari

    david-lynch-the-art-life-2016-venezia-doc-cov932David Lynch: The Art Life

    di , , Tre registi hanno seguito David Lynch, riprendendolo al lavoro e ascoltando le narrazioni sulla sua vita, negli anni che anticiparono Eraserhead. Tra i documentari di Venezia Classici.
  • Streaming

    eraserhead-recensione-streaming-david-lynch-cov932Eraserhead – La mente che cancella

    di In streaming gratuito grazie alla piattaforma VVVVID, lo stordente esordio al lungometraggio di David Lynch. Un imperdibile viaggio nell'immaginario del grande regista statunitense.
  • Blu-ray

    strade-perdute-lost-highway-cov932Strade perdute

    di In blu-ray per la Koch Media una tra le creature meno comprese e amate partorite dalla mente di David Lynch. Un'occasione per riscoprire un gioiello degli anni Novanta.
  • DVD

    eraserhead-1977-david-lynch-cov932Eraserhead

    di L'esordio al lungometraggio di David Lynch, oggetto di culto per milioni di cinefili, torna in dvd grazie alla RaroVideo.
  • Video

    the-alphabet-david-lynch-cov932The Alphabet

    di Quando porta a termine questo corto David Lynch ha solo ventidue anni. Ne viene fuori un bizzarro oggetto d'avanguardia, che gioca con la fiaba nera.
  • Archivio

    inland-empire-david-lynch-cov932INLAND EMPIRE

    di L'ennesimo capolavoro partorito dalla mente di David Lynch. Un viaggio nel sogno/incubo del cinema, senza via d'uscita alcuna.
  • Saggi

    il-sogno-in-lynch-una-fine-cov932Il sogno in Lynch. Una fine?

    Giungere alla fine di un viaggio, per quanto breve, episodico e incompleto, non è possibile quando si affronta il cinema di David Lynch. Un cinema alla perenne ricerca della (con)fusione tra realtà e parentesi onirica.
  • Saggi

    lynch-e-moebius-un-cerchio-che-si-chiude-cov932Un cerchio che si chiude: Lynch e Moebius

    La ciclicità insita nella figura geometrica detta Nastro di Moebius permette di cogliere la centralità di un'opera come Lost Highway, spesso considerata minore dalla maggior parte della critica e di fatto non compresa.
  • Saggi

    david-lynch-la-memoria-americana-cov932David Lynch. La memoria americana

    David Lynch trasporta sul grande e sul piccolo schermo un cinema dell’inesprimibile che prende corpo nell’ovvietà delle situazioni, passaggio onirico che non interpreta un ruolo antitetico alla realtà.
  • Saggi

    david-lynch-lincubo-industriale-e-la-serialita-cov932David Lynch. L’incubo industriale e la serialità

    All’elemento industriale, anima dello stridore e del disturbo, si affianca la fascinazione di Lynch per la serialità: l’atmosfera lynchiana, più volte celebrata all’alba del nuovo millennio, si fonda sulla reiterazione di oggetti e luoghi.
  • Saggi

    david-lynch-un-alchimista-intrappolato-nel-sogno-cov932David Lynch, un alchimista intrappolato nel sogno

    Il cinema di David Lynch, fra le esperienza autoriali più ammalianti e stratificate degli ultimi trent'anni, si muove nella sottile linea di demarcazione che divide l'avanguardia dal popolare.
  • Archivio

    mulholland-drive-2001-david-lynchMulholland Drive

    di Con Mulholland Drive David Lynch decompone tutti gli elementi narrativi del suo cinema, e del cinema tour court, per celebrarlo con un magnifico epitaffio.
  • AltreVisioni

    twin-peaks-ep-6-2017-david-lynch-cov932Twin Peaks – Ep. 6

    di Il sesto episodio di Twin Peaks marca il confine 'affettivo' del cinema di David Lynch, con l'apparizione di alcuni attori-feticcio del regista, da Laura Dern a Harry Dean Stanton, fino a Balthazar Getty. Prosegue intanto il viaggio nel corpo-non-corpo di Dougie Jones.
  • AltreVisioni

    Laura Dern and Kyle MacLachlan in a still from Twin Peaks. Photo: Patrick Wymore/SHOWTIMETwin Peaks – Ep. 7

    di Tutti a Twin Peaks iniziano a 'ricordare', come se stessero uscendo dallo stesso coma in cui piombò (così si dice) Audrey Horne, uno dei personaggi che ancora tardano a ritornare in scena. Intanto il Cooper "cattivo" ritrova la libertà...
  • AltreVisioni

    twin-peaks-ep-8-2017-david-lynch-cov932Twin Peaks – Ep. 8

    di Tra non-morte e imitazione della vita l'ottavo episodio di Twin Peaks si lancia nella messa in scena della genesi del male nel Ventesimo Secolo. David Lynch firma uno schizzo sperimentale di poco meno di un'ora, oltrepassando qualsiasi confine del piccolo schermo.
  • Cult

    cuore-selvaggio-1990-wild-at-heart-david-lynch-cov932Cuore selvaggio

    di Nel bel mezzo della lavorazione di Twin Peaks David Lynch estrae dal cappello Cuore selvaggio, traendolo da un romanzo di Barry Gifford. Un'opera deflagrante, sudata, umorale e priva di freni inibitori, che scava in profondità nelle ossessioni del regista.
  • AltreVisioni

    Kyle MacLachlan in a still from Twin Peaks. Photo: Suzanne Tenner/SHOWTIMETwin Peaks – Ep. 9

    di Twin Peaks torna dopo la pausa per i festeggiamenti del 4 luglio e dopo l'episodio numero otto, che ha sconvolto la prassi seriale proponendo una discesa negli abissi della visione, fino all'origine dello sguardo, e del male.
  • AltreVisioni

    twin-peaks-ep-10-2017-david-lynch-cov932Twin Peaks – Ep. 10

    di Mentre Janey-E Jones (ri)scopre le qualità virili del marito Dougie, il male si aggira per le strade di Twin Peaks, veicolato dall'incontrollabile Richard Horne. Un continuo campo-controcampo tra tragedia e farsa, tra orrore e commedia.

1 Commento

  1. Tommaso 13/06/2017
    Rispondi

    Seguitemi sulla mia pagina fb

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento