Dal 3 luglio Max Ophüls in sala con Lab 80

Dal 3 luglio Max Ophüls in sala con Lab 80

A partire da lunedì tre luglio Lab 80 porta in sala in versione restaurata tre film di Max Ophüls: Tutto finisce all’alba (1939), Da Mayerling a Sarajevo (1940) e il suo capolavoro, Il piacere (1952).

Ancora film classici con il progetto Happy Returns! di Lab 80 film. Ed è la volta di una rassegna dedicata al grande Max Ophüls, maestro del cinema europeo che tra gli anni Trenta e gli anni Cinquanta ha realizzato numerose indimenticabili pellicole.
La rassegna, intitolata Max Ophüls – La giostra delle passioni, porta nei cinema italiani da lunedì 3 luglio tre film in versione restaurata digitale in 2K: Tutto finisce all’alba (Sans lendemain) del 1939, Da Mayerling a Sarajevo (De Mayerling à Sarajevo) del 1940 e Il piacere (Le plaisir) del 1952.
Tre film diversissimi tra loro, per soggetto e ambientazione, tutti girati con assoluta maestria e capacità compositiva: i movimenti di macchina sono vivaci; i protagonisti sono disegnati con straordinaria attenzione e le loro vicende sanno coinvolgere profondamente lo spettatore.

Tutto finisce all’alba è ambientato nella Parigi degli anni Trenta e dedicato alla complicata situazione sentimentale ed esistenziale della giovane Evelyne, rimasta vedova e senza risorse. Costretta a lavorare come entraîneuse in un locale notturno di Montmartre per mantenere sé e il figlio, ritrova un vecchio amore ma non ha il coraggio di ammettere la propria condizione: si affanna per mettere in scena le sembianze di una vita borghese ma si troverà di fronte a una scelta fatale. Una fascinazione, quella di Ophüls per il mondo dei protettori e delle “ragazze”, che trova nella storia di Evelyne lo spazio per esprimersi: il film, come ha affermato lo stesso regista, è stato censurato in diversi modi ed epoche.
Da Mayerling a Sarajevo racconta invece la vicenda delle vittime dell’attentato che il 28 giugno del 1914, a Sarajevo, diede inizio al primo conflitto mondiale. Francesco Ferdinando, giovane arciduca dalle idee progressiste, e la moglie Sophie Chotek, accettata a corte ma solo come “morganatica” poiché di rango inferiore, vivono un amore vero e felice, fino alla morte violenta. Edwige Feuillère è raffinatissima nell’interpretazione di Sophie Chotek e Ophüls non fa mistero delle sue posizioni antimilitariste.
Il piacere è la trasposizione cinematografica di tre racconti di Guy de Maupassant: Le masque, La maison Tellier e Le modèle, uniti dalla voce narrante di Jean Servais. L’amore, la purezza e la morte si confrontano con il tema del piacere e il regista compone un’opera che dimostra in pieno la solidità di tutta la sua produzione.

Info
La scheda dedicata ai tre film di Ophüls sul sito di Lab 80 Film.

Articoli correlati

  • In sala

    infedelmente-tua-1948-Preston-Sturges-recensioneInfedelmente tua

    di Torna in sala uno dei lavori più sottovalutati di Preston Sturges: nonostante la scarsa considerazione di cui godette all’epoca, Infedelmente tua è opera perfettamente esemplificativa dei temi del cinema del grande cineasta americano.
  • In sala

    lettera-a-tre-mogli-1949-Joseph-L-Mankiewicz-recensioneLettera a tre mogli

    di La Lab80 continua con la sua iniziativa "Happy Returns!", recupero di classici restaurati riproposti in sala. Stavolta è il turno di un capolavoro di Joseph L. Mankiewicz, Lettera a tre mogli, opera di straordinaria modernità.
  • Torino 2016

    sui-marciapiedi-1950-otto-preminger-where-the-sidewalk-ends-cov932Sui marciapiedi

    di Inserito nel progetto "Happy Returns!" della Lab80 finalizzato al recupero di grandi classici, Sui marciapiedi di Otto Preminger ritorna in sala dal 1° dicembre in versione restaurata. Ottima occasione per riscoprire uno splendido dramma psicologico, che attraversa noir e poliziesco secondo proprie linee di realismo urbano. Al TFF per Festa Vintage.
  • Classici

    il-fantasma-e-la-signora-muir-1947-joseph-mankiewicz-cov932Il fantasma e la signora Muir

    di Lab 80 riporta nelle sale uno dei primi capolavori di Joseph L. Mankiewicz, storia d'amicizia e amore soprannaturale con Gene Tierney e Rex Harrison.
  • Classici

    femmina-folle-1945-john-m-stahl-recensioneFemmina folle

    di Per la rassegna La Diva Fragile dedicata alla figura di Gene Tierney e promossa da Lab80 film, torna in sala in versione restaurata Femmina folle di John M. Stahl. Fiammeggiante melodramma noir girato in uno splendido Technicolor tra patologie psichiche ed estrema implosione di modelli culturali.
  • Classici

    il-cielo-puo-attendereIl cielo può attendere

    di In versione restaurata e splendente, torna nelle sale grazie alla Lab 80 uno dei capolavori di Ernst Lubitsch. Primo e unico film girato dal cineasta berlinese in Technicolor, Il cielo può attendere è una straordinaria commedia sentimentale, leggiadra e commovente.
  • Rassegne

    gene-tierney-diva-fragileLa diva fragile. In sala quattro film con Gene Tierney

    Il cielo può attendere, Vertigine, Il fantasma e la signora Muir e Femmina folle. A partire da domani 26 maggio escono in sala per Lab80 quattro capolavori del cinema hollywoodiano, tutti con protagonista Gene Tierney.
  • In sala

    le-plaisir-1952-max-ophuls-recensioneIl piacere

    di Continua l'iniziativa "Happy Returns!" di Lab80, che rimette in sala in versione restaurata in 2K tre film di Max Ophüls. Tratto da tre novelle di Maupassant, Il piacere è uno dei suoi capolavori indiscussi.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento