Amityville – Il risveglio

Amityville – Il risveglio

di

Ennesimo tassello di una infinita saga horror cominciata nel 1979, Amityville – Il risveglio riporta in scena la celebre casa stregata, ma lo fa con poche timide idee.

Da una casa lontana il demonio si ricorda di me, delle mie abitudini

Belle si trasferisce nella nuova casa a Amityville con la madre, la sorellina e il fratello in coma che ha bisogno di costanti cure mediche. Belle scoprirà presto che in quella casa, ora teatro di fenomeni paranormali, sono stati commessi degli omicidi. [sinossi]

Nel corso di circa dieci anni la casa di produzione Blumhouse si è accreditata a livello mondiale come la più importante e influente in fatto di horror. Da Paranormal Activity a Sinister, passando per Insidious e La notte del giudizio, fino a Split e Get Out, praticamente tutte le produzioni orrorifiche di maggior successo (e, a volte, anche di ottimo livello) sono passate per le mani di Jason Blum, fondatore della società. Tanto che ormai la megalomania sembra aver preso il sopravvento, visto che ora Blum non si accontenta più di ideare, fondare e alimentare nuove saghe (sei film per Paranormal Activity, tre per Insidious e per La notte del giudizio, con altri seguiti in cantiere), ma cerca anche di infondere nuova linfa a dei franchise storici, come Amityville e, nientemeno, Halloween (previsto per il prossimo anno).
Chissà come andrà con il Michael Myers di John Carpenter, ma intanto vi è da dire che con la casa stregata sita al 112 Ocean Avenue della cittadina di Amityville nello stato di New York, dove nel 1974 fu veramente sterminata una famiglia da uno dei suoi componenti, non è andata troppo bene.

Diretto dal francese Franck Khalfoun, Amityville – Il risveglio è infatti un film prevedibile e scontato, che regala ben poche sorprese nel tentativo di giocare sulle variazioni di un tema già lungamente abusato. La sorpresa più consistente si palesa su un livello meta-cinematografico, ed è quella di dichiarare e di sottolineare l’ascendenza dalla saga cominciata nel 1979 con Amityville Horror di Stuart Rosenberg: la protagonista Belle, che è stata costretta dalla madre a trasferirsi lì con il resto della famiglia, si vede di notte insieme a dei suoi amici il DVD del film originale. Ma lo spunto non prende piede e siamo ben lontani dal funambolico gioco a rimpiattino di Scream. Anzi, dato che l’input cinefilo finisce lì (e gli amici di Belle spariscono subito dalla scena), viene da pensare che il DVD di Amityville Horror sia stato messo in scena solo per dire: “Ok, quello era il passato, vi diamo giusto un paio di elementi per capire di cosa si tratta, ma adesso si ricomincia ex novo e si fa sul serio”.
L’altra sorpresa/novità riguarda il livello narrativo: non vi sono uomini nella famiglia che si trasferisce nella casa, ma solo donne, e anzi l’unico uomo è in coma, ormai malato terminale, e appare inizialmente inquietante, sdraiato nella sua stanza completamente intubato. È il fratello gemello di Belle ed è adorato dalla madre (interpretata da una Jennifer Jason-Leigh poco sfruttata), convinta che il suo figliolo possa riprendersi. Il centro del film va dunque identificato nell’interazione/lotta tra la casa in cui riposa il demonio e un corpo debole tenuto in vita solo artificialmente. Un tema che poteva essere interessante, ma che purtroppo si sviluppa ben presto secondo uno schema ampiamente preventivabile.

In tal modo Amityville – Il risveglio non arriva a toccare l’inquietudine e l’orrore del capostipite, che pure era tutt’altro che un capolavoro, e nemmeno quello del suo prequel del 1982, Amityville Possession, diretto addirittura da Damiano Damiani, in cui si raccontava per la prima volta il vero pluri-omicidio avvenuto nel ’74 (e il cui DVD viene scartato dai ragazzi, come a esplicitare con supponenza una filiazione diretta con il primo film). Rispetto alla ruvidezza visiva e all’artigianalità di questi due titoli, il film di Khalfoun si muove infatti secondo un pigro e placido bilanciamento delle dosi: un pochino di spavento, qualche posa scollacciata (affidata alla giovane protagonista Bella Thorne), spiccioli di possessione, i già citati abbozzi di meta-cinema, brevi lacerti di effetti speciali. Tutto è troppo controllato, come se fosse sedato, e allora viene da domandarsi se ci fosse una reale necessità nel risvegliare il demone di Amityville, se non quella per l’appunto dell’ego della Blumhouse.

Info
Il trailer di Amityville – Il risveglio su Youtube.
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-1.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-2.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-3.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-4.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-5.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-6.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-7.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-8.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-9.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-10.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-13.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-14.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-15.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-16.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-17.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-18.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-19.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-20.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-21.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-22.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-23.jpg
  • amityville-2017-Franck-Khalfoun-24.jpg

Articoli correlati

  • Prossimamente

    Scappa – Get Out

    di Esiste razzismo negli States post-Obama? E se sì, in che modo si articola? Con Scappa - Get Out, l'attore Jordan Peele esordisce alla regia per la Blumhouse tracciando con intelligenza i contorni di un thriller che guarda agli stati d'allucinazione degli anni '70.
  • Archivio

    split recensioneSplit

    di Secondo film realizzato con la Blumhouse Production, Split è un tesissimo thriller che ci riporta alla poetica originaria di Shyamalan, agli spazi chiusi, alle geometrie della scrittura e della messa in scena, a quel passato che credevamo perduto.
  • Archivio

    La notte del giudizio Election Year RecensioneLa notte del giudizio – Election Year

    di Terzo capitolo della saga neocarpenteriana, La notte del giudizio - Election Year costruisce una metafora politica di inquietante attualità. La forza della tesi però si disperde a tratti nella pratica di personaggi appena abbozzati e di snodi narrativi grossolani.
  • Archivio

    The Visit RecensioneThe Visit

    di Il ritorno di M. Night Shyamalan alle timbriche dei primi film mostra un regista intelligente, acuto, perfettamente in grado di adattare la propria poetica a un budget ridotto.
  • In sala

    Insidious-3Insidious 3 – L’Inizio

    di Subentrando in cabina di regia a James Wan, Leigh Whannell dirige un prequel che si rivela fedele alle atmosfere e all'estetica del franchise; pagando però molto a livello di qualità della scrittura e configurandosi come un prodotto dedicato principalmente agli appassionati.
  • Archivio

    Anarchia - La notte del giudizio RecensioneAnarchia – La notte del giudizio

    di James DeMonaco torna con la sua parabola sulla nuova America, basata sulla violenza e l'eliminazione fisica dei più poveri e, stavolta, rispetto al primo capitolo, riesce a portare il discorso più a fondo, fin quasi alla lotta di classe.
  • Archivio

    La notte del giudizio

    di In un'America distrutta dalla criminalità, il governo ha deciso di instaurare un giorno all'anno in cui per 12 ore ogni tipo di crimine diventa legale...
  • Archivio

    Sinister

    di Il found footage (e questa volta è in super8) torna a fare paura in Sinister di Scott Derrickson. Con Protagonista Ethan Hawke.
  • AltreVisioni

    Intruders RecensioneIntruders

    di Considerato uno dei migliori esponenti della new wave del cinema nero iberico, Fresnadillo ha retto l’impatto hollywoodiano, portando sul grande schermo un fanta-thriller di buona fattura, che mescola la favola gotica con frequenti accenti orrorifici.
  • Archivio

    Auguri per la tua morte RecensioneAuguri per la tua morte

    di Declinando in chiave slasher Ricomincio da capo, senza rinunciare alla verve comica, Auguri per la tua morte (Happy Death Day) è un susseguirsi di variazioni, di immediati e plurimi remake, di reboot che si cannibalizzano nel giro di pochi minuti, addirittura secondi.
  • In sala

    Insidious: L’ultima chiave

    di Quarto capitolo della saga horror prodotta dalla Blumhouse, Insidious: L'ultima chiave sembra più interessato a giustificare in modo quasi maniacale la serialità in cui è inserito che a spaventare.
  • In sala

    Slumber – Il demone del sonno

    di Slumber - Il demone del sonno di Jonathan Hopkins si inserisce nella lunga scia di horror derivativi che vorrebbero spaventare con il sovrannaturale ma falliscono perché non si interrogano mai sul razionale, e sulla storia psicologica dei loro protagonisti.
  • In sala

    Il sole a mezzanotte RecensioneIl sole a mezzanotte – Midnight Sun

    di Melodramma amoroso misto a teen movie, Il sole a mezzanotte – Midnight Sun di Scott Speer poggia tutto sui suoi interpreti, ma pecca di un eccesso di pudore.
  • In sala

    Obbligo o verità RecensioneObbligo o verità

    di Tornata sul versante più ludico della sua produzione, la Blumhouse offre con Obbligo o verità un intrattenimento orrorifico facile, effimero nella concezione ma anche poco incisivo nella messa in scena.
  • In sala

    La prima notte del giudizio RecensioneLa prima notte del giudizio

    di Giunta al quarto capitolo, la saga ideata da James DeMonaco incappa in una seria battuta d'arresto: La prima notte del giudizio non riesce a tenere saldi i principi post-carpenteriani e naufraga in un confuso prequel con troppi personaggi, con maldestre scene d'azione e con accennate riflessioni simbolico-politiche.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento