Il mostro di Mägendorf
Presentato alla retrospettiva “Amato e rifiutato: il cinema della giovane Repubblica Federale Tedesca dal 1949 al 1963” di Locarno 2016, Il mostro di Mägendorf è un film sui serial killer ambientato nel paesaggio idilliaco di montagna in Svizzera. Leggi tutto
Il sepolcro indiano
Con Il sepolcro indiano si conclude il dittico avventuroso iniziato da Fritz Lang con La tigre di Eschnapur. Un viaggio ipnotico nel meraviglioso, senza alcun timore. Nella retrospettiva dedicata da Locarno 2016 al cinema tedesco. Leggi tutto
La tigre di Eschnapur
Il primo capitolo del dittico tratto da un romanzo di Thea von Harbou, che si concluderà con "Il sepolcro indiano". Fritz Lang torna a lavorare in Germania appropriandosi del "popolare" ed esaltandone il senso, e la teoria. A Locarno 2016. Leggi tutto
Suspiria
Uno dei capolavori di Dario Argento, Suspiria, festeggerà tra pochi mesi i quaranta anni; un'occasione ideale per tornare a ragionare su uno dei capisaldi del fantastico, italiano e mondiale. Leggi tutto
Soñar, soñar
Presentato al Cinema Ritrovato, per la sezione Un’altra storia del cinema argentino, Soñar, soñar è il film maledetto di Leonardo Favio, uscito subito dopo il colpo di stato militare del 1976 e inghiottito, con il regista, in un lungo oblio. Leggi tutto
Scream
Scream torna in sala al Fantafestival di Roma in occasione dei venti anni dalla sua produzione, e a poco meno di un anno di distanza dalla morte di Wes Craven. Leggi tutto
Laughter in Hell
Riemerso dall'oblio solo di recente, Laughter in Hell è un film anomalo e coraggioso per il modo in cui nel 1933 - poco prima dell'adozione del Codice Hays e in piena segregazione razziale - metteva in scena la solidarietà tra carcerati bianchi e afroamericani. Al Cinema Ritrovato 2016. Leggi tutto
La leggenda di Narayama
Presentata in versione restaurata al Cinema Ritrovato, la prima versione cinematografica, di Keisuke Kinoshita, del romanzo La leggenda di Narayama di Shichirō Fukazawa che poi avrebbe adattato anche Shōhei Imamura. Due punti di vista antitetici, tra i due grandi registi giapponesi, per confezionare due altrettanti capolavori. Leggi tutto
Taipei Story
Presentato al Cinema Ritrovato, Taipei Story rappresenta l’altra faccia della New Wave taiwanese, quella di Edward Yang, anche se l’altro autore simbolo, Hou Hsiao-hsien, compare come co-sceneggiatore, produttore e attore protagonista. Una visione alienante sulla capitale dell’isola, come il cinema dell’epoca ha saputo dare. Leggi tutto
Fuga in Francia
Inserendo nel contesto del cinema di genere i nodi irrisolti dell'Italia della ricostruzione Soldati riusciva a realizzare con Fuga in Francia un capolavoro del noir, debitore del cinema americano e in controtendenza con il coevo neorealismo. Al Cinema Ritrovato 2016. Leggi tutto
La caccia
Il Texas profondo, razzista, egoista e violento. Ne La caccia, presentato al Cinema Ritrovato 2016 in un eccellente restauro, Arthur Penn metteva in scena una vicenda corale di odio sociale di bruciante attualità sia in quel 1966 con l'omicidio di Kennedy a Dallas ancora fresco, sia oggi con il rischio Trump alle porte. Leggi tutto
Memorie del sottosviluppo
L'intellettuale che vuole "farsi" popolo senza riuscirci: l'eterno dilemma veniva affrontato nel 1968 da Tomás Gutiérrez Alea in Memorie del sottosviluppo, ritratto già disilluso della Cuba di Fidel. Al Cinema Ritrovato 2016. Leggi tutto
Westfront 1918
Al Cinema Ritrovato di Bologna è stato possibile riscoprire Westfront 1918, sbalorditivo film bellico diretto da Georg Wilhelm Pabst nel 1930. Un'opera pacifista di una potenza disarmante, in clamoroso anticipo sui tempi. Leggi tutto
Dora Nelson
Prima regia in solitaria per Mario Soldati, Dora Nelson è un classico della commedia italiana degli anni Trenta, dove però i toni leggeri e 'da telefoni bianchi' sono attraversati da una radicale (e cinica) riflessione sulla finzione che, tra Plauto e Pirandello, gioca sul doppio e sull'identità. Al Cinema Ritrovato 2016. Leggi tutto
La caduta della casa Usher
Al Cinema Ritrovato di Bologna è stato presentato il capolavoro di Jean Epstein, La caduta della casa Usher, all'interno dell'omaggio che il festival ha riservato alla sorella Marie, a sua volta cineasta. Leggi tutto
Nuova storia del clan di Taira
Al Cinema Ritrovato di Bologna è stato presentato Shin Heike monogatari, penultimo film diretto da Kenji Mizoguchi, e uno degli unici due a colori. Un'opera furibonda e carica di passione, riflessione anche sui mutamenti in atto nel Giappone del dopoguerra. Leggi tutto
Le vacanze di Monsieur Hulot
Dopo Mon oncle e Playtime, torna in sala anche Le vacanze di Monsieur Hulot, nella versione del 1978 voluta dallo stesso Tati. Un albergo, una spiaggia, le voci dei bambini, una macchina scalcinata, una porta che cigola: a partire da pochi elementi audio-visivi Tati costruiva un monumento all'assurdo malinconico del vivere. Leggi tutto
Ikarie XB 1
Restaurato in digitale con totale rispetto nei confronti della pellicola originale, il capolavoro della fantascienza cecoslovacca Ikarie XB 1 di Jindřich Polák era tra gli appuntamenti imperdibili di Cannes Classics 2016. Uno splendido esempio di sci-fi umanista e politica. Leggi tutto
Cane di paglia
Natura e cultura, istinto e legge morale. Cane di paglia di Sam Peckinpah si riconferma un sagace western camuffato da dramma psicologico, spietatamente lucido e intelligente. Pessimista, nichilista, semplicemente splendido. In dvd per Sinister e CG in versione restaurata. Leggi tutto
La tranquillità
Proposto nell'ambito della rassegna Passione Kieślowski del Palazzo delle Esposizioni, La tranquillità, del 1976, è tra i primi film di finzione del cineasta polacco: un capolavoro amarissimo sull'impossibilità del libero arbitrio. Protagonista un gigantesco Jerzy Stuhr. Leggi tutto
Mon oncle
Ripley's Film in collaborazione con Viggo riporta in sala quattro film restaurati di Jacques Tati. Si comincia con Mon oncle, in sala dal 6 giugno, suo terzo film da regista in cui metteva in contrapposizione tradizione e modernità per una geniale satira anti-borghese. Leggi tutto
Femmina folle
Per la rassegna La Diva Fragile dedicata alla figura di Gene Tierney e promossa da Lab80 film, torna in sala in versione restaurata Femmina folle di John M. Stahl. Fiammeggiante melodramma noir girato in uno splendido Technicolor tra patologie psichiche ed estrema implosione di modelli culturali. Leggi tutto
Il cielo può attendere
In versione restaurata e splendente, torna nelle sale grazie alla Lab 80 uno dei capolavori di Ernst Lubitsch. Primo e unico film girato dal cineasta berlinese in Technicolor, Il cielo può attendere è una straordinaria commedia sentimentale, leggiadra e commovente. Leggi tutto
Adieu Bonaparte
Film di attualità stringente, anche per le sue contraddizioni politiche, Adieu Bonaparte segnava nel 1985 l'atto d'inizio per Youssef Chahine delle co-produzioni tra Francia ed Egitto. Ripresentato a Cannes Classics in una eccellente versione restaurata. Leggi tutto
One-Eyed Jacks
Western "marino" cupo e shakesperiano, One-Eyed Jacks è l'unica regia di Marlon Brando. Diretto nel 1961, il film è stato presentato in Cannes Classics, nella versione restaurata dalla Universal e dalla Film Foundation di Scorsese. Leggi tutto