Tormented
Shimizu lega la tridimensionalità alla narrazione, cercando di dare un senso all'utilizzo della tecnologia stereoscopica, che sequenza dopo sequenza crea suggestioni ottiche funzionali alle ambientazioni, agli incastri temporali e dimensionali. Leggi tutto
Sal
Le ultime ore della vita dell'attore Sal Mineo, in un biopic lo-fi firmato da James Franco. Presentato a Venezia 68. Leggi tutto
Kotoko
Shinya Tsukamoto torna alla regia con un film rapsodico, tragico e ossessivo, dal quale è impossibile non farsi travolgere. Leggi tutto
People Mountain People Sea
Presentato in concorso a Venezia 2011 come film sorpresa, People Mountain People Sea non è un film facile, anche perché sfrutta l’escamotage narrativo come palese mcguffin per gettarsi in un resoconto dettagliato delle storture della Cina contemporanea. Leggi tutto
Wuthering Heights
Un contadino dello Yorkshire in visita a Liverpool incontra per la strada Heathcliff, un ragazzo senzatetto. Decide di accoglierlo in famiglia, portandolo con sé tra le sperdute colline dello Yorkshire, dove il ragazzo instaura una relazione ossessiva con Catherine, la figlia del contadino... Leggi tutto
Himizu
Himizu di Sion Sono, epopea malsana in due atti che rappresenta uno degli apici del cinema giapponese (e non solo) contemporaneo, presentato in concorso a Venezia nel 2011 e criminosamente mai uscito in Italia. Leggi tutto
The Orator
Il primo film samoano della storia del cinema si rivela anche come una delle sorprese più positive della Mostra di Venezia del 2011. In concorso nella sezione Orizzonti. Leggi tutto
Hail
Un film che lascia senza fiato, opera unica e a suo modo inclassificabile, Hail permette di scoprire un nuovo nome da aggiungere alla lista di coloro che nel corso dei prossimi anni contribuiranno a rendere grande l’arte cinematografica. Leggi tutto
Surogat
Surogat di Dušan Vukotić, primo cortometraggio non americano a vincere un Oscar, è probabilmente il titolo più rappresentativo della Zagreb Film. Leggi tutto
Crazy Horse
Stavolta il nuovo lavoro di Wiseman - Crazy Horse, presentato a Venezia alle Giornate degli autori - non appare troppo personale, e il maestro del cinema documentario si limita a una descrizione di superficie del club parigino. Leggi tutto
Oslo, 31. August
Joachim Trier firma un dramma teso, accorato e sinceramente coinvolgente, che ha forse nella sua prevedibilità narrativa l'unico difetto. A Cannes 2011. Leggi tutto
The Yellow Sea
The Yellow Sea assume ben presto le fattezze di un classico action hitchcockiano, con il protagonista costretto a confrontarsi con un piano criminoso più grande di lui... Leggi tutto
Les bien-aimés
Madeleine e Véra, madre e figlia, dagli anni Sessanta al 2000, tra Parigi, Praga e Londra: i loro amori, le indecisioni, i ritorni, le lacrime. Mentre gli anni passano, le due donne non riescono a vivere l'amore con la giusta leggerezza, sempre in bilico tra passato e futuro, tra sentimento e passione... Leggi tutto
Return
Kelli, soldatessa di ritorno dal fronte, ritrova familiari e amici, casa e lavoro, ma ben presto si rende conto di sentirsi continuamente fuori contesto, incapace di riadattarsi alla vecchia vita, alla quotidianità... Leggi tutto
The Day He Arrives
Chiunque abbia un minimo di dimestichezza con l’opera di Hong, ritroverà le coordinate necessarie per entrarvi in relazione già nei primi cinque minuti di The Day He Arrives: Sang-joon fa ritorno a Seoul e cammina per strada, dove incrocia un’aspirante attrice che ha lavorato con lui anni prima... Leggi tutto
Guilty of Romance
Izumi è sposata a uno scrittore famoso per i suoi romanzi d’amore, ma la loro vita sembra priva di qualsiasi elemento romantico. Un giorno decide di seguire i suoi desideri... Leggi tutto
Impardonnables
Impardonnables di André Téchiné è un melodramma "sbagliato" ma non privo di fascino; un'opera inclassificabile e libera che dimostra una volta di più la vitalità del regista francese. Leggi tutto
Hors Satan
Bruno Dumont persegue nella sua ostinata messa in scena di un microcosmo macabro, magico e malato allo stesso tempo. A Cannes 2011. Leggi tutto
Wu Xia
Ambientato nella Cina del 1917, destinata nel corso di pochi decenni a mutare completamente la sua forma, Wu Xia non lesina dettagli sulla vita contadina, contribuendo a rendere credibile anche l'evoluzione più impossibile. Perché, come ogni wuxia che si rispetti, le leggi di natura sono abilmente aggirate... Leggi tutto
Arirang
Sparito dai palcoscenici internazionali, Kim Ki-duk torna con una produzione a bassissimo costo, girata in digitale, con una grammatica cinematografica basilare e mezzi tecnici quasi di fortuna. Presentato al Festival di Cannes 2011. Leggi tutto
Michael
Nel raccontare questa storia di ordinaria follia, Schleinzer percorre una strada troppo semplice, quasi compiaciuta, ridicolizzando a più riprese un personaggio già tratteggiato in maniera assai discutibile. Michael è un uomo solo, un uomo senza qualità, pressoché invisibile, indubbiamente sgradevole... Leggi tutto
Toomelah
Daniel, un bambino di dieci anni, vive a Toomelah, una sperduta comunità aborigena dell’Australia sudorientale. Il piccolo Daniel, privo di una figura paterna di riferimento, passa le sue giornate con una banda di spacciatori di droga locali... Leggi tutto
Labrador
Un'isola deserta e ventosa. Stella e Oskar, una giovane coppia, si recano dal padre di Stella, che conduce una vita solitaria in compagnia del suo cane. Stella è incinta e desiderosa di avere un figlio. Oskar sembra nutrire molti dubbi... Leggi tutto