Intervista a Riyoko Ikeda
Il nome di Riyoko Ikeda rimane indissolubilmente legato al suo personaggio più celebre, quella Lady Oscar, protagonista del manga Le rose di Versailles, eroe/eroina nella Francia prerivoluzionaria per la quale “anche nel duello eleganza c’è”. Abbiamo incontrato Riyoko Ikeda a Bologna, nell’ambito della manifestazione NipPop 2015. Leggi tutto
L’animazione ucraina a Pordenone
Alle Giornate del Cinema Muto omaggiata anche l’animazione ucraina delle origini, con un programma di otto corti, il materiale sopravvissuto della produzione degli studi VUFKU di Kiev, Odessa e Kharkiv tra il 1927 e il 1931. Leggi tutto
Moebius – How do you spell Arzach?
Gli inizi come assistente dell'allora grande Jijé. Il West atipico di Blueberry col sodale sceneggiatore Jean-Michel Charlier. L'epopea Sci-Fi anni Settanta di Metal Hurlant, e quindi Druillet, Tardi, Caza, e gli altri Beati Umanoidi “minori”. Poi quel sigillo psicomagico che è L'Incal con Jodorowsky... Leggi tutto
Addio a Osamu Dezaki
Stretto collaboratore di Osamu Tezuka, cofondatore nel 1972 della Madhouse, regista di punta della Tokyo Movie Shinsha, Osamu Dezaki si è spento a soli sessantasette anni il 17 aprile 2011... Leggi tutto
Speciale Hayao Miyazaki
Un lungo speciale dedicato al "Dio degli anime", dai lavori giovanili alla consacrazione dei grandi festival, dal rapporto tra l'uomo e la natura alla passione per gli aerei e il volo. Leggi tutto
Toys ‘r Us
1984. Il Grande Fratello si prende cura dei fratelli minori. La United States Federal Trade Commission rimuove la proibizione che impedisce il proliferare di serie legate a doppio filo a linee di giocattoli. Inizia l’invasione. I primi a sfruttare il neonato vuoto legislativo sono Mattel e Hasbro... Leggi tutto
L’animazione di Jannik Hastrup
Animatore, produttore, sceneggiatore, regista. Il danese Jannik Hastrup può vantare una filmografia e una carriera di tutto rispetto, nonostante alcuni macroscopici limiti produttivi. Leggi tutto
In principio erano gli anime
Queste brevi storie di buffi animaletti, creature leggendarie e monaci, influenzate dalla scuola americana ed europea e realizzate spesso con mezzi limitatissimi e senza strutture produttive, sono l'humus da cui sboccerà l'industria degli anime. Leggi tutto