Toys ‘r Us
1984. Il Grande Fratello si prende cura dei fratelli minori. La United States Federal Trade Commission rimuove la proibizione che impedisce il proliferare di serie legate a doppio filo a linee di giocattoli. Inizia l’invasione. I primi a sfruttare il neonato vuoto legislativo sono Mattel e Hasbro... Leggi tutto
Addio a Luigi Comencini
Un viaggio nel cinema di Luigi Comencini, padre putativo della commedia all'italiana e tra le massime espressioni del cinema popolare, con classici come Incompreso, Tutti a casa, Pane, amore e fantasia e Le avventure di Pinocchio. Leggi tutto
Gianni Toti – Addio a un poetronico
Gianni Toti è stato, come Artavadz Peledžan, Chris Marker e Paul Garrin, un uomo con la macchina da presa: ha intrapreso, nel corso della sua esistenza, un lungo Vertoviaggio attraverso il quale ha cercato di dare parola e immagini alla vita, al senso della vita, al progredire continuo e inarrestabile. Leggi tutto
Omaggio a Luigi Di Gianni
L'omaggio all'arte di Luigi Di Gianni offerto dal RomaDocFest nel 2006; un viaggio tra documentario e finzione, alla riscoperta di un nome fondamentale del cinema italiano. Leggi tutto
Lino Brocka, cineasta
Ispirati dall'omaggio dedicatogli nel 2005 al Torino Film Festival, un breve excursus del cinema, della poetica e dell'umanità messa in scena da Lino Brocka, tra i padri del cinema filippino. Leggi tutto
Alfred E. Green – Cinema tagliente e cinema tagliato
Nick il Barbiere, l’arrivista e guascone Hal Blake e la provocante Lily Power sono i personaggi realisticamente tratteggiati da Green, sono i tantissimi americani che era difficile vedere sul grande schermo, uomini e donne che sgomitavano per ritagliarsi un pezzo di sogno americano... Leggi tutto
Welles a Locarno
Locarno 58 ha ospitato la più ardita retrospettiva degli ultimi anni: alla ricerca delle tracce perdute di Orson Welles tra film compiuti, incompiuti, lavoro in TV e in radio, film d’attore e film di altri sul genio più ingombrante del cinema. Leggi tutto
Intorno a Orson Welles
La sezione riguardante i film dedicati a Orson Welles era doverosa, data la quantità di lavori su di lui, ma purtroppo insoddisfacente se se ne considera la qualità e l’interesse. Leggi tutto
La morte al cinema. Un itinerario (im)possibile del 2003.
Il cinema che ha attraversato come un impetuoso fiume di sangue il 2003 ha avuto come punto focale la morte. Messa in scena della morte ma anche morte come unico elemento plausibile di una messa in scena, fulcro dell’azione e sua destinazione ultima. Da Tarantino a Kitano. Leggi tutto
Il sogno in Lynch. Una fine?
Giungere alla fine di un viaggio, per quanto breve, episodico e incompleto, non è possibile quando si affronta il cinema di David Lynch. Un cinema alla perenne ricerca della (con)fusione tra realtà e parentesi onirica. Leggi tutto
Un cerchio che si chiude: Lynch e Moebius
La ciclicità insita nella figura geometrica detta Nastro di Moebius permette di cogliere la centralità di un'opera come Lost Highway, spesso considerata minore dalla maggior parte della critica e di fatto non compresa. Leggi tutto
David Lynch. La memoria americana
David Lynch trasporta sul grande e sul piccolo schermo un cinema dell’inesprimibile che prende corpo nell’ovvietà delle situazioni, passaggio onirico che non interpreta un ruolo antitetico alla realtà. Leggi tutto
David Lynch. L’incubo industriale e la serialità
All’elemento industriale, anima dello stridore e del disturbo, si affianca la fascinazione di Lynch per la serialità: l’atmosfera lynchiana, più volte celebrata all’alba del nuovo millennio, si fonda sulla reiterazione di oggetti e luoghi. Leggi tutto