Prima di domani
Diretto da Ry Russo-Young, Prima di domani è un racconto educativo travestito da teen-movie, tutto teso a fare la predica alle nuove generazioni con la schematicità di una pubblicità progresso. Leggi tutto
Civiltà perduta
Gray riconduce idealmente il cinema nella sua Shangri-La, restituendo alla pellicola, allo schermo, al buio e ai miracolosi fasci di luce della sala quella magia che diventava palpabile, che prendeva vita, che resisteva al tempo. Leggi tutto
Gold – La grande truffa
Racconto americano che descrive un impero di cartapesta, costruito su una bugia da subito (in)visibile, Gold - La grande truffa sacrifica molto, in termini di equilibrio narrativo, all’umorale e ingombrante prova di Matthew McConaughey. Leggi tutto
Il permesso – 48 ore fuori
Claudio Amendola, alla seconda regia dopo La mossa del pinguino, firma un noir canonico ma non privo di una propria sincerità, anche se troppo debitore di esempi recenti come Suburra. Insieme a lui nel cast anche Luca Argentero, Valentina Bellè e Giacomo Ferrara. Leggi tutto
Lion – La strada verso casa
Dramma biografico articolato lungo un trentennio, sospeso tra due continenti, Lion soffre di un’estetica da spot pubblicitario, restando didascalico e poco incisivo nella narrazione. Alla Festa del Cinema di Roma. Leggi tutto
Genius
Nelle mani dell'esordiente Michael Grandage Tom Wolfe diventa uno scrittore brillante quanto pazzoide e perennemente sopra le righe. Il genio come emblema della sregolatezza, secondo una visione mediocre e stantia. Leggi tutto
American Pastoral
Esordio coraggioso ma maldestro di Ewan McGregor, American Pastoral punta tutto sul mero plot del romanzo di Roth, senza riuscire a restituirne l’amarezza e la disillusione. Presentato come pre-apertura del Festival di Roma. Leggi tutto
Mine
Al loro esordio nel lungometraggio, forti di una co-produzione internazionale, Fabio Guaglione e Fabio Resinaro confezionano con Mine un insolito esempio di thriller contaminato con l’estetica del war movie. Leggi tutto