Libere disobbedienti innamorate
Interessante esordio della regista israelo-palestinese Maysaloun Hamoud, Libere disobbedienti innamorate mette in scena una Tel Aviv che è spazio di confine tra culture, comunque problematico da abitare per le tre giovani protagoniste. Leggi tutto
Mr. Gaga
Documentario prezioso, ancorché (forse inevitabilmente) incompleto nel suo illuminare solo certi aspetti del suo oggetto, Mr. Gaga è il ritratto di un artista unico e originale, e testimonianza della valenza estetica del suo lavoro. Leggi tutto
Un appuntamento per la sposa
L'opera seconda della regista israeliana Rama Burshtein vorrebbe interrogarsi sul senso della fede, ma si limita a galleggiare in una commedia poco divertente, mal diretta e dalla morale inquietante. In Orizzonti a Venezia 2016. Leggi tutto
Beyond the Mountains and Hills
Paranoie e inganni reciproci nell'Israele descritta da Eran Kolirin in Beyond the Mountains and Hills, selezionato in Un certain regard a Cannes 2016. Un film che supera l'apparente bonomia iniziale per farsi crudo e per niente conciliatorio. Leggi tutto
Demon
Per la sezione Sorprese di genere alla 27esima edizione del Trieste Film Festival è stato presentato Demon di Marcin Wrona, giovane regista polacco scomparso lo scorso settembre: un horror yiddish inusuale e inquietante, capace allo stesso tempo di riflettere sul tragico destino degli ebrei polacchi. Leggi tutto
Au crépuscule d’une vie
Cinema privato, confronto con la figura materna e riflessioni universali. In Au crépuscule d'une vie Sylvain Biegeleisen mira a un'idea di arte sincretica sfidando i limiti della rappresentazione. Peccato per l'eccessivo estetismo. Evento speciale al Festival dei Popoli 2015. Leggi tutto
Rabin, the Last Day
Amos Gitai affronta con coraggio e grande rigore estetico l'evento cruciale degli ultimi vent'anni di storia israeliana: l'omicidio di Yitzhak Rabin, avvenuto il 4 novembre del 1995. Rabin, the Last Day, in concorso a Venezia, è finora il più serio candidato al Leone d'Oro. Leggi tutto