Vanishing on 7th Street
La paura che scaturisce con forza, anche se non con continuità, da Vanishing on 7th Street è basica, irrazionale e arcaica. È il timore verso l’ignoto, l’immateriale, l’invisibile... Presentato al Torino Film Festival. Leggi tutto
127 ore
L'alpinista Aron Ralston deve cercare di salvarsi dopo che la caduta di un masso gli ha intrappolato il braccio e lo tiene bloccato in un canyon. Nel corso dei successivi cinque giorni, Ralston troverà il coraggio di compiere un gesto estremo pur di uscire da una situazione sempre più critica... Leggi tutto
Carlos – The Film
Tagliata praticamente per la metà della sua durata, la versione cinematografica di Carlos sminuisce la portata da film oversize, capace di uscire dalle logiche comuni e di spingersi verso territori narrativi poco battuti. Leggi tutto
Rabbit Hole
Nell'affrontare un tema più volte portato sul grande schermo, Mitchell e Lindsay-Abaire cercano di non sprofondare nelle sabbie mobili della cupa elaborazione del lutto, del dramma a tutti i costi, della totale assenza di raggi di sole, di sorrisi, di vitalità. Leggi tutto
Quartier Lointain
Riesce a regalare qualche momento di ottimo cinema Quartier lointain di Sam Garbarski, tratto dal romanzo di Jiro Taniguchi e presentato fuori competizione al Festival di Roma. Leggi tutto
Raavan
Squilibrato ma irresisitibile, Raavan meriterebbe una degna distribuzione italiana: nonostante l’inevitabile compressione narrativa, la storia d’amore è intensa e coinvolgente, sostenuta dagli ottimi Aishwarya Rai e Abhishek Bachchan, mentre la parte action regala uno spettacolare duello su un ponte sospeso. Leggi tutto
La congiura della pietra nera
Impreziosito dall'eleganza di Michelle Yeoh, La congiura della pietra nera è un buon esempio dell'elevata professionalità di John Woo: un buon cast, una sceneggiatura calibrata su un genere ampiamente codificato, combattimenti ben coreografati e sostenuti da un'ottima regia... Leggi tutto