I fratelli Dinamite

I fratelli Dinamite

di

I fratelli Dinamite è un’opera buffa, piena di energia e di inventiva, ma troppo limitata dagli ostacoli produttivi. Più soldi, più animatori e una base distributiva solida avrebbero permesso ai Pagot di sognare e realizzare progetti ambiziosi.

Anarchia in technicolor

I fratelli Dinamite, scampati a un naufragio, vengono raccolti da alcuni cacciatori e affidati alla zia Cloe, convinta di poterli reinserire nel mondo civilizzato. Abituati alla vita selvaggia, le tre piccole pesti si faranno beffe persino del Diavolo e porteranno lo scompiglio in un serioso teatro d’opera. Al carnevale di Venezia troveranno “gloria” e un’inaspettata “redenzione”… [sinossi]

I fratelli Dinamite di Nino Pagot e La rosa di Bagdad di Anton Gino Domeneghini vennero entrambi presentati alla Mostra di Venezia nel 1949. Volendo indicare quale dei due possa glorificarsi del titolo di primo lungometraggio d’animazione italiano, si può ricorrere alla data d’iscrizione al Pubblico registro cinematografico della SIAE. Pagot iscrisse la sua opera nel 1947 (numero 672), Domeneghini “solo” nel 1949 (numero 799). Si può assegnare il platonico titolo alle bizzarre avventure dei tre fratelli monelli. Oltretutto, questi due film sono i stati i primi a essere realizzati in technicolor.

Pagot è sinonimo italico d’animazione. Nino Pagot, il capostipite. Toni Pagot, il fratello. Marco Pagot e Gi (Gina) Pagot, i figli. La Pagot Film venne fondata nel 1938 e dopo i nobili tentativi di ritagliarsi uno spazio all’interno dell’industria cinematografica si specializzò nella produzione televisiva. Nel 1972, anno della scomparsa di Nino, la Pagot Film venne rifondata sotto il nome di Rever. Tra i tanti lavori, vanno ricordati almeno il mitico Calimero, il prode Grisù e Il fiuto di Sherlock Holmes. Geniale intuizione di Marco Pagot che riuscì a coinvolgere Hayao Miyazaki in una produzione Rai: erano i primi anni Ottanta, altri tempi. Marco Pagot è il nome del protagonista di Porco Rosso di Miyazaki.

I fratelli Dinamite è un film anarchico. Anarchico nella struttura narrativa, nella genesi produttiva, nella non-coerenza stilistica e nella scellerata vitalità dei suoi protagonisti. Toni e Nino Pagot iniziarono nel 1942 la produzione del cortometraggio Tolomeo, che divenne, col tempo e per accumulo, il lungometraggio che abbiamo potuto vedere alla 61a Mostra di Venezia. In sostanza, il prodotto finale è l’unione di vari episodi, collegati da un’esile cornice. La struttura narrativa è evidentemente figlia delle logiche produttive. O meglio, dei limiti produttivi che i Pagot riuscirono nell’arco di sette anni a superare.
Il livello dell’animazione risente ovviamente di questo iter produttivo. I passaggi da un episodio all’altro sono bruschi e stranianti. La qualità dei fondali del secondo episodio (quello dell’Inferno), per esempio, è notevole, mentre le ambientazioni degli altri episodi sono spesso sbrigative. Stesso discorso per il character design dei personaggi (non particolarmente coerente), per la fluidità dei movimenti, per i colori e via discorrendo.
L’unica costante dei quattro episodi – il naufragio sull’isola deserta, la discesa all’Inferno, il concerto a teatro e il carnevale veneziano – è l’inarrestabile forza distruttrice dei tre irriverenti fratellini. Per la cronaca: Din, Don e Dan. Le gag migliori sono probabilmente nell’episodio del teatro, mentre il capitolo finale è un crescendo di divertente follia, all’insegna del divertimento e dell’allegria senza freni. I fratelli Dinamite è un film felicemente anarchico.

La Pagot Film non riuscì a conquistare il mercato cinematografico e scelse di specializzarsi con lusinghieri risultati nell’animazione televisiva. Sarebbe stato interessante scoprire le vere potenzialità di questa genealogia di animatori nell’ambito dei lungometraggi. Ci rimane quest’opera buffa, piena di energia e di inventiva, ma troppo limitata dagli ostacoli produttivi. Più soldi, più animatori e una base distributiva solida avrebbero permesso ai Pagot – e agli illustri collaboratori Osvaldo Cavandoli e Osvaldo Piccardo – di sognare e realizzare progetti ambiziosi. Ammirevole, in ogni caso, l’opera di restauro della Fondazione Cineteca Italiana di Milano. L’animazione italiana può ri-nascere anche da qui.

Info
I fratelli Dinamite su wikipedia.
La scheda de I fratelli Dinamite su Imdb.
  • i-fratelli-dinamite-1949-nino-tony-pagot-02.jpg
  • i-fratelli-dinamite-1949-nino-tony-pagot-03.jpg
  • i-fratelli-dinamite-1949-nino-tony-pagot-01.jpg

Articoli correlati

  • Intervista

    Giannalberto Bendazzi intervistaPer natura sono un resiliente. Intervista a Giannalberto Bendazzi

    In occasione dell'uscita del monumentale e definitivo Animazione. Una storia globale (Utet) abbiamo avuto modo di incontrare Giannalberto Bendazzi, un'icona e un nome essenziale nel campo dell'animazione.
  • Buone Feste!

    La-rosa-di-BagdadLa rosa di Bagdad

    di Favola in chiaroscuro che saccheggia bonariamente Le mille e una notte, La rosa di Bagdad trae più di un'ispirazione dall'irraggiungibile Biancaneve e i sette nani, ma è soprattutto alla vis comica e allo stile caricaturale de I viaggi di Gulliver di Dave Fleischer che bisogna fare riferimento...
  • Animazione

    Porco Rosso RecensionePorco Rosso

    di Le mirabolanti avventure aeree di Porco Rosso, abilissimo aviatore trasformato in maiale: i pirotecnici scontri con la banda Mamma Aiuto, la rivalità con Donald Curtis e l’amore per la bella Gina…
  • Animazione

    L'arte della felicità RecensioneL’arte della felicità

    di L’arte della felicità è un film da difendere, è la concreta speranza per un secondo passo più deciso e consapevole, è la dimostrazione che ci sono idee e materiale umano, arte e tecnica.
  • Animazione

    Cuccioli – Il paese del vento

    di Cuccioli – Il paese del vento segna il secondo capitolo sulle avventure degli animali coraggiosi, goffi, pasticcioni partoriti dalla mente di Sergio Manfio.
  • Intervista

    Intervista a Bruno Bozzetto

    Abbiamo intervistato Bruno Bozzetto, principale cantore del cinema d'animazione italiano, grazie a opere capitali come West and Soda e Allegro non troppo.
  • Documentario

    bozzetto-non-troppoBozzetto non troppo

    di Il documentario di Marco Bonfanti scandaglia la quotidianità e l'umanità di Bruno Bozzetto, ripercorrendo alcune tappe fondamentali della vita privata e professionale di questo gigante dell'animazione mondiale.
  • Rassegne

    Cine40 – Dieci anni di cinema italiano

    Dal 9 novembre e fino al 17 dicembre si tiene al Palazzo delle Esposizioni di Roma la rassegna Cine40 - Dieci anni di cinema italiano, in cui sarà possibile riscoprire i film del decennio chiave del nostro cinema.
  • Animazione

    Pipì, Pupù e Rosmarina in Il mistero delle note rapite RecensionePipì, Pupù e Rosmarina in Il mistero delle note rapite

    di È il caleidoscopio di colori la cifra stilistica di Pipì, Pupù e Rosmarina in Il mistero delle note rapite, il plus valore che si rivela una coperta abbastanza lunga, in grado di coprire i naturali limiti di un'animazione che non può e non vuole essere fluida o impeccabile.
  • Animazione

    La gabbianella e il gatto RecensioneLa gabbianella e il gatto

    di Fiabesco, didattico, dal character design sinuoso e dai morbidi cromatismi, accompagnato da una colonna sonora plasmata per il box office, il film di D'Alò è un piccolo classico dell'infanzia. Torna nelle sale, a distanza di vent'anni dalla prima uscita.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento