Il diamante bianco

Il diamante bianco

di

Werner Herzog con Il diamante bianco ci dice, ancora una volta, che la conoscenza delle cose non è mai completamente oggettiva, e che uno sguardo personale e sentito sulla realtà non è affatto un suo tradimento, ma un atto di coerenza e fede in se stessi.

In celluloid we trust

Il desiderio di volare ha spinto da sempre l’uomo a compiere azioni impavide e affidare all’ingegno il proprio sogno e la propria vita: immagini di repertorio riportano di prometeici voli e mortali cadute. L’ingegnere inglese Graham Dorrington, che ha perso due dita di una mano giocando con un razzo da bambino, introduce Werner Herzog nel suo hangar in Inghilterra, dove progetta dirigibili ultraleggeri con cui sorvolare “a pelo d’albero” la giungla della Guiana. Herzog segue ideazione e realizzazione del velivolo per poi recarsi nella foresta pluviale e documentare l’ardita impresa. Ma la realtà che trova è (prevedibilmente) più interessante: si abbandona così ai luoghi, alle persone, alle loro storie… [sinossi]

Allo sguardo dall’alto su realtà ignote, Werner Herzog predilige da sempre una forma di documentario che nasce da un atto di rigida coerenza con se stesso, quello di un’immersione in un mondo “altro” fatta con la predisposizione al cambiamento e al sovvertimento dei propri valori, un’esperienza “limite” che non può che essere tramandata in prima persona. Da anni i suoi documentari ci accompagnano alla scoperta di mondi lontanissimi, esplorati attraverso voce e linguaggio tutti personali, quasi intimi, privi di un abuso intellettualistico del dispositivo cinematografico, ricchi invece di riconoscenza verso lo strumento che lo ha condotto fin lì, tanto che, a sintetizzare il suo modus operandi, potremmo dire che Werner Herzog ha due sole fedi: in se stesso e nel cinema.

La mongolfiera-occhio-cinema che troneggia sull’isola di Procida durante la kermesse (eroique) ghezziana, dove il film è stato presentato, è anche lo sguardo spavaldo di chi ambisce a sorvolare nuovi territori con il prodotto d’ingegneria più sofisticato e effimero. La macchina cinema così come i congegni volanti di Graham Dorrington nel film, si rivelano strumenti necessariamente invasivi, illusoriamente partecipi dell’intima verità dei luoghi, e i tanti dibattiti sul documentario e la sua funzione, ascoltati durante i giorni cruciali del festival Il vento del cinema, restano ineluttabilmente espressione di verità individuali, mai completamente (se non utopicamente) condivisibili. Nel corso di Il diamante bianco, o forse, solo dopo la visione, ci accorgiamo infatti che lo scopo iniziale del volo di Dorrington resta insoluto. L’ingegnere anglofono, che afferma di voler sorvolare la giungla della Guiana per cercare medicine naturali per ogni malattia, dimentica presto la sua mansione sociale per intraprendere una lotta contro se stesso, i propri errori di progettazione, la natura inospitale. La missione utopica e salvifica è poi smentita nei suoi stessi presupposti dall’inatteso subplot che vede il rastafari Marc Anthony introdurre Herzog nella foresta pluviale a piedi, senza sovrastrutture tecnologiche, con i vestiti bagnati da una pioggia scrosciante, alla scoperta delle piante medicinali con cui l’indigeno ha curato ogni suo male.

Completamente catturato dal luogo e dai suoi spiriti, Herzog si concentra via via su altre storie e personaggi, la curiosità quasi infantile e la sincera sensibilità dello sguardo lo predispongono all’ascolto e rivelano le tracce del mai abbandonato ruolo di intenso storyteller. Il medico tedesco della troupe viola la cascata spumeggiante per scovare il nido degli swift, pennuti sacri, secondo la religione del luogo, perché in grado di planare continuamente a pelo d’acqua sull’irruente getto, senza esserne mai risucchiati. Ben diversa sarà la sorte di un piccolo palloncino ad elio, immediatamente assorbito dalle correnti. Un sacerdote locale racconta la leggenda della caverna misteriosa in cui albergano i volatili, luogo inaccessibile e sacro; la voce di Herzog ci dice allora che, nel rispetto della religiosità indigena, le immagini rubate dal medico-speleologo non saranno mai mostrate.

Arduo riassumere in una forma compiuta la quantità di significati che ogni segmento audio visivo propone allo spettatore, quasi una forzatura imposta ad una realtà così potente da parlare per se stessa.
In Il diamante bianco la sfida tecnologica non è quella cui ci ha abituato la cultura americana, marchiata da un peccato originale che la costringe a inscenare senza sosta la propria fine in rutilanti blockbuster estivi, ma quella che la celluloide, in cui ripone ogni speranza di salvezza Herzog, immortala è piuttosto una visione del paesaggio che replica lo stupore e lo smarrimento dell’uomo di fronte all’ignoto, visione perturbante, ma sempre ricercata, che alberga in un immaginario tutto nord europeo.

In attesa di vedere Grizzly Man, documentario su un naturalista fagocitato dagli orsi sul campo, su gran parte di Il diamante bianco aleggia lo spirito eroico del documentarista Dieter Plager, morto mentre sorvolava la giungla dodici anni prima, per un guasto ad uno degli apparati volanti di Dorrington. Il racconto del tragico incidente è sconvolgente e la voce di Dorrington, ancora scossa dagli eventi e dal senso di colpa, riporta ogni particolare. Ovviamente di lì a poco sarà Herzog stesso a proporsi per l’ardito volo e, a convincere l’ingegnere inglese, bastano poche frasi “c’è una stupidità eroica e una stupidità stupida: io devo salire sul velivolo”. Riecheggiano nella mente le frasi pronunciate dal Prometeo teutonico più di vent’anni prima, mentre inveiva contro l’amato nemico Kinsky e, per placare le sue bizze da primattore, diceva “il film è più importante, più di me e di te…”, una dichiarazione d’amore per il cinema, entità superiore ad ogni umano conflitto.
Ma il volo di Herzog, che era salito sul dirigibile con la mdp affermando spavaldo “In celluloid we trust!”, non va a buon fine, uno dei motori si incendia a pochi minuti dal decollo e il White Diamond (questo il nome del velivolo) è costretto a un atterraggio di fortuna.
Nel rifiuto ascetico di una narrazione che sia reportage illustrativo, Il diamante bianco ci dice, ancora una volta, che la conoscenza delle cose non è mai completamente oggettiva, e lo sguardo personale e sentito gettato sulla realtà non è affatto un suo tradimento, ma un atto di coerenza e fede in se stessi.
Degno erede della tradizione kantiana, Werner Herzog realizza documentari di deflagrante potenza filosofica, ogni suo prodotto continua ad essere veicolo di rivelazione e pagina del diario di viaggio dell’ardimentosa avventura del dispositivo cinematografico.

Info
Il trailer de Il diamante bianco.
  • il-diamante-bianco-2004-werner-herzog-01.jpg
  • il-diamante-bianco-2004-werner-herzog-02.jpg
  • il-diamante-bianco-2004-werner-herzog-03.jpg
  • il-diamante-bianco-2004-werner-herzog-04.jpg
  • il-diamante-bianco-2004-werner-herzog-05.jpg
  • il-diamante-bianco-2004-werner-herzog-06.jpg
  • il-diamante-bianco-2004-werner-herzog-07.jpg
  • il-diamante-bianco-2004-werner-herzog-08.jpg

Articoli correlati

  • Roma 2016

    Into the Inferno

    di Al cospetto dei vulcani più turbolenti del mondo, Werner Herzog con il vulcanologo Clive Oppenheimer enuclea in Into the Inferno una serie di argute riflessioni sull'uomo, la natura e il sentimento che li unisce: la paura. Alla Festa del Cinema di Roma.
  • Archivio

    Lo and Behold - Internet: il futuro è oggi RecensioneLo and Behold – Internet: il futuro è oggi

    di Invisibile, inodore, pervasivo, è il Web secondo Werner Herzog, in un'inchiesta in prima persona destinata ai posteri, che non avranno più alcun "reperto" a disposizione per interpretare la nostra epoca. Al Biografilm Festival 2016 e ora in sala.
  • Berlino 2015

    Queen of the Desert

    di Tanto deserto ma poco Herzog: per una volta non è una contraddizione in termini, perché Queen of the Desert - in concorso alla 65esima edizione della Berlinale - è un film quasi-addomesticato.
  • Documentari

    Into the Abyss

    di Qual è il segreto che si nasconde dietro la capacità di Werner Herzog di affrontare l'arte documentaria? Un interrogativo a cui forse può rispondere la visione di Into the Abyss...
  • AltreVisioni

    Cave of Forgotten Dreams

    di Con una apparente veste da documentario divulgativo, Cave of Forgotten Dreams è in realtà l'ennesimo esempio di come Herzog sia capace di reinventare continuamente il cinema e il suo cinema, affidandosi anche a strumenti atti al mero imbonimento spettacolare come il 3D.
  • Archivio

    My Son, My Son, What Have Ye Done RecensioneMy Son, My Son, What Have Ye Done

    di Con il suo nuovo film, My Son, My Son, What Have Ye Done, Werner Herzog firma uno sposalizio cinematografico, sorprendente quanto riuscitissimo, con David Lynch.
  • Archivio

    Invincibile

    di Con Invincibile, che esce in sala a ben sette anni di distanza dalla sua presentazione veneziana, Herzog torna all'opera di finzione per mettere in scena - nel ritratto di un erculeo ebreo vissuto nella Germania nazista - la perenne lotta dell'uomo contro la natura, in un universo dominato dal caos.
  • Archivio

    Grizzly Man

    di Nel raccontarci la vita dell'"uomo dei grizzly" Timothy Treadwell, Werner Herzog ci dice la sua sulla visione rassicurante della natura che caratterizza la cultura statunitense.
  • Archivio

    L’ignoto spazio profondo

    di Presentato a Venezia 2005 nella sezione Orizzonti, L'ignoto spazio profondo di Werner Herzog penetra l'apparato visivo-sensoriale dello spettatore e punta dritto ai centri nervosi più complessi e raffinati.
  • Dvd

    Grizzly Man

    di La storia dell’iconoclasta Timothy Treadwell, il guerriero gentile dell’ecologia, è la storia di tutti gli eroi sconfitti di Herzog, ma è anche un po’ la storia dello stesso Herzog alle prese con un personaggio reale davvero vicino alla sua concezione di cinema/vita...
  • Rassegne

    Werner Herzog omaggiato dal Postmodernissimo di PerugiaWerner Herzog omaggiato dal Postmodernissimo di Perugia

    Werner Herzog viene omaggiato dal Postmodernissimo di Perugia nella rassegna "Germania in autunno". Tra ottobre e dicembre verranno presentati al pubblico di Perugia cinque opere di finzione, sei documentari e le sue lezioni di cinema.
  • Classici

    nosferatu, il principe della notte recensioneNosferatu, il principe della notte

    di Nosferatu, il principe della notte non è solo la rilettura che Werner Herzog fa di un capolavoro della cinematografia tedesca. È anche e soprattutto una riflessione sull'ontologica natura predominante del Male, e sull'impossibilità di una sua distruzione da parte dell'uomo.
  • Trieste 2019

    Meeting Gorbachev RecensioneMeeting Gorbachev

    di , Presentato in apertura del Trieste Film Festival 2019, Meeting Gorbachev è una lunga intervista di Werner Herzog, curata con il suo collaboratore André Singer, all'uomo che cambiò il corso della Storia, l'ex leader sovietico Gorbaciov.
  • Cannes 2019

    Family Romance, LLC. RecensioneFamily Romance, LLC.

    di Film di finzione e, soprattutto, sulla finzione girato da Werner Herzog in Giappone, Family Romance, LLC. è una brillante riflessione sulla messinscena, magari priva di appagamento estetico, ma di certo intrisa di un corroborante humour nerissimo. Fuori concorso a Cannes 2019.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento