Future Film Festival 2006

Future Film Festival 2006

To the future and beyond! Una citazione, un monito, una promessa. Diretto da Giulietta Fara e Oscar Cosulich, il Future Film Festival 2006 taglia il traguardo dell’ottavo anno, confermando i pregi e in parte i difetti delle passate edizioni. Rispetto agli esordi, agli anni avventurosi del cinema Nosadella), l’offerta si è moltiplicata esponenzialmente: appetitose anteprime, omaggi e retrospettive, un ricco concorso di cortometraggi e incontri per tutti i gusti.

Il Future Film Festival 2006 di Bologna è la vetrina del cinema d’animazione – tradizionale, in computer grafica, flash, passo uno… – e delle novità tecnologiche, del variegato mondo degli effetti speciali: l’unica occasione per gli appassionati e gli addetti ai lavori di aggiornarsi, confrontarsi e immergersi in un’overdose di anime e cartoon. Rimane un lieve retrogusto amaro per alcuni incidenti di percorso: i tempi per fare i biglietti sono ancora troppo lunghi e molto spesso le file (pubblico e accreditati) non sono gestite in modo ottimale, creando qualche disagio; la nota più dolente riguarda purtroppo le proiezioni dello splendido Omaggio a Jiři Trnka, spesso inspiegabilmente martoriate e stravolte.

Una delle certezze del festival bolognese (18-22 gennaio), nonostante alcune pellicole di modesto livello. L’assenza di un titolo di grandissimo richiamo, come poteva essere nelle stagioni precedenti Il castello errante di Howl di Hayao Miyazaki o uno degli episodi della trilogia de Il Signore degli Anelli, ha evitato la ressa e i conseguenti problemi.
Memorabile la proiezione dell’ultima fatica degli Aarman Animation Studios, Wallace & Gromit – La maledizione del coniglio mannaro, magistralmente diretto da Steve Box e Nick Park. Ritmo elevatissimo, idee geniali e grasse risate. Indimenticabile il paffuto e batuffoloso coniglio mannaro, mostruosa creatura di plastilina animata in stop motion con la consueta perizia tecnica… [continua a leggere]

Info
Il sito del Future Film Festival 2006.
Le anteprime del Future Film Festival 2006.
Storie di fantasmi giapponesi al Future Film Festival 2006.

Articoli correlati

  • Far East 2016

    Hausu

    di Hausu, folle esempio di horror avant-pop, segna l'esordio nel cinema industriale di Nobuhiko Ōbayashi, tra i nomi di punta del cinema sperimentale giapponese degli anni Sessanta.
  • Torino 2015

    Luomo-che-visse-nel-futuroL’uomo che visse nel futuro

    di Resistono allo scorrere del tempo i colori accesi e i fondali dipinti de L'uomo che visse nel futuro, uno dei titoli che il Torino Film Festival ha scelto per la retrospettiva sul cinema di fantascienza “Cose che verranno”. Tra avventura e buoni sentimenti, incombono l'olocausto nucleare e mai sopiti scontri di classe.
  • Classici & Cult

    King Kong

    di King Kong è la messa in scena dell'utopia di Colin McKenzie, è il cinema bigger than life che celebra sé stesso, è il set della Salomè che emerge dalla giungla...
  • Archivio

    Pulse RecensionePulse

    di L'opera più celebre di Kiyoshi Kurosawa, passata fugacemente in sala in Italia nell'estate del 2006. Un thriller ectoplasmatico dai risvolti filosofici.
  • Saggi

    L’animazione di Jannik Hastrup

    Animatore, produttore, sceneggiatore, regista. Il danese Jannik Hastrup può vantare una filmografia e una carriera di tutto rispetto, nonostante alcuni macroscopici limiti produttivi.
  • Archivio

    Zathura RecensioneZathura – Un’avventura spaziale

    di Un po’ di sana fantascienza familiare. Una fantascienza di stampo disneyano: buoni sentimenti, un po’ di comicità, un’appropriata confezione...
  • Animazione

    La maledizione del coniglio mannaro RecensioneWallace & Gromit – La maledizione del coniglio mannaro

    di , Il primo lungometraggio del mitico duo animato creato da Nick Park nel 1989 è l’ennesima dimostrazione della creatività del cineasta britannico, habitué della note degli Oscar.
  • Festival

    Future Film Festival 2006 – Bilancio

    Il Future Film Festival è la vetrina del cinema d'animazione e delle novità tecnologiche: l'occasione per appassionati e addetti ai lavori di aggiornarsi, confrontarsi e immergersi in un'overdose di anime e cartoon.
  • AltreVisioni

    Princess Raccoon

    di Superati gli ottant’anni, Seijun Suzuki dona un’ennesima dimostrazione di libertà formale, mettendo in scena un'operetta immaginifica e fuori da qualsiasi canone.
  • Animazione

    McDull, prince de la Bun

    di Il piccolo McDull viene portato dalla madre in Cina, per visitare la località che un giorno ospiterà la sua tomba. In questo luogo di pace la madre racconta al buffo maialino una strana fiaba...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento