Dance of the Dead

Dance of the Dead

di

Lontano dai consueti territori hooperiani e basato su un racconto di Richard Matheson, Dance of the Dead è science-fiction postnucleare con alcune venature orrorifiche. Interessante il cast: oltre a Robert Englund, condannato a indossare sempre la stessa maschera, sono da seguire la giovanissima e assai graziosa Jessica Lowndes e il bullo Jonathan Tucker. Presentato al Torino Film Festival, Dance of the Dead è il terzo episodio della serie Masters of Horror.

Balla per me, piccola

2008. Le armi chimiche utilizzate durante la Terza Guerra Mondiale hanno decimato la popolazione terrestre e ridotto la società a una giungla quasi incontrollabile. Bande di teppisti battono la provincia americana in cerca di sangue umano, per rivenderlo a un misterioso individuo. La giovane e ingenua Peggy, sfuggita al controllo della protettiva madre, decide di seguire, per un appuntamento molto speciale, uno dei teppisti… [sinossi]

La definizione Masters of Horror non è sinonimo di garanzia. Indubbiamente lodevole, l’iniziativa di Mick Garris – una sorta di Bob Geldof in versione horror – ha riunito un gruppo eterogeneo di registi, inglobando artisti e artigiani dalle filmografie alquanto diverse. Ed ecco, allora, i vari John Carpenter, Dario Argento, John Landis e Joe Dante accanto a Garris, a Don Coscarelli e via discorrendo. Volendo fare i pignoli, si potrebbe dissentire anche su Landis e Dante, bravissimi ma non esattamente dediti al genere. Sul nome di Tobe Hooper, al contrario, non c’è molto da obiettare, salvo delle riserve sull’altalenante filmografia – reso immortale da Non aprite quella porta, il cineasta texano ha i suoi scheletri nell’armadio, come il poco ispirato The Mangler (1995).

Il buon Hooper, in ogni caso, rappresenta(va) la garanzia granguignolesca, la fonte da cui suggere litri e litri di sangue fresco e generose dosi di adrenalina. La prima sorpresa, invece, è proprio la scelta del soggetto, ben lontano dai consueti territori hooperiani. Fantascienza e non horror. Con alcuni passaggi truculenti, ma sempre fantascienza. Dance of the Dead si basa su un noto racconto dell’ancor più noto Richard Matheson (quello, tanto per intenderci, dell’inarrivabile I’m a Legend) ed è a tutti gli effetti un racconto di science-fiction postnucleare con alcune venature orrorifiche. Il master of horror Hooper, come altri suoi illustri colleghi, ha tradito il genere. Un tradimento senza colpa, sia ben inteso.

I sessanta minuti di Dance of the Dead sono un momento di libertà e, nei limiti, di sperimentazione. Anche nello stile, Hooper cerca di percorrere nuove strade: forse la scelta meno convincente, visto che i continui movimenti di macchina e gli effetti visivi, per alcuni molto à la page, sembrano poco adatti al regista di Austin e non ottengo l’effetto sperato nonostante il contributo della pompante colonna sonora di Billy Corgan.
Hooper non sembra trovare la chiave di lettura più adatta per trasporre il racconto di Matheson [1]. I momenti migliori sono legati ai flashback dell’attacco chimico, indubbiamente incisivi, mentre la seconda parte ambientata nell’infernale locale Doom Room è troppo legata alla performance del solito Robert Englund (Nightmare), che dovrebbe avere oramai esaurito tutte le possibili declinazioni di Satana & Co.

In fin dei conti, Dance of the Dead può essere considerato un episodio medio di una serie potenzialmente notevole – si vedano ad esempio gli episodi Homecoming di Dante, autentica perla, e l’ispirato, anche se un po’ troppo compresso, Cigarette Burns di Carpenter). Hooper svolge con professionalità il compito ma esce battuto da molti suoi colleghi: sarebbe stato meglio, allora, vederlo alle prese con un soggetto puramente horror, come Incident On and Off a Mountain Road di Don Coscarelli. Musiche di Billy Corgan. Interessante il cast: oltre a Robert Englund, condannato a indossare sempre la stessa maschera, sono da seguire la giovanissima e assai graziosa Jessica Lowndes e il bullo Jonathan Tucker.

Note
1. La sceneggiatura è del figlio, Richard Christian Matheson.
Info
Dance of the Dead, il dvd.
  • Masters-of-Horror-Dance-of-the-Dead-2005-Tobe-Hooper-01.jpg
  • Masters-of-Horror-Dance-of-the-Dead-2005-Tobe-Hooper-02.jpg
  • Masters-of-Horror-Dance-of-the-Dead-2005-Tobe-Hooper-03.jpg
  • Masters-of-Horror-Dance-of-the-Dead-2005-Tobe-Hooper-04.jpg
  • Masters-of-Horror-Dance-of-the-Dead-2005-Tobe-Hooper-05.jpg

Articoli correlati

  • Cult

    Poltergeist RecensionePoltergeist – Demoniache presenze

    di In occasione dell'uscita nelle sale italiane del remake, torniamo con la mente al Poltergeist del 1982 di Tobe Hooper, scritto e prodotto da Steven Spielberg. Uno spaccato orrorifico dell'America reaganiana.
  • Cannes 2014

    Non aprite quella porta

    di Il capolavoro di Tobe Hooper, fondamentale punto di svolta del cinema dell'orrore, è stato proiettato alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes 2014 nella versione restaurata.
  • Archivio

    These Final Hours RecensioneThese Final Hours – 12 ore alla fine

    di Film catastrofico di matrice australiana, These Final Hours tra l'anarchia da fine del mondo e il caro vecchio familismo sceglie quest'ultimo, nell'ottica di un sentimentalismo che lascia in secondo piano l'action.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento